Alfonso Maruccia

RIAA, cambio ai vertici

Avvicendamento presso la potente lobby dell'industria musicale statunitense. Poco cambia per le strategie legali contro il file sharing e la cosiddetta pirateria del mercato digitale

Roma - Mitch Bainwol lascia il ruolo di presidente e CEO di RIAA (Recording Industry Association of America), va a occuparsi di lobby automobilistiche e lascia il suo vecchio posto in buone, anzi ottime mani - almeno dal punto di vista del potentato delle "Big Four" della musica (Sony BMG, EMI, Universal, Warner Music Group).

Nei suoi 8 anni di carriera al comando di RIAA, Bainwol (di professione legale) ha contribuito a scatenare una tempesta di cause legali contro il P2P - riuscendo ad "abbattere" famosi network del calibro di Grokster e LimeWire senza però intaccare la colossale crescita del traffico di bit complessivo.

L'altro risultato significativo (ancorché non sbandierato) di Bainwol è stato certamente rendere notoria la sua organizzazione per la denuncia di un numero sterminato di utenti dal file sharing, una strategia che nel tempo si è trasformata in un boomerang micidiale per la lobby del business musicale e che è stata largamente abbandonata in favore di nuovi approcci al problema della pirateria digitale.
Bainwol se ne va a fare il presidente della Alliance of Automobile Manufacturers e sul trono di RIAA gli succede Cary Sherman, personaggio che ha ricoperto il ruolo prima del "collega" e che ha già indicato i punti qualificanti della sua agenda: fare pressioni sulla politica per la difesa del copyright, proteggere e promuovere il copyright e la proprietà intellettuale, "coordinarsi" con le forze di polizia per sconfiggere il furto di copyright (sul mercato fisico e su quello digitale), promuovere nuovi modelli di business basati sul copyright. Una tautologia, più che un piano di lavoro.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • Diritto & InternetCopyright, LimeWire arriva al succoSiglata una pax legale per 105 milioni di dollari. Il noto client P2P avrebbe rischiato una multa di 1,4 miliardi di dollari. I vertici della RIAA esultano, citando ancora una volta l'esemplare caso Grokster
  • AttualitàRIAA e i sei allarmi del copyrightL'industria a stelle e strisce si accorda con i principali ISP d'America. Invieranno avvertimenti graduali a tutti gli abbonati colti a violare il diritto d'autore. Prima educando, poi colpendo con misure più estreme
  • AttualitàMamma Jammie, il fardello è meno pesanteRidotta la stratosferica multa ordinata a carico della mamma più famosa del P2P. Thomas-Rasset pagherà un totale di 54mila dollari per 24 brani scaricati su Kazaa. Incostituzionali gli iniziali 1,5 milioni
  • AttualitàP2P, chi scarica compraI vertici di EMI avrebbero scoperto che gli utenti di LimeWire sono assidui acquirenti legali su iTunes. A rivelarlo è l'ex-COO Douglas Merrill: le agguerrite strategie dell'industria sarebbero del tutto sbagliate
7 Commenti alla Notizia RIAA, cambio ai vertici
Ordina