Alfonso Maruccia

Blekko tra update e giochi di societÓ

Il motore di ricerca basato su slashtag si aggiorna e presenta un nuovo strumento per raffinare ulteriormente le ricerche e mettere al bando le tristemente note content farm del web

Roma - Blekko, il motore di ricerca alternativo pensato per raffinare i risultati attraverso l'uso di "slashtag" e crowdsourcing, ha appena rilasciato una nuova versione della piattaforma soprannominata "Zorro". I miglioramenti riguardano sia l'interfaccia che l'engine vero e proprio, mentre una ulteriore novità è pensata per analizzare la rilevanza dei risultati in relazione a quella dei motori di ricerca più popolari.

L'update Zorro si prende cura prima di tutto dell'interfaccia: Blekko passa finalmente dai link rossi a quelli blu standard del web, elimina la barra laterale sulla sinistra per indicare i siti a cui appartengono i collegamenti attraverso piccole favicon presentate alla sinistra dei link suddetti.

L'engine di Blekko può ora giovarsi dell'inclusione automatica di 1.000 diverse slashtag, un numero molto più alto rispetto a quelle precedenti e che dovrebbe far salire di molto la rilevanza e la "raffinatezza" dei risultati delle ricerche.
Le migliorie di "Zorro" servono a rendere Blekko un motore sempre meno prono allo spam web e ai link irrilevanti, con particolare considerazione per le "content farm" come eHow. A tal proposito risulta utile anche il nuovo "gioco di società" attivato dall'engine chiamato 3 Engine Monte: l'utente sceglie un risultato di ricerca fra quelli organizzati in tre colonne diverse con l'obiettivo di "centrare" quello fornito da Blekko piuttosto che da Google o Bing.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaBlekko, ricerca raffinataUn nuovo motore di ricerca ambisce a fornire un'esperienza migliore del principale search engine telematico eliminando lo spam e fornendo strumenti di editing ai suoi utenti. Il modello Wikipedia applicato al search
  • TecnologiaAnche Blekko contro lo spam del searchLa startup adotta misure drastiche nei confronti delle content farm. Molto pi¨ drastiche di quanto abbia invece deciso di fare Google