Mauro Vecchio

RIM, nuove frecciate anonime

Dopo la prima missiva ai due co-CEO della società canadese, fioccano le accuse anonime da parte degli impiegati. Troppa burocrazia, leadership ai minimi storici e soprattutto un mantenimento ostinato dello status quo di sei anni fa

Roma - Nuove lettere anonime, indirizzate ancora una volta agli alti vertici della società canadese Research In Motion (RIM). Dozzine di missive sono state recapitate alla redazione di Boy Genius Report, che ha temporaneamente deciso di pubblicarne soltanto due. Altri dipendenti che hanno così indossato una maschera per dire finalmente la propria.

A scrivere sono stati due impiegati - in verità, il primo è un ex-impiegato - del dipartimento legale e servizi della società canadese. Nuove velenose frecciate ai vertici di RIM, rei di essersi comodamente adagiati sugli allori di sei anni fa. Un pericoloso mantenimento del vecchio status quo, specie quando il mercato è cambiato a ritmi supersonici.

La seconda missiva si è invece concentrata sugli aspetti gestionali voluti dai due co-CEO di RIM: un autentico fiume di burocrazia, che renderebbe complicato persino il cambiamento più elementare. La leadership sarebbe giunta a livelli da minimo storico, così come il morale generale dell'intero parco dipendenti. (M.V.)
Notizie collegate
  • BusinessRIM: tutto bene, a parte le lettere anonimeUn misterioso senior executive della società canadese scrive ai due CEO Lazaridis e Balsillie. L'attuale cultura aziendale ostacolerebbe il libero pensiero, oltre che le stesse strategie mobile. I vertici ostentano buona salute
  • BusinessRIM male, Playbook beneTrimestrale in calo, così come le azioni e i profitti. Buoni invece i numeri del tablet. Che tuttavia non bastano a fermare i primi licenziamenti
3 Commenti alla Notizia RIM, nuove frecciate anonime
Ordina
  • Lavoro con il BB da quanto, bho, chi si ricorda, forse era il 2005.

    Francamente non lo cambierei (per ora), ma se dovessi ripartire da zero mi guarderei attorno e probabilmente farei altre scelte.

    Ci sono voluti tre anni per avere la possibilità di commutare automaticamente i servizi su WiFi quando disponibile, tutti i vecchi terminali con SO 5 sono infestati dal messenger proprietario che nessuno usa ma una volta attivato per errore non è disattivabile se non facendo le capriole.

    Il servizio di assistenza passa solo tramite l'operatore, sul sito BB ci sono solo faq, dopo 10 anni ancora non hanno capito che le reti aziendali spesso hanno un proxy autenticato, 'mo si sono messi a scimmiottare gli iCosi con le loro pippette grafiche.

    E potrei continuare. Dico io: ma qualcuno in RIM si alza la mattina domandandosi cosa serve agli utenti? L'arroganza non paga.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Francesco
    > E potrei continuare. Dico io: ma qualcuno in RIM
    > si alza la mattina domandandosi cosa serve agli
    > utenti? L'arroganza non
    > paga.

    Hanno avuto una sola idea, l'hanno sfruttata e non ne hanno avute altre.
    Ora è tempo di chiudere la baracca.
    Se tu stai usando BB è perché devi ancora renderti conto di quanto è andato avanti il mondo mobile.
    ruppolo
    33147
  • Ho un azienda, ho bisogno di condividere posta, calendario e attività con i tutti i miei dipendenti che, spesso, sono fuori ufficio. Ovviamente ho bisogno di farlo ad un costo contenuto.
    Direi che RIM al momento e' la sola che mi fornisce una soluzione valida e mi permette oltretutto dei risparmi consistenti sui costi di roaming.

    Ciao
    non+autenticato