Claudio Tamburrino

RIM male, Playbook bene

Trimestrale in calo, così come le azioni e i profitti. Buoni invece i numeri del tablet. Che tuttavia non bastano a fermare i primi licenziamenti

Roma - L'ultima trimestrale di RIM mostra risultati negativi che cerca di compensare con le promesse incarnate dai nuovi device comunque in ritardo: le performance generali fanno perdere al titolo 15 punti percentuali, ma il nuovo tablet Playbook registra buoni numeri.

Il reddito netto relativo all'ultimo quarto finanziario è stato di 695 milioni di dollari: un netto calo rispetto ai 934 milioni del periodo precedente e dei 769 milioni raccolti il corrispettivo trimestre del 2010. Segni di rallentamento, d'altronde, erano già stati evidenziati dalla canadese per questo periodo e già a marzo si parlava di un prevedibile calo delle vendite di smartphone con contrazione conseguente dei profitti.

Anche se i risultati sono inferiori alle peggiori aspettative, insomma, i dirigenti dicono che non si tratta di nulla di imprevedibile e di irrimediabile: adesso come allora, la speranza risiede nell'imminente esordio del suo tablet PlayBook.
Inoltre, riferiscono, pur essendo in calo si parla ancora di conti a posto e solidi, con una buona percentuale di contanti da parte (quasi 3 miliardi di dollari) e che si tratta dei contraccolpi di un periodo di transizione che presto darà i suoi frutti. Queste rassicurazione non sono bastate, in ogni caso, a tranquillizzare la Borsa, che ha fatto segnare alle azioni RIM meno 15 punti percentuali.

Per quanto riguarda la sua risposta a iPad, la canadese ha riferito di aver distribuito 500mila PlayBook dal giorno dell'esordio, lo scorso 19 aprile: non si tratta del numero di device effettivamente venduti (ma solo arrivati nei negozi), né tanto meno rappresenta un numero strabiliante almeno rispetto alle cifre registrate da iPad stesso, ma permette in ogni caso di far ben sperare RIM, dal momento che gli analisti ne avevano previsti solo 366mila e che il suo lancio è stato segnato da problemi e imprevisti.

Accanto al cauto ottimismo, peraltro, RIM si prepara a stringere la cinghia a discapito dei suoi dipendenti, anche perché anche il prossimo trimestre rischia di essere deludente: ha annunciato una "ristrutturazione" dell'organizzazione interna, con una riduzione di impiegati non meglio specificata e una rivoluzione al vertice di cui si è già iniziato a parlare.

Pure se le promesse di PlayBook sono buone, d'altronde, il modello 4G è stato rinviato dall'estate all'autunno, così come in ritardo sono dati i nuovi smartphone BlackBerry. Se questi ero i risultati di primavera, insomma, l'inverno farà presto ad arrivare.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
9 Commenti alla Notizia RIM male, Playbook bene
Ordina
  • Chi lo dice? Numeri?
    Tutte le review lo hanno chi più chi meno stroncato, non tanto per le qualità hardware (che sono adeguate) quanto per gravi lacune software. Non è un prodotto FINITO. Gli mancano perfino alcune "basi" (come l'email!) e ha praticamente zero software.

    Si sa solo che ne hanno DISTRIBUITI mezzo milione. Nessuno sa quanti ne hanno venduti, ma pare non molti.

    Certo anche l'iPad aveva zero software all'inizio (più o meno, poteva comunque contare sulle App iPhone, per quanto non ottimizzate). Ma OGGI ne ha moltissimo. E quel vantaggio è difficile da colmare quando si arriva in ritardo.
    non+autenticato
  • secondo techcrunch dovevano venderne 2,4 milioni, stime poi ridotte ad 800.000

    http://www.mobilecrunch.com/2011/06/22/rim-youre-d.../
    non+autenticato
  • Sono indietro perché stanno cambiano sistema operativo. La versione 6.1 rinominata 7 esce sui nuovi cellulari a settembre, poi, l'anno prossimo, tutti i telefoni passeranno a QNX, come il PlayBook.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Kevin
    > Sono indietro perché stanno cambiano sistema
    > operativo. La versione 6.1 rinominata 7 esce sui
    > nuovi cellulari a settembre, poi, l'anno
    > prossimo, tutti i telefoni passeranno a QNX, come
    > il
    > PlayBook.

    A quel punto saranno in grosse difficoltà economiche e Microsoft dopo Nokia papperà anche loro...

    Fan AppleFan Linux
  • - Scritto da: FinalCut

    > A quel punto saranno in grosse difficoltà
    > economiche e Microsoft dopo Nokia papperà anche
    > loro...

    Cioè, la fortuna di microsoft è dare una via d'uscita a quelli che non ce la fanno?
    FDG
    10933
  • - Scritto da: FDG
    > - Scritto da: FinalCut
    >
    > > A quel punto saranno in grosse difficoltà
    > > economiche e Microsoft dopo Nokia papperà anche
    > > loro...
    >
    > Cioè, la fortuna di microsoft è dare una via
    > d'uscita a quelli che non ce la
    > fanno?

    No, comportarsi come sciacalli spazzando via le carogne che trovano sul mercato non è una buona tattica...

    Due brocchi messi insieme restano due brocchi non un cavallo di razza.

    Fan AppleFan Linux
  • Mi sembra che 'hai già detta.
    Stai diventando oltremodo ripetitivo
    non+autenticato
  • ...RIM è così convinta del previsto successo del suo tablet che ha deciso di licenziare un tot di dipendenti. Inoltre ha pensato bene di spostare avanti di tre mesi il lancio del modello 4G, perché tanto tutti compreranno lo stesso il modello vecchio, pur sapendo che a ottobre esce quello nuovo...
    Mi piacerebbe sapere dove hanno studiato marketing questi qui... e pensare che nel segmento business hanno il mercato in mano...
    non+autenticato
  • è ovvio che la realtà è diversa da quella che loro descrivono... sanno benissimo che per vendere i playbook già prodotti gli ci vorrà un po' (d'altra parte, tutto il settore tablet non sembra stia andando come si sperava per quanto riguarda i concorenti di Apple) e quindi rimandano l'uscita del 4G.

    - Scritto da: Doh
    > ...RIM è così convinta del previsto successo del
    > suo tablet che ha deciso di licenziare un tot di
    > dipendenti. Inoltre ha pensato bene di spostare
    > avanti di tre mesi il lancio del modello 4G,
    > perché tanto tutti compreranno lo stesso il
    > modello vecchio, pur sapendo che a ottobre esce
    > quello
    > nuovo...
    > Mi piacerebbe sapere dove hanno studiato
    > marketing questi qui... e pensare che nel
    > segmento business hanno il mercato in
    > mano...
    non+autenticato