Mauro Vecchio

Agcom, tutte le domande al presidente

Il presidente Calabr˛ Ŕ stato convocato con urgenza dalle Commissioni Comunicazioni e Cultura del Senato. L'audizione Ŕ prevista per la mattinata di domani. Si affronteranno i temi cruciali legati alla delibera 668/2010?

Roma - Il presidente dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom) Corrado Calabrò è stato convocato con urgenza dalle commissioni Comunicazioni e Cultura del Senato della Repubblica Italiana.
Calabrò dovrà dunque presentarsi al Senato nella mattinata di domani, per discutere in merito allo schema di regolamento sulla tutela del diritto d'autore in Rete. L'audizione del presidente di Agcom verterà così sulla contestatissima delibera 668/2010, approvata agli inizi di luglio con sette voti a favore, uno contrario ed un solo astenuto.

C'è chi ha sottolineato come la convocazione di Calabrò sia il segno evidente di un interesse, almeno formale, da parte del Senato. Ci sarebbe però la rischiosa possibilità che la stessa audizione del presidente si risolva senza che nessuno degli aspetti cruciali della questione venga affrontato. Ignorando di fatto gli spinosi interrogativi emersi in Rete.

Soddisfazione da parte di Agorà Digitale e di tutte le associazioni riunite nell'iniziativa sitononraggiungibile.it. "L'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni non può intervenire con un regolamento che mette in pericolo principi fondamentali come giusto processo, libertà di espressione, di informazione, diritto di accesso alla conoscenza e la libertà di impresa", si legge sul sito di Agorà Digitale.
Le stesse associazioni di sitononraggiungibile.it hanno dunque invitato tutti i cittadini interessati a contattare i 23 senatori che ascolteranno Calabrò nella mattinata di domani. L'obiettivo è provare a convincerli "dell'assoluta necessità di uno stop al provvedimento".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàAgcom, ammazza-Internet al varo?Stando alle ultime indiscrezioni, tutti i commissari dell'AutoritÓ - ad eccezione di D'Angelo e Lauria - avrebbero approvato la delibera 668 sul diritto d'autore. Esteso a 15 giorni il periodo del contraddittorio, ora parte la consultazione pubblica
  • AttualitàSIAE: AGCOM difende la legalitàAnche la SocietÓ Italiana degli Autori ed Editori entra nella polemica. La delibera dell'Authority non lede la libertÓ della Rete ma si impegna a combattere chi si arricchisce a danno dei produttori di opere
  • AttualitàAgcom, tra defezioni e mobilitazioniSi dimette anche l'altro relatore Gianluigi Magri, in risposta alle illazioni emerse dopo la sostituzione di D'Angelo. La Rete organizza una notte di protesta, mentre Bersani chiede all'AutoritÓ di fermarsi
22 Commenti alla Notizia Agcom, tutte le domande al presidente
Ordina
  • Ma quelli di sitononraggiungibile riusciranno a capire che nessun sito verrà toccato se non quelli illegali? Hanno spiegato ormai milioni di volte che nessuno dovrà temere per la libertà della rete a meno che non sia un malfattore e gestisca un sito in palese contrasto con le leggi sul diritto d'autore. Perchè non si informano prima di fare dichiarazioni, anche qui su P.I.?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Roberto
    > Ma quelli di sitononraggiungibile riusciranno a
    > capire che nessun sito verrà toccato se non
    > quelli illegali?

    Lo garantisci tu?
    E soprattutto lo decidi tu se un sito e' illegale?
    No, perche' i siti illegali gia' possono essere toccati con l'attuale legislazione.
    Quindi non si spiega perche' si debba dotare di poteri di censura un organo di parte scavalcando la magistratura ordinaria.

    > Hanno spiegato ormai milioni di
    > volte che nessuno dovrà temere per la libertà
    > della rete a meno che non sia un malfattore e
    > gestisca un sito in palese contrasto con le leggi
    > sul diritto d'autore.

    Vai un po' a cercare chi e' l'autore della famosa frase: "Chi non ha fatto niente non ha nulla da temere."

    > Perchè non si informano
    > prima di fare dichiarazioni, anche qui su
    > P.I.?

    Ecco, perche' non ti informi anche te prima di venire qui a sparare cavolate.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Roberto
    > > Ma quelli di sitononraggiungibile
    > riusciranno
    > a
    > > capire che nessun sito verrà toccato se non
    > > quelli illegali?
    >
    > Lo garantisci tu?

    Si e mi prendo le responsabilità civili e penali della mia segnalazione.

    > E soprattutto lo decidi tu se un sito e' illegale?

    Ovviamente si, perchè se il dato contenuto si trova su quel sito senza la mia autorizzazione per definizione è illegale.
    Esempio pratico: scaricolibero.com

    > No, perche' i siti illegali gia' possono essere
    > toccati con l'attuale
    > legislazione.

    Certamente (anche se ci vogliono anni dalla denuncia), ma uno strumento in più, e più celere - a passo con la velocità delle tecnologie - non fa mai male.

    > Quindi non si spiega perche' si debba dotare di
    > poteri di censura un organo di parte scavalcando
    > la magistratura
    > ordinaria.

    Mi spieghi dove sta la censura, regolamento a mano?
    Citamo l'articolo specifico e solo poi ti posso dar ragione.

    > > Hanno spiegato ormai milioni di
    > > volte che nessuno dovrà temere per la libertà
    > > della rete a meno che non sia un malfattore e
    > > gestisca un sito in palese contrasto con le
    > leggi
    > > sul diritto d'autore.
    >
    > Vai un po' a cercare chi e' l'autore della famosa
    > frase: "Chi non ha fatto niente non ha nulla da
    > temere."

    Calabrò = Hitler?
    Ma che ci azzecca con la discussione???

    > > Perchè non si informano
    > > prima di fare dichiarazioni, anche qui su
    > > P.I.?
    >
    > Ecco, perche' non ti informi anche te prima di
    > venire qui a sparare
    > cavolate.

    Più che informarsi direi APPROFONDIRE. Non limitarti alla free-press. Cerca di accedere ai doc ufficiali.
  • - Scritto da: ThEnOra
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: Roberto
    > > > Ma quelli di sitononraggiungibile
    > > riusciranno
    > > a
    > > > capire che nessun sito verrà toccato se
    > non
    > > > quelli illegali?
    > >
    > > Lo garantisci tu?
    >
    > Si e mi prendo le responsabilità civili e penali
    > della mia
    > segnalazione.

    Cioe', se grazie a questo schifo, con la scusa del copyright, vanno ad oscurare un filmato di denuncia su YT solo perche' nel sottofondo si sente casualmente lady gaga diffusa da un'autoradio a tutto volume presente sulla scena del filmato, tu che cosa faresti?

    > > E soprattutto lo decidi tu se un sito e'
    > illegale?
    >
    > Ovviamente si, perchè se il dato contenuto si
    > trova su quel sito senza la mia autorizzazione
    > per definizione è
    > illegale.
    > Esempio pratico: scaricolibero.com

    Tu chi saresti per stabilire che quel contenuto non e' autorizzato?
    Che ne sai se il sito ha i diritti oppure no?
    Che ne sai che la canzone che si scarica non l'abbia scritta l'autore del sito e vasco rossi non l'abbia copiata?

    > > No, perche' i siti illegali gia' possono
    > essere
    > > toccati con l'attuale
    > > legislazione.
    >
    > Certamente (anche se ci vogliono anni dalla
    > denuncia),

    Pazienza.
    Hai fretta?

    > ma uno strumento in più, e più celere
    > - a passo con la velocità delle tecnologie - non
    > fa mai male.

    Non fa male se la velocita' non vada a calpestare dei diritti.
    Siccome nel dubbio si deve assolvere sempre, non puoi oscurare se prima non hai accertato che c'e' una violazione.
    Ci vogliono anni? Pazienza.
    Tanto mica scappa il titolare del sito, una volta che lo hai identificato.

    > > Quindi non si spiega perche' si debba dotare
    > di
    > > poteri di censura un organo di parte
    > scavalcando
    > > la magistratura
    > > ordinaria.
    >
    > Mi spieghi dove sta la censura, regolamento a
    > mano?

    Sta nel fatto che adducendo presunte violazioni di copyright, QUALUNQUE CONTENUTO, sia esso un testo o un video, che possano dar fastidio a qualcuno, possono venire oscurati.

    > Citamo l'articolo specifico e solo poi ti posso
    > dar ragione.

    La censura sta nell'uso improprio, che questa regolamentazione permette.

    > > > Hanno spiegato ormai milioni di
    > > > volte che nessuno dovrà temere per la
    > libertà
    > > > della rete a meno che non sia un
    > malfattore
    > e
    > > > gestisca un sito in palese contrasto
    > con
    > le
    > > leggi
    > > > sul diritto d'autore.
    > >
    > > Vai un po' a cercare chi e' l'autore della
    > famosa
    > > frase: "Chi non ha fatto niente non ha nulla
    > da
    > > temere."
    >
    > Calabrò = Hitler?
    > Ma che ci azzecca con la discussione???

    Ci azzecca eccome.
    Ogni dittatura necessita di strumenti di censura, rapidi ed inappellabili.

    > > > Perchè non si informano
    > > > prima di fare dichiarazioni, anche qui
    > su
    > > > P.I.?
    > >
    > > Ecco, perche' non ti informi anche te prima
    > di
    > > venire qui a sparare
    > > cavolate.
    >
    > Più che informarsi direi APPROFONDIRE. Non
    > limitarti alla free-press. Cerca di accedere ai
    > doc ufficiali.

    Accedo ai doc ufficiali e pure ai commenti degli stessi.
    Si evince che questo strumento puo' essere usato anche come arma di censura, e non lo dico io, lo dicono fior di blogger che vengono riportati negli articoli di PI, e anche altrove.
  • - Scritto da: panda rossa
    >
    > Cioe', se grazie a questo schifo, con la scusa
    > del copyright, vanno ad oscurare un filmato di
    > denuncia su YT solo perche' nel sottofondo si
    > sente casualmente lady gaga diffusa da
    > un'autoradio a tutto volume presente sulla scena
    > del filmato, tu che cosa
    > faresti?

    Lo si fà già senza il provvedimento AGCOM.


    > Tu chi saresti per stabilire che quel contenuto
    > non e'
    > autorizzato?

    Il detentore del diritto.

    > Che ne sai se il sito ha i diritti oppure no?

    Lo so io, che sono il dententore.

    > Che ne sai che la canzone che si scarica non
    > l'abbia scritta l'autore del sito e vasco rossi
    > non l'abbia
    > copiata?

    Sempre io, perchè quest'ipotesi è strampalata.
    Se poi si scoprirà, all'interno de procedimento AGCOM, che io non ne avevo diritto, durante la fase di istruttoria, AGCOM archivia gli atti della mia richiesta di rimozione.

    > Pazienza.
    > Hai fretta?

    Assolutamente si. Di fatto la lentenzza della giustizia italiana non ricade solo sul settore del copyright, ma è un problema trasversale a tutto il sistema, che difatto incide sulla competitività del paese e sulla capacità di attirare investimenti esteri.
    Se esiste modo per accelerare questo processo, allora io "salgo su quel tram"!

    > Non fa male se la velocita' non vada a calpestare
    > dei
    > diritti.

    Non si calpesta nessun diritto. Il procedimento AGCOM non è sostitutivo della giustizia ordinaria. Falso chi sostiene il contrario. In ogni momento, tu soggetto recepente della "diffida" puoi rivolgerti al TAR.

    > Siccome nel dubbio si deve assolvere sempre, non
    > puoi oscurare se prima non hai accertato che c'e'
    > una
    > violazione.

    AGCOM si proprone proprio di fare questo accertamento via "istruttoria".

    > Ci vogliono anni? Pazienza.
    > Tanto mica scappa il titolare del sito, una volta
    > che lo hai
    > identificato.

    Tu non sai cosa sono i provvedimenti d'urgenza, vero?

    > Sta nel fatto che adducendo presunte violazioni
    > di copyright, QUALUNQUE CONTENUTO, sia esso un
    > testo o un video, che possano dar fastidio a
    > qualcuno, possono venire
    > oscurati.

    Rileggiti la mia prima risposta.

    > > Citamo l'articolo specifico e solo poi ti
    > posso
    > > dar ragione.
    >
    > La censura sta nell'uso improprio, che questa
    > regolamentazione
    > permette.

    E allora rinneghiamo la classe politica, la magistratura, le forze dell'ordine, per l'eventuale possibilità di abuso di potere in capo a loro!

    > > Calabrò = Hitler?
    > > Ma che ci azzecca con la discussione???
    >
    > Ci azzecca eccome.
    > Ogni dittatura necessita di strumenti di censura,
    > rapidi ed
    > inappellabili.

    Già, potere ricorrere al TAR significa inappellabile...
    La tue non sono altro che illazioni prive di fondamento e tutte assolutamente soggettive.
    Certo che ci possono essere aubisi, ma come in ogni settore!

    > > > > Perchè non si informano
    > > > > prima di fare dichiarazioni, anche
    > qui
    > > su
    > > > > P.I.?
    > > >
    > > > Ecco, perche' non ti informi anche te
    > prima
    > > di
    > > > venire qui a sparare
    > > > cavolate.
    > >
    > > Più che informarsi direi APPROFONDIRE. Non
    > > limitarti alla free-press. Cerca di accedere
    > ai
    > > doc ufficiali.
    >
    > Accedo ai doc ufficiali e pure ai commenti degli
    > stessi.

    Non credo, per il contenuto delle tue affermazioni.

    > Si evince che questo strumento puo' essere usato
    > anche come arma di censura, e non lo dico io, lo
    > dicono fior di blogger che vengono riportati
    > negli articoli di PI, e anche
    > altrove.

    A me non interessa cosa dicono gli altri. Mi interessa cosa dice PANDA ROSSA. Se le tue opinioni si basano su quelle degli altri, senza che tu abbia elaborato di tuo l'argomento, fermiamoci qua, visto che non pensi con il TUO cervello ma con quello di ALTRI.
  • - Scritto da: ThEnOra
    > - Scritto da: panda rossa
    > >
    > > Cioe', se grazie a questo schifo, con la
    > scusa
    > > del copyright, vanno ad oscurare un filmato
    > di
    > > denuncia su YT solo perche' nel sottofondo si
    > > sente casualmente lady gaga diffusa da
    > > un'autoradio a tutto volume presente sulla
    > scena
    > > del filmato, tu che cosa
    > > faresti?
    >
    > Lo si fà già senza il provvedimento AGCOM.

    Ma passando per un giudice.

    > > Tu chi saresti per stabilire che quel
    > contenuto
    > > non e'
    > > autorizzato?
    >
    > Il detentore del diritto.

    Tua parola contro la mia.
    Occorre sempre un giudice che verifichi che effettivamente quel contenuto e' proprio quello di cui tu sostieni di vantare i diritti.
    Potrebbe benissimo essere opera mia, e tu averlo spudoratamente copiato e poi pretendere addirittura che io stia violando un tuo diritto.

    > > Che ne sai se il sito ha i diritti oppure no?
    >
    > Lo so io, che sono il dententore.

    Non basta.
    Io vedo passare per strada una panda rossa simile alla mia e dico che e' mia... quello che la guida dice che e' sua.
    Occorre un organo giudicante, terzo, che stabilisca chi ha ragione.

    > > Che ne sai che la canzone che si scarica non
    > > l'abbia scritta l'autore del sito e vasco
    > rossi
    > > non l'abbia
    > > copiata?
    >
    > Sempre io, perchè quest'ipotesi è strampalata.

    E' un esempio.
    Una buona legge deve poter gestire tutte le casistiche.
    Una legge che lascia solo ad una delle parti in causa il potere di giudicare non e' una buona legge.

    > Se poi si scoprirà, all'interno de procedimento
    > AGCOM, che io non ne avevo diritto, durante la
    > fase di istruttoria, AGCOM archivia gli atti
    > della mia richiesta di
    > rimozione.
    >
    > > Pazienza.
    > > Hai fretta?
    >
    > Assolutamente si.
    Mi dispiace per te.
    Ma qui si tratta di scegliere se ledere i diritti di milioni di persone, oscurando un legittimo contenuto, o quelli di uno solo, facendo gli accertamenti con calma.
    Fermo restando che se c'e' una violazione, chi ha violato deve pagare.
    Quindi non capisco tutta questa fretta.
    Se quello non paga oggi, paghera' domani.

    > Di fatto la lentenzza della
    > giustizia italiana non ricade solo sul settore
    > del copyright, ma è un problema trasversale a
    > tutto il sistema, che difatto incide sulla
    > competitività del paese e sulla capacità di
    > attirare investimenti esteri.

    Che c'entrano gli investimenti esteri con la liberta' di espressione prevista dalla costituzione?
    Gli investimenti esteri preferiscono arrivare in un paese meno libero forse?

    > Se esiste modo per accelerare questo processo,
    > allora io "salgo su quel tram"!

    Il modo per accelerare questo processo e' quello previsto dalla riforma giudiziaria, e consiste nell'accorciare i tempi di prescrizione.
    Quindi tre gradi di giudizio, che devono concludersi entro tot anni da quando il reato e' stato commesso (non scoperto, ma commesso), e se la giustizia riesce ad emettere una sentenza, avrai il tuo processo veloce, altrimenti chi ha dato ha dato, chi ha avuto ha avuto, scurdammoce 'o passato, simm 'e Napule paisa'!

    > > Non fa male se la velocita' non vada a
    > calpestare
    > > dei
    > > diritti.
    >
    > Non si calpesta nessun diritto. Il procedimento
    > AGCOM non è sostitutivo della giustizia
    > ordinaria. Falso chi sostiene il contrario. In
    > ogni momento, tu soggetto recepente della
    > "diffida" puoi rivolgerti al TAR.

    Basta che tu non oscuri fino a sentenza di colpevolezza.

    > > Siccome nel dubbio si deve assolvere sempre,
    > non
    > > puoi oscurare se prima non hai accertato che
    > c'e'
    > > una
    > > violazione.
    >
    > AGCOM si proprone proprio di fare questo
    > accertamento via "istruttoria".

    E l'oscuramento su richiesta di parte allora?

    > > Ci vogliono anni? Pazienza.
    > > Tanto mica scappa il titolare del sito, una
    > volta
    > > che lo hai
    > > identificato.
    >
    > Tu non sai cosa sono i provvedimenti d'urgenza,
    > vero?

    Si applicano solo in caso di pericolo di fuga, o di sparizione dei capitali.
    Qui non c'e' nessuna delle due circostanze.
    E pure il "corpo del reato" non e' deperibile ne' modificabile.
    Non e' proprio il caso di scomodare i provvedimenti d'urgenza per due canzonette digitalizzate con qualita' infima.

    > > Sta nel fatto che adducendo presunte
    > violazioni
    > > di copyright, QUALUNQUE CONTENUTO, sia esso
    > un
    > > testo o un video, che possano dar fastidio a
    > > qualcuno, possono venire
    > > oscurati.
    >
    > Rileggiti la mia prima risposta.

    Non mi ha chiarito nulla.


    > > > Citamo l'articolo specifico e solo poi
    > ti
    > > posso
    > > > dar ragione.
    > >
    > > La censura sta nell'uso improprio, che questa
    > > regolamentazione
    > > permette.
    >
    > E allora rinneghiamo la classe politica, la
    > magistratura, le forze dell'ordine, per
    > l'eventuale possibilità di abuso di potere in
    > capo a loro!

    Classe politica e forze dell'ordine hanno dato e danno chiari esempi di abuso di potere.
    La magistratura non mi pare proprio.


    > A me non interessa cosa dicono gli altri. Mi
    > interessa cosa dice PANDA ROSSA.

    PANDA ROSSA condivide i commenti fatti da alcuni autorevoli commentatori.
    PANDA ROSSA non essendo un giurista non ha le competenze per entrare nel merito e valuta le cose solo da un punto di vista pratico.

    La mia lettura della normativa lascia intendere che l'agcom ha il potere di oscurare qualunque cosa con la banale scusa della violazione di copyright. E questo non puo' piacermi.

    > Se le tue
    > opinioni si basano su quelle degli altri, senza
    > che tu abbia elaborato di tuo l'argomento,
    > fermiamoci qua, visto che non pensi con il TUO
    > cervello ma con quello di
    > ALTRI.

    Ti sbagli. Io penso col mio cervello. Sfrutto quello di altri, piu' ferrati in materie a me oscure, per sciogliere alcuni dubbi.
    Ho un dubbio.
    Tu dici una cosa.
    Scorza dice l'esatto contrario.
    Uno dei due evidentemente non la racconta giusta.
    Se permetti, io credo a Scorza che e' indipendente e non a te che sei di parte.
  • - Scritto da: Roberto
    > Ma quelli di sitononraggiungibile riusciranno a
    > capire che nessun sito verrà toccato se non
    > quelli illegali? Hanno spiegato ormai milioni di
    > volte che nessuno dovrà temere per la libertà
    > della rete a meno che non sia un malfattore e
    > gestisca un sito in palese contrasto con le leggi
    > sul diritto d'autore. Perchè non si informano
    > prima di fare dichiarazioni, anche qui su
    > P.I.?

    ottimo un altro che non ha chiaro come stanno le cose...
    ma documentati un po' di più prima di sparare un commento.. no ?Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Roberto
    > Ma quelli di sitononraggiungibile riusciranno a
    > capire che nessun sito verrà toccato se non
    > quelli illegali? Hanno spiegato ormai milioni di
    > volte che nessuno dovrà temere per la libertà
    > della rete a meno che non sia un malfattore e
    > gestisca un sito in palese contrasto con le leggi
    > sul diritto d'autore. Perchè non si informano
    > prima di fare dichiarazioni, anche qui su
    > P.I.?
    non+autenticato
  • partito l'invio (cellulare del cazzo).
    Perché non inserisci la tua firma vera caro BOBGIAM "Presidente nazionale ANVI"?
    non+autenticato
  • Beata ingenuità...

    ABOLIRE IL COPYRIGHT

    Pirata
    non+autenticato
  • http://www.avaaz.org/it/it_internet_bavaglio_2nd_a...
    Non è la stessa petizione dell'altra volta, quindi chi firmò la vecchia deve rifirmare la nuova.
    Dobbiamo farlo in tanti.
    Un click non vi costa niente. Mica siamo come le major che vi fanno pagare anche per l'aria (le onde sonore viaggiano grazie all'aria).
    Il tempo stringe, abbiamo meno di 24 ore.
    Fatelo e diffondete i link, pubblicizzatelo sui vostri profili facebook, twitter, google+.
    Ricordate: noi siamo tanti e quindi dobbiamo contare di più di loro che sono pochi e saranno sempre meno. Siamo o non siamo in democrazia?
    L'abbiamo fatto coi referendum. L'abbiamo fatto con le elezioni. Dimostriamo a tutti che siamo stufi di lasciare che le caste decidano al posto nostro. Firmate la petizione. Come direbbe Giobbe Covatta: "Basta poco, che ce vò?"
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 20 luglio 2011 18.17
    -----------------------------------------------------------
  • probabilmente è per questo che è stato convocato avaaz è potente ed è tenuto molto in considerazione dai politici di mezzo pianeta.
    non+autenticato
  • Inutile sforzo. Verrà creato un pool di magiatrati dedito solo alle tematiche copyright che voi tanto chiedete e i siti veranno bloccati più speditamente, in nome della legge.
    Siete voi che l'avete chiesto, ma in realtà è ciò che non volete, ma ad azione esiste una reazione, ed è proprio l'effetto delle vostre azioni che vi si ritorcerà contro.
    Sveglia!
  • - Scritto da: ThEnOra
    > ad azione esiste una reazione

    Veramente ad ogni azione corrisponde una reazione (di forza) UGUALE e (di direzione) CONTRARIA .
    I magistrati bloccano? Meglio: si passa tutti in massa a Freenet, così finalmente diventerà veloce. Poi che faranno?
  • Mah ne dubito... piuttosto l'italiota potrebbe passare su Freenet solo se gli toccano FB. Non credi?
  • - Scritto da: ThEnOra
    > Inutile sforzo. Verrà creato un pool di
    > magiatrati dedito solo alle tematiche copyright
    > che voi tanto chiedete e i siti veranno bloccati
    > più speditamente, in nome della
    > legge.
    > Siete voi che l'avete chiesto, ma in realtà è ciò
    > che non volete, ma ad azione esiste una reazione,
    > ed è proprio l'effetto delle vostre azioni che vi
    > si ritorcerà
    > contro.
    > Sveglia!
    Tecnicamente l'han chiesto GLI AVVOCATI (scorza scialdone e antani). Sai l'avvocato ci lavora con queste coseSorride
    Di par mio, preferisco (ma va la?!) un lungo biascicato processo coi crismi, rispetto a una rapida e netta condanna preventive (precrime?). MA OVVIAMENTE nessuna e' buona. BUONA sarebbe -sfasciare- l'attuale pilastro che sostiene il copyright (formato con idee del 1700, degli inizi del 1900 e del 1941) iniziando DALLA ME*DOSA durata dei 70 oltremorte.
    non+autenticato
  • Eppure credevo che avreste raggiunto le 50.000 firme prima dell'audizione di Calabrò... ma, nel momento in cui scrivo, siete fermi a ca 48.000.
    Complimenti a tutti i sostenitori della RETE LIBERA.
  • - Scritto da: ThEnOra
    > Eppure credevo che avreste raggiunto le 50.000
    > firme prima dell'audizione di Calabrò... ma, nel
    > momento in cui scrivo, siete fermi a ca
    > 48.000.
    > Complimenti a tutti i sostenitori della RETE
    > LIBERA.
    48.000 persone in meno di 24 ore sono davvero poche sai com'e noi non abbiamo come voi il dono della necromanzia
    http://blog.tntvillage.scambioetico.org/?p=6873
    non+autenticato
  • - Scritto da: verissimo
    > - Scritto da: ThEnOra
    > > Eppure credevo che avreste raggiunto le
    > 50.000
    > > firme prima dell'audizione di Calabrò... ma,
    > nel
    > > momento in cui scrivo, siete fermi a ca
    > > 48.000.
    > > Complimenti a tutti i sostenitori della RETE
    > > LIBERA.
    > 48.000 persone in meno di 24 ore sono davvero
    > poche sai com'e noi non abbiamo come voi il dono
    > della
    > necromanzia
    > http://blog.tntvillage.scambioetico.org/?p=6873

    Se non sono morti da piu' di 70 anni, la firma e' valida. Rotola dal ridere
  • Se questo è il modo di giustificare il mancato raggiungimento delle firme, tanti auguri!!Con la lingua fuori