Claudio Tamburrino

Kindle bibliotecario

Non sono ancora stati divulgate le condizioni d'uso: si teme l'imposizione di un controllo eccessivo sulle licenze

Roma - Amazon ha annunciato che esordirà entro l'anno con un servizio di prestito bibliotecario dei volumi Kindle. Kindle Lending Library permetterà agli utenti del suo e-reader di prendere in prestito libri da più di 11mila biblioteche degli Stati Uniti. L'opzione sarà attiva per tutte le generazioni di Kindle e per le app a disposizione delle altre piattaforme.

Fra le opzioni che costituiscono un vantaggio del formato digitale di Kindle rispetto a quello cartaceo c'è la possibilità di prendere appunti direttamente sull'ebook grazie al fatto che l'accesso viene fatto con lo stesso account utilizzato per gli acquisti. Con la conseguenza che tali glosse sono riproducibili nel caso si riprendesse il testo in prestito o si decidesse di acquistarne una copia.

Restano tuttavia ancora da chiarire le condizioni d'uso: in particolare quale sia il limite di tempo massimo di lettura. Il portavoce di Amazon Kinley Campbell ha parlato di 7-14 giorni, ma non è noto il numero di utenti contemporanei che possono prendere in prestito uno stesso volume digitale detenuto da una biblioteca. Né si può prevedere se vi saranno ulteriori limitazioni, come previsto da altri distributori e editori.
Per portare il servizio alle biblioteche, d'altronde, Kindle ha stretto un accordo di partnership con il distributori di ebook OverDrive, lo stesso a cui HarperCollins ha imposto condizioni di licenza che hanno spinto alcuni bibliotecari a rifiutare di comprarne i volumi.

A febbraio, infatti, HarperCollins ha deciso di limitare fortemente l'utilizzo dei suoi ebook da parte delle biblioteche rendendo a scadenza la licenza d'uso. In questo modo ha consolidato la strada intrapresa anche da altri editori e distributori di ebook che nel prestito digitale cercano in ogni modo di riprodurre i limiti connaturati al supporto cartaceo. Che in questo modo vengono addirittura esasperati: i libri di HarperCollins, per dire, sono consultabili solo 26 volte, mentre è logico supporre che un volume, anche datato, possa resistere per qualche lettura in più; gli ebook di Macmillan e Simon&Schuster neanche entrano nei circuiti bibliotecari; quelli di Kindle possono essere prestati agli amici solo per due settimane.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
1 Commenti alla Notizia Kindle bibliotecario
Ordina