Mauro Vecchio

Facebook, gruppi e affari

Annunciati alcuni cambiamenti alla feature Groups: permetteranno agli utenti in blu di caricare interi album e suggerire link selezionati. Ai vari admin verranno imposte nuove regole salva-privacy. E sta per decollare Deals

Roma - Uno dei più imponenti progressi mai offerti da Facebook, almeno stando ai numeri recentemente sbandierati dal suo product director Peter Deng. Più di 50 milioni di gruppi creati sulla gigantesca piattaforma social, per di più in un periodo di circa sei mesi dal lancio ufficiale della feature Groups.

Ovvero le nuove possibilità di condivisione proposte a tutti gli utenti in blu, per l'apertura di gruppi selezionati di profili. Per condividere post, link e fotografie con un numero ristretto di utenti scelti con attenzione. Gli alti responsabili di Facebook hanno dunque annunciato una serie di novità per Groups. E non solo. Innanzitutto, gli utenti potranno sfruttare uno strumento di Q&A per porre domande e sondaggi agli altri iscritti ad un determinato gruppo. Ad esempio, per capire quale sia il miglior ristorante di pesce in una determinata zona geografica. Questi stessi utenti potranno poi caricare interi album nei Groups, in modo da condividerli in maniera selezionata.

E la feature di Facebook ha finalmente risolto un problema macroscopico, che aveva scatenato le più dure reazioni da parte degli attivisti della privacy. Chi decide di aprire un gruppo dovrà ottenere il permesso di tutti i potenziali iscritti, mentre prima si veniva trascinati in automatico tra i meandri di un determinato microuniverso sociale.
I vertici di Facebook hanno poi annunciato l'implementazione di un nuovo pulsante chiamato Send, che dovrà in pratica sostituire il mi piace negli ambiti più ristretti dei gruppi. In altre parole, gli utenti potranno suggerire un determinato link - per ora da 50 siti selezionati - solo a pochi altri, o magari ad un solo iscritto.

Nel frattempo, continua l'assalto del sito in blu a colossi degli sconti come Groupon e LivingSocial. In cinque città statunitensi - Atlanta, Austin, Dallas, San Diego, San Francisco - partirà una fase di testing della feature Deals, che premierà determinate attività di condivisione da parte degli utenti.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • BusinessFacebook, pioggia di sconti sull'EuropaLanciato in vari paesi il servizio promozionale geolocalizzato Deals. Varie aziende garantiranno sconti e regali ai primi accessi a mezzo mobile. Starbucks offrirà il caffè, Vodafone dieci brani da scaricare gratis
  • AttualitàFacebook e le nuove esistenze socialAnnunciate alcune modifiche al profilo di 500 milioni di utenti. Le informazioni personali verranno messe maggiormente in evidenza, così come le fotografie e i gruppi di amici. Per fare dello spazio in blu un nuovo snodo personale
  • AttualitàLe affinità elettive di FacebookI vertici del sito in blu hanno annunciato il (ri)lancio dei gruppi. Ovvero di una più ristretta cerchia di profili con cui condividere informazioni. Apprezzamenti da parte di EFF: questa è privacy