Cristina Sciannamblo

Nucleare, anche Mr Amazon nella partita

Jeff Bezos avrebbe investito quasi 20 milioni di dollari in una startup specializzata nello sviluppo di un particolare tipo di fusione nucleare. Un progetto ambizioso e soprattutto verde

Roma - Dopo Bill Gates, un altro protagonista assoluto dell'Information Technology ha deciso di investire di tasca propria nel nucleare. Jeff Bezos, fondatore e CEO di Amazon, ha puntato sulla fusione nucleare, destinando 19,5 milioni di dollari alla startup General Fusion.

Quest'ultima è al lavoro per sviluppare energia di fusione ovvero una fonte energetica potente e pulita. In particolare, l'azienda starebbe cercando di creare la propria versione di Magnetized target fusion (MTF), che prevede l'impiego di centinaia di pistoni meccanici che guidano un'onda d'urto verso una miscela di piombo-litio intorno a un plasma di isotopi di idrogeno. Sebbene il processo sia tecnicamente eseguibile, sarebbe alquanto difficile da realizzare nella realtà. General Fusion spera di costruire un modello dimostrativo nel 2013.

Bezos avrebbe preso parte al progetto attraverso Bezos Expeditions, società di proprietà personale del patron di Amazon. Il denaro in arrivo dovrebbe permettere di conlcudere la prima parte del programma di sviluppo.
Si tratta, di certo, di un piano ambizioso. Ci si propone, infatti, di sostituire l'attuale processo di produzione di energia nucleare che utilizza il metodo della fissione, basato sulla divisione degli atomi che rilasciano energia sotto forma di calore. La fusione prevede, invece, due o più atomi di idrogeno fusi fino a creare l'elio. Un processo, sostengono i tecnici, potenzialmente non pericoloso e non in grado di creare disastri come accaduto a Fukushima.

Cristina Sciannamblo
Notizie collegate
33 Commenti alla Notizia Nucleare, anche Mr Amazon nella partita
Ordina
  • deuterio= 1 protone , 1 neutrone
    trizio= 1 protone , 2 neutroni

    deuterio + trizio= elio

    elio = 2 protoni , 2 neutroni

    caspita avanza un neutrone, e quello cosa fa?
    non+autenticato
  • - Scritto da: pietro
    > deuterio= 1 protone , 1 neutrone
    > trizio= 1 protone , 2 neutroni
    >
    > deuterio + trizio= elio
    >
    > elio = 2 protoni , 2 neutroni
    >
    > caspita avanza un neutrone, e quello cosa fa?

    E=mc2
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacBoy
    > - Scritto da: pietro
    > > deuterio= 1 protone , 1 neutrone
    > > trizio= 1 protone , 2 neutroni
    > >
    > > deuterio + trizio= elio
    > >
    > > elio = 2 protoni , 2 neutroni
    > >
    > > caspita avanza un neutrone, e quello cosa fa?
    >
    > E=mc2

    no non è da lì che viene l'energia, quel neutrone irradia l'impianto rendendo radiattivo ( si formano isotopi instabili che poi decadono) il contenitore dove avviene la fusione
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacBoy
    > - Scritto da: pietro
    > > deuterio= 1 protone , 1 neutrone
    > > trizio= 1 protone , 2 neutroni
    > >
    > > deuterio + trizio= elio
    > >
    > > elio = 2 protoni , 2 neutroni
    > >
    > > caspita avanza un neutrone, e quello cosa fa?
    >
    > E=mc2

    No!
    Vedi che non sai di cosa parli? Ma neanche una ricerchina su wikipedia sai fare...
    http://it.wikipedia.org/wiki/Fusione_nucleare
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    Funz
    13017
  • - Scritto da: Funz
    > - Scritto da: MacBoy
    > > - Scritto da: pietro
    > > > deuterio= 1 protone , 1 neutrone
    > > > trizio= 1 protone , 2 neutroni
    > > >
    > > > deuterio + trizio= elio
    > > >
    > > > elio = 2 protoni , 2 neutroni
    > > >
    > > > caspita avanza un neutrone, e quello cosa fa?
    > >
    > > E=mc2
    >
    > No!
    > Vedi che non sai di cosa parli? Ma neanche una
    > ricerchina su wikipedia sai
    > fare...
    > http://it.wikipedia.org/wiki/Fusione_nucleare
    > [img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons

    Ah, pensavo che la massa trasformata in energia fosse quel neutrone (non ho capito benissimo QUALE massa viene trasformata in energia, a questo punto).

    Allora quel neutrone in giro mi sa che fa male. Ecco perchè il Tokamak all'Enea aveva una porta spessa tipo 5 metri in calcestruzzo...
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacBoy
    ..(non ho capito benissimo
    > QUALE massa viene trasformata in energia, a
    > questo
    > punto).

    se sommi i pesi atomici di trizio e del deuterio e sottrai quelli dell'elio e il peso del neutrone ti avanza della massa, quella è l'energia che ottieni dalla fusione
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacBoy
    > [img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons
    >
    > Ah, pensavo che la massa trasformata in energia
    > fosse quel neutrone (non ho capito benissimo
    > QUALE massa viene trasformata in energia, a
    > questo
    > punto).

    Non è intuitivo, ma quando due nuclei si fondono o un nucleo si scinde, c'è una differenza di massa tra le sostanze di partenza ed i prodotti, anche se il numero di nucleoni non cambia.
    Questa massa è convertita in energia nella reazione nucleare, come si sa e=mc^2
    http://en.wikipedia.org/wiki/Binding_energy#Mass_d...


    > Allora quel neutrone in giro mi sa che fa male.
    > Ecco perchè il Tokamak all'Enea aveva una porta
    > spessa tipo 5 metri in
    > calcestruzzo...

    Proprio così, i neutroni rendono radioattivi i materiali metallici del reattore. I tempi di decadimento non sono comunque paragonabili a quelli delle scorie delle centrali a fissione.


    cacchio, mi stai facendo perdere un mucchio di tempo sul wiki, è tutta colpa tuaCon la lingua fuori
    peraltro la voce en è molto più completa
    http://en.wikipedia.org/wiki/Nuclear_fusion
    Se non altro non devo andare a cercare in cantina di mia mamma i libri di FisicaCon la lingua fuori
    Funz
    13017
  • - Scritto da: Funz
    > Proprio così, i neutroni rendono radioattivi i
    > materiali metallici del reattore. I tempi di
    > decadimento non sono comunque paragonabili a
    > quelli delle scorie delle centrali a
    > fissione.

    Attivano tutto. Sono molto meno "pulite" di quanto si pensi. Non c'è tutto questo vantaggio rispetto alla fissione, su quello.
    non+autenticato
  • - Scritto da: pietro
    > deuterio= 1 protone , 1 neutrone
    > trizio= 1 protone , 2 neutroni
    >
    > deuterio + trizio= elio
    >
    > elio = 2 protoni , 2 neutroni
    >
    > caspita avanza un neutrone, e quello cosa fa?

    hai scoperto la fusione nucleare! Sorride
    non+autenticato
  • Tipolo
    Jeff Bezos avrebbe</> investito quasi 20 milioni di dollari in una startup specializzata nello sviluppo di un particolare tipo di fusione nucleare. Un progetto ambizioso e soprattutto verde

    "avrebbe" o "ha"?

    testo
    eff Bezos, fondatore e CEO di Amazon, ha puntato sulla fusione nucleare, destinando 19,5 milioni di dollari alla startup General Fusion.

    ah, quindi "ha".

    andiamo avanti:
    In particolare, l'azienda starebbe cercando

    "Starebbe" o "sta"?

    ed infine:

    Bezos avrebbe preso parte al progetto attraverso
    "avrebbe" o "ha"?

    Ma cristina, perche' sei cosi ondivaga? Ti danno fastidio le certezze? ti hanno detto "stai nel vago che non si sa mai"? sei affezionata fin dalle elementari al condizionale? Non ti va di prendere posizione?

    Parla, apriti, confidati e risolveremo insieme il problema.
    non+autenticato
  • mi sembra l'unico tipo di fusione nucleare che sia realisticamente fattibile allo stato attuale
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > mi sembra l'unico tipo di fusione nucleare che
    > sia realisticamente fattibile allo stato
    > attuale

    Bellissimo tutte quelle bielle e pistoni Rotola dal ridere
    Roba steampunk, altro che ITER.
  • - Scritto da: Ginoy PC
    > - Scritto da: collione
    > > mi sembra l'unico tipo di fusione nucleare che
    > > sia realisticamente fattibile allo stato
    > > attuale
    >
    > Bellissimo tutte quelle bielle e pistoni Rotola dal ridere
    > Roba steampunk, altro che ITER.

    In realtà i "pistoni" meccanici sarebbero delle membrane vibranti, molto più simili a un subwoofer che a una locomotiva a vaporeCon la lingua fuori
    Qualcosa di simile esiste già nei grandi telescopi ad ottica adattativa, dove la geometria della lente è modificata in tempo reale per compensare il tremolio atmosferico.

    Comunque la sonoluminescenza sta molto in basso nella scala della considerazione scientifica, pericolosamente vicina al livello "bufala" se non proprio oltre.
    Funz
    13017
  • La fusione nucleare non ha lo scopo specifico di sostituire la fissione, non più di quanto voglia sostituire il petrolio. Non vi sono relazioni difatti dal punto di vista tecnologico: il carburante è diverso, il ciclo energetico è diverso. La caratteristica principale del nucleare fissile è il costante rendimento che lo rende poco conveniente per via dell'energia prodotta anche di notte, la fusione nucleare invece potrebbe essere "accesa" o "spenta" quando si vuole (almeno in teoria).

    Non è sostituitivo alla fissione in particolare, se funziona è sostitutivo ad ogni forma di produzione energetica.
    non+autenticato
  • www.iter.org...

    Anche questi fanno sul serio!
  • - Scritto da: fox82i
    > www.iter.org...
    >
    > Anche questi fanno sul serio!

    Iter è un mega-progetto internazionale a cui partecipa anche l'Italia.
    Dovrà essere il primo apparato di fusione a confinamento magnetico con output positivo, ma... è già costato e costerà TANTISSIMO, ci vorranno ancora almeno una decina di anni per avere i primi risultati, e non produrrà comunque energia utile, è solo un impianto Demo.

    Ammesso che riescano a farlo funzionare, per avere una centrale a fusione che produrrà elettricità usabile si parla di almeno 60 anni.

    Il bello è che 60 anni fà di parlava di 20 anni. E la stima è rimasta più o meno uguale negli ultimi 50 anni (cioè sempre "fra 20 anni").

    La fusione a confinamento magnetico non è una cosa alla portata della nostra generazione. E, se mai arriverà, arriverà ben DOPO l'esaurimento dei combustibili fossili. Quindi è necessario qualcosa di più pratico nel frattempo, come la FISSIONE.
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacBoy
    > - Scritto da: fox82i
    > > www.iter.org...
    > >
    > > Anche questi fanno sul serio!
    >
    > Iter è un mega-progetto internazionale a cui
    > partecipa anche
    > l'Italia.
    > Dovrà essere il primo apparato di fusione a
    > confinamento magnetico con output positivo, ma...
    > è già costato e costerà TANTISSIMO, ci vorranno
    > ancora almeno una decina di anni per avere i
    > primi risultati, e non produrrà comunque energia
    > utile, è solo un impianto
    > Demo.
    >
    > Ammesso che riescano a farlo funzionare, per
    > avere una centrale a fusione che produrrà
    > elettricità usabile si parla di almeno 60
    > anni.
    >
    > Il bello è che 60 anni fà di parlava di 20 anni.
    > E la stima è rimasta più o meno uguale negli
    > ultimi 50 anni (cioè sempre "fra 20
    > anni").
    >
    > La fusione a confinamento magnetico non è una
    > cosa alla portata della nostra generazione. E, se
    > mai arriverà, arriverà ben DOPO l'esaurimento dei
    > combustibili fossili. Quindi è necessario
    > qualcosa di più pratico nel frattempo, come la
    > FISSIONE.

    anche la fusione fredda è alla portata della nostra generazione

    http://www.rainews24.rai.it/ran24/inchieste/191020....

    evidentemente qualcuno pensa che prima debbano finire i combustibili fossili
    non+autenticato
  • - Scritto da: max
    > anche la fusione fredda è alla portata della
    > nostra
    > generazione
    >
    > http://www.rainews24.rai.it/ran24/inchieste/191020
    >
    > evidentemente qualcuno pensa che prima debbano
    > finire i combustibili
    > fossili

    Magari funzionasse davvero! Sarebbe l'ideale. In realtà sono abbastanza ottimista a riguardo. Molto meno però sull'impianto Focardi/Rossi di cui si parla tanto (quello sa TROPPO di bufala).
    http://www.lenr-canr.org/
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacBoy
    > - Scritto da: fox82i
    > > www.iter.org...
    > >
    > > Anche questi fanno sul serio!
    >
    > Iter è un mega-progetto internazionale a cui
    > partecipa anche
    > l'Italia.
    > Dovrà essere il primo apparato di fusione a
    > confinamento magnetico con output positivo, ma...
    > è già costato e costerà TANTISSIMO, ci vorranno
    > ancora almeno una decina di anni per avere i
    > primi risultati, e non produrrà comunque energia
    > utile, è solo un impianto
    > Demo.
    >
    > Ammesso che riescano a farlo funzionare, per
    > avere una centrale a fusione che produrrà
    > elettricità usabile si parla di almeno 60
    > anni.
    >
    > Il bello è che 60 anni fà di parlava di 20 anni.
    > E la stima è rimasta più o meno uguale negli
    > ultimi 50 anni (cioè sempre "fra 20
    > anni").
    >
    > La fusione a confinamento magnetico non è una
    > cosa alla portata della nostra generazione. E, se
    > mai arriverà, arriverà ben DOPO l'esaurimento dei
    > combustibili fossili. Quindi è necessario
    > qualcosa di più pratico nel frattempo, come la
    > FISSIONE.

    Quoto tutto tranne l'ultima affermazione, che è una stupidaggine immensa.
    Funz
    13017
  • - Scritto da: Funz
    > - Scritto da: MacBoy
    > > combustibili fossili. Quindi è necessario
    > > qualcosa di più pratico nel frattempo, come la
    > > FISSIONE.
    >
    > Quoto tutto tranne l'ultima affermazione, che è
    > una stupidaggine
    > immensa.

    Altre alternative realistiche nel medio periodo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacBoy
    > - Scritto da: Funz
    > > - Scritto da: MacBoy
    > > > combustibili fossili. Quindi è necessario
    > > > qualcosa di più pratico nel frattempo, come la
    > > > FISSIONE.
    > >
    > > Quoto tutto tranne l'ultima affermazione, che è
    > > una stupidaggine
    > > immensa.
    >
    > Altre alternative realistiche nel medio periodo?

    Te le ho già dette. Un mix di FV, solare termodinamico, eolico troposferico, microidro, geotermico a bassa e alta entalpia, biomasse, smart grid e accumulo in bacini idrici / aria compressa, RISPARMIO ENERGETICO.
    Più qualche tecnologia promettente tipo kitegen, supercaps,
    Più una drastica riduzione dei consumi di energia, materie prime e delle stron*ate che ci appesantiscono la vita e la bolletta. Che tanto la riduzione dell'energia disponibile è esattamente quello che ci aspetta nei prossimi anni, volenti o nolenti, e non sono quattro centrali nucleari nel 2030 a risolvere il problema.
    Funz
    13017
  • - Scritto da: Funz
    > Te le ho già dette. Un mix di FV, solare
    > termodinamico,

    Densità d'energia minima, efficienze globale ridicola (sotto il 10%).
    A meno che non lo metti nel Sahara. Ma poi come la porti da noi la corrente?
    E poi hai presente il Sahara? Alla prima tempesta di sabbia butti tutto.

    > eolico troposferico,

    Fantasia al momento
    (ce lo vedi un cavo alto 8-10km? Anzi centinaia? Sai quando si ingarbugliano... Ahah)

    >microidro,

    What?
    Se è micro non ci mandi avanti una nazione

    > geotermico a bassa e alta entalpia,

    Quanta energia ci fai?

    > biomasse,

    Cioè bruciamo la legna come gli antichi? Efficiente... e buono per la natura...
    (potrei capire se riescono a sfruttare le alghe, ma ancora non ho visto niente di pratico)

    > smart grid

    Non produce energia

    > e accumulo in bacini idrici /

    L'idroelettrico mi piaceva, sì. Pare però che l'Italia quello che poteva sfruttare l'ha sfruttato ormai. E ogni tanto una diga si rompe fa migliaia di morti. Sei convinto che sia più sicuro della fissione nucleare?

    > aria compressa,

    Ahah. Chi la comprime?
    Intenti quella che è nel tuo intestino?
    (in effetti c'è anche un sacco di metano dentro)...

    > RISPARMIO ENERGETICO.

    Fantasia. La gente ormai si compra i condizionatori anche a casa (una volta erano solo gli americani...) e i plasma da 50 pollici...

    > Più qualche tecnologia promettente tipo kitegen,
    > supercaps,

    Il primo vediamo (ma non ci spero molto), il secondo non conosco

    > Più una drastica riduzione dei consumi di
    > energia, materie prime e delle stron*ate che ci
    > appesantiscono la vita e la bolletta.

    Molta energia si spreca nel trasporto perché la importiamo da lontano (e indovina un pò? Generata con il nucleare).

    Io sarei per delle piccole centrali a fissione locali "usa e getta" intrinsecamente sicure. Tipo queste: http://www.hyperionpowergeneration.com/product.htm...

    > Che tanto
    > la riduzione dell'energia disponibile è
    > esattamente quello che ci aspetta nei prossimi
    > anni, volenti o nolenti, e non sono quattro
    > centrali nucleari nel 2030 a risolvere il
    > problema.

    Su questo sono d'accordo. Serve un approccio nuovo. Centrali più semplici ed economiche, ma fatte in serie, e soprattutto TANTE e non troppo lontane dalla zona di consumo.
    Tipo le citate, o sarebbe ancora meglio delle LFTR:
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacBoy

    Ripeto: hai pochissima competenza in ambito energetico, ti conviene iniziare ad informarti invece di ripetere luoghi comuni che potevano essere validi trent'anni fa ma oramai sono ampiamente superati dai fatti.

    > - Scritto da: Funz
    > > Te le ho già dette. Un mix di FV, solare
    > > termodinamico,
    >
    > Densità d'energia minima, efficienze globale
    > ridicola (sotto il 10%).

    Falso. Vatti a vedere quant'è l'efficienza di un impianto FV odierno.

    > A meno che non lo metti nel Sahara. Ma poi come
    > la porti da noi la
    > corrente?
    > E poi hai presente il Sahara? Alla prima tempesta
    > di sabbia butti
    > tutto.

    Mai sentito parlare del progetto Desertec. MAi sentito parlare di linee ad altissima tensione CC.
    Però tu ci vedi problemi che i tedeschi non vedono, perché non ti proponi come consulente?Con la lingua fuori


    > > eolico troposferico,
    >
    > Fantasia al momento
    > (ce lo vedi un cavo alto 8-10km? Anzi centinaia?
    > Sai quando si ingarbugliano...
    > Ahah)


    Mai sentito parlare del progetto kitegen, non sai che si parla di 800m - 2 km, non sai che i sistemi di controllo e comando sono sviluppati da un pezzo, e non sai a quale punto è l'impianto prototipo. Proponiti pure a loro come consulenteCon la lingua fuori

    > >microidro,
    >
    > What?
    > Se è micro non ci mandi avanti una nazione

    Nel mix può entrarci con una percentuale non trascurabile, come tutto il resto.

    > > geotermico a bassa e alta entalpia,
    >
    > Quanta energia ci fai?

    Tanta, informati. Mai sentito parlare di riscaldamento a pompa di calore.

    > > biomasse,
    >
    > Cioè bruciamo la legna come gli antichi?
    > Efficiente... e buono per la
    > natura...
    > (potrei capire se riescono a sfruttare le alghe,
    > ma ancora non ho visto niente di
    > pratico)

    Ovviamente il massimo che si può ottenere compatibilmente con le risorse boschive è limitato, tuttavia non è trascurabile

    > > smart grid
    >
    > Non produce energia

    No, ma permette di sfruttare fonti intermittenti per una percentuale molto più elevata.

    > > e accumulo in bacini idrici /
    >
    > L'idroelettrico mi piaceva, sì. Pare però che
    > l'Italia quello che poteva sfruttare l'ha
    > sfruttato ormai. E ogni tanto una diga si rompe
    > fa migliaia di morti. Sei convinto che sia più
    > sicuro della fissione
    > nucleare?

    Mai sentito parlare di accumulo idrico a doppio bacino, si potrebbero anche sfruttare le dighe già esistenti

    > > aria compressa,
    >
    > Ahah. Chi la comprime?
    > Intenti quella che è nel tuo intestino?
    > (in effetti c'è anche un sacco di metano
    > dentro)...

    Mai sentito parlare di storage energetico ad aria compressa.
    E meno male che non ti ho accennato a cose fantascientifiche come il magmagenCon la lingua fuori


    > > RISPARMIO ENERGETICO.
    >
    > Fantasia. La gente ormai si compra i
    > condizionatori anche a casa (una volta erano solo
    > gli americani...) e i plasma da 50
    > pollici...

    Ciccio col petrolio convenzionale in declino il condizionatore e il plasma da 50" dovrai tenerli spenti. Meglio che iniziate a farvene una ragione, io evito proprio di comprarli.

    > > Più qualche tecnologia promettente tipo kitegen,
    > > supercaps,
    >
    > Il primo vediamo (ma non ci spero molto), il
    > secondo non
    > conosco
    >
    > > Più una drastica riduzione dei consumi di
    > > energia, materie prime e delle stron*ate che ci
    > > appesantiscono la vita e la bolletta.
    >
    > Molta energia si spreca nel trasporto perché la
    > importiamo da lontano (e indovina un pò? Generata
    > con il
    > nucleare).

    Sarebbe opportuno spegnere prima le centrali nucleari francesi, e poi il nostro termoeletrico a carbone / petrolio.

    > Io sarei per delle piccole centrali a fissione
    > locali "usa e getta" intrinsecamente sicure. Tipo
    > queste:
    > http://www.hyperionpowergeneration.com/product.htm

    Questo mi pare molto fantascientifico, e dubito che qualche privato o PA sarebbe disposta a mettersi un robo del genere in giardino. Quante ne hanno già vendute?
    In quanto alla sicurezza intrinseca, mi permetto di dubitare. Se fonde il nocciolo seppure piccolo non c'è vessel stagno che tenga...


    > > Che tanto
    > > la riduzione dell'energia disponibile è
    > > esattamente quello che ci aspetta nei prossimi
    > > anni, volenti o nolenti, e non sono quattro
    > > centrali nucleari nel 2030 a risolvere il
    > > problema.
    >
    > Su questo sono d'accordo. Serve un approccio
    > nuovo. Centrali più semplici ed economiche, ma
    > fatte in serie, e soprattutto TANTE e non troppo
    > lontane dalla zona di
    > consumo.
    > Tipo le citate, o sarebbe ancora meglio delle
    > LFTR:
    > [img]http://energyfromthorium.com/forum/download/f

    Anche queste sono molto di là da venire, purtroppo. Spero che mi smentiscano coi fatti.
    Non capisco perché scarti le rinnovabili con tale veemenza, visto che corrispondono alla tua descrizione di fonti semplici, economiche e distribuite.
    Funz
    13017
  • Non mi va di rispondere punto per punto. Ma tutte le "soluzioni" da te citate sono o:

    1) estremamente più costose dello status quo (incluso il nucleare)
    2) estremamente meno efficienti (richiedono spazi enormi a parità di energia prodotta)
    3) incostanti e quindi inaffidabili (non ci puoi fare il carico di base)
    4) molto speculative (vedremo, ma ci vorranno decenni, se va bene)
    5) pura fantasia

    Quindi niente di pratico.

    P.S. E comunque non credo che tu sia il figlio di Rubbia, piuttosto mi sembri un sognatore.
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacBoy
    > Non mi va di rispondere punto per punto. Ma tutte
    > le "soluzioni" da te citate sono
    > o:
    >
    > 1) estremamente più costose dello status quo
    > (incluso il
    > nucleare)

    Il costo dell'energia è destinato ad aumentare parecchio, e a breve, quindi molte di queste diverranno economiche. Il FV è il più vicino alla grid parity.
    In quanto all'energia nucleare non è vero che è più economica, e l'ho spiegato più volte. A meno di non avere già le centrali costruite ai tempi del boom, ovviamente... ma pensare di costruirle da zero è un assurdo economicamente parlando.

    > 2) estremamente meno efficienti (richiedono spazi
    > enormi a parità di energia
    > prodotta)

    Tipo? Il kitegen? non è vero.
    Il FV può andare su tetti, capannoni, parcheggi, terreni improduttivi. L'eolico non pregiudica lo sfruttamento agricolo del territorio. Tante micro centrali a biomasse, idro, eccetera possono benissimo essere integrate nelle nostre città senza consumo di territorio.

    > 3) incostanti e quindi inaffidabili (non ci puoi
    > fare il carico di
    > base)
    > 4) molto speculative (vedremo, ma ci vorranno
    > decenni, se va
    > bene)
    > 5) pura fantasia
    >
    > Quindi niente di pratico

    Soliti discorsi che tirate fuori per scartare le rinnovabili a priori, tutti superati dai fatti.

    > P.S. E comunque non credo che tu sia il figlio di
    > Rubbia, piuttosto mi sembri un
    > sognatore.

    senti: io è da un bel pezzo che mi informo sull'argomento rinnovabili e sono ingegnere meccanico, quindi ho piena capacità di giudicare.
    Funz
    13017