Mauro Vecchio

Indonesia, manette per il porno-parlamentare?

Il deputato Arifinto rischia fino a tre anni di prigione per aver guardato in Parlamento un filmato pornografico su iPad. Dimessosi per il bene del partito, il parlamentare rischia una pena stabilita da una legge dai lui stesso adottata

Roma - "Sono un essere umano. Commetto degli errori, come chiunque altro. Ho detto questo alla gente e al partito. Hanno capito". Così ha parlato il parlamentare indonesiano Arifinto, recentemente intervenuto a commentare la sua fuoriuscita dal Partai Keadilan Sejahtera (PKS), partito di matrice islamica guidato da Luthfi Hasan Ishaaq.

Le sue dimissioni sono giunte inevitabili, dopo che lo stesso parlamentare era stato immortalato da un fotografo in attività forse troppo pruriginose. Un'immagine che aveva mostrato al mondo un deputato intento a visionare un filmato pornografico sul tablet di Apple iPad.

Alla foto ha fatto seguito il caos, con Arifinto inizialmente arroccato sulla difensiva: il parlamentare indonesiano avrebbe semplicemente cliccato su un link ricevuto a mezzo posta elettronica. Altre fotografie scattate in Parlamento hanno però mostrato una cartella aperta sul tablet di Arifinto, da cui proverrebbe il filmato incriminato.
Una vera e propria grana per il deputato indonesiano, che ora rischia fino a tre anni di carcere per detenzione di materiale pornografico. Ironia della sorte, Arifinto potrebbe essere incriminato secondo i dettami di una legge da lui stesso adottata. La stessa legge che ha condannato - sempre a tre anni di prigione - la rockstar locale Nazril Ariel.

Ariel era infatti stato protagonista di un piccante video che aveva sconvolto l'Indonesia, girato a livello amatoriale dalla rockstar insieme a due altrettanto popolari modelle e conduttrici televisive. Il video era finito subito in Rete, attirando il fuoco incrociato delle autorità di Giacarta.

Arifinto ha ora presentato le sue dimissioni, sottolineando come nessuno lo abbia costretto. La decisione sarebbe stata presa per il bene supremo del partito. Il parlamentare rischierà dunque fino a tre anni di carcere, a meno che non si riesca a dimostrare che la visione sia stata accidentale, frutto di un link troppo piccante.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • Digital LifeInternet è il pornoA dimostrarlo una statistica che ha aggregato tutti i dati disponibili in materia: mostrando risultati chiari, soprattutto sulle abitudini dei navigatori
  • AttualitàAustralia: porno da dichiarare?Chi viaggia verso l'Australia deve prepararsi a dichiarare qualsiasi contenuto scabroso presente sulle proprie appendici digitali. Scegliendo tra privacy violata e potenziale imbarazzo per il controllo
  • AttualitàWikipedia, pornografia al bandoJimbo Wales annuncia la rimozione di centinaia di immagini esplicite, anche di natura storica. L'ex-fondatore Larry Sanger applaude, dopo aver denunciato Wikimedia Foundation per detenzione di materiale pedopornografico
19 Commenti alla Notizia Indonesia, manette per il porno-parlamentare?
Ordina
  • Troppo comodo fare leggi che colpiscono sempre gli "altri" (ossia il popolo bue). Hai voluto la legge antiporno? E MO' RISPETTALA PURE TU!!!!

    Soliti politici che predicano bene (bene???) e razzolano male.

    Se e' prevista la pena di morte che dia il buon esempio e si faccia impiccare/fucilare/lapidare/quellochee'
  • - Scritto da: Riketto
    > Troppo comodo fare leggi che colpiscono sempre
    > gli "altri" (ossia il popolo bue). Hai voluto la
    > legge antiporno? E MO' RISPETTALA PURE
    > TU!!!!
    >
    > Soliti politici che predicano bene (bene???) e
    > razzolano
    > male.

    Mi ricorda un politico italiano il cui Governo ha fatto approvare nel 2006 una legge che istituisce il reato penale per chi va con una prostituta minorenne, e oggi è sotto processo per lo stesso reato... non mi ricordo il nome, peròCon la lingua fuori
    Funz
    12980
  • - Scritto da: Funz
    > - Scritto da: Riketto
    > > Troppo comodo fare leggi che colpiscono sempre
    > > gli "altri" (ossia il popolo bue). Hai voluto la
    > > legge antiporno? E MO' RISPETTALA PURE
    > > TU!!!!
    > >
    > > Soliti politici che predicano bene (bene???) e
    > > razzolano
    > > male.
    >
    > Mi ricorda un politico italiano il cui Governo ha
    > fatto approvare nel 2006 una legge che istituisce
    > il reato penale per chi va con una prostituta
    > minorenne, e oggi è sotto processo per lo stesso
    > reato... non mi ricordo il nome, però
    >Con la lingua fuori

    Credo che sia lo stesso che nel 2011 fara' votare un emendamento che se uno va a letto con una prostituta minorenne mentre esercita le sue funzioni di governo, allora non e' piu' reato.
    Con effetto retroattivo.
  • - Scritto da: panda rossa
    >
    > Credo che sia lo stesso che nel 2011 fara' votare
    > un emendamento che se uno va a letto con una
    > prostituta minorenne mentre esercita le sue
    > funzioni di governo, allora non e' piu'
    > reato.
    > Con effetto retroattivo.

    Se ci faceva sesso nell'ambito delle sue competenze istituzionali, per esempio per accertare che fosse davvero la nipote di Mubarak (prelievo del DNA?) allora non è reato.
    Scommetto che arriveranno a dire pure questoA bocca aperta
    Funz
    12980
  • Adoro il "contrappasso", specialmente quando colpisce i bacchettoni...

    Detto ciò..
    secondo me il punto è che anche in Indonesia si va in galera grazie alla follia dell'estremismo islamico!

    .. ma nessuno ci fa caso .. nessuno ne parla ..
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pietro
    > Adoro il "contrappasso", specialmente quando
    > colpisce i
    > bacchettoni...
    >
    > Detto ciò..
    > secondo me il punto è che anche in Indonesia si
    > va in galera grazie alla follia dell'estremismo
    > islamico!
    >
    > .. ma nessuno ci fa caso .. nessuno ne parla ..

    il problema veramente è sotto gli occhi di tutti... l'islam è una religione che, rispetto ai nostri standard di costumi e libertà civili, diciamo che corrisponde più o meno a quello che era il cattolicesimo nel 1400 (ricordiamoci che anche noi torturavamo la gente e bruciavamo le donne sul rogo). Ricordiamoci anche che la Chiesa era uno stato vero e proprio, che faceva guerre di conquista, e il Papa era un capo di stato.
    A voler essere ottimisti, nell'arco di qualche centinaio d'anni, se l'umanità continuerà il suo progresso globale anche i paesi islamici faranno il percorso che abbiamo fatto noi, separando i poteri secolare e temporale, adottando pian piano la democrazia e addolcendo la religione. Come abbiamo fatto noi. Le religioni non sono altro che un prodotto della cultura di un popolo, quindi i loro precetti si modificano di pari passo con la crescita culturale dei popoli.
    A voler essere pessimisti, invece, succederà il contrario e l'umanità sprofonderà nuovamente in un periodo buio. D'altra parte è già successo, se ci limitiamo alla storia dell'occidente, dopo la caduta dell'impero romano.
    non+autenticato
  • Del resto l'Islam nasce circa 600 anni dopo il Cristiamesimo... 600+1400=2000 il conto torna!

    E chi li sopporta ancora sei secoli?
    non+autenticato
  • > e il Papa era un capo di stato.
    Lo è ancoraTriste
  • - Scritto da: il signor rossi
    > A voler essere ottimisti, nell'arco di qualche
    > centinaio d'anni, se l'umanità continuerà il suo
    > progresso globale

    a voler essere ottimisti, tra qualche centinaio d'anni l'umanità sarà sparita da questa terra.

    > anche i paesi islamici faranno
    > il percorso che abbiamo fatto noi, separando i
    > poteri secolare e temporale, adottando pian piano
    > la democrazia e addolcendo la religione.

    poi, nella realtà, la democrazia non esiste e la religione è diventata un'altra: il denaro.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 14 aprile 2011 09.07
    -----------------------------------------------------------
  • > A voler essere ottimisti, nell'arco di qualche
    > centinaio d'anni, se l'umanità continuerà il suo
    > progresso globale anche i paesi islamici faranno
    > il percorso che abbiamo fatto noi, separando i
    > poteri secolare e temporale, adottando pian piano
    > la democrazia e addolcendo la religione. Come
    > abbiamo fatto noi. Le religioni non sono altro
    > che un prodotto della cultura di un popolo,
    > quindi i loro precetti si modificano di pari
    > passo con la crescita culturale dei
    > popoli.

    In realtà sta succedendo esattamente l'opposto: tutti quei paesi islamici che fino a pochi anni fa erano moderati/laici stanno diventando integralisti (tant'è che la legge in questione è molto recente) cadendo nelle mani dei wahabiti (corrente molto integralista)..

    Io provo ad essere ottimista ma quando vedo che anche in Europa uno dei maggiori referenti islamici sono i "fratelli mussulmani" che perfino wikipedia definisce estremisti, a me viene paura.
    Parlando di storia ricordo Hitler: i campi di concentramento, lo sterminio di milioni di persone ecc, non è stato fatto in un giorno, tutti vedevano la "piccola" malefatta giornaliera ma dicevano "non è vero" o "non può mica prendere tutti i disabili e sterminarli..".
    Adesso vedo la storia che si ripete: sterminano gli infedeli in tutta l'Africa ma la gente dice "ma no, non è possibile che stia succedendo e nessuno dica nulla, quindi non sta succedendo", impongono il velo alle loro donne in Europa è c'è gente disposta a dire "è la loro usanza, chi siamo noi per vietarglielo"...

    Se non altro vedo che qualcuno lo ha notato anche se lo sta prendendo sotto gamba...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pietro
    > Adoro il "contrappasso", specialmente quando
    > colpisce i
    > bacchettoni...

    non sono forse sempre loro a finirci nel mezzo? predicano una condotta fisica e morale che è una forzatura ed assolutamente insostenibile per un essere umano ed in natura, più una cosa viene trattenuta dallo sfogarsi, più quando si sfogherà sarà dirompente!
  • Per così poco mettono in carcere un uomo? Un politico, poi?

    Vabbe`... forse è meglio consigliargli alcune frasi d'effetto per una adeguata difesa:

    - Il sito era porno ma a mia insaputa
    - Ho un virus che mi fa navigare su quei siti comunisti!
    - Volevo solo rendermi conto del pericolo per proporre una legge che impedisca questo scempio
    - Non ho bisogno di pagare una donna o di andare su siti porno
    - Avete violato la mia privacy

    In alternativa, può sempre farsi eleggere in Italia...
    non+autenticato
  • Ma non dimentichiamo anche:
    Guardavo filmati pornografici per non dover guardare filmati pornografici.
    non+autenticato
  • da noi frequentano escort e puttane, vengono colti inflagranti in parlamento a guardare dall'ipad siti di escort... e non si dimettonoSorride si l'italia per i politici e' un'isola feliceSorride
    non+autenticato
  • Io farei distinzione tra pubblico e privato.

    Se uno vuol guardarsi un film porno o fare chissà cosa con chissà chi sono fatti suoi, e ritengo che questi qui abbiano dei gravi problemi se fanno tanta puzza per così poco.

    Invece noi genii italiani passiamo i mesi a strfugliare nel privato dei politici, senza venire a capo di nulla ma perdendo di vista la realtà della vita politica.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Francesco

    > Invece noi genii italiani passiamo i mesi a
    > strfugliare nel privato dei politici, senza
    > venire a capo di nulla ma perdendo di vista la
    > realtà della vita politica.

    Sarebbe meglio occuparsi dei loro interessi privati in affari pubblici. Ma si finisce per esser definiti comunisti. Oppure ci si farebbe troppi nemici dei più disparati colori.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 13 aprile 2011 17.02
    -----------------------------------------------------------
    FDG
    10910
  • - Scritto da: Francesco
    > Io farei distinzione tra pubblico e privato.
    >
    > Se uno vuol guardarsi un film porno o fare chissà
    > cosa con chissà chi sono fatti suoi, e ritengo

    In Parlamento?

    > che questi qui abbiano dei gravi problemi se
    > fanno tanta puzza per così
    > poco.

    Chi non ci vede nulla di strano, è strano...

    > Invece noi genii italiani passiamo i mesi a
    > strfugliare nel privato dei politici, senza
    > venire a capo di nulla ma perdendo di vista la
    > realtà della vita
    > politica.

    Ma quale privato? E "la realtà della vita politica" in Italia è proprio questa: un bordello in tutti i sensi letterali e figurati...
    Funz
    12980
  • ahaahahah quotone +1000 punti!
    non+autenticato
  • Può difendersi dicendo di aver pagato per entrare nel sito porno, solo affinché il proprietario non facesse il proprietario di siti porno! A bocca aperta
    non+autenticato