Claudio Tamburrino

Google, acquisti per pubblicizzare

La Grande G ingloba un'altra startup per migliorare il proprio sistema di advertising

Roma - Come anticipato, Google ha acquisito Admeld, startup che va ad arricchire il suo parco-risorse destinate all'advertising online.

Sottolineando che si tratta di un settore in cui era già ben fornita, il vicepresidente Google della divisione advertising ha riferito che "abbiamo investito nei nostri strumenti editoriali per cercare di migliore il panorama in cui operiamo così da continuare a progredire, e pensiamo che possiamo fare ancora meglio".

Le competenze di Admeld, che si aggiungono per esempio a quelle di DoubleClick, Teracent e Invite Media, dovrebbero servire, insomma, a rendere il sistema di advertising di Google ancora più fluido ed efficiente e ad ampliare le possibilità offerte agli inserzionisti: rappresenta una delle più grandi piattaforme di ottimizzazioni delle inserzioni pubblicitarie.
Inoltre dovrebbe offrire competenze specifiche nel display advertising.

Secondo le indiscrezioni Google avrebbe concluso la trattativa sborsando 400 milioni di dollari.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • BusinessGoogle riempie il carrello dell'advertisingMountain View sarebbe vicina alla conclusione delle trattative per l'acquisizione di AdMeld, azienda specializzata in display advertising. Manca solamente l'accordo sulla cifra
  • BusinessGoogle, ossessione socialMountain View avrebbe fatto due offerte per acquistare Twitter. E intanto punta a Groupon. Nella speranza di mettere finalmente un servizio di questo tipo nel suo paniere
  • BusinessGoogle fa spesa di semanticaMountain View apre ancora il suo ricco portafogli per acquisire Metaweb e il relativo database Freebase. BigG promette ricerche migliori e pi¨ significative per tutti
  • AttualitàGoogle, il volo con ITA ritarderà?Sull'acquisizione da 700 milioni di dollari interverranno le autoritÓ antitrust. A rischio la concorrenza nel settore dei voli aerei. BigG preferirebbe l'analisi di FTC, ma probabilmente ad occuparsene sarÓ il Dipartimento di Giustizia