Claudio Tamburrino

Il giudice dice no a Personal Audio, Apple ringrazia

Rigettata la richiesta di un nuovo giudizio per valutare anche le eventuali violazioni negli ultimissimi prodotti della Mela. Una punizione sola può bastare

Roma - Il patent holder Personal Audio LLC stavolta non l'ha vinta: la sua ultima denuncia nei confronti di Cupertino è stata respinta dal giudice che ha rilevato che sono più che sufficienti gli 8 milioni che già gli sono stati riconosciuti nel primo caso che la vedeva contrapposta ad Apple.

Sull'onda di una prima vittoria incassata nei confronti di Cupertino, Personal Audio, azienda che proprio di un ampio portafoglio brevettuale e della capacità di farlo fruttare ha fatto un business, aveva rilanciato chiedendo al giudice di valutare anche l'eventuale violazione dei suoi brevetti da parte dei nuovi prodotti con la Mela, l'ultima generazione dei suoi lettori musicali, iPad 2 e iPhone4.

Il giudice Ron Clark ha tuttavia respinto le accuse e rifiutato una seconda opportunità di processo a Personal Audio. (C.T.)
Notizie collegate
6 Commenti alla Notizia Il giudice dice no a Personal Audio, Apple ringrazia
Ordina