Cristina Sciannamblo

USA, Facebook delude i consumatori

Lo studio 2011 sulla soddisfazione dei consumatori relativamente a Internet ha eletto Facebook come piattaforma più deludente. Solamente il 66 per cento delle preferenze rispetto al 78 di Wikipedia. E il fantasma di Google Plus imperversa

Roma - Facebook come la piattaforma più deludente dal punto di vista della soddisfazione del cliente. Così hanno decretato i 70mila consumatori statunitensi interpellati come campione nell'ambito dell'E-Business Report 2011 condotto per l'American Customer Satisfaction Index (ACSI). Il 66 per cento degli intervistati ha dichiarato di essere soddisfatto dai servizi offerti dal sito in blu, un dato considerato contenuto rispetto al 78 per cento di preferenze registrate da Wikipedia e dai buoni punteggi ottenuti da altri colossi mediatici come Google, YouTube e Fox News.

Il sondaggio, si spiega nel comunicato stampa ufficiale, è stato condotto nel corso dell'ultimo mese, prima del lancio di Google+, da subito ritenuto concorrente temibile del sito di Zuckerberg. Nonostante, dunque, le tempistiche favorevoli, Facebook ha ottenuto comunque risultati deludenti pur guadagnando 3 punti percentuali rispetto allo scorso anno. Secondo ACSI, dunque, la performance insufficiente registrata dal social network lascerebbe ampi spazi di crescita al nuovo prodotto social di Mountain View se solo quest'ultimo fosse in grado di offrire al consumatore un'esperienza migliore.

"Non sappiamo ancora come Google+ si comporterà, ma ciò che sappiamo è che Google è una delle aziende con il punteggio più alto nella classifica ACSI e Facebook è una delle più basse", ha commentato Larry Freed, presidente e CEO di ForeSee Results, società di consulenza che ha condotto la ricerca per conto di ACSI. E avverte: "Un dominio sulle quote di mercato come quello di Facebook non rappresenta più una rete di salvataggio per un'azienda che non è in grado di fornire un'esperienza di consumo superiore".
Lo studio non prende in considerazione Twitter singolarmente, ma lo inserisce nel gruppo più ampio chiamato "tutti gli altri social network", categoria che non ha sostanzialmente raccolto pareri troppo entusiasti. Nonostante i giudizi negativi, la ricerca non fornisce informazioni qualitative o dettagliate in merito a tale insoddisfazione. Dopotutto, notano gli osservatori, la maggioranza degli intervistati ha dichiarato preferenze positive.

Cristina Sciannamblo
Notizie collegate
  • Digital LifeFacebook, la carica dei minoriUno studio condotto negli USA segnala che molti dei minorenni iscritti al social network hanno un'età inferiore ai 13 anni. E i genitori non sembrano preoccuparsene. Ma il dato si inserisce in una tendenza più generale
  • AttualitàBarack Obama e il paese di Google e FacebookGli eroi di Internet come Edison e i fratelli Wright. Mentre si pensa ad un piano per far arrivare la banda larga a quasi tutta la nazione. Il discorso del Presidente statunitense nel corso dell'ultimo State of the Union Address
  • AttualitàFacebook, videochiamate contro Google+Esordisce lo strumento sviluppato con Skype e Zuckerberg accenna alla concorrenza: Mountain View ha trovato la sua killer app sociale?
8 Commenti alla Notizia USA, Facebook delude i consumatori
Ordina
  • Delude parecchia gente, è addirittura piena di porno!
    Altro che filtri per famiglie.
    http://www.atlantisway.com/articoli/web/item/581-f...
    non+autenticato
  • Google e tutte le altre piattaforme se introducono innovazioni, quasi sempre passano per una fase beta pubblica, non sono invasive e spesso disattivabili se non gradite.
    Invece Facebook se ne sbatte dei diritti degli utenti, non avvisa nessuno delle sue novità, introduce novità non richieste o implementate male e spesso vanno a ledere pesantemente la privacy. A mio parere, le funzionalità del sito sono sempre più ostiche e fastidiose (magari si tornasse a qualche anno fa...). Se facebook ha così tanti utenti è solo grazie alla publicità che si è fatto e perchè per ora è l'unica piattaforma di SocialNetwork di un certo livello. Ha saputo trasformarsi in una specie di droga ed è entrato addiritura nel linguaggio comune. Non vedo l'ora che G+ finisca la fase beta e inizi ad attirare utenti. A mio avviso, il fatto che facebook ostacoli BigG nell'integrazione degli utenti attuali su G+ sta nel fatto che sanno benissimo che sono in una situazione precaria, e basta che arrivi un concorrente serio per far cadere il suo dominio.
  • parlando da utente ... a me ha dato molto fastidio la politica di facebook contro l'esport degli utenti: d'accordo che io mi sono iscritto a facebook accettando il fatto che MrZ potesse fare tutto quello che vuole con i miei contatti ... ma sempre rimangono i miei contatti!
    ora mi voglio iscrivere a google+ e mi sembra leggittimo chiedere di importare li ... i miei contatti di fb, in definitiva ho fatto la stessa cosa su fb usando il "trovaamici" e ho importato i miei contatti dalle email (tra cui gmail)

    tanto ormai è solo una questione di moda: prima msn messanger, poi myspace, skype, second life ... ora anche facebook dopo il boom iniziale passerà di moda e verrà sostituito da qualcos'altro
    non+autenticato
  • Anche solo una delle ultime modifiche mi ha fatto imbestialire... hanno tolto l'elimina messaggi e l'hanno sostituito con un "archivia messaggi".
    Con un po' di fatica, il modo di cancellarli c'è, ma ci vogliono 5 click per ogni messaggio. Una sola parola: vaff....

    Appena riesco ad entrare in Google Plus, addio Facebook!
    non+autenticato
  • vuoi l'invito?
    non+autenticato
  • Msn massenger e Skype sono ancora stra usati se permetti.
    Sgabbio
    26177
  • Ancora non son riuscito ad intrufolarmi in Google+, quindi non ho esperienza diretta. Ma considerando che Google+ si integra con l'account google e con servizi realmente utili, come gmail etc., le sue potenzialità anche in ambito produttivo (e perché no, anche professionale) sono sicuramente molto elevate. Qual è il valore aggiunto di facebook invece? Poter chattare ad libitum con tutti i bimbiminkia possibili e immaginabili? Imho questo può essere l'inizio per la fine di faccialibro.
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile