Kazaa moltiplica la ricerca P2P

Le nuove funzionalità del software più popolare della rete non solo rendono più efficienti le attività di peering ma appaiono come un ulteriore schiaffo alle major, finora impotenti contro Sharman Networks

Roma - Un ulteriore schiaffo alle major del disco e del cinema che da anni inseguono inutilmente i produttori di Kazaa è rappresentato dall'annuncio con cui, nelle scorse ore, Sharman Networks ha presentato le funzionalità della nuova release del proprio software di peering.

Sharman Networks ha infatti aggiunto al software più scaricato della rete alcune funzionalità destinate a far imbestialire i detentori del diritto d'autore e del copyright, che vedono nel peer-to-peer di cui Kazaa è il principale motore, il nemico numero uno per il proprio business.

Tra le novità una semplificazione interessante dell'interfaccia di ricerca, sia per le ricerche "veloci" che per quelle "avanzate", e soprattutto la possibilità di gestire ricerche multiple attraverso tab dedicati ai risultati delle singole ricerche. Una funzionalità destinata ad interessare gli utenti P2P che desiderano trovare presto e subito i materiali di proprio interesse.
Aumentata anche la potenza del motore di ricerca. Secondo Sharman, infatti, ora una stessa ricerca può essere ripetuta, con maggiore raggio di ampiezza sui sistemi dei condivisori del peer-to-peer, fino a cinque volte, per ottenere un maggior numero di risultati.

Le altre novità sono minori, ma condiscono un software che pare venga scaricato ogni giorno 300mila volte in tutto il mondo. Tra queste, alcune funzionalità antivirus, nuove playlist, una nuova skin e un potenziamento delle funzionalità di browsing.

Tutte le informazioni, come sempre, sul sito della softwarehouse più ricercata del Web, Sharman Networks.
TAG: p2p
36 Commenti alla Notizia Kazaa moltiplica la ricerca P2P
Ordina

  • evviva il p2p
    ma abbasso la pedofilia!

    per combatterla leggete una procedura qui:

    http://www.newsland.it/nr/article/it.comp.software...

    --
    melomane
    non+autenticato
  • Ma guarda un po'!
    Personalmente mi fa orrore la pedofilia, ma la gente come te mi fa ribrezzo più dei pedofili. Essere un delatore e magari mettere nei guai un altro che , forse a sua insaputa, ha dei files di pedopornografia è da pena di morte.

    Vai a leccare gli sbirri , su da bravo Fido!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma guarda un po'!
    > Personalmente mi fa orrore la pedofilia

    meno male....

    > ma
    > la gente come te mi fa ribrezzo più dei
    > pedofili.

    Complimenti! sei stato appena eletto "testa di ca**o" del mese!

    > Essere un delatore e magari
    > mettere nei guai un altro che , forse a sua
    > insaputa, ha dei files di pedopornografia è
    > da pena di morte.
    >

    FORSE A SUA INSAPUTA!!!!!!??????? HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA!! Certo! Mò uno scarica solo per il gusto di farlo senza nemmeno guardare ciò che con tanta pazienza ha atteso di avere!!!! Ma vai in c**o demente!!

    > Vai a leccare gli sbirri , su da bravo Fido!

    E tu tornatene nel tuo ghetto di disperati, cretino

    Vai "melomane", non dar retta a questo idiota senza patente per esserlo, e grazie per la dritta!

    Luke
    non+autenticato

  • > FORSE A SUA INSAPUTA!!!!!!???????
    > HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA!! Certo! Mò uno
    > scarica solo per il gusto di farlo senza
    > nemmeno guardare ciò che con tanta pazienza
    > ha atteso di avere!!!! Ma vai in c**o
    > demente!!

    Il fatto che un file si chiama pamelaanderson.jpg non implica certamente che la foto si tratti realmente della tettuta californiana...
    Se poi appena l'ho scaricata la cancello certamente tu non ti accorgi che l'ho cancellata. Pero' la tua opera di delatore si sarà già avviata....

    Ricordati che accusare senza prove precise .... (cosa che dovrebbe essere riservata agli ispettori di polizia) è sicuramente cosa sbagliata..... spero per te di non provarlo sulla tua pelle.

    Ciao



    nop
    563

  • - Scritto da: nop
    >
    > Il fatto che un file si chiama
    > pamelaanderson.jpg non implica certamente
    > che la foto si tratti realmente della
    > tettuta californiana...
    > Se poi appena l'ho scaricata la cancello
    > certamente tu non ti accorgi che l'ho
    > cancellata. Pero' la tua opera di delatore
    > si sarà già avviata....

    Si, quello che dici è assolutamente vero e certamente può verificarsi in caso di file di piccole dimensioni quali appunto le immagini jpeg che si scaricano in pochi minuti, ma quando si tratta di video, dove è prassi comune verificare l'autenticità dei medesimi durante il download, le giustificazioni a mio parere si riducono drasticamente, anche se non si annullano perchè so bene che alcune volte il download inizia e/o termina durante la nostra assenza quando non possiamo certo verificare il contenuto di quanto si sta scaricando. Comunque a me aveva fatto ribrezzo il tono schifato della risposta ad una proposta magari opinabile ma certo non spregevole come "quell'altro" invece vuole fare intendere. Dovendo scegliere tra i due estremi, io sono MOLTO più vicino alla posizione di "melomane"
    non+autenticato
  • Io, pur capendo la posizione dell'iniziatore del thread, non credo denuncerei nessuno, anche accorgendomi che il file che sto scaricando da lui contiene materiale pedoporno.

    Questo perchè credo che di questi tempi sia molto più facile imbattersi in una persona che ha scaricato quelle schifezze per curiosità (malata) o per caso, piuttosto che in un vero pedofilo (con vero pedofilo intendo uno che compra/vende questo tipo di materiale, lo realizza o cerca di adescare bambini in rete...per non citare le cose peggiori).

    Come ho già detto altre volte, attualmente è TROPPO facile trovarsi in contatto con materiale del genere.

    Un esempio:...pensa a te che stai scaricando il filmato xxx.avi con emule ...non hai ancora avuto tempo di controllare se è veramente ciò che ti interessa...lo farai più tardi (o forse solo a download ultimato..e questo è un caso comune anche se qualcuno sembra credere il contrario)...nel frattempo qualcuno inizia a scaricare da te il pezzo del file che è già presente sul tuo pc (con emule si può)...costui controlla e si accorge che è un file pedofilo...e ti denuncia!

    Pensa invece alle conseguenze: se fosse semplicemente una visita della polizia che ti chiede di accendere il PC e controlla un po' in giro se hai file sospetti...non credo ci sarebbero grossi problemi, invece la visita della polizia comporta il sequestro di PC e di tutto il materiale informatico....legale o meno...e il tutto ti verrà restituito dopo mesi e solo dopo ripetute richieste da parte di un avvocato, e solo se non ritenuto importante per le indagini...mi sembra davvero troppo per rovinare la vita di una persona che probabilmente ha scaricao 3 file pedo perchè è un cretino.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Io, pur capendo la posizione dell'iniziatore
    > del thread, non credo denuncerei nessuno,
    > anche accorgendomi che il file che sto
    > scaricando da lui contiene materiale
    > pedoporno.
    >
    > Questo perchè credo che di questi tempi sia
    > molto più facile imbattersi in una persona
    > che ha scaricato quelle schifezze per
    > curiosità (malata) o per caso, piuttosto che
    > in un vero pedofilo (con vero pedofilo
    > intendo uno che compra/vende questo tipo di
    > materiale, lo realizza o cerca di adescare
    > bambini in rete...per non citare le cose
    > peggiori).
    >

    Neanche io denuncierei nessuno, e per gli stessi identici motivi tuoi. Siamo in perfetta sintonia!

    > Come ho già detto altre volte, attualmente è
    > TROPPO facile trovarsi in contatto con
    > materiale del genere.
    >
    > Un esempio:...pensa a te che stai scaricando
    > il filmato xxx.avi con emule ...non hai
    > ancora avuto tempo di controllare se è
    > veramente ciò che ti interessa...lo farai
    > più tardi (o forse solo a download
    > ultimato..e questo è un caso comune anche se
    > qualcuno sembra credere il contrario)...nel
    > frattempo qualcuno inizia a scaricare da te
    > il pezzo del file che è già presente sul tuo
    > pc (con emule si può)...costui controlla e
    > si accorge che è un file pedofilo...e ti
    > denuncia!

    Si, corrisponde a ciò che ti ho detto brevemente nel mio post precedente

    > Pensa invece alle conseguenze: se fosse
    > semplicemente una visita della polizia che
    > ti chiede di accendere il PC e controlla un
    > po' in giro se hai file sospetti...non credo
    > ci sarebbero grossi problemi, invece la
    > visita della polizia comporta il sequestro
    > di PC e di tutto il materiale
    > informatico....legale o meno...e il tutto ti
    > verrà restituito dopo mesi e solo dopo
    > ripetute richieste da parte di un avvocato,
    > e solo se non ritenuto importante per le
    > indagini...mi sembra davvero troppo per
    > rovinare la vita di una persona che
    > probabilmente ha scaricao 3 file pedo perchè
    > è un cretino.

    Assolutamente d'accordo.

    Non so se mi sono spiegato bene nel messaggio precedente : il mio primo messaggio era una reazione uguale e contraria al messaggio di "quell'altro" anonimo. Io la penso come te, ma se la popolazione dovesse dividersi in due, come un numero binario, o 0 o 1, dovendo scegliere io starei dalla parte dell'iniziatore del thread. Tutto qua.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > evviva il p2p
    > ma abbasso la pedofilia!
    >
    > per combatterla leggete una procedura qui:
    >
    > http://www.newsland.it/nr/article/it.comp.sof
    >
    > --
    > melomane

    Che 2 °° ma sei maniaco anche tu pero!
    La pedofila non si pratica certo via rete ... in tailandia se hai questi gusti ti tocca di andarci di persona!

    cosa diavolo (è il caso di dirlo) c'entra la pedofilia col P2P? ...
    non sarai mica di quelli con la bibbia e la croce in mano ... fustigatori di costumi che poi quando sono in sacrestia (vedi vescovi americani) si mettono ad annusare l'aria a caccia di ragazzini?

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > evviva il p2p
    > > ma abbasso la pedofilia!
    > >
    > > per combatterla leggete una procedura qui:
    > >
    > >
    > http://www.newsland.it/nr/article/it.comp.sof
    > >
    > > --
    > > melomane
    >
    > Che 2 °° ma sei maniaco anche tu pero!
    > La pedofila non si pratica certo via rete
    > ... in tailandia se hai questi gusti ti
    > tocca di andarci di persona!
    >
    > cosa diavolo (è il caso di dirlo) c'entra la
    > pedofilia col P2P? ...

    Certamente non si "pratica" via rete, ma la si può organizzare e far proliferare, vedi molti casi passati raccontati anche da giornali e telegiornali. Comunque concordo che il P2P sia certamente l'ultima ruota del carro in questo contesto

    Luke
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > >
    > > > evviva il p2p
    > > > ma abbasso la pedofilia!
    > > >
    > > > per combatterla leggete una procedura
    > qui:
    > > >
    > > >
    > >
    > http://www.newsland.it/nr/article/it.comp.sof
    > > >
    > > > --
    > > > melomane
    > >
    > > Che 2 °° ma sei maniaco anche tu pero!
    > > La pedofila non si pratica certo via rete
    > > ... in tailandia se hai questi gusti ti
    > > tocca di andarci di persona!
    > >
    > > cosa diavolo (è il caso di dirlo) c'entra
    > la
    > > pedofilia col P2P? ...
    >
    > Certamente non si "pratica" via rete, ma la
    > si può organizzare e far proliferare, vedi
    > molti casi passati raccontati anche da
    > giornali e telegiornali. Comunque concordo
    > che il P2P sia certamente l'ultima ruota del
    > carro in questo contesto
    >
    > Luke

    Appunto!
    non+autenticato
  • Eppure ai media (e a chi altro? E perchè?) fa comodo far credere al mondo non informatizzato che internet è un covo di pedofili/maniaci/pirati...mentre in rete la concentrazione di questi soggetti è presumibilmente uguale a quella presente FUORI....quindi:
    o siamo circondati
    o c'è qualcosa che non va

    E ricordo che i bambini vengono violentati nel mondo reale.
    non+autenticato
  • esiste qualche programma dove anche se scambi file protettu da copyright non possono sapere chi sei?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > esiste qualche programma dove anche se
    > scambi file protettu da copyright non
    > possono sapere chi sei?

    no

  • Veramente FreeNet sembra abbastanza promettente. Il massimo che possono sapere e` che tu lo usi, ma nulla piu`. Certo nel caso ci sia "legittimo sospetto" (?) nulla impedisce che ti piombino in casa e si impossessino del tuo hard disk....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > esiste qualche programma dove anche se
    > scambi file protettu da copyright non
    > possono sapere chi sei?

    Un software p2p che si "rispetti" è sempre anonimo. Io uso solo winmx e non ho mai visto gli altri percui non posso sapere se gli altri lo siano o meno ma se sono "seri" sono anonimi. In ogni caso, l'anonimato fornito dal software p2p non ti salva dal fatto che il tuo provider di accesso ad Internet registra la tua connessione (e sa chi sei) quindi, anche se il software p2p di per sè non rivela la tua identità (peraltro non la sa neanche lui e non gli interessa saperla), un agente della GdF con lo stesso software p2p che stai usando te può scaricare da te come qualsiasi altro utente anonimo (anonimo nel contesto del software p2p), così da venire a sapere il tuo indirizzo IP, da quello risalire al tuo provider, chiedere a lui (come è in suo potere), chi era connesso quel giorno a quell'ora con quel indirizzo IP e perciò arrivare a te. Tutto questo percorso può essere reso più lungo e complicato per il finanziere di turno in presenza di reti p2p che implementino i cosiddetti "bouncer", me se ci si mette di impegno e tutti i bouncer e provider coinvolti adempiono al loro dovere prima o dopo raggiunge la sua mèta (tu!)
    non+autenticato
  • Cioè, hai detto che WinMX non garantisce l'anonimato, dal momento che mostra gli IP di ogni utente.

    FreeNet è anonima, proprio perchè il concetto di IP non esiste. Ma dire che sia un p2p sarebbe una falsità. Che io sappia ancora non esiste un p2p che garantisca l'anonimato, impedendo alla gdf di risalire da qualche dato (ip, solitamente) all'identità.

    John Capioca
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Cioè, hai detto che WinMX non garantisce
    > l'anonimato, dal momento che mostra gli IP
    > di ogni utente.

    Più o meno si, ho detto questo. Per la precisione : winmx di per sè non mostra nessun IP, ma nulla ti vieta di andare al prompt di ms-dos e digitare il comando "netstat -an" durante un download o un upload per vedere l'indirizzo del tuo peer

    >
    > FreeNet è anonima, proprio perchè il
    > concetto di IP non esiste. Ma dire che sia
    > un p2p sarebbe una falsità.

    Non conosco FreeNet e non so come funziona. Anzi, mi daresti il link così vedo e poi magari ti do il mio parere (se ti interessa ovviamente Occhiolino ). In ogni caso di sicuro su Internet non si può prescindere dall' indirizzo IP, quindi forse il servizio offerto da questa FreeNet in sè può non essere vincolato ad alcun IP ma ciò non toglie che il tuo provider di accesso ad Internet logghi il tuo accesso anche quando utilizzi questo FreeNet

    > Che io sappia
    > ancora non esiste un p2p che garantisca
    > l'anonimato, impedendo alla gdf di risalire
    > da qualche dato (ip, solitamente)
    > all'identità.

    Garanzia al 100% non potrà mai esistere, ovvero dovresti trovare un provider di accesso che all'atto dell'iscrizione non ti chiede nessuna informazione anagrafica (oppure te la chiede ma non la controlla) e/o non logga i tuoi accessi alla rete. A dire il vero, questo attualmente succede molto spesso, soprattutto tra gli internet point, ma anche tra i provider che danno accesso "free"; cioè : magari loggano tutto (perchè è anche nel loro interesse loggare gli accessi), ma probabilmente non verificano TUTTE le anagrafiche degli iscritti e non mi stupirei se non ne verificassero proprio nessuna poichè i provider "free" non hanno alcun interesse diretto a sapere chi sei. Cosa diversa sono i provider a pagamento che l'interesse diretto ce lo hanno eccome se vogliono essere sicuri che verranno pagati!
    non+autenticato
  • > Non conosco FreeNet e non so come funziona.
    > Anzi, mi daresti il link così vedo e poi
    [..]
    > toglie che il tuo provider di accesso ad
    > Internet logghi il tuo accesso anche quando
    > utilizzi questo FreeNet

    Il provider può sapere che sono connesso, conosce il mio IP e con qualche indagine può ricavare che sto usando FreeNet. Stop. Niente altro può ricavare dei miei traffici su FreeNet. vale a dire, l'IP diviene un dato perfettamente inutile. FreeNet di fatto garantisce l'anonimato completo

    www.freenet.org

    > Garanzia al 100% non potrà mai esistere,
    > ovvero dovresti trovare un provider di
    > accesso che all'atto dell'iscrizione non ti
    > chiede nessuna informazione anagrafica
    > (oppure te la chiede ma non la controlla)
    > e/o non logga i tuoi accessi alla rete.

    Non è vero. Visto che non è possibile connettersi tramite un provider senza impedire che questo ricavi il tuo IP, la strada dovrebbe essere quella di rendere l'IP inutile per ricavare le informazioni sul tuo traffico. Fino a che la comunicazione tra due host in p2p avviene mediante IP, è ovvio che la conoscenza dell'IP è l'elemento che impedisce l'anonimato. ma niente impedisce di concepire reti di scambio che NON si basino su IP. FreeNet è solo un esempio.

    John Capioca
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > www.freenet.org

    Ho visto il sito. Domanda : ma tu lo usi? Io non ho potuto provarlo perchè è attualmente fuori servizio fino ai primi di Giugno (senza dire di quale anno) !! questo è quanto affermano al login. E se lo usi, che te ne fai? sei sicuro di aver capito bene cosa è? si tratta di un server che dà accesso tramite telnet* e fornisce servizi ed informazioni prevalentemente di interesse locale, cioè della area metropolitana in cui quel server è situato (www.freenet.org "pubblicizza" in particolare la Free-Net di Detroit) e dichiaratamente di interesse educazionale e di ricerca, auto paragonandosi ad una "biblioteca comunale". In pratica tu accedi, ti si presenta il menu di un software sviluppato da loro, e questo menu ti propone di scegliere tra vari tipi di operazioni predefinite; funziona più o meno come un portale

    > Il provider può sapere che sono connesso,
    > conosce il mio IP e con qualche indagine può
    > ricavare che sto usando FreeNet. Stop.

    E ti pare poco?

    > l'IP diviene un
    > dato perfettamente inutile.

    No, credimi! l'IP è quanto basta alla polizia per risalire a te

    > FreeNet di fatto
    > garantisce l'anonimato completo

    NO! Free-Net ti garantisce l'anonimato completo a livello di "come-ti-chiami-quando-sei-nato-dove-abiti-ecc..." perchè probabilmente, come winmx, neanche te li chiede, ma NON sei anonimo per nulla, perchè hai pur sempre un username che ti contraddistingue da tutti gli altri utenti di freenet sparsi per il mondo. Un poliziotto che ti intercetti sulla freenet può chiedere al gestore della stessa quale era l'IP del tuo username in quel giorno a quell'ora, con quello risalire al tuo provider e da lui a te! Il percorso può essere più o meno lungo e noioso ma certamente fattibile. Certamente il gestore della freenet non è tenuto a dare simili informazioni a chiunque, ma alle forze dell'ordine si, eccome

    > Niente altro può ricavare dei miei traffici
    > su FreeNet

    Questo, nella fattispecie di un accesso ad una Free-Net, non è vero, perchè essendo una connessione tramite telnet essa è totalmente "clear-text", cioè non criptata, e quindi facilissimamente intercettabile e persino mistificabile da qualcuno che si trovi sul percorso tra il tuo computer e la freenet. Infatti, telnet viene usato per amministrare server Unix-like ma di solito solo da una LAN sicura dove si ha la certezza che non ci sono spioni in giro.

    > > Garanzia al 100% non potrà mai esistere,
    > > ovvero dovresti trovare un provider di
    > > accesso che all'atto dell'iscrizione non
    > ti
    > > chiede nessuna informazione anagrafica
    > > (oppure te la chiede ma non la controlla)
    > > e/o non logga i tuoi accessi alla rete.
    >
    > Non è vero. Visto che non è possibile
    > connettersi tramite un provider senza
    > impedire che questo ricavi il tuo IP

    Il provider non "ricava" il tuo IP, te lo assegna!! E' lui che decide quale IP avrai durante ogni connessione

    > la
    > strada dovrebbe essere quella di rendere
    > l'IP inutile per ricavare le informazioni
    > sul tuo traffico. Fino a che la
    > comunicazione tra due host in p2p avviene
    > mediante IP, è ovvio che la conoscenza
    > dell'IP è l'elemento che impedisce
    > l'anonimato

    l'IP address è l'indirizzo del tuo computer su Internet, è l'unico modo che hanno altri computer per comunicare con il tuo e per il tuo di comunicare con altri; nel protocollo TCP/IP (quello usato da Internet), l'indirizzo IP è ciò che ti rende parte della rete, senza di esso su Internet non esisti, e se lo rendi "inutile" (come dici tu), semplicemente non puoi comunicare con gli altri computer

    > ma niente impedisce di
    > concepire reti di scambio che NON si basino
    > su IP.

    Se per questo, esistono già altri protocolli diversi da TCP/IP, ma ognuno ha il suo equivalente dell' indirizzo IP. Capisci che è inevitabile avere un indirizzo che ti distingua univocamente nell' ambito di una rete, altrimenti non "hai voce in capitolo" nella rete medesima. E' come se tu pretendessi di ricevere telefonate senza avere un numero di telefono!!

    > FreeNet è solo un esempio.

    FreeNet NON è per niente un esempio perchè esso si basa comunque sul protocollo TCP/IP
    non+autenticato
  • Scusate se mi intrometto, ma vorrei aggiungere alla conversazione quello che so io di freenet (l'ho anche provato una volta o due)
    Intanto non mi sembra he la descrizione che ne dai tu (telnet ...eccetera) rispecchi quello che ne sapevo io...mi sembrava parlassi di una cosa differente...ma magari sono io che non ho capito bene tutto.

    Poi: freenet ti garantisce l'anonimato in quanto:
    1) tutte le connessioni sono criptate (quindi un terzo che cercasse di vedere cosa vi state scambiando tu e un'altro non capirebbe nulla ..anche se è il tuo provider)
    2) quando installi freenet metti a disposizione una parte del tuo hard disk (qualche centinaio di MB, ma più è meglio è) che il programma utilizzerà come una specie di chache criptata..della quale tu NON HAI LA CHIAVE E NON CONOSCI IL CONTENUTO.
    In pratica se un file è molto richiesto e poco diffuso, freenet provvederà a farne delle copie in giro sui pc degli utenti, senza però dirlo agli utenti stessi...magari non copia neanche l'intero file sul tuo pc..magari ne copia un pezzo sul tuo e un'altro su quello di un altro.

    Se l'utente x richiede un file..si mette in coda e dopo un po' comincia ad arrivargli il file...ma gli ip dai quali gli arriva (un pezzo da uno un pezzo dall'altro) appartengono a persone che non sanno di avere il file....(e magari neanche ce l'hanno ...ne hanno un pezzetto).

    La sicurezza di freenet non sta nel nascondere l'ip, ma nel non avere il concetto di "file condivisi da tizio e presenti sul PC di tizio" ...se anche il file viene da te (ed è difficile dimostrarlo, perchè è criptato sull'HD e perchè freenet può cancellarlo in qualsiasi momento per fare spazio ad altre cose) tu non ne sei responsabile.

    Questo è quello che credo di avere capito io..spero sia utile.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Scusate se mi intrometto

    Figurati! ogni critica costruttiva è SEMPRE ben accetta!

    > ma vorrei
    > aggiungere alla conversazione quello che so
    > io di freenet (l'ho anche provato una volta
    > o due)
    > Intanto non mi sembra he la descrizione che
    > ne dai tu (telnet ...eccetera) rispecchi
    > quello che ne sapevo io...mi sembrava
    > parlassi di una cosa differente...ma magari
    > sono io che non ho capito bene tutto.

    Può darsi benissimo che io parli di una cosa differente da quella che hai provato tu. La descrizione che ho dato è un riassunto di quanto ho appreso spulciando il sito www.freenet.org che tra l'altro è aggiornato a fine 97 inizio 98 e nelle FAQ fa riferimento a situazioni che erano vere tra il 94 e il 95!!! Come dicevo prima, non ho potuto provarlo perchè il link che loro presentano sulla homepage apre una connessione telnet (esattamente come descritto nelle FAQ) su un server SunOS che al login visualizza un messaggio che dice appunto che sono fuori servizio.

    > Poi: freenet ti garantisce l'anonimato in
    > quanto:
    > 1) tutte le connessioni sono criptate
    > (quindi un terzo che cercasse di vedere cosa
    > vi state scambiando tu e un'altro non
    > capirebbe nulla ..anche se è il tuo
    > provider)

    In tal caso non è certamente quanto descritto su quel sito

    > 2) quando installi freenet metti a
    > disposizione una parte del tuo hard disk
    > (qualche centinaio di MB, ma più è meglio è)
    > che il programma utilizzerà come una specie
    > di chache criptata..della quale tu NON HAI
    > LA CHIAVE E NON CONOSCI IL CONTENUTO.
    > In pratica se un file è molto richiesto e
    > poco diffuso, freenet provvederà a farne
    > delle copie in giro sui pc degli utenti,
    > senza però dirlo agli utenti stessi...magari
    > non copia neanche l'intero file sul tuo
    > pc..magari ne copia un pezzo sul tuo e
    > un'altro su quello di un altro.

    Sono più che mai convinto che si stia parlando di due cose diverse! tutte queste cose che dici non sono minimamente accennate nel sito. Non solo, direi che sarebbero completamente inappropriate ad un servizio come quello descritto in quel sito

    > Se l'utente x richiede un file..si mette in
    > coda e dopo un po' comincia ad arrivargli il
    > file...ma gli ip dai quali gli arriva (un
    > pezzo da uno un pezzo dall'altro)
    > appartengono a persone che non sanno di
    > avere il file....(e magari neanche ce
    > l'hanno ...ne hanno un pezzetto).
    >

    Davvero interessante. Quindi, in teoria, senza saperlo potresti anche avere già il file che vuoi?

    > La sicurezza di freenet non sta nel
    > nascondere l'ip, ma nel non avere il
    > concetto di "file condivisi da tizio e
    > presenti sul PC di tizio" ...se anche il
    > file viene da te (ed è difficile
    > dimostrarlo, perchè è criptato sull'HD e
    > perchè freenet può cancellarlo in qualsiasi
    > momento per fare spazio ad altre cose) tu
    > non ne sei responsabile.

    Ho capito. A prima vista sembra davvero un'idea interessante, un approccio completamente diverso rispetto agli altri p2p che conosco

    > Questo è quello che credo di avere capito
    > io..spero sia utile.

    Eccome! l'altro mio interlocutore mi aveva mandato su questo www.freenet.org    Mi puoi confermare? diversamente, qual'è il sito giusto?

    Thanx
    non+autenticato
  • http://www.earthstationv.com/download.html
    Usa SSL per trasferire dati che sono trasmessi addirittura in udp e multicast (quindi non si può più parlare di p2p) in più essendo udp e multicast ben difficilmente riusciranno a bloccare i flussi, come ultima cosa usa pgpdisk per criptare tuttle la cartella dei file in download.. sulla carta FA PAURA!!!!

    Per chi invece preferisce evitare lo stress del betatester suggerisco questa simpatica la palla antistress:
    http://www.nweb.it/risorse/AntistressBall.zip

    Ciao Occhiolino


    - Scritto da: Anonimo
    > esiste qualche programma dove anche se
    > scambi file protettu da copyright non
    > possono sapere chi sei?
    non+autenticato
  • salve... volevo chiedervi secondo voi è meglio Kazaa o WinMx? vorrei usarne uno ma non so i pro e i contro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > salve... volevo chiedervi secondo voi è
    > meglio Kazaa o WinMx? vorrei usarne uno ma
    > non so i pro e i contro.


    Molto sinteticamente e superficialmente, queste sono le caratteristiche di un po' di programmi.

    KazaA:
    - si trova molta meno roba
    - scarica contemporaneamente da più fonti
    - interfaccia estremamente semplice (cerchi, clicchi e scarichi)
    - spyware
    - ricerca molto veloce
    - non ha la ricerca multipla
    - download molto rapidi
    - per scaricare un album, devi cercare pezzo per pezzo o trovare l'mp3 da spezzare

    KazaA Lite:
    - identico a KazaA, senza spyware e adware

    WinMX:
    - probabilmente il secondo più ricco di contenuti (almeno sugli mp3)
    - interfaccia poco userfriendly (devi imparare un paio di accortezze prima di cliccare su un file da scaricare: fare caso a quanti utenti ci sono in coda etc)
    - gestione delle code non molto efficiente
    - non scarica da più fonti
    - ricerca molto veloce
    - ha la ricerca multipla
    - download mediamente rapidi
    - per scaricare un album, devi cercare pezzo per pezzo o trovare l'mp3 da spezzare

    EMule/EDonkey

    - Il più ricco di contenuti (su film e software). Sugli mp3 trovi archivi di mp3 con album completi o addirittura discografie complete
    - ricerca mediamente veloce
    - ricerca multipla
    - scarica da più fonti contemporaneamente
    - scarica i file "a pezzi", non necessariamente in modo sequenziale.
    - non appena hai scaricato un pezzo di file, sei già in grado di condividerlo
    - interfaccia mediamente semplice (c'è da imparare qualcosa di tecnico prima di poterlo usare a modino)
    - sistema di crediti: via via che permetti gli upload, ti vengono concesse le priorità per i download (il che si traduce in: all'inizio i download saranno molto lenti, più passerà il tempo, maggiore facilità avrai a scaricare)
    - ricerca da web (per esempio da www.filedonkey.com, www.sharereactor.com etc)
    - file individuati da hash (i file modificati - infetti o sostituiti) vengono facilmente individuati; è quindi possibile "firmare" l'autenticità e la bontà dei file
    - possibilità per gli utenti di accodare commenti ai file (tipo: "Attenti, film in pessima qualità" etc)
    - trovi gli album completi
    - configurazione del programma piuttosto complessa per un novizio




    IMesh:
    - grosso modo come KazaA

    Gnutella (nelle varie implementazioni):
    - lento nelle ricerche
    - povero di contenuti
    - no download da sorgenti multiple
    - per scaricare un album, devi cercare pezzo per pezzo o trovare l'mp3 da spezzare

    DC++/Direct Connect

    - ricchissimo di contenuti: pochi utenti ma moltissimi Gb condivisi
    - non permette la ricerca su tutta la rete ma solo sul "canale" su cui sei connesso -> difficilmente lo userai per cercare qualcosa di specifico e di raro, piuttosto per spulciare il contenuto degli hard disk degli altri per poi iniziare a scaricare qualcosa
    - download veloci
    - per entrare è necessario condividere molti Gb (dipende dalle regole degli hub, cioè dei canali; si va da un minimo di 5 bg ai 50Gb)
    - non download contemporaneamente da più fonti
    - ricerca multipla
    - no spyware (dc++)
    - trovi gli album completi


    Blubster:

    - solo mp3
    - download molto veloci
    - contenuti mediamente ricchi
    - per scaricare un album, devi cercare pezzo per pezzo o trovare l'mp3 da spezzare



    Personalmente, per scaricare io uso:


    - DC++ per i programmi, gli album e i film.
    - WinMX se non riesco a trovare quello che cerco su DC++
    - emule se non ho particolare fretta nello scaricare e per programmi veramente introvabili.

    Sinceramente, con DC++, WinMX e emule non sento il bisogno di lanciare mai gli altri programmi (Gnutella, FileTopia, Ares, KazaA, IMesh e Blubster)

    Tutti gli altri programmi (vedi l'elenco su www.zeropaid.com) hanno pochi utenti, e di conseguenza non sono molto ricchi di contenuti...


    John Capioca
    non+autenticato
  • Kazaa è il software piu' scaricato al mondo, quindi un bacino di utenti quasi illimitato, potrebbe installare qualche spyware (ma facilmente rimovibili con del software specifico) e ha un ottimo motore p2p.

    WinMX dovrebbe essere privo di spyware, ha un grafica piu' accattivante e meno pesante (secondo me) ma ha la gestione delle code che è estenuante...


    Io sono cmq per Kazaa.
    non+autenticato
  • ciao!
    come ho detto spesso nella mia rubrica Download (qui su Punto Informatico)... cosa sia meglio e' sempre mooolto relativo.

    Si tratta comunque di programmi gratuiti, scaricabili ed installabili in pochi minuti.

    E' piu veloce prenderli e provarli e farsi una propria idea.. piuttosto che sentire i commenti di chi li usa, che inevitabilmente ha una idea propria e soggettiva.

    Troverai sempre i fanatici di uno o l altro sistema, programma, rete.. che poco obiettivamente elogiano uno e affossano l'altro. Fatti una idea tua, dai retta a meSorride

    e vediti i recenti numeri di Download relativi al P2P!

    Download: P2P Reloaded!
    http://punto-informatico.it/p.asp?i=44431

    Download/ Condividi et impera
    http://punto-informatico.it/p.asp?i=43254

    Download/ Share! Share! Share!
    http://punto-informatico.it/p.asp?i=43098

    Software/ Gli scambisti digitali
    http://punto-informatico.it/p.asp?i=41476

    buone prove !Sorride
    LucaS

    ps -
    > WinMX dovrebbe essere privo di spyware, ha
    > un grafica piu' accattivante

    Kazaa (quello vero) ha le skin !!!Sorride
  • è sempre incriccato di spyware o no?
    non+autenticato
  • Kissa'... io di certo non mi scomodo a ctrl!A bocca aperta

  • - Scritto da: Anonimo
    > è sempre incriccato di spyware o no?

    Io direi di adware con cui quelli campano e sviluppano il prodotto. Vedi tu se preferisci "lite"
    non+autenticato
  • direi che visto il numero di download, lo spyware se lo possono cuccare i pollacchioni, io vedo di beccarmi la versione lite.

    non credo che perderanno molto ...

    inoltre è una contraddizione in termini ... fanno un programma che permette di rubare infinitamente ... che cosa vogliono, che nessuno provi a fare a loro quello che fanno loro?

    heheh

    sarebbe simpatico vedere Kazaa che porta in tribunale KazaaliteSorride)))
    non+autenticato
  • qualcuno sa se tutte queste belle figate sono già in versione lite?

    --
    melomane
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > qualcuno sa se tutte queste belle figate
    > sono già in versione lite?
    >
    > --
    > melomane
    Infatti, non crederanno mica di affibbiarci la versione imbottita di spyware e cavolate varie.....
  • Basta guardare sul sito.Occhiolino
    http://www.k-lite.tk/

    Fra l' altro questa release (2.1.1) includera' pure KaNAT.