Remailer anonimi sotto attacco

Se ne parla da qualche tempo e dopo le ultime levate di scudi contro anonimato e cifratura il Progetto Winston Smith lancia l'allarme. In corso un'aggressione condotta con mezzi illegali. Chi ha paura del flusso libero delle informazioni?

Remailer anonimi sotto attaccoRoma - Sono scomodi, sono diffusi, trasportano informazioni anonime e consentono di trasmetterle via email senza che il mittente sia individuabile. Sono gli anonymous remailer, una rete di ambienti di anonimizzazione che da anni provoca Legge e Ordine offrendo ai propri utenti alcune delle più rivoluzionarie possibilità offerte da internet. E ora sono sotto attacco.

Basta poco a verificare lo stato critico in cui si trovano i remailer, ed in rete da qualche tempo girano voci di un possibile boicottaggio organizzato contro questi sistemi, da sempre malvisti in molti paesi e talvolta perseguiti anche sul piano legale. Ora il Progetto Winston Smith, ispiratore di progetti pro-privacy che prende il nome dal protagonista del più celebre romanzo di Orwell (1984), lancia l'allarme: i remailer sono sotto attacco e l'aggressione è pilotata.

Secondo Winston, dopo le direttive europee sul copyright, la diffusione dei sistemi di digital rights management e il contestato TCPA, "la privacy sta subendo da alcune settimane un altro tipo di attacco, questa volta condotto in campo aperto e con metodi illegali".
In una nota diffusa ieri, il Progetto afferma che da circa quattro settimane la rete dei remailer è "in stato di semi paralisi a causa di un attacco di tipo 'Denial of servicè ottenuto tramite l'invio di decine di migliaia di messaggi maligni". Un attacco di questo tipo può essere studiato da chi lo compie per rendere di fatto inutilizzabile il sistema, colpito da enormi quantità di richieste fittizie.

"Per vari motivi (non solo di tipo tecnico) - continua Winston - questa azione non è stata fino ad adesso efficacemente contrastata; il risultato è che il servizio offerto da questi remailer, di alto valore civile anche se poco utilizzato, non è praticamente più disponibile per nessuno".

Il timore del Progetto Winston Smith, da tempo motore di numerose iniziative per la difesa della privacy online (vedi: Winston Smith: siamo noi Big Brother), è che molti amministratori di remailer anonimi non abbiano la volontà di reagire a questo attacco strutturato. "La finalità principale del Progetto Winston Smith - continua la nota - è quella di favorire la creazione di nuove risorse per la privacy, quali appunto gli anonymous remailer; ci troviamo invece nella necessità non solo di reiterare l'invito alla creazione di nuove risorse ma anche di esortare i gestori delle risorse già esistenti a difenderle e a non abbandonarle al loro destino".

La speranza del Progetto è che, a questo punto, da parte degli amministratori dei remailer vi sia la disponibilità a riprendere in mano le redini di sistemi tanto invisi a talune autorità quanto importanti per le libertà digitali, che gli utenti acquisiscano "una maggiore diffusione della conoscenza e dell'uso degli anonymous remailer ed in generale dei mezzi informatici per la difesa della privacy" e, ancora di più, che si dia vita a nuovi anonymous remailer, basati sulla versione sperimentale di tipo III (Mixminion), una tecnologia "ancora in fase di sperimentazione" che "possiede proprietà che la rendono molto meno attaccabile di quella dei remailer di tipo II (Mixmaster) o di tipo I (Cypherpunks)".
TAG: censura
110 Commenti alla Notizia Remailer anonimi sotto attacco
Ordina
  • Usi un remailer quindi sei un vigliacco. Questo ho potuto leggere in molti post... Mi sembra inutile sottolineare l'infondatezza di questa opinione, come se l'utilizzo dei remailer fosse principalmente la rottura di palle. Vabbè, nessuno ha mai sentito parlare di privacy? E non del singolo, ma anche del gruppo. Perchè io posso mandare una email ad amici , dove faccio capire chi sono, ma voglio che lo capisca solo chi deve e nessuna persona terza....

    Vabbè.....viva la globalizzazione, specie quella dei cervelli e dell'ignoranza....

    -Chospo-
    non+autenticato
  • Perchè io posso mandare una email ad
    > amici , dove faccio capire chi sono, ma
    > voglio che lo capisca solo chi deve e
    > nessuna persona terza....

    Per questo non basta una e-mail del tipo chospo@dominio.it....

    > Vabbè.....viva la globalizzazione, specie
    > quella dei cervelli e dell'ignoranza....
    >
    > -Chospo-

    Anche la paranoia sta diventando globale...
    nop
    563

  • - Scritto da: nop
    > Perchè io posso mandare una email ad
    > > amici , dove faccio capire chi sono, ma
    > > voglio che lo capisca solo chi deve e
    > > nessuna persona terza....
    >
    > Per questo non basta una e-mail del tipo
    > chospo@dominio.it....

    Ma se basta perchè chiudere i remailers? Allora chiudiamo tutti i servizi di messaggeria che non richiedono i documenti, ovvero tutti.

    > > Vabbè.....viva la globalizzazione, specie
    > > quella dei cervelli e dell'ignoranza....
    > >
    > > -Chospo-
    >
    > Anche la paranoia sta diventando globale...

    Non è vero.

    Tutti i servizi e-mail sono anonimi per il comune mortale. La prova è lo spam che lo ricevi ma non sai chi te lo manda.
    Quindi qualsiasi servizio mail come hotmail, yahoo, AOL, ... sono anonimi. Tu semplice cittadino non hai modo alcuno di verificare l'identità di chi hai di fronte, tranne quando lo conosci di persona.
    Chiaro che i servizi dello stato (polizia, carabinieri, ...) ma anche ditte (RIAA, SIAE, BSA, ...) hanno modo di saperlo.

    A questo punto dimmi cosa ti disturba se qualcuno riesce ad usare un servizio che gli garantisce un vero anonimato anche di fronte ai servizi dello stato o alle ditte? Tanto per te non cambia nulla, in ogni caso siamo tutti anonimi.

    Ci sono persone che necessitano un anonimato totale perchè vivono in stati totalitari. Queste persone rischiano la pelle se anche per errore i loro dati fossero resi pubblici. È chiaro che gente così non può fare fiducia a un pippo@aol.com, ma necessita di un remailer.

    Quindi, siamo tutti anonimi, ma c'è chi ha bisogno di più anonimato di altri. Fa anche questo parte della nostra libertà democratica.

    Ti sfido per esempio a sapere chi sono.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Usi un remailer quindi sei un vigliacco.
    > Questo ho potuto leggere in molti post... Mi
    > sembra inutile sottolineare l'infondatezza
    > di questa opinione, come se l'utilizzo dei
    > remailer fosse principalmente la rottura di
    > palle. Vabbè, nessuno ha mai sentito parlare
    > di privacy? E non del singolo, ma anche del
    > gruppo. Perchè io posso mandare una email ad
    > amici , dove faccio capire chi sono, ma
    > voglio che lo capisca solo chi deve e
    > nessuna persona terza....

    Ti fai un nuovo account di posta e spedisci.
    Senza bisogno di vigliacchi remailer anonimi.

    > Vabbè.....viva la globalizzazione, specie
    > quella dei cervelli e dell'ignoranza....
    >
    > -Chospo-
    Quando il tuo cervello torna dalle vacanze faccelo sapere!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Usi un remailer quindi sei un vigliacco.
    > > Questo ho potuto leggere in molti post...
    > Mi
    > > sembra inutile sottolineare l'infondatezza
    > > di questa opinione, come se l'utilizzo dei
    > > remailer fosse principalmente la rottura
    > di
    > > palle. Vabbè, nessuno ha mai sentito
    > parlare
    > > di privacy? E non del singolo, ma anche
    > del
    > > gruppo. Perchè io posso mandare una email
    > ad
    > > amici , dove faccio capire chi sono, ma
    > > voglio che lo capisca solo chi deve e
    > > nessuna persona terza....
    >
    > Ti fai un nuovo account di posta e spedisci.
    > Senza bisogno di vigliacchi remailer anonimi.

    E allora cosa cambia che ci siano oppure no?

    > > Vabbè.....viva la globalizzazione, specie
    > > quella dei cervelli e dell'ignoranza....
    > >
    > > -Chospo-
    > Quando il tuo cervello torna dalle vacanze
    > faccelo sapere!

    Il tuo non è neppure riuscito ad andarci in vacanza (come le formiche, cervello piccolo, attività alta).
    non+autenticato
  • Non so se qualcuno lo ha già fatto notare, ma penso di si.

    Con la posta ordinaria è possibile mandare delle lettere anonime!!!!
    Mamma mia...come si permettono. direi di mettere una guardia davanti alle caselle postali. che chiedono i documenti di chi imbuca una lettera.
    Chissa quanti malintenzionati....pedofili....criminali....usano ancora la posta ordinaria, perche molto, ma molto piu' anonima.

    sinceramente non capisco il senso dei post precedenti...
    bho...
    non+autenticato
  • > Con la posta ordinaria è possibile mandare
    > delle lettere anonime!!!!

    Eheheh....

    > Mamma mia...come si permettono. direi di
    > mettere una guardia davanti alle caselle
    > postali. che chiedono i documenti di chi
    > imbuca una lettera.

    Se... Ce mancherebbe...

    > Chissa quanti
    > malintenzionati....pedofili....criminali....u
    > sinceramente non capisco il senso dei post
    > precedenti...

    Il senso dei post è perchè si continua ostinatamente ad affermare REMAILER=VEICOLO SPAM quando questo non è vero, ma talvolta i propri comportamenti.
    non+autenticato
  • Probabilmente le sinapsi non sono in funzione in questo momento.
    non+autenticato
  • Hai ragione, anche le armi da fuoco sono roba da vigliacchi.
    Vanno bandite. Torniamo a dirci le cose in faccia e a darci sani colpi d'ascia.
    non+autenticato
  • BRAVO'

    la pensi propio come il governo cinese, sei propio un cumunista
    non+autenticato
  • oggi chiudiamo quelli
    domani rendiamo illegale la crittografia
    la settimana prossima magari obblighiamo tutte le persone a farsi piantare sotto pelle un chip per essere sempre rintracciabili
    poi magari permettiamo ai vari governi di impiantare telecamere ovunque (che si sa, eliminano qualunque crimine)
    Poi facciamo una legge che permetta alla polizia o chi per essa di poter fare indagini senza preavviso sul nostro conto, ascoltando le nostre telefonate, leggendo la nostra posta, tracciando i nostri collegamenti a internet
    infine rendiamo illegale esprimere la propria opinione (stampa, forum, ecc..)
    ecc..

    Se tutte le altre cose vi sembrano assurde, perche' non deve esserlo anche chiudere i remailer??
    Forse a voi non frega niente, magari perche' non avete mai avuto la necessita' di usarne uno!!!

    e per quelli che insistono con il dire che sono fonte di spam: ne vorrei vedere uno che ha mai ricevuto una mail pubblicitaria da un remailer!!

    Mi fate schifo, proclamate l'importanza della privacy e calate i pantaloni quando questa viene messa a rischio in una delle sue parti.
    Vedrete, se tutti ragionano come voi, la scaletta che ho fatto a inizio post (provocatoria finche' si vuole) potrebbe essere realmente attuata.

    Anonymous
  • > e per quelli che insistono con il dire che
    > sono fonte di spam: ne vorrei vedere uno che
    > ha mai ricevuto una mail pubblicitaria da un
    > remailer!!

    Sempre per giustezza ed equità. Succede non spesso ma accade che arrivi spazzatura da questi indirizzi, ma non sono certo la fonte primaria di spazzatura, ne il veicolo principale.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonymous
    > oggi chiudiamo quelli
    > domani rendiamo illegale la crittografia

    Giusto, se non si dicono cose illegali non vedo perchè nascondere i dati.

    > la settimana prossima magari obblighiamo
    > tutte le persone a farsi piantare sotto
    > pelle un chip per essere sempre
    > rintracciabili

    Giusto, altrimenti potresti non dichiarare la tua identità oppure dischiarare una falsa identità. Io dico di chiamarmi Marco e abitare a Milano mentre mi chiamo Pietro e abito a Roma. Eh no.
    Evitiamo questa possibilità che hanno i truffatori di usare false identità o di non identificarsi affatto, mettiamo un chip a tutti. Inoltre proporrei un codice a barre (magari dietro il collo come in Dark Angel).

    > poi magari permettiamo ai vari governi di
    > impiantare telecamere ovunque (che si sa,
    > eliminano qualunque crimine)

    Chiaramente. Non vedo perchè dovremmo agire di nascosto. Se non agisco illegalmente non vedo perchè non dovrei lasciarmi osservare. Sono una persona onesta io, non ho niente da nascondere. Però il borseggiatore non potrà più agire indisturbato.
    Però le telecamere devono essere posate dappertutto, altrimenti se resta anche solo un angolo morto in città chissà cosa potrebbe succedere in quel luogo. Devo pensare prima di tutto alla mia sicurezza.

    > Poi facciamo una legge che permetta alla
    > polizia o chi per essa di poter fare
    > indagini senza preavviso sul nostro conto,
    > ascoltando le nostre telefonate, leggendo la
    > nostra posta, tracciando i nostri
    > collegamenti a internet

    Mi sembra evidente. Io come ho detto non ho nulla da nascondere, sono un libro aperto. Quindi perchè dovrei impedire alla polizia di indagare su di me? tanto non troverebbero nulla. Però in questo modo potrebbero trovare tutti i terroristi e i pedofili che ci sono in giro.

    > infine rendiamo illegale esprimere la
    > propria opinione (stampa, forum, ecc..)

    Questo mi pare esagerato, in fondo esprimere la propria opinione fa parte dei diritti fondamentali di una democrazia. Altrimenti dove andremo a finire?

    > ecc..
    >
    > Se tutte le altre cose vi sembrano assurde,
    > perche' non deve esserlo anche chiudere i
    > remailer??

    E chi ha mai detto che siano assurde? Sono delle ottime idee, perfettamente in linea.
    Chiudiamo i remailer e obblighiamo l'uso di un ID unico, così nessuno potrà farsi passare come invalido e lavorare allo stato, perchè i dati sarebbero incrociati tra i vari servizi.

    > Forse a voi non frega niente, magari perche'
    > non avete mai avuto la necessita' di usarne
    > uno!!!

    No all'anonimato, ognuno dovrebbe essere univocamente identificato per evitare abusi.

    > e per quelli che insistono con il dire che
    > sono fonte di spam: ne vorrei vedere uno che
    > ha mai ricevuto una mail pubblicitaria da un
    > remailer!!

    La prova! Se non fosse possibile rendersi anonimi perchè il computer inserisce direttamente l'ID unica nell'e-mail, allora sarebbe possibile rintracciare ogni spammer e sbatterlo in galera.

    > Mi fate schifo, proclamate l'importanza
    > della privacy e calate i pantaloni quando
    > questa viene messa a rischio in una delle
    > sue parti.

    Privacy? è solo una cosa che serve a proteggere i criminali.

    > Vedrete, se tutti ragionano come voi, la
    > scaletta che ho fatto a inizio post
    > (provocatoria finche' si vuole) potrebbe
    > essere realmente attuata.

    Non preoccuparti che ci arriviamo.

    > Anonymous

    anonimamente vostro... Sorride
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonymous
    > > oggi chiudiamo quelli
    > > domani rendiamo illegale la crittografia
    >
    > Giusto, se non si dicono cose illegali non
    > vedo perchè nascondere i dati.

    Infatti M$ pubblica il codice ono ?

    >
    > > la settimana prossima magari obblighiamo
    > > tutte le persone a farsi piantare sotto
    > > pelle un chip per essere sempre
    > > rintracciabili
    >
    > Giusto, altrimenti potresti non dichiarare
    > la tua identità oppure dischiarare una falsa
    > identità. Io dico di chiamarmi Marco e
    > abitare a Milano mentre mi chiamo Pietro e
    > abito a Roma. Eh no.
    > Evitiamo questa possibilità che hanno i
    > truffatori di usare false identità o di non
    > identificarsi affatto, mettiamo un chip a
    > tutti. Inoltre proporrei un codice a barre
    > (magari dietro il collo come in Dark Angel).

    Certo come no ? mi pare la cosa migliore anzi lo colleghiamo al GPS così tua moglie ti pesca con la segretaria e il giorno che il primo signore coi baffetti decide che i numeri pari portano sfortuna e ti manda in un bel lager saremo tutti contenti!

    In fondo l'idea non è mica nuova il signore coi baffetti li tatuava già gli ebrei, ma poi anche gli zingari e i comunisti ecc.. ecc..

    Bravo! complimenti!

    >
    > > poi magari permettiamo ai vari governi di
    > > impiantare telecamere ovunque (che si sa,
    > > eliminano qualunque crimine)
    >
    > Chiaramente. Non vedo perchè dovremmo agire
    > di nascosto. Se non agisco illegalmente non
    > vedo perchè non dovrei lasciarmi osservare.
    > Sono una persona onesta io, non ho niente da
    > nascondere. Però il borseggiatore non potrà
    > più agire indisturbato.

    E nenache quei fetentoni di oppositori che vogliono rompere le scatole coi loro problemi di democrazia! in galera! e al muro! come nel 1943, 1944 e 1945 basta con queste cianfrusaglie legalitariste e democratiche!

    > Però le telecamere devono essere posate
    > dappertutto, altrimenti se resta anche solo
    > un angolo morto in città chissà cosa
    > potrebbe succedere in quel luogo. Devo
    > pensare prima di tutto alla mia sicurezza.
    >

    Non ti preoccupare chi ti ha detto che devi pensare sovversivo! solo il signore coi baffetti pensa legalmente!

    Alla tua sicurezza ci pensa lui non tu!

    > > Poi facciamo una legge che permetta alla
    > > polizia o chi per essa di poter fare
    > > indagini senza preavviso sul nostro conto,
    > > ascoltando le nostre telefonate, leggendo
    > la
    > > nostra posta, tracciando i nostri
    > > collegamenti a internet
    >
    > Mi sembra evidente. Io come ho detto non ho
    > nulla da nascondere, sono un libro aperto.
    > Quindi perchè dovrei impedire alla polizia
    > di indagare su di me? tanto non troverebbero
    > nulla. Però in questo modo potrebbero
    > trovare tutti i terroristi e i pedofili che
    > ci sono in giro.

    Infatti li hanno trovati (dopo quando era troppo tardi!)

    >
    > > infine rendiamo illegale esprimere la
    > > propria opinione (stampa, forum, ecc..)
    >
    > Questo mi pare esagerato, in fondo esprimere
    > la propria opinione fa parte dei diritti
    > fondamentali di una democrazia. Altrimenti
    > dove andremo a finire?
    >

    Tu non decidi dove andiamo a finire è illegale decidere!

    > > ecc..
    > >
    > > Se tutte le altre cose vi sembrano
    > assurde,
    > > perche' non deve esserlo anche chiudere i
    > > remailer??
    >
    > E chi ha mai detto che siano assurde? Sono
    > delle ottime idee, perfettamente in linea.
    > Chiudiamo i remailer e obblighiamo l'uso di
    > un ID unico, così nessuno potrà farsi
    > passare come invalido e lavorare allo stato,
    > perchè i dati sarebbero incrociati tra i
    > vari servizi.
    >
    > > Forse a voi non frega niente, magari
    > perche'
    > > non avete mai avuto la necessita' di
    > usarne
    > > uno!!!
    >
    > No all'anonimato, ognuno dovrebbe essere
    > univocamente identificato per evitare abusi.
    >
    > > e per quelli che insistono con il dire che
    > > sono fonte di spam: ne vorrei vedere uno
    > che
    > > ha mai ricevuto una mail pubblicitaria da
    > un
    > > remailer!!
    >
    > La prova! Se non fosse possibile rendersi
    > anonimi perchè il computer inserisce
    > direttamente l'ID unica nell'e-mail, allora
    > sarebbe possibile rintracciare ogni spammer
    > e sbatterlo in galera.
    >
    > > Mi fate schifo, proclamate l'importanza
    > > della privacy e calate i pantaloni quando
    > > questa viene messa a rischio in una delle
    > > sue parti.
    >
    > Privacy? è solo una cosa che serve a
    > proteggere i criminali.
    >
    > > Vedrete, se tutti ragionano come voi, la
    > > scaletta che ho fatto a inizio post
    > > (provocatoria finche' si vuole) potrebbe
    > > essere realmente attuata.
    >
    > Non preoccuparti che ci arriviamo.
    >
    > > Anonymous
    >
    > anonimamente vostro... Sorride

    Ecco appunto!
    Hai bisogno di rileggere un pochino di storia ... credo valla a rileggere da anonimo o no non ti può far male!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonymous
    > > > oggi chiudiamo quelli
    > > > domani rendiamo illegale la
    > crittografia
    > >
    > > Giusto, se non si dicono cose illegali non
    > > vedo perchè nascondere i dati.
    >
    > Infatti M$ pubblica il codice ono ?
    >
    > >
    > > > la settimana prossima magari
    > obblighiamo
    > > > tutte le persone a farsi piantare sotto
    > > > pelle un chip per essere sempre
    > > > rintracciabili
    > >
    > > Giusto, altrimenti potresti non dichiarare
    > > la tua identità oppure dischiarare una
    > falsa
    > > identità. Io dico di chiamarmi Marco e
    > > abitare a Milano mentre mi chiamo Pietro e
    > > abito a Roma. Eh no.
    > > Evitiamo questa possibilità che hanno i
    > > truffatori di usare false identità o di
    > non
    > > identificarsi affatto, mettiamo un chip a
    > > tutti. Inoltre proporrei un codice a barre
    > > (magari dietro il collo come in Dark
    > Angel).
    >
    > Certo come no ? mi pare la cosa migliore
    > anzi lo colleghiamo al GPS così tua moglie
    > ti pesca con la segretaria e il giorno che
    > il primo signore coi baffetti decide che i
    > numeri pari portano sfortuna e ti manda in
    > un bel lager saremo tutti contenti!
    >
    > In fondo l'idea non è mica nuova il signore
    > coi baffetti li tatuava già gli ebrei, ma
    > poi anche gli zingari e i comunisti ecc..
    > ecc..
    >
    > Bravo! complimenti!
    >
    > >
    > > > poi magari permettiamo ai vari governi
    > di
    > > > impiantare telecamere ovunque (che si
    > sa,
    > > > eliminano qualunque crimine)
    > >
    > > Chiaramente. Non vedo perchè dovremmo
    > agire
    > > di nascosto. Se non agisco illegalmente
    > non
    > > vedo perchè non dovrei lasciarmi
    > osservare.
    > > Sono una persona onesta io, non ho niente
    > da
    > > nascondere. Però il borseggiatore non
    > potrà
    > > più agire indisturbato.
    >
    > E nenache quei fetentoni di oppositori che
    > vogliono rompere le scatole coi loro
    > problemi di democrazia! in galera! e al
    > muro! come nel 1943, 1944 e 1945 basta con
    > queste cianfrusaglie legalitariste e
    > democratiche!
    >
    > > Però le telecamere devono essere posate
    > > dappertutto, altrimenti se resta anche
    > solo
    > > un angolo morto in città chissà cosa
    > > potrebbe succedere in quel luogo. Devo
    > > pensare prima di tutto alla mia sicurezza.
    > >
    >
    > Non ti preoccupare chi ti ha detto che devi
    > pensare sovversivo! solo il signore coi
    > baffetti pensa legalmente!
    >
    > Alla tua sicurezza ci pensa lui non tu!
    >
    > > > Poi facciamo una legge che permetta
    > alla
    > > > polizia o chi per essa di poter fare
    > > > indagini senza preavviso sul nostro
    > conto,
    > > > ascoltando le nostre telefonate,
    > leggendo
    > > la
    > > > nostra posta, tracciando i nostri
    > > > collegamenti a internet
    > >
    > > Mi sembra evidente. Io come ho detto non
    > ho
    > > nulla da nascondere, sono un libro aperto.
    > > Quindi perchè dovrei impedire alla polizia
    > > di indagare su di me? tanto non
    > troverebbero
    > > nulla. Però in questo modo potrebbero
    > > trovare tutti i terroristi e i pedofili
    > che
    > > ci sono in giro.
    >
    > Infatti li hanno trovati (dopo quando era
    > troppo tardi!)
    >
    > >
    > > > infine rendiamo illegale esprimere la
    > > > propria opinione (stampa, forum, ecc..)
    > >
    > > Questo mi pare esagerato, in fondo
    > esprimere
    > > la propria opinione fa parte dei diritti
    > > fondamentali di una democrazia. Altrimenti
    > > dove andremo a finire?
    > >
    >
    > Tu non decidi dove andiamo a finire è
    > illegale decidere!
    >   
    > > > ecc..
    > > >
    > > > Se tutte le altre cose vi sembrano
    > > assurde,
    > > > perche' non deve esserlo anche
    > chiudere i
    > > > remailer??
    > >
    > > E chi ha mai detto che siano assurde? Sono
    > > delle ottime idee, perfettamente in linea.
    > > Chiudiamo i remailer e obblighiamo l'uso
    > di
    > > un ID unico, così nessuno potrà farsi
    > > passare come invalido e lavorare allo
    > stato,
    > > perchè i dati sarebbero incrociati tra i
    > > vari servizi.
    > >
    > > > Forse a voi non frega niente, magari
    > > perche'
    > > > non avete mai avuto la necessita' di
    > > usarne
    > > > uno!!!
    > >
    > > No all'anonimato, ognuno dovrebbe essere
    > > univocamente identificato per evitare
    > abusi.
    > >
    > > > e per quelli che insistono con il dire
    > che
    > > > sono fonte di spam: ne vorrei vedere
    > uno
    > > che
    > > > ha mai ricevuto una mail pubblicitaria
    > da
    > > un
    > > > remailer!!
    > >
    > > La prova! Se non fosse possibile rendersi
    > > anonimi perchè il computer inserisce
    > > direttamente l'ID unica nell'e-mail,
    > allora
    > > sarebbe possibile rintracciare ogni
    > spammer
    > > e sbatterlo in galera.
    > >
    > > > Mi fate schifo, proclamate l'importanza
    > > > della privacy e calate i pantaloni
    > quando
    > > > questa viene messa a rischio in una
    > delle
    > > > sue parti.
    > >
    > > Privacy? è solo una cosa che serve a
    > > proteggere i criminali.
    > >
    > > > Vedrete, se tutti ragionano come voi,
    > la
    > > > scaletta che ho fatto a inizio post
    > > > (provocatoria finche' si vuole)
    > potrebbe
    > > > essere realmente attuata.
    > >
    > > Non preoccuparti che ci arriviamo.
    > >
    > > > Anonymous
    > >
    > > anonimamente vostro... Sorride
    >
    > Ecco appunto!
    > Hai bisogno di rileggere un pochino di
    > storia ... credo valla a rileggere da
    > anonimo o no non ti può far male!

    Dovresti rileggerti tu il dizionario sotto la parola "ironia".
    La storia la conosco troppo bene, e attualmente ho come l'impressione che alcuni fatti incominciano a ripetersi. Solo che il signore coi baffetti le faceva per le strade, oggi le fanno sulle autostrade dell'informazione. Grazie a questo ci dicono che è diverso, e noi beoti ci caschiamo.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)