Mauro Vecchio

GroupM, advertising antipirateria

Il colosso della pubblicità online stila una blacklist di siti legati alla condivisione illecita dei contenuti. C'è The Pirate Bay ma anche Archive.org. Tagliati tutti i ponti relativi all'advertising web

Roma - Una corposa lista nera, contenente più di 2mila siti web ritenuti legati alla condivisione di file in violazione del diritto d'autore. A stilarla e renderla pubblica sono stati i vertici della gigantesca società pubblicitaria GroupM, che ogni anno investe miliardi di dollari per conto di prestigiosi clienti del calibro di IBM, Universal, Paramount e della telco AT&T.

Il colosso statunitense dell'advertising provvederà dunque a tagliare i ponti con una nutrita schiera di spazi web, che verranno di fatto privati della possibilità di caricare messaggi pubblicitari gestiti per conto di GroupM. Questa blacklist di domini è stata analizzata in esclusiva dalla testata specializzata TorrentFreak.

Non ha ovviamente destato grande sensazione l'inserimento di piattaforme ritenute crocevia di scambi illeciti di contenuti audiovisivi, tra cui The Pirate Bay e KickassTorrents. Quello che ha veramente stupito gli osservatori è invece l'inclusione di altri soggetti del web, a partire dalla biblioteca digitale Archive.org.
E nella lista nera di GroupM è finita anche la società BitTorrent Inc., che include servizi di download totalmente leciti. Come sottolineato da TorrentFreak, questi ultimi siti non prevedono attualmente il caricamento di pubblicità. Archive.org è stato dunque incluso alla pari di The Pirate Bay, descritto come un sito votato alla pirateria web.

La blacklist stilata da GroupM ha attirato nuovamente le attenzioni sul già famigerato PROTECT IP Act, l'agguerrito disegno di legge antipirateria che dovrebbe ordinare un vero e proprio giro di vite contro i siti legati all'illecito. Tra le sue previsioni, obbligare i vari operatori di Rete - proprio come GroupM - a tagliare tutti i ponti con i domini selvaggi.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • Diritto & InternetPROTECT IP Act, copyright e giustizia privataPresentato in Senato il testo del già famigerato PROTECT IP Act. Critiche da parte degli attivisti, a partire da una definizione troppo ampia di dominio illecito. Ai motori di ricerca verrebbe affidato un ruolo da censori del web
  • AttualitàPROTECT IP, la stangata del copyrightPronta una versione estesa del già annunciato COICA, che dovrebbe permettere anche ad un soggetto privato di sequestrare un sito illecito. Grandi società di credito e motori di ricerca saranno coinvolti nella crociata contro il P2P
37 Commenti alla Notizia GroupM, advertising antipirateria
Ordina
  • secondo me è solo un'azione per ingraziarsi eventuali pelosi governativi, perchè prarticamente hanno meddo sentro siti che con la pirateria non c'entrano nulla.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > secondo me è solo un'azione per ingraziarsi
    > eventuali pelosi governativi, perchè
    > prarticamente hanno meddo sentro siti che con la
    > pirateria non c'entrano
    > nulla.

    In effetti mettere Archive.org in questa lista è come arrestare un responsabile di una biblioteca pubblica perchè cede in prestito dei libri senza far pagare un corrispettivo!

    Ad ogni modo ringrazio GroupM per aver stilato questa mega-lista, che permetterà agli "scarriconi" di trovare nuove fonti di approvigionamentoA bocca aperta
  • Una prova in più che il copyright è molto dannoso per la libera circolazione della Cultura e quindi va eliminato al più presto.

    ABOLIRE IL COPYRIGHT

    Pirata
    non+autenticato
  • io sono d'accordo con te è giusto far circolare la cultura ma non puoi guadagnarci anche, altrimenti non sei diverso dai signori del copyright.
    Al max puoi pagartici le spese.
    non+autenticato
  • Continua a sognare, non lo renderà più reale.
    Il copyright NON verrà abolito, é troppo redditizio per chi conta veramente. La Rete sarà adattata secondo i desideri dei potenti. Non c'é assolutamente nulla che tu o chiunque altro possiate fare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Get Real
    > Continua a sognare, non lo renderà più reale.
    > Il copyright NON verrà abolito, é troppo

    Il copyright è già abolito, di fatto e a tutti gli effetti pratici.

    > redditizio per chi conta veramente. La Rete sarà
    > adattata secondo i desideri dei potenti. Non c'é
    > assolutamente nulla che tu o chiunque altro
    > possiate
    > fare.

    Questo è quello che speri tu, ma io penso che sia più probabile l'estremo opposto: il fallimento e la scomparsa degli editori e delle major. Non è che se chiudono il p2p la gente si ammasserà nei negozi di dischi come orde di zombi...
    Funz
    12995
  • non ci metterei la mano sul fuoco, ti assicuro che per far tornare la gente "normale" basta veramente poco .... ne abbiamo varie riprove, blocca o rallenta per un po' la rete e vedi come il fatturato sale ... il che la dice proprio lunga.
  • - Scritto da: spacevideo
    > non ci metterei la mano sul fuoco, ti assicuro
    > che per far tornare la gente "normale" basta
    > veramente poco .... ne abbiamo varie riprove,
    > blocca o rallenta per un po' la rete e vedi come
    > il fatturato sale ... il che la dice proprio
    > lunga.

    Si, il fatturato di Murdok forse.
  • - Scritto da: spacevideo
    > non ci metterei la mano sul fuoco, ti assicuro
    > che per far tornare la gente "normale" basta
    > veramente poco ....

    Sì, basta un miracolo.

    > ne abbiamo varie riprove,
    > blocca o rallenta per un po' la rete e vedi come
    > il fatturato sale ... il che la dice proprio
    > lunga.

    Allora, faremo il possibile per farvelo scendere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: spacevideo
    > non ci metterei la mano sul fuoco, ti assicuro
    > che per far tornare la gente "normale" basta
    > veramente poco .... ne abbiamo varie riprove,
    > blocca o rallenta per un po' la rete e vedi come
    > il fatturato sale ... il che la dice proprio
    > lunga.


    Detto da uno che di mestiere fa il videotecaro.... proprio un coomento "ad minchiam"
    non+autenticato
  • - Scritto da: spacevideo
    > non ci metterei la mano sul fuoco, ti assicuro
    > che per far tornare la gente "normale" basta
    > veramente poco

    Cos’é volgare? Chi é morale? Chi, o cosa, la domanda deve essere posta, chi ha l’onniscienza per definire la decenza, chi decide quello che può corrompere una coscienza, in quali casi bisogna censurare, su quali basi si opera per evitare che arrivi qualcosa all’orecchio della gente, qualcosa che offende, qualcosa di indecente, cos’é la parolaccia? Cos’é il buongusto? Cosa provoca l’offesa, e qual’é il linguaggio giusto? No, nessuno può rispondere lo so, nessuno fa le veci dei principi che io ho. Mi riferisco a quegli sbirri incravattati che mi chiamano scurrile e indignati dal mio parlare chiaro, dal mio dire le cose come stanno, e che di tutto fanno per zittirci, incapaci di capirci, il dissenso é risolto, si chiedono ancora cos’é andato storto, difensori col fiato corto di un perbenismo morto, e comunque inquisitori, a ragione o torto, chiaro, forte e chiaro mi esprimo, se per me sei stronzo, stronzo ti dico, rifiuta i mezzi termini, combatti chi ti oscura, grida la tua rabbia, e fotti la censura!!!
  • fotti la censura VS Fight Da Faida !

    :)
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > fotti la censura VS Fight Da Faida !
    >
    >Sorride

    Il meglio del rap anni 90.Sorride