Claudio Tamburrino

Robotica, roba da Scout

Brevetto per i giovani esploratori che si scoprono tecnofili. Che sia pratica o teorica, l'applicazione in scienza premia

Roma - Va bene sopravvivere accampati in una foresta avendo appreso le competenze per montare una tenda, accendere un fuoco con a disposizione solo legna e pietre focaie, oppure capire che il nord è indicato dal lato dell'albero dove cresce il muschio, ma a quanto pare per un vero boyscout al passo con i tempi ora è utile anche saperne di robotica: per questo l'Associazione Boy Scout d'America (figlia del Movimento Scout internazionale) ha introdotto un brevetto per premiare i ragazzi che distinguono in questo campo e che va ad aggiungersi a quello altrettanto all'avanguardia già introdotto per gli assi dei videogiochi.

La mostrina del brevetto immortala un modulo di esplorazione spaziale, molto somigliante a uno di quelli attualmente utilizzati dalla NASA per la ricognizione di Marte.

Per dimostrarsi al passo con i tempi non bisogna arrischiarsi in missioni pericolose come aiutare l'attraversamento di una vecchietta con l'ausilio di Foursquare, o ambiziose come incrementare le vendite di biscotti attraverso eBay, per meritarsi la medaglia per i videogiochi basta scoprire il videogioco più adatto alla propria età e integrare il tempo passato su di esso con i propri impegni scolastici e familiari, mentre per la robotica occorre "progettare e costruire un robot programmandone movimenti, sensori e funzioni". Anche uno studio approfondito, teorico, dell'argomento dovrebbe bastare.
La nuova medaglia si inserisce nella nuova sezione di argomenti ritenuti importanti per la formazione dei ragazzi dall'organizzazione degli scout statunitense, e che raccoglie in generale "scienza, tecnologia, ingegneria e matematica". A sponsorizzare il nuovo corso importanti soggetti come Carnegie Mellon, iRobot, LEGO, NASA e l'Università del Texas.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
2 Commenti alla Notizia Robotica, roba da Scout
Ordina
  • ..... ma non si potevano evitare un po' di luoghi comuni sugli scout. E' un movimento con una sua identità e con dei principi forti. E' spiacevole essere scambiati per dei pazzi scatenati che vivono fuori dal mondo e girano con i pantaloni corti. Abbiate almeno un po' di rispetto per gente che passa buona parte dei proprio weekend a tentare di aiutare a crescere bambini e ragazzi.

    Grazie,
    Corrado

    P.S. Nella vita faccio il vecchio lupo e mi occupo di ricerca e sviluppo in un'azienda italiana, chissà che anche la Federazione Italiana dello Scoutismo inserisca anche questa fra le specialità ufficiali.
    non+autenticato
  • "...oggi, con l'aiuto del mio Druido livello 45, ho finalmente imparato il valore dell'amicizia, infatti un guerriero livello 60 mi ha salvato da un'orda di cinghiali inferociti, e adesso ci frequentiamo sempre ogni volta che siamo loggati in contemporanea.
    Ed è così che sono diventato un bambino migliore con l'aiuto di WoW."