massimo mantellini

Contrappunti/ La voglia di cambiare la TV

di M. Mantellini - La battaglia tra Current e Sky non accenna a scemare. Di mezzo ci finisce il modo di intendere la pluralità dell'informazione. E quale sia il futuro della distribuzione e della fruizione dei contenuti

Contrappunti/ La voglia di cambiare la TVRoma - La grande polemica che ha coinvolto negli ultimi giorni il network satellitare Sky e Current TV, che in Italia sui trasponder di tale network trasmette, si è giocata a colpi di interviste in TV, mail rese pubbliche, incontri a porte chiuse con i blogger, ampie discussioni sui social network. Come spesso accade in questi casi i termini utilizzati sono stati, da una parte quelli ingombranti del diritto alla libertà di espressione, della censura, della oscura trama politica, dall'altra quelli ampi e conosciuti legati alla retorica del libero mercato.

Current chiude per una censura imposta da Murdoch e da Berlusconi all'unico network televisivo libero dai condizionamenti del capitale e della politica, come ha sostenuto Al Gore durante la sua rapida offensiva mediatica italiana, o la sua estromissione dall'offerta televisiva satellitare rientra in una normale scelta commerciale legata ai bassi ascolti ed agli alti costi come afferma Sky?

Noi non lo sappiamo, quello che è certo è che nella catena scenografica di documenti disvelati al pubblico, contratti e fax desecretati, dati di ascolto infine resi pubblici, resta molto complicato per i non addetti ai lavori esprimere giudizi ponderati (eppure di giudizi lapidari al riguardo - come sempre accade in questi casi - è piena la Rete italiana) mentre sarebbe invece più utile ragionare su un altro punto altrettanto importante, quello delle piattaforme distributive.
Noi possiamo continuare a dedicare un articolo a settimana alle ingiustizie perpetrate per esempio da Facebook quando chiude improvvisamente e senza troppe spiegazioni il profilo sul proprio social network di questo o quell'utente. Spesso le ragioni di simili scelte sono risibili o inesistenti, magari sono il risultato di una procedura automatica, in certi casi sono il portato di una diversità culturale americana che noi europei sentiamo come molto distante. In tutti i casi, simili decisioni discendono da una nostra scelta: quella di aver affidato i nostri dati personali ad una piattaforma privata. Potremmo comportarci diversamente? Certo. Lo facciamo? No, non lo facciamo.

Molta stampa italiana vive da anni un periodo di crisi economica senza precedenti. La piattaforma distributiva è appesantita da regole rigidissime e vecchie tutele sindacali, perde colpi un giorno sì e l'altro pure, si regge in buona parte sui finanziamenti pubblici. Eppure ciclicamente quotidiani di carta che nessuno acquista, o i settimanali più disparati, annunciano il grande rischio che deriverebbe dalla loro imminente chiusura. Anche in questi casi le parole sono ingombranti e accennano alla libertà di espressione, al pluralismo ed alla rappresentanza democratica. Quanti di questi quotidiani o settimanali di carta, in nome di quegli stessi principi, sono passati in questi anni di vacche magrissime dalla carta al Web? Che ricordi io, in Italia, praticamente nessuno. Le garanzie, per quanto modeste anche economiche della piattaforma, sono evidentemente più importanti dei rischi per la democrazia.

Eppure da un decennio a questa parte l'alternativa distributiva esiste, e si chiama Internet: solo che in questo paese nessuno sembra volerla prendere in considerazione. I cittadini preferiscono, a frotte e per la prima volta, il piacevole giogo di Mark Zuckerberg, in un "così fan tutti" che è quasi impossibile da controbattere. I giornalisti aspirano alla carta stampata, dove non esistono altri spazi se non quelli di uno sfruttamento ampio del lavoro precario e sottopagato e considerano spesso il Web come una scelta svilente e di retroguardia.

E Current TV? Current, nata curiosamente come un network basato sui contributi generati dagli utenti ai quali prometteva anche bei soldini, con un modello di business poi rapidamente dismesso, rimane attaccata con le unghie e con i denti alla piattaforma satellitare del cattivo magnate australiano, grida alla lesione dei diritti democratici dei suoi ascoltatori, inneggia alla propria evidente diversità. Eppure le alternative distributive per garantire pluralismo e libertà ai suoi ascoltatori ci sarebbero. Il Digitale Terrestre per esempio, raccontato dai nostri politici a suo tempo come la nuova frontiera della moltiplicazione delle fonti informative ed abitato oggi per lo più da fattucchiere e venditori di chincaglierie, ma soprattutto la rete Internet che si adatterebbe molto bene al tipo di pubblico ed al tipo di informazione della TV di Al Gore.

Perché questa opzione sia così poco considerata è piuttosto evidente e riguarda almeno in parte ed ancora una volta la dittatura delle piattaforme informative. I cattivi - per quanto mi riguarda - lo sono fino a prova contraria. Facebook genera ricchezza per sé con i dati che io volontariamente le affido, il sistema dei giornali si regge ormai in buona parte sui denari che drena dalle tasse dei cittadini, la TV pubblica affonda la propria immobilità nei soldi degli inserzionisti, nel canone e nell'invasione della politica. Mentre SKY fa valere la rendita di posizione della propria piattaforma con il piglio del padrone.

Vogliamo opporci a tutto questo senza nasconderci dietro ad un dito? Cerchiamo ascolti, consenso e finanziatori su Internet, fuori dalle mille dittature delle piattaforme esistenti, non mobilitiamo gli utenti della Rete per sottoscrivere la tautologia secondo la quale i cattivi sono cattivi. Al Gore, che a suo tempo molti anni fa si definì, in una battuta sfortunata diventata celebre, come "l'inventore di Internet", in questi giorni ci sta dicendo che cambiare non è possibile. E tutto questo è francamente deludente, non tanto per Current, alla quale auguriamo ogni bene, quanto soprattutto per noi stessi.

Massimo Mantellini
Manteblog

Tutti gli editoriali di M.M. sono disponibili a questo indirizzo
Notizie collegate
  • Digital LifeWebTheatre/ La TV attraverso la Retedi Gabriele Niola - Le manifestazioni online della tv generalista non sono prodotti per il web. Continuano a enunciare senza attendersi rielaborazione, usano la Rete solo come un'antenna
  • Digital LifeWebTheatre/ Burning Currentdi Gabriele Niola - Finalmente un'idea italiana, un reportage per il web di Current Tv, dimostra le opportunità che si celano nella comunità lanciata da Al Gore. Uno sguardo ad un nuovo modo di produrre un reportage
31 Commenti alla Notizia Contrappunti/ La voglia di cambiare la TV
Ordina
  • Se Current è così liberale deve essere per tutti ed in chiaro....io non sono abboanto a sky ne intendo esserlo per cui è una ben strana libertà quella a cui si appellano Al gore e i dirigenti current!
    Current potrebbe finanziarsi con la pubblicità
    non+autenticato
  • ...già la guardavo poco, ma nelle ultime 2 settimane l'ho proprio eliminata la TV: rimane solo il 42" in salotto che uso solo (e raramente) per guardare i film (tantopiù che non ha nemmeno il decoder digitale)

    Confermo che si sta molto meglio.
  • Il peccato originale è stato permettere a Sky di imporre il suo decoder incompatibile con chiunque altro non fosse Sky, regalandogli il monopolio del satellite e il controllo su chi può trasmettere e chi no.

    Ma tanto siamo nel Paese dove il conflitto di interessi non esiste, esistono solo gli interessi e hanno la precedenza su tutto. Diritti compresi.
    Funz
    12910
  • ..e Al Gore e' la dimostrazione, dare i Nobel a capocchiam poi ne svilisce il prestigio!
    non+autenticato
  • Digitale terrestre abitato da fattucchiere?

    Forse il giornalista non sa o non vede, ma su digitale terrestre c'è un'infinità di canali. Alcuni pessimi, altri ottimi.

    Tramite porta Ethernet e software mhp i decoder di oggi possono collegarsi ad internet, si può rivedere la programmazione della settimana passata, più svariati altri canali di notizie, meteo, informazione e cultura generale.

    Mediaset e Telecom Italia hanno fatto da apripista, la prima con NetTv (ottimo servizio), la seconda con CuboVision (al momento aperto completamente solo ai clienti Telecom, ma in parte già fruibile da chiunque).

    L'offerta attuale è enorme, in parte gratuita e in parte a pagamento.

    La RAI offre un gruppo di canali sostanzioso, tra documentari e news 24h/24, più altri canali di cinema e varietà.

    Sono entrati nel panorama italiano giganti come Disney, Sky e Universal.

    Mi chiedo se chi si lamenta sappia di cosa parla...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il dtt
    > Digitale terrestre abitato da fattucchiere?
    [...]
    > Mi chiedo se chi si lamenta sappia di cosa
    > parla...

    Chi si lamenta ha raggiunto un grado di insofferenza talmente elevato, nei confronti della questione "tv", da detestare l'elettrodomestico in questione "tout court".
    Il DDT(ho sbagliato apposta) è tecnologia *nata vecchia* in ambito militare e riciclata per uso civile 20 anni più tardi.

    Avrebbero fatto meglio a incrementare la banda disponibile e portare la connettività in tutto il paese.
    No. Non sia mai che poi gli italiani smettono di guardare i programmi media$et.

    GT
  • poi incita il cubevision quando per far andare quel coso hanno deciso di far tagli di banda...
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > poi incita il cubevision quando per far andare
    > quel coso hanno deciso di far tagli di
    > banda...
    Uso cubovision su un decoder non di Telecom e con un gestore in ULL che non è Telecom Italia e funziona benissimo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sgabbio
    > poi incita il cubevision quando per far andare
    > quel coso hanno deciso di far tagli di
    > banda...

    beh per restare in tema dovremmo chiamare chi l'ha visto , anche peche' i contenuti sono gli stessi di un qualdiasi decoder normale....anzi molto meno di un ricevitore satellitare free...
    poi alla gente piace spedere soldi per avere quello che gia' ha...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Picchiatell o
    > - Scritto da: Sgabbio
    > > poi incita il cubevision quando per far andare
    > > quel coso hanno deciso di far tagli di
    > > banda...
    >
    > beh per restare in tema dovremmo chiamare chi
    > l'ha visto , anche peche' i contenuti sono gli
    > stessi di un qualdiasi decoder normale....anzi
    > molto meno di un ricevitore satellitare
    > free...
    > poi alla gente piace spedere soldi per avere
    > quello che gia'
    > ha...
    Se pensi che ci siano solo i canali free, ti sbagli di grosso.
    Prova a vedere il 7500 della Telesystem, è un signor decoder e francamente ha molto più senso quello rispetto ad un decoder sat free.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il dtt
    > Digitale terrestre abitato da fattucchiere?
    >
    >
    > Mi chiedo se chi si lamenta sappia di cosa
    > parla...


    sostanzialmente nel nostro paese esiste solo un gruppo televisivo che e' formata da mediaset ed i fuoriusciti da mediaset approdati in rai, si qualche isola nello sport e nell'informazione-storia resiste nella tv pubblica ma da qui a 4-5 anni scompariranno anche loro.
    con il digitale centinaia di canali sono stati gia' occupati da non trasmissioni cosi' anche le piccole emittenti private scompariranno ( se non sono gia' scomparse); nei piani alti comunque non hanno capito che il mercato e' finito...
    certo per un po' di tempo dovremmo sorbirci ancora gli pseudo reality , i talent show che producono immondizia , i programmi americani con cinque anni di ritardo ma gia' ora gli inserzionisti cominciano a capire che i denari spesi per la pubblicità non ritornano nelle casse.
    non+autenticato
  • ho sky senza calcio e film. 4 pacchetti per arrivare a 30€ e passa.
    e rispetto al digitale terrestre che non ho, ma che ho potuto verificare più volte prima di decidere di non prendere il decoder, ha molte più cose non idiote.

    sono scelte.
    current è tra queste.
    e non è una questione politica, io penso che è la cultura ad essere contro la lobotomizzazione.
    sentire più campane e poi farsi una propria opinione è un nostro diritto.
  • - Scritto da: lellykelly

    >
    > sono scelte.
    > current è tra queste.
    > e non è una questione politica, io penso che è la
    > cultura ad essere contro la
    > lobotomizzazione.
    > sentire più campane e poi farsi una propria
    > opinione è un nostro
    > diritto.

    ti do pienamente ragione, pero' mi metto nei panni di chi tra famiglia e lavoro e' impegnato anche 12-16 ore al giorno con i "guai" quotidiani e che quindi ha nella tv "normale" l'unico approfondimento giornaliero alle notizie. certo un po' se le cerca ma come ribadiamo piu' volte la "cultura informatica rete" e' poco sentita e poco "parlata" al di la dei pedopornosatanisticomunistifasci...

    vien poi da domandarsi cosa il sindaco di milano pensa dei sucatesi... quindi anche il sindaco di milano guarda tanta tv...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)