Mauro Vecchio

Bing e Baidu, alleanza per il search

Il motore di Redmond sigla un patto con il colosso delle ricerche in terra asiatica. Si occuperà di restituire risultati in lingua inglese. Pare che gli obblighi censori del governo di Pechino non rappresentino un ostacolo

Roma - Si tratta di un accordo che lancerebbe Microsoft alla conquista del search in terra cinese, circa un anno e mezzo dopo gli scontri tra il governo di Pechino e il grande rivale Google. Il colosso di Redmond ha così siglato un patto significativo con Baidu, circa la fornitura di servizi di ricerca in lingua inglese a milioni di netizen cinesi.

Stando alle dichiarazioni rese da un portavoce di Baidu, il più popolare motore di ricerca locale avrebbe registrato circa 10 milioni di interrogazioni quotidiane in lingua inglese. "Un numero sempre maggiore di persone ricercano termini inglesi - ha spiegato Kaiser Kuo - Ma Baidu non ha fatto un buon lavoro da questo punto di vista".

Ecco dunque il ruolo chiave che sarà interpretato da Bing, che in sostanza si occuperà della restituzione di risultati sulle stesse pagine gestite da Baidu. Ulteriori dettagli sono rimasti avvolti nell'ombra e c'è chi ha già sottilineato come il motore made in Redmond sia del tutto consapevole degli obblighi censori imposti dalle autorità cinesi.
L'accordo porterà Bing a far lievitare la sua attuale quota di mercato in terra cinese - appena 1 per cento - sfruttando i numeri annunciati dallo stesso Baidu. Dal suo canto, il search engine sfrutterà le tecnologie offerte da Bing per migliorare le sue performance in lingua straniera. Censura a parte.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
3 Commenti alla Notizia Bing e Baidu, alleanza per il search
Ordina