Mauro Vecchio

Russia, Partito Pirata cerca nome

I vertici locali della nota fazione politica dovranno pensare ad un nuovo battesimo. Colpa di un termine troppo ambiguo, che potrebbe essere associato ad attività criminose. Così ha deciso un tribunale di Mosca

Roma - Pirrate Party of Russia e Pira7e Party of Russia. Sono questi i nuovi nomi ipotizzati da Pavel Rassudov, attuale chairman del Partito Pirata in terra russa. Modalità certo curiose per rinominare la versione locale della nota fazione politica, tuttavia necessarie per soddisfare un'esplicita richiesta da parte di un giudice di Mosca.

Il Pirate Party of Russia - questa la traduzione ufficiale in inglese - non potrà infatti essere riconosciuto ufficialmente, non con questa etichetta definita di stampo criminoso. A deciderlo era già stato il ministero russo di Giustizia, per evitare pericolosi fraintendimenti legati al termine "pirata".

Parziale rassegnazione da parte dello stesso Rassudov, che sul suo blog ha sottolineato come i principi e gli ideali del partito rimarranno ovviamente gli stessi. Il chairman ha dunque chiesto a giornalisti e al pubblico di continuare a chiamare il partito pirata russo con il suo nome originario. Al di là di rigidi schemi burocratici. (M.V.)
Notizie collegate
  • AttualitàPartito Pirata, confiscati i server tedeschiLa polizia teutonica ha sequestrato alcuni computer gestiti dal Piraten Partei. Avrebbero messo a disposizione uno specifico strumento sfruttato da misteriosi hacker - si parla di Anonymous - per attaccare la società francese EDF
  • AttualitàRussia, escluso il Partito PirataNon possono sedere al parlamento russo i predatori dei sette mari, maniaci dei pappagalli e appassionati di rum. Il ministro della giustizia non li distingue da coloro che chiedono una riforma del diritto d'autore
1 Commenti alla Notizia Russia, Partito Pirata cerca nome
Ordina