Cristina Sciannamblo

Di parchi, musica e geolocalizzazione

Una band di Washington lancia il nuovo disco via app per iPhone. Camminando in un parco cittadino sarÓ possibile ascoltare le diverse tracce che compongono il disco. I brani selezionati via GPS

Roma - ╚ senz'altro un'iniziativa originale quella lanciata dai Bluebrain, band formata da due musicisti provenienti da Washington DC, i quali hanno deciso di puntare sulla geolocalizzazione per il lancio del loro nuovo album. The National Mall uscirà sotto forma di app per iPhone e potrà essere fruito all'interno del National Mall, ovvero il parco che separa il Lincoln Memorial dal Capitol Building della capitale a stelle e strisce.

Muovendosi all'interno dell'area verde, l'identificazione della posizione geografica provocherà il passaggio da una traccia all'altra. L'album contiene circa tre ore di musica che i due fratelli hanno composto girovagando tra i diversi angoli del parco. "La musica cambia ed evolve in base al percorso scelto all'interno del parco", spiega Ryan Holladay, uno dei due componenti dei Bluebrain.

Per operare in questo modo,l'applicazione utilizza le funzioni GPS installate nel telefono: sostanzialmente, il software è collegato alla mappa del Mall che mostra i diversi punti etichettati in base al suono.
Cosa aspettarsi, dunque, da un ascolto che si preannuncia unico nel suo genere? Avvicinandosi al lago il suono del pianforte sfumerà in quello dell'arpa. Muovendosi verso il merry-go-round i cavalli di legno si trasformeranno in musica e si potrà ascoltare il suono prodotto da cavalli veri, più intenso quanto più ci si avvicinerà alla giostra.

Ogni posizione della mappa (per un totale di 264) è stata attentamente considerata. In questo modo, anche se l'utente non avrà modo di controllare l'ascolto scegliendo le tracce a proprio piacere, potrà comunque fruire di un'esperienza unica in base ai propri spostamenti all'interno del parco. Fuori dai confini del National Mall sarà impossibile ascoltare il disco.

L'entusiamo per il progetto non si nasconde: i fratelli Holladays sono convinti che la loro proposta scavalcherà il circuito tech e influenzerà altri artisti nel riformulare il concetto di album discografico nell'era digitale. Per "spingere" l'idea, l'applicazione sarà disponibile gratuitamente. Proprio come una passeggiata al parco.

Cristina Sciannamblo
Notizie collegate
  • Digital LifeGagaville, una lady su FarmvilleStretta una partnership tra Zynga e la pop star. Quest'ultima sosterÓ per una settimana nella fattoria virtuale, mettendo a disposizione i suoi cimeli e le tracce esclusive del suo album prossimo all'uscita
  • Digital LifeUSA, otto ore per un discoAmanda Palmer e Ben Folds sono tra i promotori dell'iniziativa che sarÓ presentata nel corso del Rethink Music di Boston. Un gesto, dicono, per dimostrare l'inutilitÓ delle case discografiche
  • AttualitàBon Jovi: Jobs ha ucciso i dischiSecondo il rocker, i negozi digitali come iTunes avrebbero fatto decadere il piacere dell'acquisto tradizionale. Tutta colpa del fondatore di Apple
1 Commenti alla Notizia Di parchi, musica e geolocalizzazione
Ordina