Alfonso Maruccia

Domini XXX, il search a luci rosse

Il Registry responsabile della gestione dei discussi domini "a luci rosse" anticipa i piani futuri per un motore di ricerca interamente dedicato ai siti .xxx

Roma - Dopo aver convinto ICANN a sbloccare la pratica per l'istituzione dei domini XXX a puro tema pornografico, ICM Registry intende ora dare il La a un servizio di ricerca web esclusivo - idealmente capace di connettere i porno-consumatori e le aziende che avranno registrato i suddetti domini di primo livello (gTLD).

Atteso al lancio nei prossimi mesi in concomitanza con l'assegnazione dei primi gTLD a tripla x, Search.xxx indicizzerà esclusivamente i contenuti di domini "premium" quali porn.xxx e sex.xxx, ignorando la totalità del web non pornografico e raccogliendo profitti grazie alle partnership e all'advertising.

ICM Registry ha annunciato l'iniziativa Search.xxx durante la convention YNOT Summit 2011, evento interamente dedicato all'industria pornografica tenutosi in quel di San Francisco lo scorso mese di giugno.
I domini a luci rosse continueranno naturalmente a essere indicizzati dai motori di ricerca più popolari, nondimeno ICM Registry usa l'"esclusività" settoriale di un servizio come Search.xxx per provare a convincere la riluttante porno-industria a sposare i discussi gTLD - da più parti visti come un ghetto prono alla censura e un modo per spillare enormi quantità di denaro ai siti specializzati.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàXXX, domini a luci rosse con polemicheICANN ratifica l'approvazione finale per il discusso TLD per siti e contenuti pornografici. Generando malcontento soprattutto fra coloro che in teoria dovrebbero beneficiare della nuova infrastruttura
8 Commenti alla Notizia Domini XXX, il search a luci rosse
Ordina
  • Sono contento che si possano poi filtrare con molta facilità...

    Forse direi anche troppa facilità...

    Anche perché la pornografia non è un male assoluto, ma lo diventa la troppa pornografia...

    Leggevo un articolo su nuovi problemi psicologici legati all'abuso della pornografia, e ci sono individui che non riescono a farsi piacere e ad avere erezioni con donne "reali" ossia come sono fatte in natura, coi loro difetti, e quindi non come le attrici della pornografia. Anche solo nell'aspetto dei genitali.
    iRoby
    7801
  • - Scritto da: iRoby
    > Leggevo un articolo su nuovi problemi psicologici
    > legati all'abuso della pornografia, e ci sono
    > individui che non riescono a farsi piacere e ad
    > avere erezioni con donne "reali" ossia come sono
    > fatte in natura, coi loro difetti, e quindi non
    > come le attrici della pornografia. Anche solo
    > nell'aspetto dei genitali.

    Non è che riesci a passare il link (se è online ovviamente) ?
    Mi interessa l'argomento.

    Grazie
    mura
    1708
  • E una mezza bufala, la pornodipendenza e menate simili, poi se consideriamo il boom amatoriale che si è avuto degli ultimi anni.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > E una mezza bufala, la pornodipendenza e menate
    > simili, poi se consideriamo il boom amatoriale
    > che si è avuto degli ultimi
    > anni.

    Sgabbio...non e' una **mezza** bufala...****e' una completa e totale bufala***...Chi conosce di cosa sta parlando...(cioe' i maschi e le donne normali che non credono a spiritelli dispettosi e cose simili...) sa che uomini e donne si attraggono naturalmente a prescindere dalle piccole differenze fisiche che ci sono...il boom delle bbw (cioe' le ragazze cicciotelle..con settima di reggiseno e sedere megagalattico) ne e' l'esempio...
    non+autenticato
  • Lo so, c'è gente che esagera con i porno, però come ho detto la storia della pornodipendenza è solo una storiella ciula soldi, come c'è ne sono tante in italia.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: iRoby
    > Sono contento che si possano poi filtrare con
    > molta
    > facilità...
    >
    > Forse direi anche troppa facilità...
    >
    > Anche perché la pornografia non è un male
    > assoluto, ma lo diventa la troppa
    > pornografia...
    >
    > Leggevo un articolo su nuovi problemi psicologici
    > legati all'abuso della pornografia, e ci sono
    > individui che non riescono a farsi piacere e ad
    > avere erezioni con donne "reali" ossia come sono
    > fatte in natura, coi loro difetti, e quindi non
    > come le attrici della pornografia. Anche solo
    > nell'aspetto dei
    > genitali.

    Che rivista era Psicologia bigotta for Dummies?
    Ma possibile che nel 2011 ci siano ancora persone che credono che vedere delle donnine nude produca danni celebrali?
    Ma basta con queste scemenze...
    Non hai mai sentito parlare di BBW?
    L'unica cosa da filtrare sono i siti dei bigotti...ci vorrebbe il suffisso .bgt e .sps (superstition)
    non+autenticato
  • Io partecipo a livello tecnico ad associazioni sulle Psicopatologie Contemporanee (aiuto nel preparare materiale e sono di supporto tecnico per conferenze internazionali). Sono a contatto con numerosi psicologi.

    E ti posso parlare di avere letto documentazione su centinaia se non anche migliaia di casi non solo di porno-dipendenza, ma di alterazione della percezione e della capacità di vivere una vita sessuale "normale".

    Non è la pornografia in se a fare male, ma oltre all'abuso, anche il substrato già malato che porta ad un abuso. La demonizzazione in tabu, e la mancanza di educazione sessuale nel periodo dell'adolescenza, per cultura bigotta delle famiglie e situazioni sociali, che porta poi a problemi nell'adulto.
    iRoby
    7801