Claudio Tamburrino

Sistri, tutti per il rinvio. Tranne il ministro

Maggioranza divisa sull'opportunità di un nuovo rinvio per il sistema di tracciamento dei rifiuti. La Prestigiacomo tiene duro. Polemiche e minacce di ricorsi

Roma - Il ministro dell'ambiente Stefania Prestigiacomo e il Governo non sembrano intenzionati a concedere un rinvio per il lancio ufficiale del Sistri, e hanno convocato le imprese per cercare di dissipare i loro dubbi. La Lega, al contrario, ha chiesto di rimandare tutto al 2012.

Nella lettera inviata al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, firmata dai rappresentanti di categoria Confindustria, Rete Imprese Italia, Alleanza delle Cooperative e Confapi, le aziende chiedevano di rinviare la partenza del Sistri prevista per il primo giugno, ma su cui pesa l'ombra dei risultati controversi della giornata di prova "Click Day" dell'11 maggio, che secondo le aziende avrebbe messo in luce, così come i test del sistema da loro portati avanti nei mesi precedenti, numerosi problemi tecnici.

Il primo no alle richieste delle aziende era arrivato dal ministro per i Rapporti con il Parlamento Elio Vito, che durante un'interrogazione parlamentare in materia non aveva aperto alla possibilità del rinvio a nome del Ministro dell'Ambiente impossibilitata a presentarsi.
La Prestigiacomo ha poi bollato le proteste come "resistenza al cambiamento" e sottolineato come il Governo abbia già "mostrato senso di responsabilità concedendo proroghe che si sono succedute nel tempo" e che non vi è stata "una carenza di attenzione per le esigenze poste dagli operatori tramite le organizzazioni imprenditoriali di appartenenza che sono state, anzi, direttamente coinvolte nel processo di costruzione e di attuazione del nuovo sistema di controllo della tracciabilità".

Anche la convocazione da parte del Ministro dell'Ambiente delle 4 organizzazioni di categoria non sembra tuttavia aver risolto granché, così come la mezza promessa di una riduzione dei contributi annuali dovuto dalle aziende per il Sistri e accennata dal ministro Vito: le aziende hanno fatto sapere di voler fare ricorso al TAR del Lazio per l'annullamento del regolamento SISTRI e diffidano la Prestigiacomo dal continuare nella sua implementazione, arrivando a minacciare una class-action se non verranno garantiti standard qualitativi accettabili nell'organizzazione del sistema di gestione rifiuti.

Intanto, durante un'interrogazione parlamentare il senatore leghista Sergio Divina, presidente della commissione del Senato per il controllo dei prezzi e delle tariffe, ha chiesto al Ministro di "prorogare la data di entrata in vigore del Sistri, almeno al 2012" e dopo ad un preventivo periodo di prova.

"Le istituzioni, il ministero da mesi sono sorde agli allarmi lanciati dalle categorie sugli intoppi che le aziende incontravano nell'utilizzo dello strumento - ha detto Divina - Centinaia di migliaia di artigiani sono stati chiamati, a fine aprile, a pagare una seconda volta (la prima iscrizione, in media di 120 euro, c'è stata lo scorso anno) per un sistema che, non ha mai funzionato. Non v'è dubbio che si debbano avviare le procedure di recupero delle cifre che le imprese hanno ingiustamente pagato nel 2010 e nel 2011, e assieme alle organizzazioni di categoria avviare una profonda revisione dell'intero impianto normativo del Sistri."

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàSISTRI, le imprese controChiesto un ulteriore rinvio per il sistema informatico che paradossalmente rischia di congestionare, secondo i rappresentati di categoria, la burocrazia del settore dello smaltimento dei rifiuti
  • AttualitàSISTRI, accessi rifiutati?Primi numeri sul sistema elettronico per la tracciabilità dei rifiuti discordanti: centinaia di migliaia di accessi secondo il Ministero. Ma anche ritardi e disservizi, secondo quanto si legge in Rete
40 Commenti alla Notizia Sistri, tutti per il rinvio. Tranne il ministro
Ordina
  • Ma se ad oggi la chiavetta USB non funziona e il numero verde è inattivo!!! Ma che vuole sto ministro ancora??? il contributo per quest'anno l'ha già preso!!!
    non+autenticato
  • Questo e' il frutto di un lavoro "fatto all'italiana"
    Abbiamo buoni propositi a cui seguono altrettante buone idee ma... concretamente
    non vengono pianificate come si dovrebbe.
    A mio modo di vedere,al di la' che poi i soliti furbetti trovano comunque il
    modo per aggirarlo,una volta messo in piedi il sistema,si doveva avviare un
    progetto pilota su un campione di aziende,per un periodo sufficiente a far
    emergere tutti i problemi tecnici e risolverli prima di rilasciare l'applicativo
    in massa.
    Cosi' purtroppo non e' stato! Oggi ci ritroviamo con un sistema che tecnicamente
    ha delle grosse lacune e non riesce a decollare.
    Da sei mesi a questa parte, tento quotidianamente di connettermi al sistema ma
    ogni volta nasce un nuovo problema.Le lunghe attese telefoniche al Call Center e le decine di mail inviate (per altro senza mai avere una risposta) non hanno mai dato esito positivo
    Un'operatore ti dice una cosa che viene poi smentita dal collega del giorno dopo!
    Cosi',a tre giorni dal go live, sono ancora in attesa....(l'ultima telefonata
    proprio un paio di ore fa!)
    Un consiglio al nostro Ministro:
    un piccolo sondaggio sui reali problemi incontrati dagli utenti nell'utilizzo
    del Sistri io....lo farei!

    Buona fortuna a tutti!
    non+autenticato
  • Allora, linux niente, vista neanche:
    Quando vado su accedi mi apre firefox sulla pagina about:home. Divertente.

    Per l'aggiornamento dela chiavetta mi dicono che bisogna prima loggarsi.

    Il call center è intasato.
    Che si fa!?!?!?
    non+autenticato
  • Allora,

    oggi ho provato a connettermi con il mio mint (equiv a natty 11.04) e... sorpresa! Lo script sulla chiavetta non si avvia Sorride
    Sembra che dalla 10.10 non funzioni più. L'avevo usato sulla 10.04 e (sito a parte) funzionava Triste((

    Se avete notizie vi ringrazio. Altrimenti dovrò disporre un PC con win. Tristezza
    non+autenticato
  • - Scritto da: mint 4ever
    > Allora,
    >
    > oggi ho provato a connettermi con il mio mint
    > (equiv a natty 11.04) e... sorpresa! Lo script
    > sulla chiavetta non si avvia
    > Sorride
    > Sembra che dalla 10.10 non funzioni più. L'avevo
    > usato sulla 10.04 e (sito a parte) funzionava
    > Triste((
    >
    > Se avete notizie vi ringrazio. Altrimenti dovrò
    > disporre un PC con win.
    > Tristezza

    Rimettere la 10.04 no?
    http://releases.ubuntu.com/lucid/
  • 1- xè downgradare x loro?
    2- finalmente sono riuscito ad aggiornare la chiavetta da win. Hanno cambiato TUTTO il sw di navigazione.

    Proverò ora se parte con linux. Comunque il servizio tutta stamattina è NON RAGGIUNGIBILE Triste(((((
    non+autenticato
  • - Scritto da: mint4 ever
    > 1- xè downgradare x loro?

    La 10.04 non e' un downgrade, e' una LST.
  • ok ok. In ogni caso una macchina win l'ho trovata prima Sorride

    Il fatto è che su linux monta la partizione fat32 non mettendo il flag di esecuzione agli eseguibili. E come faccio a cambiarli? Provo a smanettare con fstab?
    non+autenticato
  • - Scritto da: mint 4ever
    > ok ok. In ogni caso una macchina win l'ho trovata
    > prima
    > Sorride
    >
    > Il fatto è che su linux monta la partizione fat32
    > non mettendo il flag di esecuzione agli
    > eseguibili. E come faccio a cambiarli? Provo a
    > smanettare con
    > fstab?

    fat32? perche'?

    Comunque gli eseguibili vanno impostati come tali se non sono scaricati dal repository.

    chmod +x <filename>
  • Peccato che su fs fat32 chmod non setta niente. Per questo forse con fstab riesco a forzare le proprietà dei file. Ma sinceramente non ho molto tempo per provare (mi toccherà farlo lo so... se penso che nel PC entreranno chiavette di ogni tipo... brrrr!).

    PS: alle ore 12.50 sono riuscito ad entrare in SISTRI (su WIN) ed addirittura inserire una voce di carico. Non l'ho ancora firmata e tremo all'idea... Fra l'altro ho letto in giro che su linux a questo punto dà errore di accesso al token...
    non+autenticato
  • Quoto: senza aggiornamento non si apre, ed occorre farlo da win...
    non+autenticato
  • Versione nuova
    ./sistri_linux
    Versione vecchia
    ./sistri_linux.sh
    non+autenticato
  • ed in ogni caso restituisce errore... anche utilizzndo sudo.
    Il file non è eseguibile e non è possibile cambiarne lo stato visto che il fs è fat32...
    non+autenticato
  • - Scritto da: mint 4ever
    > ed in ogni caso restituisce errore...

    Bhe, se restituisce errore ci rara' qualcosa di errato.

    Non farti dare dell'utonto... Daiiiii non dire "restituisce errore..." dicci che errore restituisce.

    > anche utilizzndo sudo.
    > Il file non è eseguibile e non è possibile
    > cambiarne lo stato visto che il fs è fat32...

    Giusto per provare io lo copierei sull'ext3.
    krane
    21454
  • Per qualche tempo, finché non saranno evidenti le crepe del nuovo sistema, i rifiuti dovranno viaggiare con le carte in regola.
    Non mi faccio illusioni: gli intraprendenti italiani troveranno il modo di fare il loro (porco) comodo anche con la nuova normativa.
    Forse, se il sistema è sufficientemente robusto, si riuscirà a prevenire i sistemi escogitati per eludere gli obblighi di legge.
    Forse.

    Sperem.

    GT
  • ti rammento che con il nuovo sistema le ecomafie stanno solo meglio!
    in quanto basta non iscriversi, usare trasportatori esteri e tutto funziona meglio di prima!!
    il sistri proprio na bella innovazione per chi non ne sa nulla... senza parlare di come è stata implementata e delle numerose categorie impossibilitate ad operare..
    non+autenticato
  • Evidentemente non ne sai niente del Sistri.
    Un sistema elaborato dai politici e non da tecnici per gestire una problematica complessa.
    Inoltre, allo stato attuale, no funziona niente. Il primo giugno ci sarà solo il blocco totale dei trasporti dei rifiuti per le aziende in regola. Coloro che non sono in regola continueranno tranquillamente a fare come prima.

    Per l'insistenza e l'ottusità del ministro, dovrebbero essere prese in considerazioni le sue dimissioni. E parla uno che ha votato per l'attuale governo.
    non+autenticato
  • Lavoro in una azienda che conferisce i rifiuti per lo smaltimento, ed è da 2 anni che proviamo con scarsi risultatia far funzionare questa moderna trappola tencnologica. Ad oggi dopo quotidiane telefonate ad un inutile e sgarbato servizio di help desk, non siamo ancora riusciti ad avere un collegamento sicuro e stabile.
    Francamente vedo che chi lavora in questo campo ha già capito sulla propria pelle che sarà impossibile lavorare con il sistema SISTRI, bello in teoria ma nella pratica un vero disastro. Ma di questo i politici non se ne rendono conto, distanti anni luce dalla vita quotaidiana e dai problemi dei cittadini e delle imprese...
  • - Scritto da: Luca
    > Evidentemente non ne sai niente del Sistri.
    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3164614
    Il primo post punta ad un link, tratto da una rivista intitolata "Rifiuti Solidi".
    Per quanto possa sembrar strano non si parla di te.


    > Un sistema elaborato dai politici e non da
    > tecnici per gestire una problematica
    > complessa.
    Guarda, puoi dire che è complesso, puoi dire che è di difficile realizzazione, ma non puoi dire che è stato elaborato da politici.

    > Inoltre, allo stato attuale, no funziona niente.
    Be' ci sono un bel po' di soggetti a cui fa comodo dire "non funziona" e "fa schifo" o "basta che..."

    > Il primo giugno ci sarà solo il blocco totale dei
    > trasporti dei rifiuti per le aziende in regola.
    Al contrario, ci sarà il blocco totale per le aziende non in regola.
    Se consideri che fino a... adesso, solo chi viola le regole riesce a lavorare capisci perché sono tutti in fibrillazione.

    > Coloro che non sono in regola continueranno
    > tranquillamente a fare come
    > prima.
    E allora perché protestano?

    > Per l'insistenza e l'ottusità del ministro,
    > dovrebbero essere prese in considerazioni le sue
    > dimissioni.
    Come d'obbligo, se lavori bene fai la fine di Cesare Mori.

    > E parla uno che ha votato per
    > l'attuale
    > governo.
    Almeno non ti manca il coraggio, ma e' evidente che non hai letto nulla delle discussioni sull'articolo precedente.

    Se trovi il resto di questo:
    http://www.cipaeditore.it/img_up/RS1-Kajon-2-2011....
    è un bell'articolo sul Sistri, così ti fai un'idea più precisa su chi effettivamente ci ha lavorato e del perché sta facendo incazzare così tanta gente.

    GT
  • caro Guybrush che posti su qualsiasi argomento,
    ti informo che IO ho partecipato ai tavoli tecnici con la SELEX su sto fantomatico SISTRI , io ci lavoro con sto fantomatico SISTRI, io ci sbatto la testa su sto fantomatico SISTRI.
    Io so da chi è stato voluto e tutti i poteri forti che ha accontentato, io so molte cose su questo argomento e lo reputo una grande cazzata. per due semplici motivi. Il trasporto dei rifiuti prevede moltissime opzioni, molte semplici e molte molto complesse. Il sistri è nato considerando solo 1% dei casi banali e man mano si sta adattando al resto , ma cmq adesso trattera si e no il 50% delle casistiche possibili!
    quindi avendo un impego stimato su 400.000 imprese immgini il caos che generera.
    Il problema di sto SISTRI è che continuano a modificarlo con il loro tempi da elefanti, ed è sempre impossibile effettuare un periodo di prova.
    E' impensabile che la gente si cimenti con un sistema che non funziona da un giorno preciso , senza un adeguato periodo di prova.
    Poi non consideriamo il fatto che non esiste un call center decente, i tempi di attesa se sei fortunato sono di 45 minuti!
    Non porta nessun agevolazione ai clienti ma solo confusione e un mucchio di carta in piu! senza contemplare la ridondanza delle operazioni.
    Quindi evita di parlare se non sai nulla. e poi che vuoi sapere se tutto è coperto da segreto di stato??
    non+autenticato
  • > per due semplici motivi

    ops.. erroreSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Persona informata sui fatti
    > caro Guybrush che posti su qualsiasi argomento,
    > ti informo che IO ho partecipato ai tavoli
    > tecnici con la SELEX su sto fantomatico SISTRI ,
    > io ci lavoro con sto fantomatico SISTRI, io ci
    > sbatto la testa su sto fantomatico
    > SISTRI.
    > Io so da chi è stato voluto e tutti i poteri
    > forti che ha accontentato, io so molte cose su
    > questo argomento e lo reputo una grande cazzata.
    > per due semplici motivi. Il trasporto dei rifiuti
    > prevede moltissime opzioni, molte semplici e
    > molte molto complesse. Il sistri è nato
    > considerando solo 1% dei casi banali e man mano
    > si sta adattando al resto , ma cmq adesso
    > trattera si e no il 50% delle casistiche
    > possibili!
    > quindi avendo un impego stimato su 400.000
    > imprese immgini il caos che
    > generera.

    Mi pare che tu sappia il fatto tuo.

    Pero' purtroppo siamo di fronte ad una legge dello stato, e in questo forun e' pieno di benpensanti che, siccome c'e' una legge, allora bisogna calarsi le braghe e raccogliere il sapone, per rispettarla.
  • Anch'io stò vivendo il SISTRI sulla mia pelle, ma non sono così negativo nel mio giudizio pur avendoci perso sopra giornate ed etti di fegato per cercare di capire e poi far funzionare.

    Da un punto di vista tecnico gli appunti da fare sono tanti, a cominciare dalla tecnologia utilizzata per quell'aborto che è, ibrido tra applicazione client/server e servizio web (ha preso il peggio di ogni modalità!), il call center è un decimo di quello che servirebbe, il sito poco chiaro (con tanto di faccia della Prestigiacomo da prendere a schiaffi), i server probabilmente sottodimensionati. E anche l'analisi ha lasciato molto a desiderare. Insomma, il solito trofeo dell'informatica di stato (pagato profumatamente).

    Ma sento anche tanta gente parlare contro per motivi strumentali, o (a voler pensare male) per paura di essere pizzicati.

    Il SISTRI non gestisce tutte le casistiche.. sai qual'è una delle casistiche che non gestiva? Quella della ditta che aveva in gestione lo svuotamento dei pozzetti delle autostrade. Credo che il problema principale rimasto sia quello del mancato ritiro e del caion che cambia percorso.

    Non si può più fare lo scarico e registrare il carico dopo con il peso esatto? Già da 15 anni la normativa dice chiaramente che ti devi pesare i rifiuti, salvo verifica in discarica/smaltimento, e fare registrazioni puntuali. Noi ci siamo dovuti comprare le forche per il carrello elevatore con bilancia integrata.

    Chi opera a nero opererà con soggetti non registrati? Vero, ma in caso di controlli durante il trasporto un conto è falsificare un formulario o corregegre un codice, un conto bucare il SISTRI e falsificare le registrazioni.

    Le discarica mia cliente è disperata, non ci sono le specifiche per l'interoperabilità con il gestionale. Vero, ma non farti infinocchiare dalla sw house: spendere migliaia di euro per una nuova versione del gestionale, quando nel SISTRI inserisci tutti i dati dei movimenti, che poi puoi esportare e far diventare l'input del gestionale.

    Non si può imporre alle azienda di operare con un programma non testato. Ma quando? Il SISTRI è operativo da mesi (ottobre 2010?), la prima connessione l'ho fatta mi sembra ad inizio marzo (avevamo una chiavetta da un anno ma era difettosa), se tutti i soliti italioti si riducono al 30 maggio di chi è la colpa?

    Da venerdì hanno cominciato a chiamarmi dalle nostre aziende collegate. Non ti funziona la chiavetta ma non hai fatto nulla? Non hai una idea di come funziona e ti chiedono 1200 € per venire ad "installartelo"? Fai gli scarichi una volta all'anno perché risparmi? Ma che c'azzecca il SISTRI!

    Io dico: partiamo, e che sia mostrata tolleranza per i primi tre mesi.

    Del resto il registratore di cassa è uan cosa ridicola che abbiamo solo noi, non è una panacea, ma a quanto pare in itaGlia siamo troppo furbi per non dover essere bastonati bene bene.

    Ed a proposito: mi sono vissuto anche l'introduzione del registratore di cassa, solite polemiche! Siamo itaGliani!!!
    non+autenticato
  • @Francesco
    Stima, grazie per il tuo intervento.

    @Persona informata sui fatti
    >- Scritto da: Persona informata sui fatti
    > caro Guybrush che posti su qualsiasi argomento,
    No, non su "qualsiasi", solo quelli in cui si parla di argomenti dei quali mi interesso. Ed è pure mio costume sostenere le mie affermazioni citando le fonti.

    > ti informo che IO ho partecipato ai tavoli
    > tecnici con la SELEX su sto fantomatico SISTRI ,
    > io ci lavoro con sto fantomatico SISTRI, io ci
    > sbatto la testa su sto fantomatico
    > SISTRI.
    ...e?


    > Io so da chi è stato voluto
    Lo ha voluto la CE tramite la direttiva 2008/98 che ogni paese membro è obbligato a seguire.

    > e tutti i poteri
    > forti che ha accontentato, io so molte cose su
    > questo argomento e lo reputo una grande cazzata.
    Comprendo la tua opinione, ma mi trovi in totale disaccordo.

    > per due semplici motivi.

    > Il trasporto dei rifiuti
    > prevede moltissime opzioni, molte semplici e
    > molte molto complesse.
    > Il sistri è nato
    > considerando solo 1% dei casi banali e man mano
    > si sta adattando al resto , ma cmq adesso
    > trattera si e no il 50% delle casistiche
    > possibili!
    > quindi avendo un impego stimato su 400.000
    > imprese immgini il caos che
    > generera.
    No, non lo immagino neanche un po'. Quello che vedo è che tenta di tenere traccia di tutto con la solita precisione di un buon database e blocca tutto ciò che non è previsto. Capisco che per molti soggetti questo è scomodo e inopportuno.

    > Il problema di sto SISTRI è che continuano a
    > modificarlo con il loro tempi da elefanti, ed è
    > sempre impossibile effettuare un periodo di
    > prova.

    Ci sono un po' di contraddizioni in quello che dici.
    Rileggi quello che hai scritto, fai un bel respiro, prova ad essere più chiaro e meno veemente nel tuo modo di esporre i fatti.
    Ci metterei anche un pizzico di riferimenti (link, articoli, vedi tu): al momento non è che risulti molto credibile.

    > E' impensabile che la gente si cimenti con un
    > sistema che non funziona da un giorno preciso ,
    > senza un adeguato periodo di
    > prova.
    Be' da come lo scrivi sembra che dal 1° giugno 2011 il sistema sarà attivo in modalità fulmine a ciel sereno.
    E' dal 2010, gazzetta ufficiale n° 288 del 10/12/2010, che si sa dell'arrivo di 'sto SISTRI.
    E a voler essere più pignoli lo si sa da novembre 2008
    http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?...

    > Poi non consideriamo il fatto che non esiste un
    > call center decente, i tempi di attesa se sei
    > fortunato sono di 45 minuti!
    > Non porta nessun agevolazione ai clienti ma solo
    > confusione e un mucchio di carta in piu! senza
    > contemplare la ridondanza delle
    > operazioni.
    Be' allora complimenti anche a chi ha realizzato la struttura informatica.
    Selex, hai detto?
    Questa selex?
    http://www.specialesistri.it/index.php?option=com_...
    Cazzarola, mica male. Spero che si sia chiarito tutto, nel frattempo.


    > Quindi evita di parlare se non sai nulla.
    Ora, cara la mia "persona informata sui fatti" a te la parola.
    Possibilmente mettendoci un po' di fatti concreti oltre alle tue veementi chiacchiere, avremo tutti da imparare qualcosa.

    Ah certo, se ti costringo a violare un segreto di stato non ti preoccupare di rispondere eh?

    Ossequi.
    GT
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 23 maggio 2011 17.14
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: Guybrush

    > Possibilmente mettendoci un po' di fatti concreti

    Detto da uno che posta link di siti.....
    non+autenticato