Cristina Sciannamblo

Radiohead, cinguettii cinesi

La band capitanata da Thom Yorke apre il proprio account sul servizio di microblogging di Pechino. Ci si chiede quale sarà il tenore dei futuri post

Roma - Non si sono fatti intimorire dall'ombra della Grande Muraglia Digitale. I Radiohead sbarcano in Cina via microblog, attraverso l'omologo locale di Twitter, Weibo.

La band britannica, da sempre critica nei confronti della censura operata dal governo di Pechino, ha già raggiunto quota 50mila "follower" dopo la pubblicazione del messaggio di prova.

C'è attesa di conoscere il contenuto dei prossimi post del gruppo capitanato da Thom Yorke, che non ha mai nascosto la propria avversione nei confronti della censura, il proprio sostegno alla causa tibetana e a quella per la liberazione del dissidente e vincitore del Premio Nobel per la Pace Liu Xiaobo.
E c'è chi spera che l'iniziativa di aprire un canale di comunicazione digitale in Cina possa rappresentare un viatico per approdare in concerto, anche se, come si sa, pure le esibizioni dal vivo devono essere approvate dalle autorità. (C.S.)
Notizie collegate
  • AttualitàRadiohead: nuovo album, nuova distribuzioneLa nuova fatica in studio della band di Oxford affiancherà metodi di distribuzione tradizionali alla distribuzione online, disponibile per il download in MP3 a 6 sterline. L'uscita su disco fisico avverrà alla fine di marzo
  • AttualitàCina, un distretto libero tra le nuvole?Il governo di Pechino sarebbe pronto ad investire in un'estesa zona che garantisca alle società estere di accedere a servizi in the cloud liberi da restrizioni e censure. Per qualcuno si tratta di una pericolosa trappola
  • AttualitàCina, cercasi Nobel sul Web disperatamenteIl governo di Pechino occulta tutte le informazioni sul neo-Premio Nobel, Liu Xiaobo. Un premio arrivato anche per l'uso sapiente della Rete: e che, proprio in Rete, le autorità provano ad arginare