Nei guai il cracker di Al-Jazeera

Il giovane americano, mosso probabilmente da spirito patriottico, ammette di aver giocherellato con i DNS e trasferito altrove gli utenti che visitavano il sito dell'emittente araba

New York (USA) - Spacciandosi come rappresentante dell'emittente araba Al-Jazeera, manipolando foto al computer e costruendosi una identità fasulla a suon di fax, un 24enne americano è riuscito a farsi dare da Network Solutions le password per accedere all'account del dominio di Al-Jazeera. Una volta dentro il sistemone di Network Solutions, John William Racine II, un californiano di Norco, ha modificato il DNS, di fatto indirizzando altrove gli utenti che si volevano recare su http://www.aljazeera.net/. Per due giorni, dal 25 al 27 marzo, era riuscito a deviare il traffico. Non contento, e proprio grazie al trasferimento abusivo dei DNS, Racine avrebbe ricevuto circa 300 email che erano indirizzate all'emittente mediorientale.

Queste sono le accuse piovute sul capo del giovane americano, da più parti definito "cracker patriottico", e che i procuratori dello Stato della California intendono portare a suo carico al processo la cui prima udienza è prevista per il 16 giugno.

Il 24enne, noto alle cronache anche come "John Boffo", aveva ri-diretto il traffico di Al-Jazerra verso un sito che lui stesso aveva creato, chiamandolo "Let Freedom Ring" e che al momento non sembrerebbe più attivo. Sul sito una piantina degli USA si sovrapponeva a quella del medioriente.

Le contestazioni che Racine fronteggia sono quelle di intercettazione illegale di comunicazioni elettroniche nonché frode informatica. Reati per i quali la legge statunitense prevede pene massime pari a 25 anni di carcere e 500mila dollari di multa. Ma il procuratore sembra intenzionato ad accettare l'ammissione di colpevolezza del giovane che, patteggiando, è destinato a cavarsela con tre anni di libertà vigilata e mille ore di lavoro al servizio della comunità.
TAG: domini
23 Commenti alla Notizia Nei guai il cracker di Al-Jazeera
Ordina
  • Qualsiasi danno fatto ai munsulmani è da applaudire, esattamante cio che fanno loro con noi!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Qualsiasi danno fatto ai munsulmani è da
    > applaudire, esattamante cio che fanno loro
    > con noi!!

    complimenti per l'opinione illuminata e scevra di pregiudiziTriste
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Qualsiasi danno fatto ai munsulmani è da
    > > applaudire, esattamante cio che fanno loro
    > > con noi!!
    >
    > complimenti per l'opinione illuminata e
    > scevra di pregiudiziTriste

    ma chi sono poi questi MUN-SUL-MANI?
    non+autenticato
  • Si piegano sotto il peso della propaganda USA. Se andate in America in questo periodo vi renderete conto di cosa parlo
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Si piegano sotto il peso della propaganda
    > USA. Se andate in America in questo periodo
    > vi renderete conto di cosa parlo

    Purtroppo quest'anno ho gia' un impegno.
    Dovro' rinunciare al piacere di sapere di cosa parli.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Si piegano sotto il peso della propaganda
    > > USA. Se andate in America in questo
    > periodo
    > > vi renderete conto di cosa parlo
    >
    > Purtroppo quest'anno ho gia' un impegno.
    > Dovro' rinunciare al piacere di sapere di
    > cosa parli.

    Anch'io, per ovvi motivi in ferie non so ancora se andare a Cuba od in Messico ...se leggi fra le righe capirai bene cosa intendo dire.
    non+autenticato
  • siete malati, siete ignorante, maleducati...ecc parlate male di un popolo di cui non sapete niente "musulmani" il solito italiano paralano troppo quando nn sanno un cazzoooo, popolo di ignorante gente quasi del terzo mondo gli ultimi k possono parlare in europa siete voi. girate un pò il mondo e non state sempre a casa a mangiare la pasta k la trovate anche in altre parte...

  • - Scritto da: oucharri
    > siete malati, siete ignorante,
    > maleducati...ecc parlate male di un popolo
    > di cui non sapete niente "musulmani" il
    > solito italiano paralano troppo quando nn
    > sanno un cazzoooo, popolo di ignorante gente
    > quasi del terzo mondo gli ultimi k possono
    > parlare in europa siete voi. girate un
    > pò il mondo e non state sempre a casa
    > a mangiare la pasta k la trovate anche in
    > altre parte...

    pedalare, se non ti piace l'Italia via dai coglioni!
    non+autenticato
  • infatti non sono in italia, e non verro mai. ma nn t permetti di parlare male di un pupolo di cui nn sai un cazzo. capito!!!
  • Sei un francese del cazzo amico Chirac, immagino...Arrabbiato:@TrollTrollTroll
    non+autenticato
  • A parte che pure quei geni di N.S. dovrebebro inventarsi qualcosa di piu' sicuro che user id e password, mi immagino ora che si useranno 2 pesi e 2 misure, nel senso, che questo sedicente acher ha rediretto i visitatori di al jaazera da un'altra parte, quindi pro america, e che visto che ammesso la sua colpevolezza, se la cavera' con poca roba in confronto a cio' che e' previsto, ma se tale acher avesse fatto il contrario? cosa sarebbe successo? come minimo lo mandavano a guantanamo

    Don Buro, com'e' st'america?

    N'grande paese

    Tratto da vacanze in america
    DuDe
    896
  • Beh, alla fine non è che ha ammazzato nessuno... tre anni di libertà vigilata con mille ore di lavoro non pagato è una pena mica da riderci sopra... mi pare tutto sommato che in questo caso prevalga il buon senso. Oppure ritieni che redirigere i visitatori di un sito (non istituzionale, fra l'altro) su un altro, palesemente finto, sia da punire con il taglio della mano?
  • Quello che non mi pare giusto è che un programmatore russo che ha scoperto una falla di sicurezza nel e-book reader di Adobe ha rischiato 25 anni di galera, mentre questo se la cava con tutto sommato poco.
    E mi sembra che quello che ha fatto non sia giustificabile dal punto di vista del patriottismo.
    Tipo quelli che per dimostrarsi no-global spaccano le vetrine dei McDonald.
    Tra parentesi AlJazeera svolge un ruolo molto importante e non merita di essere presa di mira perchè qualche frescone di cracker vuole fare lo spiritoso.
    Quanto alla pena, la prossima volta magari ci pensa prima di fare cose del genere.
    Roxy
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Quello che non mi pare giusto è che un
    > programmatore russo che ha scoperto una
    > falla di sicurezza nel e-book reader di
    > Adobe ha rischiato 25 anni di galera, mentre
    > questo se la cava con tutto sommato poco.

    E' quello Russo che ha preso una pena INDECENTE x cui non doveva neanche essere punito

    > Tipo quelli che per dimostrarsi no-global
    > spaccano le vetrine dei McDonald.
    Vero. Quegli Idioti pero' fanno danni mica da ridere...

    > Tra parentesi AlJazeera svolge un ruolo
    > molto importante e non merita di essere
    > presa di mira perchè qualche frescone di
    > cracker vuole fare lo spiritoso.

    Ruolo importante... Io la vedo piu come una televisione del terrorista.
    Tutti i messaggi dei gran-cazzoni (Balladen, ussein...)son passati da li in nome dell'informazione.
    Quando ho appreso la notizia io avrei fatto un monumento al Cracker.
    non+autenticato
  • ma la sua posizione non è stata così facile, ha dovuto reindirizzare tutto quanto, esclusivamente e riuscire a crearsi una identità non credibile,
    Conoscenza dell'arabo, conoscenza delle tecniche di faking,
    La sua operazione si chiama "operation topocane"
    non+autenticato
  • Criminale? Addirittura?
    Prova a vederla in questo modo: tu sei un hacker irakeno (solo un esempio) e riesci per 2 giorni ad oscurare il sito della Casabianca.
    Quando la polizia irakena ti scopre, che pena ti becchi?
    Io direi una laurea honoris causa.
    Perche' allora in america deve essere considerato un criminale uno che fa la stessa cosa?

    Io dico che 3 anni di liberta' vigilata e 1000 (e dico MILLE) ore di lavoro sono una pena eccessiva.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Criminale? Addirittura?
    > Prova a vederla in questo modo: tu sei un
    > hacker irakeno (solo un esempio) e riesci
    > per 2 giorni ad oscurare il sito della
    > Casabianca.

    Per essere maggiormente analogo, potremmo dire il sito della CNN, o dell' ABC. Sicuramente la Casa Bianca sarebbe un reato più grave.

    > Quando la polizia irakena ti scopre, che
    > pena ti becchi?
    > Io direi una laurea honoris causa.

    Diciamo che forse in Iraq non esiste ancora una legislazione sui crimini informatici...

    > Perche' allora in america deve essere
    > considerato un criminale uno che fa la
    > stessa cosa?
    >
    > Io dico che 3 anni di liberta' vigilata e
    > 1000 (e dico MILLE) ore di lavoro sono una
    > pena eccessiva.
    >

    Eccessiva non so, sicuramente non è una passeggiata di salute. Il tizio a cui hai risposto evidentemente è di quelli che è favorevole all'ergastolo per i cracker.

  • - Scritto da: JosaFat
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Criminale? Addirittura?
    > > Prova a vederla in questo modo: tu sei un
    > > hacker irakeno (solo un esempio) e riesci
    > > per 2 giorni ad oscurare il sito della
    > > Casabianca.

    America contro IRAQ, e' guerra. Ogni colpo "contro" e' legittimato dalla guerra stessa, follia pura, ma e' cosi'.

    Ma che c'entra Al jazeera ? Non e' nemmeno irakena. Solo perche' faceva vedere immagini VERE (ma sgradite agli americani), doveva essere censurata?

    E che, stiamo sotto dittatura mondiale?

    Il reato commesso, perche' di reato si tratta, puo' anche essere considerata una ragazzata, tenendo presente l'eta' (neanche tanto piccola, in verita') del giovane hacker.

    Ma rimane la gravita' dell'atto di censura, ingiustificato e vergognoso.

  • > Ma rimane la gravita' dell'atto di censura,
    > ingiustificato e vergognoso.

    Ma ti rendi conto di cosa stai dicendo???
    Se questo e' ingiustificato e vergognoso cos'e' allora la guerra che gli hanno fatto?
    Per evidenti scopi economici hanno rovesciato un regime non amico invadendo e bombardando.

    3 anni all'hacker.
    A Bush? ergastolo?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Criminale? Addirittura?
    > Prova a vederla in questo modo: tu sei un
    > hacker irakeno (solo un esempio) e riesci
    > per 2 giorni ad oscurare il sito della
    > Casabianca.
    > Quando la polizia irakena ti scopre, che
    > pena ti becchi?
    > Io direi una laurea honoris causa.
    > Perche' allora in america deve essere
    > considerato un criminale uno che fa la
    > stessa cosa?
    >
    > Io dico che 3 anni di liberta' vigilata e
    > 1000 (e dico MILLE) ore di lavoro sono una
    > pena eccessiva.

    Hanno messo in funzione delle leggi. Ora che le applichino!

    Se uno dirotta un sito americano finisce in carcere?
    Allora deve finire in carcere anche questo tizio.

    Se uno dirotta un sito americano riceve una pacca sulle spalle?
    Allora deve ricevere una pacca sulle spalle anche questo tizio!

    Allora si può parlare di giustizia.


    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > Criminale? Addirittura?
    > Prova a vederla in questo modo: tu sei un hacker
    > irakeno (solo un esempio) e riesci per 2 giorni
    > ad oscurare il sito della
    > Casabianca.
    > Quando la polizia irakena ti scopre, che pena ti
    > becchi?
    > Io direi una laurea honoris causa.
    > Perche' allora in america deve essere considerato
    > un criminale uno che fa la stessa
    > cosa?
    >
    > Io dico che 3 anni di liberta' vigilata e 1000 (e
    > dico MILLE) ore di lavoro sono una pena
    > eccessiva.
    >

    Più che paragonare il trattamento dello stesso reati in USA e Iraq, dovresti paragonare il trattamento riservato a questo cretino qui con quello che farebbero, sempre negli USA, a uno che agisse con motivazioni opposte. Sempre considerando che si tratti di un intervento solo propagandistico, non inerenete a questioni di sicurezza nazionale, spionaggio, siti istituzionali etc.
    Essendo (teoricamente) gli USA di un paese democratico che tutela la libertà di espressione, e trattandosi qui essenzialmente di un reato contro la libertà di espressione e di informazione, il trattamento dovrebbe essere lo stesso a precindere dalla finalità. Dite che sarebbe così? se uno dirottasse il sito della NBC su un sito di propaganda filoislamica avrebbe lo stesso trattamento?
    non+autenticato