Sei aziende europee unite dall'open source

Nasce un consorzio europeo formato da aziende che puntano sull'open source per offrire soluzioni e servizi di supporto XML e Java. Tra i membri anche un nome italiano, che parla dell'iniziativa a Punto Informatico

Roma - Sei aziende europee, fra cui una italiana, hanno dato vita ad un consorzio, Orixo, attraverso cui offrire servizi a valore aggiunto a quelle imprese che hanno già implementato, o intendono farlo, progetti basati su piattaforme open source.

"Negli ultimi cinque anni - si legge in un comunicato di Orixo - il successo del software Open Source, in organizzazioni sia governative che private, ha avuto una crescita esponenziale: questa rivoluzione ha generato una conseguente impennata nella richiesta di servizi di supporto, implementazione, documentazione e formazione".

Le aziende fondatrici di Orixo - Outerthought (Belgio), Anyware Technologies (Francia), S&N AG (Germania), Pro-Netics (Italia), Otego (Svizzera) e Luminas (Gran Bretagna) - sostengono di aver maturato una notevole esperienza soprattutto nello sviluppo e nell'implementazione di piattaforme Apache. Al centro della loro offerta c'è, in particolare, Apache Cocoon, il framework open source che fa di Java e XML gli ingredienti di base per la costruzione, la fornitura e la gestione di applicazioni lato server.
"Le aziende che sono parte di Orixo hanno nelle loro fila persone che sono state, a diverso titolo, protagoniste dello sviluppo di alcuni software Open Source", ha spiegato a Punto Informatico Gianugo Rabellino, portavoce di Pro-Netics. "La base comune per noi è stato Apache Cocoon: siamo tutti sviluppatori di vecchia data e supporter della prima ora di questo splendido framework XML".

"La community di Cocoon - ha aggiunto Rabellino - ci ha permesso di conoscerci meglio, come persone e come aziende: ben presto abbiamo capito, da un lato, che il mercato aveva bisogno di garanzie forti circa il supporto di prodotti Open Source e soluzioni basate su di essi, e dall'altro, che il fatto di conoscerci così bene ci poteva permettere di lavorare insieme portando alcuni "modus operandi" propri dell'Open Source all'interno della nostra vita aziendale comune".

Alleandosi, le sei aziende sperano di rafforzare la propria posizione sul mercato e dar vita ad un esteso e più capillare servizio di supporto paneuropeo alla cui base, secondo Rabellino, c'è il motto "think globally, act locally".

Orixo sostiene di poter contare già su numerosi clienti di grosso calibro, in special modo istituti finanziari svizzeri, l'agenzia spaziale europea e diverse società di telecomunicazione. Pro-Netics, ad esempio, annovera già fra i propri clienti RAINet, Frimm, Waitec e CSC.

"Stiamo già ricevendo e valutando - ha detto Rabellino - nuove proposte di adesione al consorzio, e saremo ben lieti di aumentare il numero dei membri, soprattutto per coprire nazioni al momento scoperte. La nostra idea però non è mai stata quella di creare una "associazione", alla quale bene o male è previsto che aderisca chiunque semplicemente condividendo alcuni ideali di massima: noi vogliamo fornire ai nostri clienti strumenti concreti e di alta qualità, che nascano dalla stretta collaborazione tra i membri del consorzio (continuando, nel frattempo, le nostre attività sul fronte dell'Open Source più puro)".

"Questo significa - ha continuato Rebellino - che gli eventuali nuovi membri saranno esclusivamente quelli che avranno dimostrato, da un lato, di condividere gli ideali del consorzio, e dall'altro, di poter lavorare con noi in maniera efficace mantenendo gli standard elevati che ci siamo posti. Non abbiamo insomma lanciato l'alleanza per raccogliere nuovi membri, ma per consolidare ed espandere i nostri mercati offrendo soluzioni e supporto di alto livello. Incontrare persone e aziende come noi durante il cammino non potrà comunque che farci piacere".
21 Commenti alla Notizia Sei aziende europee unite dall'open source
Ordina
  • Basta che facciano ricavi nei servizi offerti a valore aggiunto RISPETTANDO l'Open Sourcee la GPL.
    In quest' ottica, i tempi sono maturi perla nascita di queste nuoce imprese.
    Alla faccia dei detrattori dell'Open Source. Questi sì che son destinati a sparire sia pur ancora lentamente.
    non+autenticato

  • ... è che gli accaniti detrattori dell'open source si stanno letteralmente kakando sotto dalla paura di perdere il loro posto di lavoro.

    Non capisco altrimenti tutto questo accanimento in negativo verso un fenomeno tanto bello e unico nel suo genere nella storia dell'umanità.

    Quello che credo è che questi accaniti antiopensourcini (e molto probabilmente azionisti micro$oft) hanno una fifa boia di non riuscire più a essere competitivi !

    Si, perchè si sa che in genere i prodotti OS sono migliori sotto tutti i punti di vista rispetto alle alernative commerciali, e che molto spesso non sono neanche tanto facili da configurare per un novizio come queste persone sono.

    Facciamo un esempio banale banale, prendiamo un qualsiasi server:

    Situazione windos: il nostro cosidetto "sistemista" (con 3 mesi di esperienza casalinga su windows 2000 server copiato dal cugggino) si spaccia per super esperto, clicka qui, clicka li e qualcosa combina.

    Situazione *nix: il nostro cosidetto "sistemista" (con 3 mesi di esperienza casalinga su windows 2000 server copiato dal cugggino) si spaccia per super esperto, si trova davanti a una shell con relativo cursore lampeggiante, gli compare un punto di domanda sopra la testa, muove il mouse e non succede niente, preme il tasto windos della tastiera e non succede niente, scrive "dir" e preme enter e miracolosamente vede un elenco di file, scrive "d:" e gli viene restituiro "command not found", comincia a sudare, diventa rosso e agitato, il capo dal dietro comincia a porsi domande su chi ha assunto, tempo una settimana e lo licenzia per inettitudine e incompatibilità con l'informatica.

    Solo paura signori, solo paura.

    E io ci godrò un mondo fra qualche anno quando i server windos saranno una minoranza e ci saranno a spasso un sacco di venditori di fumo !

    Solo paura signori, solo paura.
    non+autenticato

  • scusate, banale errore di battitura.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > ... è che gli accaniti detrattori dell'open
    > source si stanno letteralmente kakando sotto
    > dalla paura di perdere il loro posto di
    > lavoro.
    >
    > Non capisco altrimenti tutto questo
    > accanimento in negativo verso un fenomeno
    > tanto bello e unico nel suo genere nella
    > storia dell'umanità.

    È come chiedersi perchè 200 anni fa c'era gente che criticava la democrazia, "non funzionerà mai, come si può prendere una decisione collettiva, non ci sarà mai un'accordo, solo la monarchia può reggere uno stato".
    È come chiedersi come mai c'è gente che difende le dittature contro la democratizzazione (att. non stò parlando specificamente dell'Irak anche se ne faceva parte).
    È come chiedersi come mai c'era gente che difendeva in maniera sviscerata l'URSS.
    È come chiedersi come mai c'è gente che difende con le bombe il fondamentalismo islamico che altro non è che un ritorno alle dittature religiose dei tempi oscuri.

    O hanno degli interessi economici, o sono ignoranti.

    Non esiste altra spiegazione.

    Ci sono delle cose bellissime e delle cose bruttissime che accadono nel mondo e si troverà sempre qualcuno per difendere a spada tratta le cose bellissime e le cose bruttissime.
    L'internet è una cosa bellissima perchè permette alla gente di comunicare e porta il sistema democratico ad una dimensione più elevata. C'è chi è contro e lotta per censurare il net.
    L'Open Source è una cosa bellissima perchè permette alla gente di collaborare per ottenere del software. Un modo democratico di produrre software e di scambiare idee sfruttando quel mezzo globale e mondializzato (uso apposta questi termini) che è l'internet (una delle buone cose che ci ha portato la mondializzazione). C'è chi è contro e lotta per censurare questa collaborazione tra cittadini liberi.

    Non si rendono conto che è come lottare contro la democrazia, alcuni dittatori lo stanno facendo e hanno il potere dalla loro parte, nei paesi liberi invece è una cosa impossibile da fare salvo varare leggi al limite della dittatura e che impediscono così il discorso civile e democratico. E c'è pure chi lotta per far nascere queste leggi.

    Io cerco di fare "propaganda" per le cose bellissime (democrazia, libertà, collaborazione, ...) e per far capire dove sono le cose bruttissime (dittatura, schiavitù, isolazionismo, ...), ma il problema è che c'è chi fa la lotta contraria.

    > Quello che credo è che questi accaniti
    > antiopensourcini (e molto probabilmente
    > azionisti micro$oft) hanno una fifa boia di
    > non riuscire più a essere competitivi !
    >
    > Si, perchè si sa che in genere i prodotti OS
    > sono migliori sotto tutti i punti di vista
    > rispetto alle alernative commerciali, e che
    > molto spesso non sono neanche tanto facili
    > da configurare per un novizio come queste
    > persone sono.
    >
    > Facciamo un esempio banale banale, prendiamo
    > un qualsiasi server:
    >
    > Situazione windos: il nostro cosidetto
    > "sistemista" (con 3 mesi di esperienza
    > casalinga su windows 2000 server copiato dal
    > cugggino) si spaccia per super esperto,
    > clicka qui, clicka li e qualcosa combina.
    >
    > Situazione *nix: il nostro cosidetto
    > "sistemista" (con 3 mesi di esperienza
    > casalinga su windows 2000 server copiato dal
    > cugggino) si spaccia per super esperto, si
    > trova davanti a una shell con relativo
    > cursore lampeggiante, gli compare un punto
    > di domanda sopra la testa, muove il mouse e
    > non succede niente, preme il tasto windos
    > della tastiera e non succede niente, scrive
    > "dir" e preme enter e miracolosamente vede
    > un elenco di file, scrive "d:" e gli viene
    > restituiro "command not found", comincia a
    > sudare, diventa rosso e agitato, il capo dal
    > dietro comincia a porsi domande su chi ha
    > assunto, tempo una settimana e lo licenzia
    > per inettitudine e incompatibilità con
    > l'informatica.
    >
    > Solo paura signori, solo paura.
    >
    > E io ci godrò un mondo fra qualche anno
    > quando i server windos saranno una minoranza
    > e ci saranno a spasso un sacco di venditori
    > di fumo !
    >
    > Solo paura signori, solo paura.

    Si, paura di perdere la loro posizione dominante data dall'ignoranza e dalle limitazioni imposte alla gente comune.
    Gli stessi vantaggi che hanno gli uomini di potere in una dittatura.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > ... è che gli accaniti detrattori
    > dell'open
    > > source si stanno letteralmente kakando
    > sotto
    > > dalla paura di perdere il loro posto di
    > > lavoro.
    > >
    > > Non capisco altrimenti tutto questo
    > > accanimento in negativo verso un fenomeno
    > > tanto bello e unico nel suo genere nella
    > > storia dell'umanità.
    >
    > È come chiedersi perchè 200 anni fa c'era
    > gente che criticava la democrazia, "non
    > funzionerà mai, come si può prendere una
    > decisione collettiva, non ci sarà mai
    > un'accordo, solo la monarchia può reggere
    > uno stato".
    > È come chiedersi come mai c'è gente che
    > difende le dittature contro la
    > democratizzazione (att. non stò parlando
    > specificamente dell'Irak anche se ne faceva
    > parte).
    > È come chiedersi come mai c'era gente che
    > difendeva in maniera sviscerata l'URSS.
    > È come chiedersi come mai c'è gente che
    > difende con le bombe il fondamentalismo
    > islamico che altro non è che un ritorno alle
    > dittature religiose dei tempi oscuri.
    >
    > O hanno degli interessi economici, o sono
    > ignoranti.
    >
    > Non esiste altra spiegazione.
    >
    > Ci sono delle cose bellissime e delle cose
    > bruttissime che accadono nel mondo e si
    > troverà sempre qualcuno per difendere a
    > spada tratta le cose bellissime e le cose
    > bruttissime.
    > L'internet è una cosa bellissima perchè
    > permette alla gente di comunicare e porta il
    > sistema democratico ad una dimensione più
    > elevata. C'è chi è contro e lotta per
    > censurare il net.
    > L'Open Source è una cosa bellissima perchè
    > permette alla gente di collaborare per
    > ottenere del software. Un modo democratico
    > di produrre software e di scambiare idee
    > sfruttando quel mezzo globale e
    > mondializzato (uso apposta questi termini)
    > che è l'internet (una delle buone cose che
    > ci ha portato la mondializzazione). C'è chi
    > è contro e lotta per censurare questa
    > collaborazione tra cittadini liberi.
    >
    > Non si rendono conto che è come lottare
    > contro la democrazia, alcuni dittatori lo
    > stanno facendo e hanno il potere dalla loro
    > parte, nei paesi liberi invece è una cosa
    > impossibile da fare salvo varare leggi al
    > limite della dittatura e che impediscono
    > così il discorso civile e democratico. E c'è
    > pure chi lotta per far nascere queste leggi.
    >
    > Io cerco di fare "propaganda" per le cose
    > bellissime (democrazia, libertà,
    > collaborazione, ...) e per far capire dove
    > sono le cose bruttissime (dittatura,
    > schiavitù, isolazionismo, ...), ma il
    > problema è che c'è chi fa la lotta
    > contraria.
    >
    > > Quello che credo è che questi accaniti
    > > antiopensourcini (e molto probabilmente
    > > azionisti micro$oft) hanno una fifa boia
    > di
    > > non riuscire più a essere competitivi !
    > >
    > > Si, perchè si sa che in genere i prodotti
    > OS
    > > sono migliori sotto tutti i punti di vista
    > > rispetto alle alernative commerciali, e
    > che
    > > molto spesso non sono neanche tanto facili
    > > da configurare per un novizio come queste
    > > persone sono.
    > >
    > > Facciamo un esempio banale banale,
    > prendiamo
    > > un qualsiasi server:
    > >
    > > Situazione windos: il nostro cosidetto
    > > "sistemista" (con 3 mesi di esperienza
    > > casalinga su windows 2000 server copiato
    > dal
    > > cugggino) si spaccia per super esperto,
    > > clicka qui, clicka li e qualcosa combina.
    > >
    > > Situazione *nix: il nostro cosidetto
    > > "sistemista" (con 3 mesi di esperienza
    > > casalinga su windows 2000 server copiato
    > dal
    > > cugggino) si spaccia per super esperto, si
    > > trova davanti a una shell con relativo
    > > cursore lampeggiante, gli compare un punto
    > > di domanda sopra la testa, muove il mouse
    > e
    > > non succede niente, preme il tasto windos
    > > della tastiera e non succede niente,
    > scrive
    > > "dir" e preme enter e miracolosamente vede
    > > un elenco di file, scrive "d:" e gli viene
    > > restituiro "command not found", comincia a
    > > sudare, diventa rosso e agitato, il capo
    > dal
    > > dietro comincia a porsi domande su chi ha
    > > assunto, tempo una settimana e lo licenzia
    > > per inettitudine e incompatibilità con
    > > l'informatica.
    > >
    > > Solo paura signori, solo paura.
    > >
    > > E io ci godrò un mondo fra qualche anno
    > > quando i server windos saranno una
    > minoranza
    > > e ci saranno a spasso un sacco di
    > venditori
    > > di fumo !
    > >
    > > Solo paura signori, solo paura.
    >
    > Si, paura di perdere la loro posizione
    > dominante data dall'ignoranza e dalle
    > limitazioni imposte alla gente comune.
    > Gli stessi vantaggi che hanno gli uomini di
    > potere in una dittatura.

    non confondere la politica con l'economia... quest'ultima si basa sempre sulla stessa legge preistorica: il baratto

    ... ciò che è prodotto gratis non porta sviluppo (vedi i portali gratis ridimensionati e costretti a guadagnare con i dialer spazzatura...)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    ...
    > ... ciò che è prodotto gratis non porta
    > sviluppo (vedi i portali gratis
    > ridimensionati e costretti a guadagnare con
    > i dialer spazzatura...)

    Infatti tutta la scienza da 2000 anni ad oggi è sempre stata a pagamento.

    no?

    ah, è vero, è da sempre stata gratuita e come volevasi dimostrare non ha mai portato sviluppo.

    È grazie allo scambio di idee e di informazioni che si ottiene lo sviluppo, non chiudendosi in una cassaforte.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    ...
    > non confondere la politica con l'economia...
    > quest'ultima si basa sempre sulla stessa
    > legge preistorica: il baratto
    ...

    Perchè secondo te l'economia e la politica sono qualcosa di diverso? Ti faccio notare che tutte le scelte politiche fatte oggi sono guidate da ragioni economiche.

    Visto che il problema sono proprio le leggi oggi varate dalla politica, mi pare ovvio che si debbano cercare sia delle ragioni politiche sia economiche.
    non+autenticato
  • > O hanno degli interessi economici, o sono ignoranti.
    >
    > Non esiste altra spiegazione.

    esiste: non hanno nulla di meglio da fare e ci fanno perdere tempo a discutere dei driver per le webcam philips
    ( http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=3818... ), facendo finta di non sapere che l'open source significa molto di più.

    godzilla

  • >>esiste: non hanno nulla di meglio da fare e ci fanno perdere tempo a discutere dei driver per le webcam philips
    punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=381809 , facendo finta di non sapere che l'open source significa molto di più.
    godzilla


    certi intrallazzi della linux-cupola è meglio tenerli nascosti e non discuterli eh?

    Fingendo di ignorare che oggi si tratta di un insulso driver di una webcam ma che il problema di fondo vale per qualunque driver possa servire in futuro ad un'incauto utente linux.

    Alla faccia dell'apertura alla condivisione delle risorse così sbandierata dalla comunità linux....

    Tamerlano







    non+autenticato

  • - Scritto da: godzilla
    > > O hanno degli interessi economici, o sono
    > ignoranti.
    > >
    > > Non esiste altra spiegazione.
    >
    > esiste: non hanno nulla di meglio da fare e
    > ci fanno perdere tempo a discutere dei
    > driver per le webcam philips
    > (
    > http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid
    >
    > godzilla

    In pratica mi dici che la loro è solo un'ignoranza simulata.

    Inoltre non credo che il Tamerlano sia così intelligente da essere capace di simulare, per me quello è ignorante e basta.

    Forse parli degli altri? Sorride
    non+autenticato
  • Sei aziende di grosso calibro, che riescono a guadagnare vendendo prodotti open source, sono curioso di sentire i soliti tremarelli... cosa sono queste sei aziende? Una manica di nerd brufolosi, o una manica di scrocconi?

    Oppure c'è gente che riesce a guadagnare producendo open source?
    non+autenticato
  • Red hat? non mi pare stia chiudendo, IBM? chi sa come mai investe in linux, SUSE?
    non+autenticato
  • OpenSource qui, opensource la, ma usano lo strachiuso Java.
    Vai a vedere e hanno il sito in Flash.
    Versione HTML ? Nada, ti devi mettere il plugin.
    Evviva gli standard aperti. Dato che chiacchierano di XML perchè non una soluzione XSLT ? Troppi tecnicismi ?
    Che dire, finchè fanno chiasso mi va bene, mi va meno bene quando qualsiasi idiota segue l'onda per moda.
    Ma intanto se ne parla, e si sopporta.
    Ma non durerà per sempre. Quando finirà la buzzword resterà solo chi ci ha creduto davvero e *nel silenzio* lavora sodo senza tentare di vendere qualcosa con l'aiuto della pubblicità.

    Solo un piccolissimo sfogo + 0.2 eurocents, scusate.
    non+autenticato
  • Piu' pragmatismo figlioli.
    Ricordate che il primo nemico della diffusione dell'open source e il radicalismo. La strada termina con un bivio: un open source contiguo con alcune tecnologie proprietarie e che puo' convivere con software chiusi oppure - l'altra strada - un vicolo cieco.
    Saluti
    Prospero
    non+autenticato
  • chi sei nostradamus dei poveri?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Piu' pragmatismo figlioli.
    > Ricordate che il primo nemico della
    > diffusione dell'open source e il
    > radicalismo. La strada termina con un bivio:
    > un open source contiguo con alcune
    > tecnologie proprietarie e che puo' convivere
    > con software chiusi oppure - l'altra strada
    > - un vicolo cieco.

    Ma che pragmatismo.
    Non posso avere una bicicletta chiamarla automobile e tentare di venderla come tale.
    Se la tua azienda si stima per il supporto agli standard devi darmi l'alternativa HTML a Flash, non mi importa che poi il tuo sito sia in Java, Flash o foobar, ma la possibilità di vederlo se non ho flash la devi fare.
    Questo non è 'opensource', è cervello
    non+autenticato
  • > Piu' pragmatismo figlioli.
    > Ricordate che il primo nemico della
    > diffusione dell'open source e il
    > radicalismo. La strada termina con un bivio:
    > un open source contiguo con alcune
    > tecnologie proprietarie e che puo' convivere
    > con software chiusi oppure - l'altra strada
    > - un vicolo cieco.

    Questo a parole, poi nei fatti sai che succede dietro le quinte della "dirigenza" Linux?

    Te lo spiego in due parole. Hai presente le webcam Philips?
    Philips ha realizzato un driver per Linux (pwcx.o) in formato binario e non open.
    Questo per fare un regalo ai clienti Philips che desiderano usare le webcam Philips su Linux.
    Philips ha ritenuto legittimamente di non licenziare sotto GPL il suo driver ,è un suo diritto no?, lei ci ha messo i soldi.

    Ora, il gruppo di bambinoni che sovraintende alle decisioni strategiche sul kernel ha deciso che se di modulo viene fornito solo il binario, esso non può accedere alle risorse messe a disposizione dai moduli GPL del kernel !

    Come dire, voi non ci date i sorgenti dei vostri giocattoli? E noi non vi facciamo usare i nostri giocattoli così imparate ! Tie! Tie! Tie!

    Della serie: asilo infantile , l'unico che ci rimette è l'utente che così non può usare di fatto i driver non GPL.

    Bella storia vero? In extremis, grazie all'intervento del papà Linus Torvalds, i bambinoni sono stati convinti a permettere l'accesso almeno alle funzioni finora scritte nel kernel.
    Ma le nuove funzionalità che verranno aggiunte in futuro non potranno essere utilizzate da moduli non GPL.

    Alla faccia della convivenza tra open e close !!!!

    Tamerlano


































    non+autenticato
  • Fai falsa informazione, i bambinoni del kernel come li chiami tu, si sono giustamente rotti le balle di vedere segnalazioni su segnalazioni di moduli closed che vanno ad introiare il kernel perche' scritti col culo, quindi giustamente segano le gambe a detti moduli di cui non hanno i sorgenti, e mi pare piu' che giusto e logico, tu mi dai una scatola nera che mi assicuri giuri e spergiuri fa' questo ed io non posso guardarci dentro per vedere se contiene una bomba? come minimo la isolo dal resto del sistema

    Tamerlo, su ritenta che sarai piu' fortunato


    Phlips con i suoi pezzi di software fa' quel che diamine vuole, e' un suo diritto, pero' non puo'pretendere che io mi fidi ciecamente di lei, d'altronde il kernel e' scritto dai bambinoni? avranno pure loro il diritto di fare quel che diamine vogliono?

    Aggiungo, fanno benissimo, cosi' gli utenti linux sanno che tale wbcam non e' adatta, cosi' si rivolgeranno altrove, e phlips vendera' meno telecamere, non gliene frega nulla? meglio cosi'!

    Io non capisco, ora che le quote di linux stanno salendo, le aziende ancora li' a non dare le SPECIFICHE delle periferiche, ma diamine, non ho chiesto i progetti ho chiesto di sapere COME FUNZIONA! addirittura me lo scrivo io il driver eche diamine

    a livello di cronaca, l'implementazione di ipx/spx e' stata fatta a botte di sniffing del protocollo poiche la casa che impiega tale protocollo, non le volle rilasciare, guarda caso detta casa oggi supporta linux chi e'? cerca ipx/spx e lo scoprirai
    DuDe
    896

  • - Scritto da: DuDe
    > Fai falsa informazione, i bambinoni del
    > kernel come li chiami tu, si sono
    > giustamente rotti le balle di vedere
    > segnalazioni su segnalazioni di moduli
    > closed che vanno ad introiare il kernel

    Ma come ...il kernel di Linux che viene introiato da un driver per una webcam?


    non+autenticato
  • Da qualunque driver per hardware, visto che deve accedere all hardware per forza di cose non puo' essere troppo controllato, ma e' una cosa comune a tutti i S.O. quando hai a che fare con l'hardware e programmi da cani, introi il s.o.
    DuDe
    896
  • - Scritto da: DuDe
    > Fai falsa informazione, i bambinoni del
    > kernel come li chiami tu, si sono
    > giustamente rotti le balle di vedere
    > segnalazioni su segnalazioni di moduli
    > closed che vanno ad introiare il kernel
    > perche' scritti col culo, quindi giustamente
    > segano le gambe a detti moduli di cui non
    > hanno i sorgenti, e mi pare piu' che giusto
    > e logico, tu mi dai una scatola nera che mi
    > assicuri giuri e spergiuri fa' questo ed io
    > non posso guardarci dentro per vedere se
    > contiene una bomba? come minimo la isolo dal resto del sistema

    L'informazione è corretta e pertinente, prova ad informarti.
    La tua obiezione sembra partire proprio dalla banda della bimbo-dirigenza linux:

    che significa che vuoi guardarci dentro?
    se ti fornisco il binario significa che ti metto a disposizione i metodi per accedere al driver in modo tale che tu possa trattarlo come una scatola nera richiamabile dal kernel.

    Rispettando il fatto che io ho speso soldi per lo sviluppo e ti vendo l'auto, non i progetti industriali per realizzarla. Furbo eh?

    Puoi avvertirmi, (come del resto già succede in modo abbastanza irritante peraltro), che il modulo non è GPL, e puoi evitare di inserirlo nel già voluminoso package del kernel, ma come fai a giustificare il fatto di vietarmi di poter accedere a quel modulo esterno se non ne ho i sorgenti?

    E' la tua religione che ti impone di condividere i sorgenti, non la mia, io ti faccio condividere il prodotto finale, ma il sorgente non te lo posso dare perchè devo ammortare il costo di sviluppo.
    Allora come pensi di far convivere in modo produttivo il mondo open con il mondo closed?

    Il topic è incentrato essenzialmente su questo, e i linux-bambinoni predicano bene ma razzolano male, come puoi vedere.

    Linux non gradisce i binari? Bene, vorrà dire che Philips non spenderà neanche un centesimo per scrivere nuovi drivers. E forse gli conviene pure , considerando che gli utenti desktop Linux interessati non gli coprirebbero nemmeno il costo di sviluppo...

    Anzi, fra un po' vorranno pure gli schemi elettrici della webcam con tanto di files su CD.....

    Tamerlano










    >
    > Tamerlo, su ritenta che sarai piu' fortunato
    >
    >
    > Phlips con i suoi pezzi di software fa' quel
    > che diamine vuole, e' un suo diritto, pero'
    > non puo'pretendere che io mi fidi ciecamente
    > di lei, d'altronde il kernel e' scritto dai
    > bambinoni? avranno pure loro il diritto di
    > fare quel che diamine vogliono?
    >
    > Aggiungo, fanno benissimo, cosi' gli utenti
    > linux sanno che tale wbcam non e' adatta,
    > cosi' si rivolgeranno altrove, e phlips
    > vendera' meno telecamere, non gliene frega
    > nulla? meglio cosi'!
    >
    > Io non capisco, ora che le quote di linux
    > stanno salendo, le aziende ancora li' a non
    > dare le SPECIFICHE delle periferiche, ma
    > diamine, non ho chiesto i progetti ho
    > chiesto di sapere COME FUNZIONA! addirittura
    > me lo scrivo io il driver eche diamine
    >
    > a livello di cronaca, l'implementazione di
    > ipx/spx e' stata fatta a botte di sniffing
    > del protocollo poiche la casa che impiega
    > tale protocollo, non le volle rilasciare,
    > guarda caso detta casa oggi supporta linux
    > chi e'? cerca ipx/spx e lo scoprirai
    non+autenticato