xDSL, si allarga il club dei fornitori

Con la firma di MC-link annunciata ieri, il numero di fornitori che si apprestano a lanciare le proprie offerte di banda larga alternative a quelle ADSL continua ad aumentare. Ancora irrisolto il problema delle flat HDSL

xDSL, si allarga il club dei fornitoriRoma - Eppur si muove, il mercato delle tecnologie a banda larga su sistemi xDSL non ADSL. Si muove, come testimonia la firma del contratto con Telecom Italia da parte di MC-link, operatore che si aggiunge così al club sempre più popoloso di operatori che si apprestano a lanciare le proprie offerte di connettività a banda larga sul territorio nazionale.

MC-link, uno dei primissimi provider italiani, ha firmato l'accordo che consentirà all'azienda di rivendere ai propri clienti, sostanzialmente clientela business, i servizi HDSL e SDH. Sono servizi che vengono comunemente indicati come "CVP", cioè Canale virtuale permanente, perché consentono di dare vita ad una connessione continua tra il domicilio del cliente e la rete.

MC-link, come la maggioranza degli altri operatori che hanno firmato il medesimo contratto, deve ancora specificare quali siano le condizioni che intende proporre ai propri clienti, offerte che si affiancheranno a quelle ADSL già attivate.
Ma anche questo operatore, come i competitor che hanno firmato con Telecom Italia, dovrà tentare di concorrere proprio con il suo fornitore, Telecom, già attivo sul fronte della fornitura di servizi HDSL e SDH. In ballo ci sono servizi che possono dare vita non solo a connessioni permanenti ma anche a velocità di trasferimento dati che nel caso dell'HDSL raggiungono potenzialmente gli 8 megabit al secondo e nel caso dell'SDH addirittura i 155 megabit al secondo.

Il problema centrale nei rapporti tra fornitori e Telecom Italia rimane quello della tariffazione flat, ovvero "a canone", per questi servizi. L'attuale modello, quello approvato anche dall'Autorità TLC, si basa infatti su una tariffazione "a traffico". Una tipologia di bollettazione dei servizi che non va giù ai concorrenti di Telecom Italia, tanto che Albacom nei giorni scorsi, dopo aver firmato l'accordo con l'ex monopolista, ha esplicitamente parlato di nodo grave e irrisolto.

La questione della flat sul fronte xDSL è vista come essenziale perché alla possibilità di reclutare clienti con questo modello è legata la grande opportunità che gli operatori vedono nella banda larga, ovvero la fornitura al cliente di servizi a valore aggiunto che trasformino la connessione permanente in un "cavo" capace di veicolare tutto quello che va dalla televisione interattiva alla multiconferenza e ai servizi telefonici avanzati.
TAG: italia
6 Commenti alla Notizia xDSL, si allarga il club dei fornitori
Ordina
  • Ragazzi c'e' un nuovo portale (almeno sembra) che ritengo molto valido. Dategli un'cchiata: http://www.webjuice.it

    Anche loro ad esempio avevano pubblicato questa news gia' da ieri
    non+autenticato
  • ...posso dirvi che attivare il servizio e' veramente facile. Basta contattare un commerciale Telecom, ed e' fatta!
    Per quanto riguarda i costi, questi ci sono. Nel caso dell'azienda per cui lavoro, il router l'avevamo gia', ma e' comunque possibile acquistarne uno a meno di un milione. Sicuramente conviene cosi', piuttosto che affittarlo a 100.000 da Telecom.
    La flat: e' uno schifo, e' come avere una Ferrari e limitarla a non correre piu' di 100 all'ora! Si puo' sfondare, ma costa 80 L/MB.
    Infine, vera ciliegina sulla torta: il servizio di assistenza fa' veramente pena! Non e' una novita' che in Telecom se la prendano comoda, ma ho l'impressione che abbiano proposto un'offerta che non sanno gestire. Per capirci, mi e' successo di richiedere a febbraio ulteriori IP al commerciale, il quale mi ha detto che aveva inoltrato l'ordine; dopo un mese, gia' scocciato, ho telefonato all'assistenza: dopo diverse prove (non sempre rispondono) un operatore mi ha detto che era necessario inviare un modulo del RIPE. Lo faccio il 7 marzo e sono ancora qui ad aspettare...
    Ultima cosa, lo sapete che non si possono frequentare i newsgroup diversi dalla gerarchia tin.it??
    Sono stato sintetico per non occupare troppo spazio...
    non+autenticato


  • - Scritto da: Alessandro Bronzo
    > ...posso dirvi che attivare il servizio e'
    > veramente facile. Basta contattare un
    > commerciale Telecom, ed e' fatta!
    > Per quanto riguarda i costi, questi ci sono.

    Ciao..mi servirebbero piu' informazioni, c'e' una pagina web piu' esplicativa? Di che Flat stai parlando? Hdsl non credo abbia una Flat....
    Se mi sai dare indirizzi per documentarmi..grazie
    non+autenticato
  • preferirei che si allargasse il club dei coperti dal servizio.
    non+autenticato
  • Concordo pienamente con te,se coprissero piu territorio tutti ne sarebbero felici, ma appena scrivi questo arrivano 2000 esperti di reti che ti dicono : "Ma si quanto costa a loro coprire una zona?".............. bufale!!!!!!!!!!!!!!!

    anke se mi preme vedere se riusciranno a stipulare un accordo sull' HDSL flat (spero riducano anke la banda per facilitarne l'acquisto agli utenti non business come noi poveri internauti): che so traffico illimitato e 256k o 512k, 1mb e 2mb (sempre simmetrici intendo).
    Se facessero questo corrererei da mamma telecom a stipulate l'abbonamento



    - Scritto da: sdfert
    > preferirei che si allargasse il club dei
    > coperti dal servizio.
    non+autenticato


  • ...Pare , comunque, che Hdsl non abbia i problemi di cablaggio dell'ADSL....apparte il costo....Cioe', e' installabile nel 90 % dei casi, come l'ISDN, il vero problema e' il costo di gestione ( leggi traffico a pago), router, firewall....
    non+autenticato