Mauro Vecchio

USA, Google non sarà oscurata dalle luci rosse

L'azienda dell'hard Perfect 10 non ha saputo dimostrare il collegamento tra le attività del search engine e le disastrose perdite in termini di abbonamento al suo sito. Una corte d'appello nega l'ingiunzione

Roma - Nel mirino legale era finito il colosso del search Google, accusato di aver distribuito gratuitamente una quantità enorme di immagini pornografiche. Ad infastidire i vertici di Perfect 10 - nota società statunitense specializzata in contenuti per adulti - erano stati gli stessi meccanismi di ricerca per immagini forniti da BigG, rei di aver offerto svariati link a siti illeciti legati alla pornografia.

Gli utenti del search engine avrebbero dunque ottenuto crack e password per l'accesso abusivo agli spazi web gestiti da Perfect 10. Secondo l'accusa, le attività del motore di ricerca - in quasi dieci anni - avrebbero causato perdite economiche per 50 milioni di dollari.

Una corte d'appello californiana ha ora negato a Perfect 10 la possibilità di ottenere una specifica ingiunzione preliminare, richiesta dai legali della società per bloccare certe attività del search engine di Mountain View. Secondo un panel di tre giudici, l'azienda dell'hard non avrebbe presentato prove sufficienti per vincere la causa contro BigG.
In sostanza, i legali di Perfect 10 non avrebbero dimostrato l'effettivo collegamento tra i link e le immagini offerte da Google e le perdite in termini di abbonamento al servizio da parte degli utenti del sito. Non ci sarebbero dunque le premesse necessarie per addossare sul colosso di Mountain View la colpa relativa ai 50 milioni di dollari persi in quasi 10 anni di business.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàMegaupload, condanna imminente?Un giudice californiano mostra il via libera alle accuse di Perfect 10, società specializzata in contenuti per adulti. Il cyberlocker rischia ora di essere condannato per violazione diretta del copyright
  • AttualitàP2P, il pornocrate e le inutili ordinanzeUn'oscura casa di produzione cinematografica contro 670 scariconi. Ma avrebbe ottenuto i loro dati senza autorizzazione. Scoperta la magagna, i suoi avvocati hanno subito gettato la spugna attaccando il giudice e la difesa
4 Commenti alla Notizia USA, Google non sarà oscurata dalle luci rosse
Ordina