MandrakeLinux si lancia sui server

Sperando di scongiurare la bancarotta, MandrakeSoft ha lanciato una nuova distribuzione Linux dedicata ai cluster di server, mercato più ricco di quello desktop ma senza dubbio più affollato

Heidelberg (Germania) - Con l'obiettivo di portare anche nel mondo del calcolo parallelo la facilità d'installazione e d'uso che ha reso celebre la propria distribuzione desktop, MandrakeSoft ha lanciato sul mercato MandrakeClustering, un nuova versione di Linux che va a collocarsi sul mercato dei server di fascia media e alta.

Il distributore francese afferma che MandrakeClustering è un sistema operativo particolarmente orientato per girare su cluster di server e supercomputer anche di grandi dimensioni, e ha per target applicazioni di calcolo intensivo quali la simulazione di crash test, la modellazione sismica e l'analisi finanziaria.

La nuova distribuzione si basa sul software libero sviluppato da MandrakeSoft in seno a CLIC, un progetto a cui partecipano anche Bull e Imag il cui obiettivo è semplificare al massimo l'installazione e la configurazione di cluster di server basati su Linux attraverso l'unificazione delle varie fasi di installazione, set-up e deployment.
MandrakeClustering, il cui prezzo base parte da poco meno di 3.000 dollari incluso il contratto di assistenza, attualmente supporta le architetture IA-32 (Pentium e Xeon) e AMD64 (Opteron), mentre la versione IA-64 è attesa per settembre. L'edizione per processori Intel a 32 bit adotta, a differenza dei concorrenti, una versione del compilatore GNU/Linux sviluppata da Intel e ottimizzata per le CPU Xeon.

MandrakeSoft sostiene che la propria distribuzione richiede solo pochi minuti per installarsi attraverso i vari nodi del cluster e, grazie alla suite di strumenti di gestione URPMI, permette agli amministratori di gestire con facilità le dipendenze dei software e l'aggiornamento simultaneo dei pacchetti all'interno di tutti i nodi.

Il sistema operativo di MandrakeSoft include poi tutta una serie di tool di amministrazione basati su interfacce grafiche, quali ad esempio un programma per il monitoraggio del cluster ed uno per la rimozione dinamica dei nodi.

Con questa nuova versione del proprio sistema operativo la società parigina tenta di slegare il proprio business dal pigro e mai decollato mercato desktop/Linux per gettarsi nel più fertile e maturo segmento dei server Linux. MandrakeSoft, che a causa della sua difficile situazione finanziaria opera dall'inizio dell'anno in regime di amministrazione controllata, fa particolare affidamento sulla sua nuova distribuzione per scongiurare la bancarotta e raggiungere l'agognato pareggio.
85 Commenti alla Notizia MandrakeLinux si lancia sui server
Ordina
  • Spero che questo possa rilanciare Mandrake...
    SiN
    1120
  • Perché ammettendo che le altre applicazioni NON vengano ritoccate per spremere al massimo il clustering (cosa che dovrebbe essere fatta, secondo me) per onorare la GPL dovrebbero rendere il codice pubblico.
    Ipotizzando che se fosse solo il kernel e i moduli ad essere moddati almeno quelli dovrebbero essere accessibili a tutti.

    E' inaudito che si debba pagare 3000 dollari solo per vedere quello che hanno modificato. Anche perché sarebbe l'ennesimo abuso alla GPL perpetrato dai suoi "alleati a pagamento".

    Mi piacerebbe anche leggere i termini di licenza di Mdk cluster nel suo complesso. Se io la compro la posso installare dove e quando voglio? Posso mettere un sito su e farla scaricare al resto del mondo (anche perché a quel prezzo, anche ammettendo che non sia una merda come tutto il resto dei prodotti mdk, prevedo che non vendano più di 10 copie)? Anche se fosse possibile resta il fatto che loro di persona NON lo fanno e quindi la GPL è violata perché è mandatori per lo sfruttatore di codice GPL rendere pubblici i sorgenti a tutta la comunità...

    Chi fa clustering di solito è esperto (anche perché sino ad ora il 99% dei cluster hanno funzionato su sistemi fai-da te o su roba tipo MOSIX - che però mi pare sia specializzato per il calcolo distribuito, ve? - ) e quindi non tutti sono disposti a pagare sti 3000 dolla per un call center e poco più (e dubito pure che possano avere un supporto tecnico degno di nota... se io fossi in grado di fornire assistenza per i cluster penso proprio che lo farei come consulente non come operatore da hot-line o galoppino per una multinazionale).
    non+autenticato
  • dipende da come vengono linkate le modifiche.
    la licenza mica deve ssere una sola. SuSE per esempio mette i suoi tool di config sotto licenza proprietaria mentre per il resto rispetta la gpl. ed è in regola.

    - Scritto da: Anonimo
    > Perché ammettendo che le altre applicazioni
    > NON vengano ritoccate per spremere al
    > massimo il clustering (cosa che dovrebbe
    > essere fatta, secondo me) per onorare la GPL
    > dovrebbero rendere il codice pubblico.
    > Ipotizzando che se fosse solo il kernel e i
    > moduli ad essere moddati almeno quelli
    > dovrebbero essere accessibili a tutti.
    >
    > E' inaudito che si debba pagare 3000 dollari
    > solo per vedere quello che hanno modificato.
    > Anche perché sarebbe l'ennesimo abuso alla
    > GPL perpetrato dai suoi "alleati a
    > pagamento".
    >
    > Mi piacerebbe anche leggere i termini di
    > licenza di Mdk cluster nel suo complesso. Se
    > io la compro la posso installare dove e
    > quando voglio? Posso mettere un sito su e
    > farla scaricare al resto del mondo (anche
    > perché a quel prezzo, anche ammettendo che
    > non sia una merda come tutto il resto dei
    > prodotti mdk, prevedo che non vendano più di
    > 10 copie)? Anche se fosse possibile resta il
    > fatto che loro di persona NON lo fanno e
    > quindi la GPL è violata perché è mandatori
    > per lo sfruttatore di codice GPL rendere
    > pubblici i sorgenti a tutta la comunità...
    >
    > Chi fa clustering di solito è esperto (anche
    > perché sino ad ora il 99% dei cluster hanno
    > funzionato su sistemi fai-da te o su roba
    > tipo MOSIX - che però mi pare sia
    > specializzato per il calcolo distribuito,
    > ve? - ) e quindi non tutti sono disposti a
    > pagare sti 3000 dolla per un call center e
    > poco più (e dubito pure che possano avere un
    > supporto tecnico degno di nota... se io
    > fossi in grado di fornire assistenza per i
    > cluster penso proprio che lo farei come
    > consulente non come operatore da hot-line o
    > galoppino per una multinazionale).
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Perché ammettendo che le altre applicazioni
    > NON vengano ritoccate per spremere al
    > massimo il clustering (cosa che dovrebbe
    > essere fatta, secondo me) per onorare la GPL
    > dovrebbero rendere il codice pubblico.
    > Ipotizzando che se fosse solo il kernel e i
    > moduli ad essere moddati almeno quelli
    > dovrebbero essere accessibili a tutti.
    >
    > E' inaudito che si debba pagare 3000 dollari
    > solo per vedere quello che hanno modificato.
    > Anche perché sarebbe l'ennesimo abuso alla
    > GPL perpetrato dai suoi "alleati a
    > pagamento".
    >
    > Mi piacerebbe anche leggere i termini di
    > licenza di Mdk cluster nel suo complesso. Se
    > io la compro la posso installare dove e
    > quando voglio? Posso mettere un sito su e
    > farla scaricare al resto del mondo (anche
    > perché a quel prezzo, anche ammettendo che
    > non sia una merda come tutto il resto dei
    > prodotti mdk, prevedo che non vendano più di
    > 10 copie)? Anche se fosse possibile resta il
    > fatto che loro di persona NON lo fanno e
    > quindi la GPL è violata perché è mandatori
    > per lo sfruttatore di codice GPL rendere
    > pubblici i sorgenti a tutta la comunità...
    >
    > Chi fa clustering di solito è esperto (anche
    > perché sino ad ora il 99% dei cluster hanno
    > funzionato su sistemi fai-da te o su roba
    > tipo MOSIX - che però mi pare sia
    > specializzato per il calcolo distribuito,
    > ve? - ) e quindi non tutti sono disposti a
    > pagare sti 3000 dolla per un call center e
    > poco più (e dubito pure che possano avere un
    > supporto tecnico degno di nota... se io
    > fossi in grado di fornire assistenza per i
    > cluster penso proprio che lo farei come
    > consulente non come operatore da hot-line o
    > galoppino per una multinazionale).

    Tutto il codice e' pubblico, tant'e' che l'intera
    distribuzione e' scaricabile...
    non+autenticato
  • per costruire un cluster non tocchi il kernel ... hai solo in piu' qualche demone che gestisce la migrazione di processi/dati/sink ecc ...

    cioe' la base di distribuzione rimane sempre il kernel 2.4 standard ... cmq da quello che ho letto e' anche un'implementazione cluster un po' farlocca gia' di suo ... richiede l'installazione della stessa su tutte le macchine e configurazioni ... anche se poi aggiorni gli rpm in sincrono, non pare tanto conveniente come cosa soprattutto su grossi numeri di nodi ...

    io preferirei uno dei soliti cloni di beowulf o altri che permettono i boot di rete non dovendo avere hd sulle macchine se non per swap (che puo' essere benissimo ottenuto con un flash driver di 200-300mb incrementando le prestazioni del 100%)

    cmq queste sono le mie idee sul clustering ... ma come si nota ognuno ha intrapreso strade diverse e sopravvive cmq pare ...

    ciao
  • ..sta mandrache, che già mi fatto perdere troppo tempo con i suoi crash continui è il supporto alle periferiche praticamente a zero...

    addio pinguino
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ..sta mandrache, che già mi fatto perdere
    > troppo tempo con i suoi crash continui è il
    > supporto alle periferiche praticamente a
    > zero...
    >
    > addio pinguino

    ihihih

    ma se devi trollare, almeno fallo con un po' di criterio ahahaA bocca aperta


    ...la Mandrake è la distro che ha il miglior supporto alle perifericheOcchiolino

    Ciao trollone ihihihihA bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > ..sta mandrache, che già mi fatto perdere
    > > troppo tempo con i suoi crash continui è
    > il
    > > supporto alle periferiche praticamente a
    > > zero...
    > >
    > > addio pinguino
    >
    > ihihih
    >
    > ma se devi trollare, almeno fallo con un po'
    > di criterio ahahaA bocca aperta
    >
    >
    > ...la Mandrake è la distro che ha il miglior
    > supporto alle perifericheOcchiolino
    >
    > Ciao trollone ihihihihA bocca aperta

    sarà... ma nessuna delle mie periferiche gli calza (ati rage IIc, audio ac97 integrato, modem analogico conexant, modem adsl datacom..) che cacchio posso farci...

    ciao ciao
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > sarà... ma nessuna delle mie periferiche gli
    > calza (ati rage IIc, audio ac97 integrato,
    > modem analogico conexant, modem adsl
    > datacom..) che cacchio posso farci...

    Ma allora sei tu che vuoi farti del male con l'hardware del negozietto di PC di Via Gluck.
    La Ati Rage IIc a me ha funzionato e anche l'audio AC97 del chipset VIA xxC686. Il modem analogico Conexant potrebbe essere un lobotomizzato winmodem, e anche coi modem ADSL ci sono molti problemi ma il 50% vanno bene.
    L'hardware troppo economico e di marchi strani e' sempre da evitare anche se non si intende usare Linux, soprattutto perche' anche lo stesso produttore puo' smetterlo di produrlo e supportarlo con le stesse nuove versioni di Windows.

    Io per l'ADSL ho preferito un piccolo router, per la scheda audio mi sono comprato qualche tempo fa una Sound Blaster Pro PCI che non vendero' mai. Se ho problemi con l'audio integrato in motherboard si puo' sempre disabilitare da bios e mettere la SBPro che si sente sempre meglio di altri chip audio.
    I modem mai comprato winmodem, non vendo mai un modem analogico V90 con chipset rockwell che ho e lo Zyxel ISDN, ovviamente entrambi seriali ed esterni.
    E' piu' scomodo avere device esterni perche' occupano spazio hanno l'alimentatore e ci vuole sempre una ciabattona multipresa per attaccare tutte queste spine, pero' tutto funziona a meraviglia.
    Tornando alla Mandrake 9.1 che e' l'ultima distribuzione, io la trovo di una semplicita' disarmante, quasi mi ci trovo male per come mi nasconde tutti i file e la complessita' del sistema. L'ho provata ed era piuttosto lenta e pesante, ma e' migliorata moltissimo gia' solo ricompilando il kernel...
    Ovviamente ha riconosciuto e fatto funzionare a meraviglia tutti i componenti della mia HP OfficeJet PSC950 che ha anche il lettore di schede SmartMedia, PC Card, Memory Stick ecc.

    --
    Ciao.
    Mr. Mechano

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    [cut]
    >
    > sarà... ma nessuna delle mie periferiche gli
    > calza (ati rage IIc, audio ac97 integrato,
    > modem analogico conexant, modem adsl
    > datacom..) che cacchio posso farci...
    >
    > ciao ciao

    Se si usano pericheriche "vere" e piuttosto difficile avere problemi.
    Se si usano winprinter, winmodem o schifezze simili problemi possono esserci, ma non per colpa del sistema operativo, ma perche' questi pseudocomponenti sono solo dei supporti hardware minimi di funzioni che vengono svolte via software. Tanto per intenderci gli winmodem non sono modem, ma una sorta di schede audio semplificate; la funzione di MOdulazione/DEModulazione avviene via software. E' chiaro che se il produttore rilascia questo software solo per windows possono esserci difficolta' di supporto sotto altri sistemi operativi. Se non si e' capito questo e' meglio tornare a giocare a bilie anziche' postare sui forum di informatica e fare la figura dei pellai.

    Prospero
    non+autenticato
  • Forse adesso ti rendi conto di aver comprato hardware spazzatura: non dar la colpa di questo a Linux.

    Hai fatto male i tuoi calcoli: hai pensato di risparmiare qualche Euro, ma adesso li devi rispendere perche' solo windows riconosce quella robaccia, e windows lo devi pagare salato. Sempre ammettendo che tu windows l'abbia pagato, cosa di cui dubito fortemente....
    non+autenticato

  • Ma come 3000 dollari? No, grazie, è disdicevole dover pagare per un software opensource.

    La distribuzione è opensource no? Non mi serve l'assistenza grazie, ho già un paio di galoppini smanettoni che sono dei maghi con Linux, voglio solo scaricare GRATIS tutta la nuova distribuzione.

    Dov'è il link alla MandrakeClustering ?

    E' questo il nuovo modello economico nel software? Ridursi a dover implorare l'elemosina agli open-parassiti per non andare in bancarotta?
    Gli open-parassiti a quest'ora si mostrano affranti e dispiaciuti per le sorti della loro distribuzione preferita pur non avendo sganciato 1 euro e dico 1. Sono talmente disperati che hanno già sostituito il bookmark del sito Mandrake con quello del sito RedHat, loro hanno più soldi in cassa, magari si riesce a succhiare il sangue ancora per una decina d'anni....

    Tamerlano




    non+autenticato
  • Io ho pagato per la mia copia di Mandrake, la uso e continuerò a farlo.
    Anche se non avessi pagati e l'avessi solo scaricata, continuerei ad usarla.

    Perchè è disdicevole pagare il software opensource?La distribuzione per i cluster ha quel prezzo, trova qualcuno che l'ha già comprata e fattene fare una copia, se ne hai bisogno.

    Nessuno mi ha mai fatto l'elemosina.Cosa stai dicendo?Quando verrà il giorno in cui dovrò pagare per un Sistema Operativo, come ho già fatto, lo rifarò e saprò a chi dare i miei soldi. Non certo a chi chiude il codice.

    Non ho tolto nessun bookmark dal mio browser.Almeno non quelli dalla Mandrake.

    NB
    Spero davvero che si imponga definitivamente non solo il software closed, ma anche l'hardware: voglio "black box" con 2 pulsanti al massimo e nessuno che sappia cosa c'è dentro, così potrò guadagnare ancora di più di quanto faccio adesso, alla faccia di tutto il 99% che usa software closed e che vuole tutto facile. E' così che io mi arricchisco: vendo software facile e strachiuso, nessuno deve sapere cosa fa il mio software, lo deve fare e basta. E' per questo che uso SOLO software open, perchè so che c'è gente come me che si arricchisce venbdendo software scadende e fatto malissimo (ma chiuso) a persone che non ne capiscono NULLA (e non vogliono farlo) ingannandole con fronzoli grafici, funzioni pseudo automatiche e backdoor da tutte le parti.

    Ciao a tutti!


    - Scritto da: Anonimo
    >
    > Ma come 3000 dollari? No, grazie, è
    > disdicevole dover pagare per un software
    > opensource.
    >
    > La distribuzione è opensource no? Non mi
    > serve l'assistenza grazie, ho già un paio di
    > galoppini smanettoni che sono dei maghi con
    > Linux, voglio solo scaricare GRATIS tutta la
    > nuova distribuzione.
    >
    > Dov'è il link alla MandrakeClustering ?
    >
    > E' questo il nuovo modello economico nel
    > software? Ridursi a dover implorare
    > l'elemosina agli open-parassiti per non
    > andare in bancarotta?
    > Gli open-parassiti a quest'ora si mostrano
    > affranti e dispiaciuti per le sorti della
    > loro distribuzione preferita pur non avendo
    > sganciato 1 euro e dico 1. Sono talmente
    > disperati che hanno già sostituito il
    > bookmark del sito Mandrake con quello del
    > sito RedHat, loro hanno più soldi in cassa,
    > magari si riesce a succhiare il sangue
    > ancora per una decina d'anni....
    >
    > Tamerlano
    >
    >
    >
    >
    non+autenticato

  • > Io ho pagato per la mia copia di Mandrake,
    > la uso e continuerò a farlo.
    > Anche se non avessi pagati e l'avessi solo
    > scaricata, continuerei ad usarla.

    Ecco vedi dove sta il problema? che tu l'hai pagata riconoscendo il lavoro di chi si è smazzato (sperando che i soldi non li abbia dati alla telecom o all'editore della rivistina...)
    mentre il 99% degli ipocriti sostenitori di Mandrake si sono ben guardati dal farlo, se non fosse così ora la Mandrake non starebbe elemosinando 2 euro per poter sopravvivere.


    >
    > Perchè è disdicevole pagare il software
    > opensource?

    Mai sentito parlare di "ironia" ?


    >La distribuzione per i cluster ha
    > quel prezzo, trova qualcuno che l'ha già
    > comprata e fattene fare una copia, se ne hai
    > bisogno.

    Ma come, si propone baldanzosamente una _strepitosa_ soluzione opensource e poi non te la fanno scaricare?
    Ma lo spirito dell'opensource non andava esattamente nella direzione opposta?
    Occorre aspettare il primo _pirla_ che ci mette i 3000 dollari per ottenerla liberamente?
    Saranno felicissimi in Mandrake quando sapranno che la loro favolosa MandrakeSuperCluster è scaricabile da 100 mirror diversi dopo averne venduta _1_.


    > Nessuno mi ha mai fatto l'elemosina.

    Non sei tu chiedi a dover chiedere l'elemosina, tu al massimo sei quello che la fa, e mi complimento se tu l'hai fatta davvero a quegli ingenui idealisti in Mandrake.....

    Temo però che le open-piattole abbiano tutto l'interesse a non porsi affatto il problema.....

    P.S: per gli amanti di Mozilla, stanno facendo una colletta per tenere in piedi il server, se questo è modello economico del futuro stiamo a posto....

    Tamerlano
    non+autenticato
  • > >La distribuzione per i cluster ha
    > > quel prezzo, trova qualcuno che l'ha già
    > > comprata e fattene fare una copia, se ne
    > hai
    > > bisogno.
    >
    > Ma come, si propone baldanzosamente una
    > _strepitosa_ soluzione opensource e poi non
    > te la fanno scaricare?
    > Ma lo spirito dell'opensource non andava
    > esattamente nella direzione opposta?
    > Occorre aspettare il primo _pirla_ che ci
    > mette i 3000 dollari per ottenerla
    > liberamente?

    Se non la comprerà nessuno non ne lanceranno altre...ma forse si.
    Ti ricordo che open source non vuol dire gratis, ma è un concetto che non si rieusce a far comprendere questo.


    > Saranno felicissimi in Mandrake quando
    > sapranno che la loro favolosa
    > MandrakeSuperCluster è scaricabile da 100
    > mirror diversi dopo averne venduta _1_.

    Sono affari loro, non miei.
    Dico solo che non acquisterò mai nulla closed source, a meno di rarissime eccezioni.
    Uso Mandrake da anni, ed è sempre andata benissimo.Quando chiuderà passerò ad un'altra, magari a pagamento, purchè open.

    Invece io continuerò a vendere ai miei clienti software chiuso e a spennarli il più possibile, convincendoli che l'open source è un fallimento.
    Il mio "paradiso" è un mondo di utenti Windows da Ecdl, se poi sono ai vertici di qualche azienda ancora meglio. Non sai quanti soldi che faccio vendendo a questi soggetti spazzatura closed source.

    > Non sei tu chiedi a dover chiedere
    > l'elemosina, tu al massimo sei quello che la
    > fa, e mi complimento se tu l'hai fatta
    > davvero a quegli ingenui idealisti in
    > Mandrake.....

    Si ho sbalgiato a scrivere.
    non+autenticato

  • > Invece io continuerò a vendere ai miei
    > clienti software chiuso e a spennarli il più
    > possibile, convincendoli che l'open source è
    > un fallimento.
    > Il mio "paradiso" è un mondo di utenti
    > Windows da Ecdl, se poi sono ai vertici di
    > qualche azienda ancora meglio. Non sai
    > quanti soldi che faccio vendendo a questi
    > soggetti spazzatura closed source.

    ma buttati via semo
    non+autenticato

  • > Se non la comprerà nessuno non ne lanceranno
    > altre...ma forse si.
    > Ti ricordo che open source non vuol dire
    > gratis, ma è un concetto che non si rieusce
    > a far comprendere questo.

    Infatti la prima copia è a pagamento le n-1 potrebbero essere gratisse

    Io compro da te il sw rilasciato sotto GPL e sono autorizzato a rivenderlo con unico vincolo che debbo rilasciare i sorgenti....

    Non ci puoi mica costruire strategie commerciali con questi presupposti e quindi si spiegano le difficoltà economiche di MDK.....



    nop
    563
  • Ma chi se ne frega delle strategie commerciali!

    Io non compero qualcosa SOLO perchè chi la produce ha un mercato florido e pimpante (magari frutto di un monopolio de facto), ma perchè voglio sapere cosa compro. Il SW closed non mi da questa possibilità.

    Come ti ho già detto, io campo grazie al SW closed che vendo, e per me, avere utenti utonti che non si fanno domande e cliccano su Intalla -> Si -> Si -> C:/Programmi/ -> Avvia, è manna dal cielo.

    Questo significa che mi va benissimo lo strapotere di M$ e compagnia bella, ma finchè non rilasciano prodotti open (non gratis), io continuerò ad utilizzare SW che mi permetta di compilarne il sorgente.



    > > Se non la comprerà nessuno non ne
    > lanceranno
    > > altre...ma forse si.
    > > Ti ricordo che open source non vuol dire
    > > gratis, ma è un concetto che non si
    > rieusce
    > > a far comprendere questo.
    >
    > Infatti la prima copia è a pagamento le n-1
    > potrebbero essere gratisse
    >
    > Io compro da te il sw rilasciato sotto GPL e
    > sono autorizzato a rivenderlo con unico
    > vincolo che debbo rilasciare i sorgenti....
    >
    > Non ci puoi mica costruire strategie
    > commerciali con questi presupposti e quindi
    > si spiegano le difficoltà economiche di
    > MDK.....
    >
    >
    >
    non+autenticato
  • si abbiamo capito, sei un figo che ha fatto i soldi.
    Se eviti di ripeterlo ancora ti siamo tutti grati.Grazie
    P.S. confesso anche che sono invidioso di quanto
    sei tosto così non stai a chiedermelo
    - Scritto da: Anonimo
    > Ma chi se ne frega delle strategie
    > commerciali!
    >
    > Io non compero qualcosa SOLO perchè chi la
    > produce ha un mercato florido e pimpante
    > (magari frutto di un monopolio de facto), ma
    > perchè voglio sapere cosa compro. Il SW
    > closed non mi da questa possibilità.
    >
    > Come ti ho già detto, io campo grazie al SW
    > closed che vendo, e per me, avere utenti
    > utonti che non si fanno domande e cliccano
    > su Intalla -> Si -> Si -> C:/Programmi/ ->
    > Avvia, è manna dal cielo.
    >
    > Questo significa che mi va benissimo lo
    > strapotere di M$ e compagnia bella, ma
    > finchè non rilasciano prodotti open (non
    > gratis), io continuerò ad utilizzare SW che
    > mi permetta di compilarne il sorgente.
    >   
    >
    >
    > > > Se non la comprerà nessuno non ne
    > > lanceranno
    > > > altre...ma forse si.
    > > > Ti ricordo che open source non vuol
    > dire
    > > > gratis, ma è un concetto che non si
    > > rieusce
    > > > a far comprendere questo.
    > >
    > > Infatti la prima copia è a pagamento le
    > n-1
    > > potrebbero essere gratisse
    > >
    > > Io compro da te il sw rilasciato sotto
    > GPL e
    > > sono autorizzato a rivenderlo con unico
    > > vincolo che debbo rilasciare i
    > sorgenti....
    > >
    > > Non ci puoi mica costruire strategie
    > > commerciali con questi presupposti e
    > quindi
    > > si spiegano le difficoltà economiche di
    > > MDK.....
    > >
    > >
    > >
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma chi se ne frega delle strategie
    > commerciali!
    >
    > Io non compero qualcosa SOLO perchè chi la
    > produce ha un mercato florido e pimpante
    > (magari frutto di un monopolio de facto)

    Le strategie commerciali servono per non far fallire l'azienda ..
    .tra un po le aziende linux si conteranno sulle dita di una mano...
    non+autenticato
  • Finchè ne rimarrà anche solo una, o anche solo una persona che rilascerà un SO open source, io non acquisterò nulla closed, a parte rare eccezioni).

    Ripeto, per me possono fallire tutti, M$, Red hat, Mandrake, Adobe...a me basta avere un SO open, e finchè uno ci sarà, le tue belle strategie commerciali sai dove puoi metterle.

    > Le strategie commerciali servono per non far
    > fallire l'azienda ..
    > .tra un po le aziende linux si conteranno
    > sulle dita di una mano...
    non+autenticato

  • > Ripeto, per me possono fallire tutti, M$,
    > Red hat, Mandrake, Adobe...a me basta avere
    > un SO open, e finchè uno ci sarà, le tue
    > belle strategie commerciali sai dove puoi
    > metterle.

    A quel punto rimmarrai solo con il tuo codice ... e ti renderai conto che senza investimenti rimmara' tale senza mai evolversi.....

    Per il progresso servono investimenti .......
    nop
    563
  • dovrebbero dare una pesante ritoccata alla sezione MandrakeStore...

    Io volevo acquistare online una Standard edition da 39 Euro:
    http://www.mandrakestore.com/mdksa/index.php?PAGE=...

    Beh volevo vedere questo link
    In depth information:
    Mandrake Linux 9.1 full specifications, screenshots and package list http://www.linux-mandrake.com/en/9.1/presentation/

    Ma ciccia!

    This page on Linux-Mandrake Website is missing.
    Go back on the main page.

    Vabbe' tutto, ma se sapessero vendere meglio forse ci sarebbe piu' gente che acquisterebbe direttamente le distro presso di loro invece che nelle riviste...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)