Claudio Tamburrino

New York Times e l'esperimento Beta620

Se l'editoria in un modo o nell'altro deve cambiare, allora č il caso di capire come: il New York Times ci prova con i metodi di una startup

Roma - Il New York Times ha lanciato Beta620, un sito in cui trovano spazio in versioni beta i suoi progetti sperimentali.

Il numero del nome si riferisce all'indirizzo del quartier generale del Times sull'Eighth Avenue a New York.

Gli utenti sono invitati a navigarlo e a provare i dieci progetti in beta attualmente a disposizione e rispetto a Insights Lab, community di beta testing su invito dell'editore, è già aperto al pubblico.
Per il momento tra i progetti in prima pagina ci sono: TimesInstant, Community Hub e NYTimes Crossword Web App.
Il primo è un mashup che permette risultati di ricerca istantanea, funzioni di autocompletamento e altre opzioni che sfruttano le API del sistema di ricerca di articoli del New York Times; Community Hub è un dashborad orientato alla visualizzazione di user generated content, con feed dedicati ai commenti e collegamento al sistema di autenticazione di Facebook; NYTimes Crossword Web App è invece un cruciverba in HTML5 con funzionalità offline.

Altro progetto interessante è Times Skimmer, un'applicazione HTML5 con supporto ai touch screen per cui si consiglia la prova su iPad per la lettura del New York Times online.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • BusinessNYT, il paywall funzionaL'ultima trimestrale del quotidiano statunitense registra il successo del sistema di sottoscrizione a pagamento per i contenuti digitali. L'unico prodotto a portare numeri positivi. Il problema č monetizzare i contenuti online
  • AttualitàI commenti lampo del New York TimesI lettori online del prestigioso quotidiano statunitense avranno 2mila caratteri a disposizione per commentare un articolo. Giudicati eccessivi gli iniziali 5mila
1 Commenti alla Notizia New York Times e l'esperimento Beta620
Ordina