Claudio Tamburrino

Businessweek, abbonamento a tre dollari al mese

App per iPad per la rivista di Bloomberg: si appoggia all'abbonamento in-app di iTunes e a un prezzo ragionevole

Roma - Da quando ha esordito, il nuovo sistema di abbonamento in-app di Apple non ha raccolto molti favori: almeno fino ad oggi, quando Bloomberg Businessweek ha esordito con la sua app per iPad (che si aggiunge ai periodici per la tavoletta Elle, Maxim e Popular Science) e di fatto ha accolto a braccia aperte il nuovo sistema.

Per gli operatori e gli editori erano due i problemi principali con l'abbonamento preteso da Cupertino: che rivendicasse per sé il 30 per cento su ogni transazione e che costringesse a fare attraverso l'app l'offerta commercialmente più vantaggiosa possibile. In poche parole, scardinerebbe l'intero sistema di abbonamento multipiattaforma adottato dai giornali per ammorbidire il passaggio dal cartaceo al digitale (legando per esempio gli abbonamenti tradizionali all'accesso all'app come extra) e di fatto spingerebbe gli editori a rinunciare al controllo diretto sui dati dei propri abbonati, utili e preziosi a fini di marketing e analisi di mercato.

L'apprezzamento nei confronti del sistema di distribuzione di contenuti digitali basato su iTunes, per questo, sembrava rischiare di subire un duro colpo con le dichiarazioni minacciose di Financial Times. Bloomberg, invece, dimostra ora la piena intenzione di puntare su iPad e il sistema di abbonamento interno alle app, e lo fa con un'applicazione in prova gratuita con possibilità di abbonamento mensile ad appena 2,99 dollari. Un cifra che ha piacevolmente sorpreso gli osservatori non abituati a proposte simili (basti pensare ai 20 dollari dell'app del New York Times) e più in linea con i tagli dei costi di distribuzione di cui si stava per rinunciare a parlare.
Per giunta l'abbonamento all'app è gratuito per chi sottoscrive quello cartaceo: possibilità che sembrava invece esclusa da quanto prescritto nelle nuove regole di Apple.

L'applicazione in sé si mantiene semplice (qualcuno dice spartana) e non aggiunge praticamente nulla ai contenuti offerti nel numero mensile (che costa 4,99 dollari) o ai contenuti caricati sul suo sito liberamente accessibile, prevedendo opzioni di condivisione solo relative a Facebook, Twitter e email e solo un'opzione di archiviazione simile a un cassetto dove riporre gli articoli da leggere in un secondo momento.

Per quanto riguarda la raccolta di dati demografici sui propri lettori, Businessweek spera di riuscire a farlo con altri mezzi, come servizi aggiuntivi.
Nel complesso riesce ad avere in questo modo un numero leggero, meno di 100 MB, e navigabile intuitivamente, tanto che i primi utenti lo hanno premiato con "cinque stelle" sul sistema di classificazione di app store.

Intanto arrivano i primi numeri relativi al paywall del New York Times: si assiste a "un calo delle visite compreso tra il 5 e il 15 per cento" e a un "calo delle page view tra l'11 e il 30 per cento".

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • BusinessiPad, Financial Times contro AppleIl giornale finanziario vuole mantenere il controllo diretto sui propri lettori: quella di Cupertino è un'intermediazione incompatibile con il suo business. Riuscirà a strappare un'eccezione a Steve Jobs?
  • BusinessNYT e The Daily, risposte alla crisiIl 2010 si è chiuso con un record negativo per la pubblicità. Il 2011 dell'editoria attende le prove di The Daily e del nuovo paywall del New York Times
9 Commenti alla Notizia Businessweek, abbonamento a tre dollari al mese
Ordina
  • Come prevedibile, gli abbonamenti in-app non se li ca*a nessuno a parte questi qui di Bloomberg, che non si capisce bene perché siano disposti a sottostare alle condizioni capestro di Apple...
    Prevedo un glande successoCon la lingua fuori
    Funz
    11555
  • "Per giunta l'abbonamento all'app è gratuito per chi sottoscrive quello cartaceo: possibilità che sembrava invece esclusa da quanto prescritto nelle nuove regole di Apple."

    ma come??? troppo presi dalla trollagine e dagli articoli flame di Maruccia non avevate nemmeno capito come fossero le regole????

    Apple aveva detto chiaramente che fintanto che c'è un'offerta in iTunes l'editore può offrire la fruizione della rivista su iPad grauitamente... l'importante è che l'offerta di abbonamento su iTunes abbia prezzo uguale o inferiore a quello cartaceo.

    Svegliatevi!
    MeX
    16876
  • - Scritto da: MeX
    > Apple aveva detto chiaramente che fintanto che
    > c'è un'offerta in iTunes l'editore può offrire la
    > fruizione della rivista su iPad grauitamente...
    > l'importante è che l'offerta di abbonamento su
    > iTunes abbia prezzo uguale o inferiore a quello
    > cartaceo.

    ??

    ti sei spiegato male ... perché non l'ho capito nemmeno io....

    Fan AppleFan Linux
  • se offri una fruizione sotto forma di abbonamento e la vuoi offrire gratuitamente a chi ha sottoscritto l'abbonamento carteceo, sei libero di farlo, fintanto che esista un'opzione di abbonamento con inApp purchase in iTunes il cui prezzo deve essere uguale o inferiore all'offerta di abbonamento cartacea.

    Meglio?A bocca aperta

    Com'è Final Cut X ?
    MeX
    16876
  • ... in che senso sarebbe conveniente. Costa praticamente quanto l'abbonamento fisico.

    I numeri costano 4.99? Certo, ma l'abbonamento sconta l'85%.
    https://w1.buysub.com/pubs/BW/BWK/1110_BB_Landing_...

    Per un totale di 40$ per un anno. Contro i 36$ l'anno dell'abbonamento iPad. Ah, dimenticavo: l'abbonamento fisico regala anche l'abbonamento per iPad.

    Non vedo come questo "sconto" sia un passo avanti per ridistribuire agli utenti un po' del dividendo digitale. Sull'abbonamento, le riviste non guadagnano, i costi di stampa sono intorno al totale. Viene fatto per le pubblicità, per fidelizzare, etc etc.
    Se prima producevo a 40 e vendevo a 40, e ora i costi vanno a 0, o a quanto chiede l'Apple su 0, non vedo come vendere a 36 sia un importante sconto.

    Forse è miopia mia.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Talking Head
    > ... in che senso sarebbe conveniente. Costa
    > praticamente quanto l'abbonamento
    > fisico.
    >
    > I numeri costano 4.99? Certo, ma l'abbonamento
    > sconta l'85%.
    >
    > https://w1.buysub.com/pubs/BW/BWK/1110_BB_Landing_
    >
    > Per un totale di 40$ per un anno. Contro i 36$
    > l'anno dell'abbonamento iPad. Ah, dimenticavo:
    > l'abbonamento fisico regala anche l'abbonamento
    > per
    > iPad.
    >
    > Non vedo come questo "sconto" sia un passo avanti
    > per ridistribuire agli utenti un po' del
    > dividendo digitale. Sull'abbonamento, le riviste
    > non guadagnano, i costi di stampa sono intorno al
    > totale. Viene fatto per le pubblicità, per
    > fidelizzare, etc
    > etc.
    > Se prima producevo a 40 e vendevo a 40, e ora i
    > costi vanno a 0,

    I costi vanno a zero? E con quale magia?

    > o a quanto chiede l'Apple su 0,
    > non vedo come vendere a 36 sia un importante
    > sconto.
    >
    > Forse è miopia mia.

    Però se lo voglio in Italia mi costa 73 euro:
    https://www.qssweb.co.uk/BWSUBS/Order/NewOrder.asp...

    Mentre su iPad mi costa 28,68 euro:
    http://itunes.apple.com/it/app/bloomberg-businessw...
    ruppolo
    32746
  • > > Se prima producevo a 40 e vendevo a 40, e ora i
    > > costi vanno a 0,
    >
    > I costi vanno a zero? E con quale magia?

    Spesa per la carta: zero
    Spesa per il trasporto: zero

    e così via.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > > > Se prima producevo a 40 e vendevo a 40, e ora
    > i
    > > > costi vanno a 0,
    > >
    > > I costi vanno a zero? E con quale magia?
    >
    > Spesa per la carta: zero
    > Spesa per il trasporto: zero
    >
    > e così via.

    si mai costi maggiori sono per il personale di redazione e utili per gli azionisti e quelli rimangono tutti
    non+autenticato
  • > > e così via.
    >
    > si mai costi maggiori sono per il personale di
    > redazione e utili per gli azionisti e quelli
    > rimangono
    > tutti

    E si azzereranno, visto che, che gli piaccia o no, il giornale è duplicabile a costo zero.
    non+autenticato