Mauro Vecchio

California, la Costituzione tutela i videogiochi

La Corte Suprema boccia la legge di stato contro la vendita ai minori dei cosiddetti killer game. Non esistono prove evidenti di una maggiore pericolosità rispetto ad un libro o un film. La libertà di espressione è anche videoludica

Roma - Sono quasi sei anni che in California si trascina una battaglia sfiancante, scatenata dal senatore repubblicano Leland Yee con il benestare dell'ex-governatore locale Arnold "T-800" Schwarzenegger. Una vera e propria crociata contro tutti i videogame violenti, accusati di trasformare i minori a stelle e strisce in pericolosissime macchine assassine.

Una legge di stato era stata proposta, che vietasse la vendita di giochi come Grand Theft Auto ai player di minore età. I vari retailer - anche quelli specializzati in noleggio - avrebbero rischiato multe fino a mille dollari. Il caso era finito all'attenzione della Corte Suprema, chiamata ad esprimersi sul livello di costituzionalità delle predisposizioni proposte da Yee e Schwarzy.

In un parere di circa 90 pagine, i supremi giudici californiani hanno ora sottolineato come non esistano prove evidenti di una maggiore pericolosità portata in dote dai videogame. Non più di un libro o di un film contenente scene di violenza o sesso. Perché dunque bandire le sole esperienze videoludiche? Su quali basi specifiche?
La Suprema Corte a stelle e strisce ha dunque seguito la decisione già presa da una corte d'appello californiana, che aveva considerato il testo di legge come una violazione del Primo Emendamento della Costituzione. Inoltre, gli attuali studi in materia non avrebbero mai dimostrato effettivamente la connessione tra eventuali esposizioni a giochi violenti e un conseguente comportamento aggressivo da parte degli adolescenti.

Una decisione apparentemente ineluttabile per le agguerrite speranze del senatore Yee, che ha subito lanciato nuove grida di battaglia. Anche a costo di attendere che i membri della Supreme Court cambino. Intanto c'è soddisfazione estrema da parte dei vertici della Entertainment Software Association (ESA), che hanno parlato di una decisione storica per la tutela della libera espressione in terra statunitense.

"La Corte ha stabilito con forza che restrizioni basate sui contenuti di un videogioco sono incostituzionali - ha spiegato il CEO di ESA Michael Gallagher - sono i genitori, non i burocrati del governo, ad avere il diritto di decidere cosa sia appropriato per i propri figli". I minori potranno pertanto continuare a giocare liberamente, anche distruggendo avversari con i più aggressivi calci rotanti.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàCalifornia, videogiochi e CostituzioneI rappresentanti dei game publisher a stelle e strisce ancora contro Schwarzenegger e la sua legge che vieta la vendita di titoli violenti ai gamer più piccoli. La Corte Suprema deciderà se è o meno incostituzionale
  • AttualitàCalifornia, no ai videogame violentiSolo il governatore Schwarzenegger potrebbe porsi fra la libertà di acquisto dei minori e la messa al bando dei videogiochi violenti, sostenuta dalla maggioranza democratica del parlamento della California
  • AttualitàSchwarzy i videogiochi violenti no pasaranIl governatore della California ricorrerà in appello per difendere la legge che proibisce la vendita ai minori di game violenti. E' probabile che l'appello venga respinto, a spese dei contribuenti
32 Commenti alla Notizia California, la Costituzione tutela i videogiochi
Ordina
  • Aspettiamo che le stesse considerazioni si facciano anche sulla "pornografia" un volta superato l'ostacolo insormontabile del bigottismo e dei pregiudizi religiosi irrazionali circa il sesso...e vedremo quando verra' detto una volta per tutte a chiare lettere che almeno tre generazioni di adolescenti sono cresciute con la pornografia e che quindi essa non solo non produce nessun danno di alcun genere per la mente...(a differenza del bigottismo i cui danni sono invece sotto gli occhi di tutti ...basta pensare a sensi di colpa indotti ed alle fobie sessofobiche...a donne la cui capacita' di provare piacere e' stata gravemente compromessa..) ma puo' essere utilizzata come uno strumento didattico...esattamente come i videogiochi che sono stati per tanto tempo ingiustamente demonizzati....

    inoltre vedremo quando si arrivera' a dire che non spetta ai burocrati del governo fare leggi per stabile cosa l'utente puo' o non puo' guardare ma spetta ai genitori stabilire cosa i propri figli possono vedere o meno...

    Vedremo quando si arrivera' a questo...sul momento plaudiamo all'ottima decisione dei magistrati americani...che hanno ribadito principi giusti e ampissimamente condivisibili...
    non+autenticato
  • > .....a differenza del bigottismo i cui danni
    > sono invece sotto gli occhi di tutti ...

    Chissà perchè mi è balenata nella menta chiara l'immagine di Giovanardi.
  • (
    - Scritto da: W.O.P.R.
    > > .....a differenza del bigottismo i cui danni
    > > sono invece sotto gli occhi di tutti ...
    >
    > Chissà perchè mi è balenata nella menta chiara
    > l'immagine di
    > Giovanardi.

    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • Con tutte le tue proposte di vietare i videogames violenti?

    Ostreghetta, non piangere perchè
    Se ritorni in california
    poi ti pelano anche a te
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Con tutte le tue proposte di vietare i videogames
    > violenti?
    >
    > Ostreghetta, non piangere perchè
    > Se ritorni in california
    > poi ti pelano anche a te


    Posso solo auspicare che il dilagare della violenza nel mondo dovra' prima o poi aprire gli occhi di qualcuno.
    Certo e' che agli americani fa comodo indottrinare i giovani, ponendoli in situazioni che li preparino mentalmente alla battaglia. Di cio' non mi stupisco.
    Cio' di cui mi stupisco e' che da noi in italia non siano stati ancora vietati tali lavaggi del cervello, ma forse, essendo noi una base americana, qualcuno oltre oceano manovra dei fili non visibili a tutti. Se non da me.
  • - Scritto da: ostrega
    > - Scritto da: uno qualsiasi
    > > Con tutte le tue proposte di vietare i
    > > videogames violenti?

    > > Ostreghetta, non piangere perchè
    > > Se ritorni in california
    > > poi ti pelano anche a te


    > Posso solo auspicare che il dilagare della
    > violenza nel mondo dovra' prima o poi aprire gli
    > occhi di qualcuno.
    > Certo e' che agli americani fa comodo
    > indottrinare i giovani, ponendoli in situazioni
    > che li preparino mentalmente alla battaglia. Di
    > cio' non mi stupisco.
    > Cio' di cui mi stupisco e' che da noi in italia
    > non siano stati ancora vietati tali lavaggi del
    > cervello, ma forse, essendo noi una base
    > americana, qualcuno oltre oceano manovra dei fili
    > non visibili a tutti. Se non da me.

    Allora facci vedere qual e' la diffusione dei videogiochi nei paesi attualmente in guerra civile.
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: ostrega
    > > - Scritto da: uno qualsiasi
    > > > Con tutte le tue proposte di vietare i
    > > > videogames violenti?
    >
    > > > Ostreghetta, non piangere perchè
    > > > Se ritorni in california
    > > > poi ti pelano anche a te

    >
    > > Posso solo auspicare che il dilagare della
    > > violenza nel mondo dovra' prima o poi aprire gli
    > > occhi di qualcuno.
    > > Certo e' che agli americani fa comodo
    > > indottrinare i giovani, ponendoli in situazioni
    > > che li preparino mentalmente alla battaglia. Di
    > > cio' non mi stupisco.
    > > Cio' di cui mi stupisco e' che da noi in italia
    > > non siano stati ancora vietati tali lavaggi del
    > > cervello, ma forse, essendo noi una base
    > > americana, qualcuno oltre oceano manovra dei
    > fili
    > > non visibili a tutti. Se non da me.
    >
    > Allora facci vedere qual e' la diffusione dei
    > videogiochi nei paesi attualmente in guerra
    > civile.

    Li le cause sono ben altre, le persone hanno vere motivazioni per combattere.
    Gli FPS servono ad indottrinare le generazioni di bovini che non avrebbero nessun motivo di combattere, se non per gli interessi di pochi. Certo, che in minima parte ed indirettamente diventano anche interessi dei bovini stessi, se sopravvivono senza respawn Cylon
  • ehhh la storia che i fps siano propaganda militare è sempre stata una bufala! Semmai hanno decisio di usare i fps come addestramento per i soldati.

    E l'idea è partita proprio con doomA bocca aperta

    Per il resto è solo una bufalaA bocca aperta
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > ehhh la storia che i fps siano propaganda
    > militare è sempre stata una bufala! Semmai hanno
    > decisio di usare i fps come addestramento per i
    > soldati.

    Appunto, e io che ho detto? Vengono usati per preparare mentalmente e tatticamente i bovini alla battaglia, ed allo stesso modo possono essere usati come mezzo di propaganda militare e politica.
    Percio' dovrebbero essere vietati ai "non addetti ai lavori".

    > E l'idea è partita proprio con doomA bocca aperta
    >
    > Per il resto è solo una bufalaA bocca aperta
  • - Scritto da: ostrega

    > Appunto, e io che ho detto? Vengono usati per
    > preparare mentalmente e tatticamente i bovini
    > alla battaglia, ed allo stesso modo possono
    > essere usati come mezzo di propaganda militare e
    > politica.
    > Percio' dovrebbero essere vietati ai "non addetti
    > ai
    > lavori".

    questa sparata potrebbe tranquillamente rivaleggiare con le "scie chimiche" o altre amenità.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ostrega
    > - Scritto da: uno qualsiasi
    > > Con tutte le tue proposte di vietare i
    > videogames
    > > violenti?
    > >
    > > Ostreghetta, non piangere perchè
    > > Se ritorni in california
    > > poi ti pelano anche a te

    >
    > Posso solo auspicare che il dilagare della
    > violenza nel mondo dovra' prima o poi aprire gli
    > occhi di
    > qualcuno.
    > Certo e' che agli americani fa comodo
    > indottrinare i giovani, ponendoli in situazioni
    > che li preparino mentalmente alla battaglia. Di
    > cio' non mi
    > stupisco.
    > Cio' di cui mi stupisco e' che da noi in italia
    > non siano stati ancora vietati tali lavaggi del
    > cervello, ma forse, essendo noi una base
    > americana, qualcuno oltre oceano manovra dei fili
    > non visibili a tutti. Se non da
    > me.

    come dice l'articolo stesso, non ci sono studi né prove che dimostrerebbero (oltre ogni ragionevole dubbio) la correlazione tra videogame e violenza "reale".

    quindi, di che vai cianciando?
    non+autenticato
  • - Scritto da: anony
    > - Scritto da: ostrega
    > > - Scritto da: uno qualsiasi
    > > > Con tutte le tue proposte di vietare i
    > > videogames
    > > > violenti?
    > > >
    > > > Ostreghetta, non piangere perchè
    > > > Se ritorni in california
    > > > poi ti pelano anche a te

    > >
    > > Posso solo auspicare che il dilagare della
    > > violenza nel mondo dovra' prima o poi aprire gli
    > > occhi di
    > > qualcuno.
    > > Certo e' che agli americani fa comodo
    > > indottrinare i giovani, ponendoli in situazioni
    > > che li preparino mentalmente alla battaglia. Di
    > > cio' non mi
    > > stupisco.
    > > Cio' di cui mi stupisco e' che da noi in italia
    > > non siano stati ancora vietati tali lavaggi del
    > > cervello, ma forse, essendo noi una base
    > > americana, qualcuno oltre oceano manovra dei
    > fili
    > > non visibili a tutti. Se non da
    > > me.
    >
    > come dice l'articolo stesso, non ci sono studi né
    > prove che dimostrerebbero (oltre ogni ragionevole
    > dubbio) la correlazione tra videogame e violenza
    > "reale".
    >
    > quindi, di che vai cianciando?

    ci sono un sacco di aspetti nella vita che non hanno e non avranno delle prove inconfutabili, un sacco di atteggiamenti, modi di dire, personalita', gusti sessuali, che non appartengono ad una determinata categoria. perche' si trovano sulla linea di confine tra due idee o culture, o perche' non riusciamo ad inquadrarle nel giusto contesto.
    Giochi come battlefield 3 ad esempio, in un contesto occidentale od americano, se vogliamo dirla tutta, fungono da mezzo di propaganda politica e strumento in grado di distorcere la normale associazione di idee di un giovane, il quale accostera' il divertimento del videogioco alle situazioni di guerriglia urbana. Magnificamente riprodotte certo, ma proprio per questo pericolose e particolarmente efficaci nella loro azione deviante.
  • - Scritto da: ostrega

    > Giochi come battlefield 3 ad esempio, in un
    > contesto occidentale od americano, se vogliamo
    > dirla tutta, fungono da mezzo di propaganda
    > politica e strumento in grado di distorcere la
    > normale associazione di idee di un giovane, il
    > quale accostera' il divertimento del videogioco
    > alle situazioni di guerriglia urbana.
    > Magnificamente riprodotte certo, ma proprio per
    > questo pericolose e particolarmente efficaci
    > nella loro azione
    > deviante.

    e allora? penso proprio che al giovane che gioca a Battlefield 3 non gliene possa fregare di meno della "propaganda politica"... (sempre ammesso che ve ne sia).
    dubito sia quello il motivo per cui ha comprato/scaricato il gioco.

    ergo, indipendentemente dal contento e dalla "propaganda" presenti nel gioco, il giovane di turno le ignorerà bellamente per concentrarsi su ben altri aspetti dell'esperienza videoludica.
    non+autenticato
  • ... Come sempre danno sfoggio di grande modernità, intelligenza e apertura mentale: 'sto Leland Yee dev'essere della stessa genia di Michele Bachmann, l'anti-gay, creazionista, avversa alle leggi sul controllo delle emissioni che sfiderà Obama: ma come si fa a prendersela con i videogiochi quando ci sono film che fanno esplodere anche "la mamma", e Schwarzy stesso era una macchina per uccidere, nei mitici "eighties"?!
    Poveri 'mmerigani. Ci si lamenta tanto qui in Italia, ma laggiù ci sono dei tipi che te li raccomando, il Trota gli fa un baffo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Jonotespere
    > ... Come sempre danno sfoggio di grande
    > modernità, intelligenza e apertura mentale: 'sto
    > Leland Yee dev'essere della stessa genia di
    > Michele Bachmann, l'anti-gay, creazionista,
    > avversa alle leggi sul controllo delle emissioni
    > che sfiderà Obama: ma come si fa a prendersela
    > con i videogiochi quando ci sono film che fanno
    > esplodere anche "la mamma", e Schwarzy stesso era
    > una macchina per uccidere, nei mitici
    > "eighties"?!
    > Poveri 'mmerigani. Ci si lamenta tanto qui in
    > Italia, ma laggiù ci sono dei tipi che te li
    > raccomando, il Trota gli fa un
    > baffo.

    Sì, perchè adesso il peggio dell'Italia è rappresentato dal Trota. E magari (come alcuni quotidiani stanno cercando di insinuare nelle teste bacate di certa gente) se Napoli è immersa nell'immondizia è colpa della Lega... ma fammi il piacere !!!
    non+autenticato
  • Premetto che sono completamente contro videogiochi e film violenti (o meglio, dove la violenza è fine a sé stessa).
    Volevo solo dire che la soluzione c'è, è semplice, ed ho già avuto modo di vederla applicata in molti giochi dal 1998 in poi. Per quanto ho potuto constatare, i videogiochi arcade giapponesi (nel caso specifico i picchiaduro), fra le impostazioni software accessibili tramite il bios della macchina, solitamente hanno dei limiti auto-impostati (che possono essere sbloccati) riguardo: violenza del gioco e flash.
    Nel primo caso di solito si abilitano/disabilitano gli schizzi di sangue o dei fotogrammi particolarmente cruenti, col secondo vengono disabilitati tutti i flash a schermo pieno che possono dare problemi a molti, in particolar modo agli epilettici.
    Ora, vietare un gioco o un film lo vedo assolutamente giusto se contiene violenza ingiustificata (ah, e non valgono giustificazioni psico-false alla SAW)
    Ci tengo a precisare che non si tratta di censura, ma di tutela, perché la maggior parte dei minori non potrebbe capire un eventuale messaggio (se c'è) mascherato dietro la violenza di un gioco o un film, e quindi recepirebbe solo la violenza fine a sé stessa.
    non+autenticato
  • Hai perfettamente ragione, i minori non sono in grado di distinguere tra finzione e realtà, pertanto bisognerebbe vietare anche:
    - Film sui supereroi, che poi i bambini si lanciano dal quinto piano pensando di volare o sparare ragnatele;
    - Messe, pubblicità di maghi e i vari Harrypotter, che i bimbi poi si bevono 'ste fesserie sulla magia e il sovrannaturale;
    - Cartoni animati, i bambini rischierebbero di credere che i cerbiatti parlino, gli elefanti volino o i pinguini facciano parte delle forze speciali;
    ....
    ....
    Altre ed eventuali
    non+autenticato
  • Già, mi ricordo anni fa quando un bambino si buttò dal quinto piano perchè credeva di essere Jeeg Robot.

    La Polizia arrestò la madre per non avergli lanciato i componenti.
    non+autenticato
  • A parte l'Oscar per la risposta di MegaJock (sul serio, davvero fantastica quella delle componenti)
    Non dicevo che i minori (certo qualcuno a 15 anni è più maturo di qualche altro a 25, ma la media sta più o meno sui 18-19) non distinguono fra finzione e realtà, ma che, non sono in grado di recepire (se c'è) un messaggio oltre alla violenza che la giustifichi. Quella dell'immedesimarsi e fare una strage o suicidarsi aspettando le componenti, è una conseguenza estrema, ma vedere continuamente violenza non è cosa buona, soprattutto per i più piccoli che vivono nei loro mondi fatati dove gli animali parlano - altra cosa che vieterei subito, anche e soprattutto per la mancanza assoluta di senso della cosa, come se gli animali fossero buoni o cattivi solo in base alla specie -. E non è per illuderli di vivere in un mondo dove tutti si vogliono bene etc, etc, bensì per non far loro bruciare le tappe. Avranno ben modo di capire che il mondo non è rose e fiori, ma penso non sia così drammatico se il periodo in cui pensano che il mondo lo sia, sia più lungo possibile.
    È come dire, siccome prima o poi ti farai male, tanto vale fartelo subito...
    non+autenticato
  • - Scritto da: smilzoboboz
    > A parte l'Oscar per la risposta di MegaJock (sul
    > serio, davvero fantastica quella delle
    > componenti)

    Grazie ma non è mia, è vecchia di quasi 30 anni. Tra l'altro credo sia Creative Commons.Occhiolino

    In ogni caso l'età della battuta dovrebbe dare l'idea di quanto questo accidenti di dibattito inutile sia antico.

    E per dare l'idea di quanto sia stupido e pericoloso, googlate "seduction of the innocent" per rendervi conto di come l'opinione di un "esperto" abbia quasi annientato la cultura dei fumetti.

    La censura è sempre un male: parte dal principio che qualcuno sa cosa è meglio sapere per ognuno di noi, e che gli adulti devono vivere di latte scremato perchè i neonati non possono mangiare la bistecca.

    Se sentite qualcuno appoggiare la censura, trascinatelo in un androne e strangolatelo: il mondo sarà un posto migliore.
    non+autenticato
  • - Scritto da: smilzoboboz
    > A parte l'Oscar per la risposta di MegaJock (sul
    > serio, davvero fantastica quella delle
    > componenti)

    Guarda che è una battuta vecchissima.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ekrem
    > Hai perfettamente ragione, i minori non sono in
    > grado di distinguere tra finzione e realtà,
    > pertanto bisognerebbe vietare
    > anche:
    [..]
    > - Messe, pubblicità di maghi e i vari
    > Harrypotter, che i bimbi poi si bevono 'ste
    > fesserie sulla magia e il
    > sovrannaturale;

    quoto...e' l'unica cosa che vieterei...c'e' gente che a 50 anni crede ancora nel soprannaturale...proprio perche' da piccolo e' stato plagiato...
    non+autenticato
  • - Scritto da: smilzoboboz

    > Ci tengo a precisare che non si tratta di
    > censura, ma di tutela, perché la maggior parte
    > dei minori non potrebbe capire un eventuale
    > messaggio (se c'è) mascherato dietro la violenza
    > di un gioco o un film, e quindi recepirebbe solo
    > la violenza fine a sé
    > stessa.

    il problema è che per la legge "minore" significa meno di 18 anni, senza se e senza ma.

    ora, sappiamo benissimo tutti, e tu stesso lo hai menzionato in un tuo successivo post, che i 16-17enni di oggi sono molto più svegli di quanto si possa pensare, e sono più che sicuro che sarebbero perfettamente in grado di "capire un eventuale messaggio (se c'è) mascherato dietro la violenza di un gioco o un film".

    ma per la legge sarebbero "minori" e quindi...

    un conto è se mi dicessi: "vietiamo ai bambini sotto i 7 anni l'accesso a certi contenuti"
    ma se mi parli di minori, significa che lo vuoi vietare anche a quelli che hanno 18 anni -1 giorno... e non ha alcun senso.

    si ripeterebbe la stesso storia della pornografia: in teoria vietata ai "minori" ma di fatto, abusata soprattutto dagli adolescenti per ovvi motivi.
    non+autenticato
  • sei tesserato al moige ? Questi discorsi sterli su la censura giusta sono in quello stile....
    Sgabbio
    26178
  • Certo che un paese che vuole proibire ai minori i videogiochi violenti e poi lascia libertà di acquisto e possesso di armi... e un minore può tranquillamente acquistarle per corrispondenza...
    ditemi voi...
  • - Scritto da: W.O.P.R.
    > Certo che un paese che vuole proibire ai minori i
    > videogiochi violenti e poi lascia libertà di
    > acquisto e possesso di armi... e un minore può
    > tranquillamente acquistarle per
    > corrispondenza...
    > ditemi voi...

    Visto che devi mandare una copia della carta di identità forse fai prima ad acquistarle in strada dalla gang di turno.
    In California, poi: 3gg minimo di attesa. Assurdo.
    non+autenticato
  • "I minori potranno pertanto continuare a giocare liberamente, anche distruggendo avversari con i più aggressivi calci rotanti".

    Non credo sia questo il messaggio lanciato dalla sentenza della Suprema Corte. Dunque, non capisco il suo perchè. La redazione poteva tranquillamente chiudere l'articolo col virgolettato dell'ESA, ma boh...
  • - Scritto da: ThEnOra
    > "I minori potranno pertanto continuare a giocare
    > liberamente, anche distruggendo avversari con i
    > più aggressivi calci
    > rotanti".
    >
    > Non credo sia questo il messaggio lanciato dalla
    > sentenza della Suprema Corte. Dunque, non capisco
    > il suo perchè. La redazione poteva
    > tranquillamente chiudere l'articolo col
    > virgolettato dell'ESA, ma
    > boh...

    Concordo. Ha molto più senso scrivere che tocca ai genitori decidere quali videogiochi siano appropriati e quali no per i loro figli (almeno finchè questi siano in età "verde") e finirla lì.
    non+autenticato
  • ma infatti, i calci rotanti sono un'esclusiva di Chuck Morris mica dei videogiochiA bocca aperta
    non+autenticato
  • ... e per aver sbagliato il Mio nome, non perdere tempo a chiudere la porta di casa questa sera, tanto domani non l'avrai più (la casa)
    non+autenticato