Mauro Vecchio

RIM, licenziamenti a tappeto

La societÓ canadese taglierÓ il 10 per cento della sua forza lavoro globale. Questione di ottimizzazione dei costi e riallocazione delle risorse. Pesano i risultati dell'ultima trimestrale

Roma - Ottimizzazione dei costi, riallocazione delle risorse, esigenze di strategia a lungo termine. Sono queste le spiegazioni offerte dalla società canadese Research In Motion (RIM) ai circa 2mila dipendenti che a breve si ritroveranno a dover cercare nuove esperienze professionali.

Il 10 per cento della forza lavoro globale di RIM verrà dunque sacrificata nell'estremo tentativo di tenere il passo svelto di competitor olimpionici come Apple e dispositivi basati su Android. Il gigante canadese cercherà così di eliminare i costi ridondanti, per una nuova strategia di ottimizzazione delle spese.

Si tratta di una mossa già paventata dalla stessa RIM, in seguito ai negativi risultati maturati nell'ultima trimestrale. I vertici della società canadese avevano sottolineato come negli ultimi cinque anni d'attività il numero complessivo dei dipendenti fosse quadruplicato.
Alla notizia dei licenziamenti si è poi aggiunta quella relativa ad un nuovo cambio ai vertici della stessa RIM. A ritirarsi sarà l'attuale Chief Operating Officer (COO) Don Morrison, presto rimpiazzato da Thorsten Heins, che vedrà espandersi il suo ruolo di COO alle divisioni vendita e prodotti della società.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • BusinessRIM, nuove frecciate anonimeDopo la prima missiva ai due co-CEO della societÓ canadese, fioccano le accuse anonime da parte degli impiegati. Troppa burocrazia, leadership ai minimi storici e soprattutto un mantenimento ostinato dello status quo di sei anni fa
  • BusinessRIM: tutto bene, a parte le lettere anonimeUn misterioso senior executive della societÓ canadese scrive ai due CEO Lazaridis e Balsillie. L'attuale cultura aziendale ostacolerebbe il libero pensiero, oltre che le stesse strategie mobile. I vertici ostentano buona salute
4 Commenti alla Notizia RIM, licenziamenti a tappeto
Ordina
  • I vertici della società canadese avevano sottolineato come negli ultimi cinque anni d'attività il numero complessivo dei dipendenti fosse quadruplicato .

    ma cosa fanno i dipendenti, si accoppiano e moltiplicano all'interno dell'azienda? Casseruola! neanche i conigli... ti distrai un attimo e BAM, si quadruplicano.

    Io penso invece che quei dipendenti nel corso degli anni siano stati assunti perché necessari, ora invece sono di troppo perché l'azienda non può più sostenerli.
    Chiamatelo come volete, "Ottimizzazione dei costi", "riallocazione delle risorse", "esigenze di strategia a lungo termine"... secondo me quando un'azienda comincia a tagliare personale è l'inizio della fine.
  • Be' direi che, parlando in generale, per un'azienda dopo anni di corsa continua e espansione del business si faccia ad un certo punto una verifica di quanto fatto e dato che il mercato per la RIM e' adesso stabile se non addirittura in calo si pensi a dare una "sistemata" ai costi.
    L'unico vero problema resta la gente che si trova senza lavoro per errate scelte fatte prima nei momenti di crescita dove si e' sicuramente pensato ad assumere per portare a termine il lavoro senza prima razionalizzare il personale gia' presente.
    Per il tuo discorso sull'inizio della fine e' presto per dirlo. RIM potrebbe resistere all'assalto dei concorrenti ma anche no. Se il suo mercato fosse europeo sarebbe gia' fallita.
    non+autenticato
  • > presto per dirlo. RIM potrebbe resistere
    > all'assalto dei concorrenti ma anche no. Se il

    Il problema che RIM, come anche Nokia, seppur eccellenti nel loro, si sono focalizzate troppo su un unico prodotto/segmento di mercato, e non hanno capito la tendenza generale.
    Pur avendo un ottimo e affidabilissimo servizio, gli attacchi sono venuti da dietro con iPhone e Android.
    E' vero che i loro prodotti sono orientati al business, ma evidentemente anche i business-man si sono accorti che, con l'iphone o l'android del figlio, le email si potevano ricevere, e con una scelta di terminali piu ampia e piu personalizzabili.
    Non hanno capito che nel settore degli smartphone stà accadendo quello che s'è già visto negli anni '80-'90 negli home/personal computer, ossia macchine diversissime dal punto di vista hardware e software, però comunque tutte con il loro ambiente di periferiche e software, e che nascevano e morivano nel giro di pochissimo tempo.
    Non di rado accadeva in quegli anni che un singolo programmatore facesse fortuna con qualche software ben ideato... l'unica differenza è che al tempo si vendevano le cassette o il floppy, ora si scarica l'app dei vari store o market.
    non+autenticato
  • Datele qualche anno, e verrà assorbita da qualche gigante dell'IT per poi sparire definitivamente. Palm docet.
    non+autenticato