Claudio Tamburrino

USA, crescita tripla per l'ebook

Aumentate del 300 per cento le vendite tra febbraio 2011 e febbraio 2010. Almeno negli States. Il formato elettronico Ŕ il formato del futuro

Roma - Il rapporto in questione è stato redatto dall'Associazione Editori Americani e ha tenuto conto delle vendite del settore in tutte le categorie di libri e giornali in catalogo. Secondo i risultati che fanno riferimento a febbraio 2011, gli ebook hanno visto una percentuale di crescita pari al 202,3 per cento (fino a toccare quota 90,3 milioni di dollari) che la consacra come formato di maggior successo. Stessa tendenza nel rapporto 2009 contro 2010, che vede le vendite del formato elettronico salire del 169,4 per cento fino a 164 milioni di dollari.

Anche se i numeri sono da prendere con qualche precauzione dal momento che non tutti gli editori hanno divulgato i propri dati, una crescita tale è in un modo o nell'altro segno che per parlare di ebook non bisogna più usare il verbo al futuro, ma al presente. Almeno negli Stati Uniti dove il settore è più avanti rispetto agli altri paesi, e conta di rappresentare il 50 per cento del mercato editoriale a stelle e strisce tra il 2014 e il 2015.

Il tutto è ancora più evidente se comparato agli altri formati: gli ebook hanno superato le edizioni di lusso (al secondo posto con vendite pari a 81,2 milioni di dollari), le edizioni economiche e quelle in formato tascabile divisi tra titoli per "adulti" e per "bambini/adolescenti", che hanno al contrario avuto segno negativo rispetto a febbraio 2010 e complessivamente perso il 34,4 per cento valendo complessivamente 156,8 milioni di dollari. In crescita, invece, il download degli audiolibri, saliti del 36,7 per cento.
A trainare le crescite, dice lo studio, soprattutto i download conseguenti all'aver ricevuto in regalo un e-reader, device arrivato al mercato natalizio con un prezzo trainato in basso dalla competizione. In conseguenza della diffusione degli e-reader, poi, anche gli editori hanno ampliato il proprio catalogo.

L'ebook, così, inizia ad esprimere il suo pieno potenziale: come già dimostrato con le possibilità offerte ai nuovi autori e agli autori in proprio, gli stessi editori che ne hanno abbracciato la filosofia di distribuzione riconoscono adesso che grazie ad esso possono rispolverare anche titoli non di prima scelta (quanto meno a livello di novità). Così, è proprio grazie ai prezzi e alla disponibilità immediata, gli utenti tendono ad acquistare altri prodotti della bibliografia di un autore apprezzato, ampliando il giro d'affari dell'editore.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate