Roberto Pulito

Anche il naso vuole la sua parte

Un piccolo circuito e qualche goccia di essenza, è tutto quello che serve per dare una nuova dimensione alla visione di un film in salotto

Roma - Polvere da sparo negli action movies, aglio per i film sui vampiri, rose e lavanda per le love story. È questo il futuro della televisione, anzi dei televisori interattivi che potrebbero presto affiancare al 3D la nuova tecnologia stile Odorama, per riprodurre anche gli odori. Sviluppato dalla University of California di San Diego e dal Samsung Advanced Institute of Technology, il progetto è stato presentato come un prototipo embrionale ma funzionante, che nasce dopo anni di ricerche congiunte da parte dei due enti. Con uno sguardo allo Smell-O-Vision del 1960.

Tecnicamente, il nuovo Odorama è stato progettato come un piccolo apparecchio da nascondere dietro al televisore, che grazie a una soluzione e ad alcune fragranze base, è in grado, mescolandole, di riprodurre fino a diecimila odori diversi, tutti ben caratterizzati e facilmente riconoscibili dall'olfatto dello spettatore. Un minuscolo controller gestisce la temperatura di riscaldamento delle fragranze e i quantitativi necessari a comporre l'odore adatto a una determinata scena.

Lo stesso controller si occupa poi di disperdere i profumi o i fetori quando non sono più necessari a sottolineare un climax narrativo. Qualcosa di simile a quanto apparve negli USA con i cinema attrezzati per riprodurre odori, o a quanto azzardarono alcuni scienziati giapponesi con una bizzarra stampante a odori.
Che sotto molti aspetti si tratti di una trovata rivoluzionaria è ovvio, basti pensare alle potenzialità e alla popolarità di cui l'Odorama godrebbe nel mondo della promozione pubblicitaria. Per non parlare della sua applicabilità alle pagine Web. Sarebbe anche divertente poter fare dei test con i videogiochi, per scoprire ad esempio qual è il dopobarba di Pac-Man. Viene da chiedersi se sia previsto un blocco per gli odori sgradevoli e quelli vietati ai minori.

Roberto Pulito
Notizie collegate
5 Commenti alla Notizia Anche il naso vuole la sua parte
Ordina