Certificazioni? Caro ti costano

I centri che erogano i corsi a che prezzo offrono i loro servizi? Perché le aziende oggi tendono più facilmente ad assumere un giovanotto di belle speranze anziché un preparato sistemista?

Roma - Cari amici di Punto Informatico, volevo approfittare della
notizia che avete pubblicato sull'iniziativa della Guardia di Finanza di far studiare e certificare i propri migliori sistemisti per fare qualche considerazione sul ruolo della formazione informatica in questo periodo così delicato per tutti.

Si sente continuamente parlare, vuoi sui giornali vuoi nei TG, di come lo skills shortage sia un problema molto sentito in Italia: questo in concreto vuol dire che tantissimi tecnici oggigiorno sanno installare un sistema operativo ma, ad esempio, non sanno gestire un aggiornamento dinamico dei record DNS in un ambiente di rete un po' più complesso del solito.

Beh, mi si dirà, se una società vuol far specializzare un proprio tecnico, lo manda a frequentare uno dei tanti corsi che riguardano questo ed altri argomenti, indipendentemente dal fatto che le lacune riguardino sistemi informativi gestiti tramite Windows, Linux, Oracle e così via.
Bene, la mia attività è proprio quella di erogare corsi Microsoft, corsi Microsoft Official Curriculum per la precisione, che da un lato permettono allo studente di specializzarsi su un particolare aspetto della sua attività di sistemista (Active Directory, infrastrutture di rete etc.) dall'altra di cimentarsi con i famigerati esami di certificazione che gli consentirebbero di pubblicizzare le sue capacità implementative e/o progettuali anche ad altri potenziali datori di lavoro.

La formazione è uno dei cardini dello sviluppo del nostro Paese - lo diceva un paio di anni fa in campagna elettorale anche il nostro attuale Premier - ma cosa fanno in concreto i centri che erogano formazione (nel mio caso i Microsoft Certified Technical Education Centers) almeno nell'area in cui lavoro io, cioè Milano?

Incuranti della crisi profonda che ha colpito il settore da parecchio tempo ormai, continuano a "sparare" i loro corsi ai prezzi dei bei tempi andati: per fare un esempio, fino alla fine dell'anno scorso, per frequentare un corso su Active Directory bisognava sborsare mediamente 1500 euro.

Se fossi stato un semplice privato, magari un disoccupato interessato a qualificare meglio e di più il mio curriculum, le cose sarebbero state peggiori: 1500 euro senza nemmeno quella legge Tremonti che facilita le aziende che mandano i propri dipendenti in trasferta ad imparare. Soltanto un CTEC milanese proponeva agevolazioni per i privati che frequentassero i corsi del tutto svincolati da qualunque appartenenza aziendale, per il resto notte fonda.
Risultato di questa oculata politica di marketing? Centinaia di corsi saltati, posti di lavoro nel settore training che cominciano a vacillare.

Adesso e soltanto adesso (primi mesi del 2003) che la situazione è diventata drammatica, i CTEC in questione abbassano la cresta proponendo prezzi più umani e offrendo spesso una combinazione corso+voucher per sostenere l'esame di certificazione.

Tutto questa mia elucubrazione a che pro, potreste dirmi?
Beh, non lamentiamoci noi addetti ai lavori se la qualità media del tecnico sistemista e/o sviluppatore è bassa, se le società continuano ad assumere ragazzini solo perché conviene loro in termini di costi, cerchiamo invece di rimboccarci le maniche e di rendere il sapere informatico, sia esso asservito alle logiche di Bill Gates sia esso aperto alle istanze dell'open source, alla portata di quante più persone possibile.

Ovviamente le mie speranze si infrangeranno contro istogrammi o vari altri grafici che dimostreranno invece che se la qualità del servizio corsi vuole rimanere elevata, i clienti dovranno pagarla questa qualità eccome, ma ecco, è importante che la gente sappia che le lacrime versate dai grossi colossi IT spesso sono lacrime di coccodrillo.

Utopia 70
TAG: mercato
39 Commenti alla Notizia Certificazioni? Caro ti costano
Ordina
  • E' vero che i corsi costano cifre assurde.
    ma è pur vero che le aziende non investono nulla o quasi nella formazione del personale. Spesso, in periodi come questo, ci sono delle risorse ferme: perchè non acquistare un libro e il test simulato e metterli a prendere qualche certificazione?
    Ci si ricorda della formazione solo quando c'è una esigenza: ad esempio si vince una gara o cose simili. Allora ti devi certificare Lotus in 3 settimane senza neppure studiare.
    Ciao.
    EL condor Pasa?
    non+autenticato
  • se uno ha un minimo di conoscenze di base, tipo una laurea di primo livello, non ha bisogno di nessun corso, bastano le tonnellate di informazioni che si trovano su internet o al massimo ci si compra un manualeCon la lingua fuori
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > se uno ha un minimo di conoscenze di base,
    > tipo una laurea di primo livello, non ha
    > bisogno di nessun corso, bastano le
    > tonnellate di informazioni che si trovano su
    > internet o al massimo ci si compra un
    > manualeCon la lingua fuori


    ottimista fai da te??
    non+autenticato
  • certo programmati un router leggendoti un manuale...Auguri
    non+autenticato
  • Se hai le conoscenze di base di una laurea in ing. informatica di primo livello puoi benissimo farlo.
    Un po' meno per i sysadmin fai da te maghi col bash e con linux ma un po' scarsini in tutti gli altri aspetti dell'informatica (quello che conta). Qui a Tor Vergata progetti come Router, Firewall e Proxy sono la norma per i primi esami della specializzazione e posso assicurarti che alcuni dei progetti migliori sono veramente buoni, calcolando che sono fatti in non più di 1 mese di lavoro.
    Basta sapere quali sono le strategie di ricerca, sapere come fare un algoritmo di routing (le strutture dati di base: quelle che nessun informatico cresciuto in azienda ha mai usato) e il gioco è fatto.
    Tutte cose che si imparano studiando.

    Ah già voi siete quelli che configurate i DNS e vi vantate di conoscere il TCP/IP a menadito, sai che vanto, una settimana di lezioni per il vostro sapere di una vita di lavoro.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Se hai le conoscenze di base di una laurea
    > in ing. informatica di primo livello puoi
    > benissimo farlo.

    Io ho la laurea (full) ed anche l'umiltà per dire che non sono in grado di fare tutto...quello del router era solo un esempio penso

    > Qui a Tor Vergata
    > progetti come Router, Firewall e Proxy sono
    > la norma per i primi esami della
    > specializzazione e posso assicurarti che
    > alcuni dei progetti migliori sono veramente
    > buoni, calcolando che sono fatti in non più
    > di 1 mese di lavoro.

    Anche il software scritto a casa funziona sempre, finchè lo fai per te o per un tuo amico...quando devi scrivere programmi COMMERCIALI e farne maintenance è un po' diverso!

    > Basta sapere quali sono le strategie di
    > ricerca, sapere come fare un algoritmo di
    > routing (le strutture dati di base: quelle
    > che nessun informatico cresciuto in azienda
    > ha mai usato) e il gioco è fatto.
    > Tutte cose che si imparano studiando.

    Sei uno studente => hai tempo per studiare, io nella mia esperienza lavotrativa ho sempre dovuto trovare soluzioni nel giro di una settimana..che funzionino ma anche che rispettino obiettivi di costo e di approvigionamento ecc.


    > Ah già voi siete quelli che configurate i
    > DNS e vi vantate di conoscere il TCP/IP a
    > menadito, sai che vanto, una settimana di
    > lezioni per il vostro sapere di una vita di
    > lavoro.

    Io spero che la tua vita lavorativa sia quella che tu sogni ma ho il sospetto che capirai ben presto che i libri sono una cosa il avoro un'altra!

    non+autenticato
  • Credo che una (o+) certificazioni siano una soddisfazione personale, ovvio che queste devono essere raggiunte con lo spirito di chi vuole aumentare il proprio bagaglio culturale, e non solo per avere un tesserino plastificato da esibire. Certo, esistono i dumps, ma se non hai un minimo di basi questi ti servono a poco.....

    parlo per esperienza personale.

    ciao
  • Cioè, servono, ma giusto a darti quel titolino in più, perchè non credo proprio che si possa dire che un certificato ms è quello che sembra!!!
    Io ho studiato e visto diversi esami, e sono delle farse belle e buone, nel senso che basta impararsi a MEMORIA le 200 rispostine dei brain dumps che l'esame è bell'e fatto...
    E se questo vuol dire prepararsi professionalmente, beh... sfido a prendere un bell' ms engineer che sappia veramente fare tutto quello che sulla carta dovrebbe saper fare...
    Magari sa dove mettere le mani meglio di uno che non ci ha mai messo il naso, ma a imparare a gestire certe cose non ci vuole nè molto tempo, nè libri costisissimi dove si capisce ben poco se non si accende il pc e si guarda l'help in linea, nè corsi dispendiosi, nè tantomeno una farsa certtficazione che dica "ok le sai fare"
    Scaricatevi le troytech e vedrete...
    Max
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Cioè, servono, ma giusto a darti quel
    > titolino in più, perchè non credo proprio
    > che si possa dire che un certificato ms è
    > quello che sembra!!!

    Come sempre l'abito non fa il monaco, ma andare in giro nudi puo' fare veramente impressione !!!

    > Io ho studiato e visto diversi esami, e sono
    > delle farse belle e buone, nel senso che
    > basta impararsi a MEMORIA le 200 rispostine
    > dei brain dumps che l'esame è bell'e
    > fatto...

    Li hai visti o li hai passati? E quali?
    Scusa, ma dal tuo intervento non si capisce.
    Confermo che in giro troverai tanti braindumps, ma se gli esami li hai passati SOLO studiando a memoria le domande, allora CERTAMENTE ricadrai nella categoria dei certificati MS che non valgono molto...

    Se invece ti sei preparato studiando, e poi hai verificato la tua preparazione leggendoti anche le domandine dei braindumps, comprendendole con spirito critico e giudicandole (mica sono tutte corrette, anzi!), hai fatto ne' piu' e ne' meno quello che e' concesso a tutti i neo-patentandi o ai certificandi di SUN (quelli si che sono esami prettamente mnemonici...)

    Ad ogni modo, l'articolo voleva sottolineare i problemi attuali di abbinare qualita' dei corsi e capacita' di trasmettere conoscenza "a valore aggiunto" a prezzi onesti, sia MS che *nix, e non entrava nel merito dell'effettiva validita' delle susseguenti certificazioni, ma tant'e' , quando si parte a testa bassa modello rinoceronte...

    > E se questo vuol dire prepararsi
    > professionalmente, beh... sfido a prendere
    > un bell' ms engineer che sappia veramente
    > fare tutto quello che sulla carta dovrebbe
    > saper fare...

    Vedi sopra...

    > Magari sa dove mettere le mani meglio di uno
    > che non ci ha mai messo il naso, ma a
    > imparare a gestire certe cose non ci vuole
    > nè molto tempo, nè libri costisissimi dove
    > si capisce ben poco se non si accende il pc
    > e si guarda l'help in linea, nè corsi
    > dispendiosi, nè tantomeno una farsa
    > certtficazione che dica "ok le sai fare"
    > Scaricatevi le troytech e vedrete...
    > Max

    Ti rispondo solo con una massima:
    "Ogni formula e' vuota di sapere per chi non sa comprenderla"
    Puoi leggerti braindumps e help in linea quanto vuoi, ma se non hai una preparazione di base, sarai scarso sia come MCSE che come RHCE...
    Per il resto, non fare mai di tutta l'erba un fascio, nel nostro "campo" e' SEMPRE un errore...
    Saluti!




    non+autenticato

  • > Per il resto, non fare mai di tutta l'erba
    > un fascio, nel nostro "campo" e' SEMPRE un
    > errore...
    > Saluti!
    Tutto Giustus....

    P.S un mio ex collega ha dato 3 certificazione Microsoft non studiando praticamente una mazza con l'aiuto di alcune raccolte di domande che si chiamavano Testking (a detta sua le domande erano identiche a quelle dell'esame) Che Bastardo!!!!!! Arrabbiato Arrabbiato


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > Per il resto, non fare mai di tutta l'erba
    > > un fascio, nel nostro "campo" e' SEMPRE un
    > > errore...
    > > Saluti!
    > Tutto Giustus....
    >
    > P.S un mio ex collega ha dato 3
    > certificazione Microsoft non studiando
    > praticamente una mazza con l'aiuto di alcune
    > raccolte di domande che si chiamavano
    > Testking (a detta sua le domande erano
    > identiche a quelle dell'esame) Che
    > Bastardo!!!!!! Arrabbiato Arrabbiato
    >

    Alle medie si copia e si fanno i bigliettini, al liceo si copia e si fanno i bigliettini, all'universita' si copia, si fanno i bigliettini e si usano i PDA ed i PocketPC per infilarci dentro di tutto, o al limite SI COMPRA l'esame in toto: purtroppo questo andazzo e' conosciuto e "tollerato" per l'italico motto del "Vince il piu' furbo".
    Non e' certo solo un problema di certificazioni informatiche...
    In realta' poi si vede chi ha studiato e capito e chi ha solo scopiazzato: il tuo ex-collega avra' avuto anche fortuna, ma almeno le domande le ha "studiate" bene, altrimenti non avrebbe ricordato le risposte; ma se non ha approfondito anche la teoria, prima o poi si trovera' in braghe di tela, per non dire di peggio !


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Cioè, servono, ma giusto a darti quel
    > titolino in più, perchè non credo proprio
    > che si possa dire che un certificato ms è
    > quello che sembra!!!
    > Io ho studiato e visto diversi esami, e sono
    > delle farse belle e buone, nel senso che
    > basta impararsi a MEMORIA le 200 rispostine
    > dei brain dumps che l'esame è bell'e
    > fatto...
    > E se questo vuol dire prepararsi
    > professionalmente, beh... sfido a prendere
    > un bell' ms engineer che sappia veramente
    > fare tutto quello che sulla carta dovrebbe
    > saper fare...
    > Magari sa dove mettere le mani meglio di uno
    > che non ci ha mai messo il naso, ma a
    > imparare a gestire certe cose non ci vuole
    > nè molto tempo, nè libri costisissimi dove
    > si capisce ben poco se non si accende il pc
    > e si guarda l'help in linea, nè corsi
    > dispendiosi, nè tantomeno una farsa
    > certtficazione che dica "ok le sai fare"
    > Scaricatevi le troytech e vedrete...
    > Max
    non+autenticato
  • quota e cerca, no?

    http://www.google.it/search?q=troytech&ie=UTF-8&oe...

    Durata della ricerca: 0.13 secondi

    non era difficile...
  • Mi è capitato di fare pochi corsi MOC mirati, tralasciando quelli base (Networking Core, Windows Server, ecc.) concentrandomi sui più "delicati" e complessi ma non ho trovato riscontro adeguato. Ho esperienza sul campo da soli 2 anni e mi trovavo a dover spiegare io agli MCT che facevano il corso alcune questioni tecniche di basso livello. Il problema, cosa che penso, risiede nella non preparazione adeguata della maggior parte degli MCT (che io ho incontrato..sono solo sfortunato?) Sanno tutto dei libri ma pochissimo di pratica, sono bravi, abbastanza, con la teoria ma a lato pratico, poco da fare. Forse il problema principale è che l'ambiente Windows, qui in Italia, è visto come un "semplice" gioco e chi si certifica lo fa con questa ideologia, senza voler minimamente approfondire come farebbe, forse anche perchè "obbligato" dal sistema operativo, per esempio un sistemista Unix. Non basta essere certificati (cosa che cmq stò facendo) per conoscere, serve la passione e la voglia di conoscenza sempre maggiore.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)