Alfonso Maruccia

Wolfram e i documenti senzienti

Wolfram Research annuncia la disponibilità di un nuovo formato di documenti capaci di "prendere vita". L'obiettivo ora è coinvolgere sviluppatori e diffondere l'adozione del nuovo standard

Roma - Dopo aver donato al mondo Wolfram Alpha, il primo (autocelebrato) engine di conoscenza computazionale venduto al saldo sull'app store di Cupertino, Wolfram Research dice di voler trasformare i banali "documenti privi di vita" in qualcosa di interattivo e capace di fare molto di più che trasportare dati in formato binario.

La novità di Wolfram Research si chiama Computable Document Format (CDF), un formato di documenti che porta con sé la capacità di trasformare i suddetti in applicazioni interattive - posto che si abbia il "lettore" software adeguato, naturalmente.

Conrad Wolfram, direttore strategico della società e fratello del più famoso Stephen creatore del software Mathematica, parla di progetti CDF attraverso cui sarà possibile dare vita ai dati, illustrare concetti ed eseguire operazioni su database.
La tecnologia dietro CDF non è ancora pronta per fare il suo debutto come sistema aperto all'utilizzo quotidiano, nondimeno Wolfram dice di essere arrivata al punto da poter rendere pubblico il suo lavoro su quello che si vorrebbe diventasse uno standard "pubblico".

L'obiettivo, ammette candidamente la società statunitense, è quello di coinvolgere sviluppatori per portare la tecnologia CDF a maturazione sufficiente per dare il La a un nuovo (e tutt'ora ignoto) modello di business. I publisher di contenuti, dice Wolfram, si sono già dimostrati parecchio interessati.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
14 Commenti alla Notizia Wolfram e i documenti senzienti
Ordina
  • Descritta come nell'articolo mi pare una pagina HTML5 / Flash / webapp client side. Anche le applet java si comportano cosi'.

    GT
  • - Scritto da: Guybrush
    > Descritta come nell'articolo mi pare una pagina
    > HTML5 / Flash / webapp client side. Anche le
    > applet java si comportano
    > cosi'.
    >
    > GT

    Te vai bene quando stai nei boschi con un libro cartaceo in mano.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dottor Stranamore
    > - Scritto da: Guybrush
    > > Descritta come nell'articolo mi pare una
    > pagina
    > > HTML5 / Flash / webapp client side. Anche le
    > > applet java si comportano
    > > cosi'.
    > >
    > > GT
    >
    > Te vai bene quando stai nei boschi con un libro
    > cartaceo in mano.

    che non ha pile, non si scarica, non ha bisogno di prese usb/caricatori etc etc.

    Apri e funziona. fico, eh?
    non+autenticato
  • "La novità di Wolfram Research si chiama Computable Document Format (CDF), un formato di documenti che porta con sé la capacità di trasformare i suddetti in applicazioni interattive - posto che si abbia il "lettore" software adeguato, naturalmente."

    che in parole povere?
    non+autenticato
  • un documento che si porta appresso uno script eseguibile ...
    nulla di nuovo sotto il sole ... tranne il nome
    non+autenticato
  • Tiro a caso. Visti gli autori dell'idea, mi pare piu' probabile si tratti di un documento contenente dati strutturati in modo tale da essere manipolabili con modalita' predefinite. Ovvero, ad esempio, inscritti in un'ontologia, con relazioni precise fra diversi set di dati, magari catalogati sotto etichette univoche che definiscano le operazioni in cui possono essere coinvolti, ecc.
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito
    > "La novità di Wolfram Research si chiama
    > Computable Document Format (CDF), un formato di
    > documenti che porta con sé la capacità di
    > trasformare i suddetti in applicazioni
    > interattive - posto che si abbia il "lettore"
    > software adeguato,
    > naturalmente."
    >
    > che in parole povere?

    Quando ci sarà si potrà capire meglio, invece vedo gente dire che è un documento con gli script e che è roba già vista. I soliti sapientoni.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dottor Stranamore
    > - Scritto da: attonito
    > > "La novità di Wolfram Research si chiama
    > > Computable Document Format (CDF), un formato
    > di
    > > documenti che porta con sé la capacità di
    > > trasformare i suddetti in applicazioni
    > > interattive - posto che si abbia il "lettore"
    > > software adeguato,
    > > naturalmente."
    > >
    > > che in parole povere?
    >
    > Quando ci sarà si potrà capire meglio, invece
    > vedo gente dire che è un documento con gli script
    > e che è roba già vista. I soliti
    > sapientoni.

    a me sembrava lo stesso giochino verbale di tognazzi.....
    non+autenticato
  • Forse i sapientoni a volte sanno di cosa parlano ... e fa il sapientone chi chiama sapientoni gli altri ... i posteri sapranno la risposta , per il momento siamo a questo punto :

    "posto che si abbia il "lettore" software adeguato " si traduce in: posto che si abbia un interprete in grado di eseguire il documento , quindi il documento contiene oltre alle informazioni anche del codice ( script ) che viene eseguito dal lettore ( interprete ) , non si scappa.

    Se il lettore di suo sapesse come trattare i dati si avrebbe un programma normalissimo e statico ... quindi e' ovvio che deve reagire a dei comandi dati dal documento se poi non li vogliamo chiamare col loro nome ovvero "codice" chiamiamoli come vogliamo ma sempre codice resta .
    non+autenticato
  • - Scritto da: lorenzo
    > Forse i sapientoni a volte sanno di cosa parlano
    > ... e fa il sapientone chi chiama sapientoni gli
    > altri ... i posteri sapranno la risposta , per il
    > momento siamo a questo punto :
    >

    Forse invece quelli che pensano di essere sapientoni non lo sono

    >
    > "posto che si abbia il "lettore" software
    > adeguato " si traduce in: posto che si abbia un
    > interprete in grado di eseguire il documento ,
    > quindi il documento contiene oltre alle
    > informazioni anche del codice ( script ) che
    > viene eseguito dal lettore ( interprete ) , non
    > si scappa.
    >
    >
    > Se il lettore di suo sapesse come trattare i dati
    > si avrebbe un programma normalissimo e statico
    > ... quindi e' ovvio che deve reagire a dei
    > comandi dati dal documento se poi non li vogliamo
    > chiamare col loro nome ovvero "codice"
    > chiamiamoli come vogliamo ma sempre codice resta
    > .

    Ma l'hai letto l'articolo in inglese? Come si fa a ridurre il tutto a "è un documento con uno script niente di nuovo"Annoiato

    http://blog.wolfram.com/2011/07/21/launching-the-c.../
    non+autenticato
  • Letto ... e' un documento che contiene anche codice eseguibile dal lettore ... cioe' un documento con uno script , che poi gli attuali documenti con script siano limitati e' un altro paio di maniche .
    non+autenticato
  • ehm... non lo fanno gia' i virus? Con la lingua fuori
  • - Scritto da: acecchin
    > ehm... non lo fanno gia' i virus? Con la lingua fuori
    ma il suo sarà multipiattaformaOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: acecchin
    > ehm... non lo fanno gia' i virus? Con la lingua fuori

    e i doc con vb ... ma forse alludevi a quello come virusSorride
    non+autenticato