Claudio Tamburrino

Intel, il domani è fantascienza

Quattro autori reclutati per vedere il futuro attraverso la fantascienza. E per pensare a come costruire per esso chip ad hoc

Roma - Intel ha lanciato un progetto affascinante: ha contatto alcuni dei maggiori autori di fantascienza chiedendogli di immaginare un futuro a partire dai suoi prodotti.

Il nome è già tutto un programma: "The Tomorrow Project" (il progetto del futuro). Con esso ha assunto i quattro autori Markus Heitz (autore tedesco noto per la saga fantasy della Terra Nascosta), Douglas Rushkoff ("padre", tra l'altro, del termine "nativi digitali", media theorist e autore associato con la cultura cyberpunk), Ray Hammond e Scarlett Thomas.

I racconti sono disponibili in download gratuito: Rushkoff ha scritto "Last Day of Work", Hammond "The Mercy Dash", quello di Heitz è "The Blink of an Eye" e Thomas è l'autrice di "The Drop".
Oltre a rappresentare un progetto "letterario", tuttavia, Intel ritiene che possa dare l'opportunità di prevedere alcune delle aspettative e delle visioni dei consumatori e della società per quanto riguarda la tecnologia. Meglio indirizzando, di conseguenza, la ricerca e lo sviluppo di nuovi prodotti.

"Quando sviluppiamo chip per i vostri computer, telefoni e televisori - ha detto il manager futurista di Intel Brian David Johnson - dobbiamo farlo con circa 5-10 anni di anticipo".
Per questo è importante per il chipmaker avere una visione di futuro, per capire come le persone (produttori, partner e utenti che avranno alla fine in mano i prodotti) intendano utilizzarli.

Una necessità che è diventata, peraltro, ancora più impellente ora che il mondo della tecnologie sembra destinato a passare dall'era dei PC a quella dei dispositivi mobile.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • Digital LifeCassandra Crossing/ L'uomo come sciamedi M. Calamari - La rete un solo organismo? Non è che il titolo di una lettura da spiaggia. La rete consente ai nani di inerpicarsi sulle spalle di una folla di giganti e di vedere ancor più lontano
  • TecnologiaSSD Intel, ecco la curaRilasciata una patch per sistemare il famigerato bug nel controller delle memorie flash 320 che falsa la capienza dell'unità e causa instabilità
27 Commenti alla Notizia Intel, il domani è fantascienza
Ordina
  • negli anni 70 c'era Spazio 1999. Lo stesso tipo di studio in quel periodo avrebbe portato a dire che nel 1999 gli orologi avrebbero ancora avuto le lancette ...
    Scusate mi dite dove si può fare domanda per partecipare a questo interessantisimo lavoro, per me basta che mi paghino bene ...è in giocvo il loro futuro! A bocca aperta
    non+autenticato
  • Qui sotto i sottotitoli per i non udenti.

    Noi di Intel pensiamo che il PC sia morto, anzi no, lo dice IBM, lo dice HP, tutta colpa dei macachi, che forse avevano ragione, ma vogliamo sopravvivere. Ora sappiamo come si sentirono tutte quelle specie che non ce la fecero nella storia dell'evoluzione. Col cambio di scena, Arm sta per farci le scarpe In lacrime , il nostro piccolo Atom lo sanno tutti quanto faccia cag... non sia il massimo, nonostante che ce l'avessimo messa tuttaA bocca storta Gente, non siamo capaci di fare processori adeguati al nuovo scenario. In lacrime Persino quei traditori di MS l'anno capita ed faranno andare Windows 8 anche su Arm. Sento già il gemito di pianto e sofferenza: "BSoD, BSoD!" E che cavolo, è sempre stato Wintel!Perplesso
    Allora proviamo ad immaginare il futuro possibile coi nostri prodotti, se ci sarà un futuro, anzi chiediamo, magari a qualcuno viene un'idea, che noi non sappiamo che pesci pigliare. Imbarazzato
    Avevamo proposto gli ultrabook! Ci sono già portatili così, ma con un nome figo forse... No? D'accordo, non ci resta che assumere degli autori di fantascienza, solo loro potrebbero ormai immaginare il nostro futuro. C'era però anche un mago che ci piaceva, col pendolino, sapete... Imbarazzato
    non+autenticato
  • credo che dovremmo anche noi cominciare a ragionare come gli analisti finanziari

    la potenza di un'azienda si misura dalla capitalizzazione

    MS: 220.91 miliardi
    Apple: 330.45 miliardi
    Intel: 101.76 miliardi

    praticamente apple vale quanto una microsoft e mezza e 3 intel
    non+autenticato
  • > capitalizzazione

    E' molto effimera...
    non+autenticato
  • dipende da quanto solida è la strategia dell'azienda

    ms valeva 4 volte tanto 10 anni fa, però diciamo pure che hanno fatto un mucchio di cazzate ( vista docet ) per meritarsi un declassamento del genere

    il problema è che la capitalizzazione per quanto effimera, esprime la potenza di fuoco attuale di un'azienda

    potremmo vedere cose come apple che compra intel ad esempio
    non+autenticato
  • > Col cambio di scena, Arm
    > sta per farci le scarpe

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Si, si, arm sostituirà Intel, come no...

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • E' necessario pensare ed immaginarsi il futuro con grande lungimiranza, giacché per quanto possiamo pensare in avanti, la realtà supera sempre la nostra fantasia. Il progresso varia con andamento esponenziale e mal si concilia con la nostra mente. Per immaginarsi il futuro occorre guardarsi indietro e vedere la strada percorsa.

    Mi permetto di pensare che nel prossimo decennio saranno scomparsi i PC come li conosciamo oggi. Il tutto verrà servoassistito da un "microchip" il quale proietterà l'immagine di un Display nell'aria e la tastiera sarà sostituita dal nostro pensiero. Niente più bisogno di portarsi appresso il Net book , perché il tutto verrà sostituito da un "aggeggio" grande pochi millimetro cubici.

    Le auto saranno totalmente assistite dall'elettronica. Ogni auto avrà la sua corsia preferenziale e non saranno più possibili scontri o uscite di strada. Gli incidenti saranno un brutto ricordo. La Medicina si avvarrà di mezzi di monitoraggio elettronici disponibili per tutti, per cui le malattie verranno diagnosticate sul sorgere.

    Essendo tutti monitorati, le cure avverranno in tempo reale; pertanto la nostra vita media sarà più lunga. Saranno stati creati dei microchip da impiantare in qualche punto del nostro corpo, per cui saranno scongiurate azioni suicide o delinquenziali. La mafia sarà un brutto ricordo anche perché tutti i luoghi saranno monitorati: e dai satelliti e da un sistema terrestre capillare. Nessun punto rimarrà scoperto e una serie di Computer (gli unici rimasti come li conosciamo oggi) calcolerà in temo reale le azioni da compiere contro il delinquente di turno.

    Spariranno: speculazioni - bustarelle - corruzione. La pazzie o degrado mentale verrà regolato con l'ausilio di un "Cip" che fungerà da intelligenza artificiale di supporto. Tempi duri per i furbi, i quali si dovranno adeguare, anche perché nel frattempo avranno ricevuto tanti messaggi (compresi i sublimali), che li istruiranno alle regole che dovranno essere rispettate da tutti, compresi quelli che oggi chiamiamo "Manager" o "politici".
  • 1984 parte seconda?
    non+autenticato
  • Corri troppo .... secondo me sei avanti di almeno 20
    anni, non 10 ...
    non+autenticato
  • due settimane fa ci fu una sparatoria dove vivo io

    ovviamente, essendo una zona sotto controllo, c'erano telecamere piazzate in parecchi punti

    il caso ha voluto che quella telecamere fossero state disabilitate da un virus pochi minuti prima dell'agguato

    imho il tecnocontrollo serve solo ad aumentare il potere di quei pochi che stanno in cima a danno di tutti gli altri
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > due settimane fa ci fu una sparatoria dove vivo io
    >
    > ovviamente, essendo una zona sotto controllo,
    > c'erano telecamere piazzate in parecchi
    > punti
    >
    > il caso ha voluto che quella telecamere fossero
    > state disabilitate da un virus pochi minuti prima
    > dell'agguato
    >
    > imho il tecnocontrollo serve solo ad aumentare il
    > potere di quei pochi che stanno in cima a danno
    > di tutti gli
    > altri

    La rete... da strumento di libertà a strumento di tecnocontrollo. Tutte le cose buone, che partono con buone intenzioni, finiscono stravolte o per fare danni. Quel povero cristo di Cristo, mica diceva di fare guerre sante e torture medioevali e invece guardate cosa hanno fatto...
    Eppure Intel alla Mela era tanto buona e ora guardali! Hanno fatto quell'ipod gonfiato, cambiato una vocale... non ci credeva nessuno! Tutto cambia. Hanno distrutto tutto. Chi li vuole più quelle mer... meravigliose e utilissime macchine dei Netbook ora? A chi rifiliamo gli Atom? Nessun pazzo li ha messi su altri dispositivi mobili, non so neanche come abbiamo fatto ad infilarli nei netbook, insieme a Windows. Un colpo grosso! Ma senza le tette. Cavolo andava tutto così bene... Abbiamo una cacarella qua che non ti immagini. Sogni infranti... Siamo alla frutta, ma la frutta ci ha tradito.
    Senti, ora ci diamo alle storie di fantascienza, perché ci vuole una fervida immaginazione per immaginare il futuro della nostra azienda... che ne dici di Intel alla Banana? Funziona benissimo in certe posizioni. Poi abbiamo Intel alla Prugna, che fa... Infine Intel alla Pera, così siamo fatti proprio. Visto? Tante possibilità promettenti. Non riusciranno a trasformare l'informatica in giocattoli per fighetti In lacrime
    non+autenticato
  • haha bellissima quella della frutta, in effetti dal 2006 intel è diventata alla melaA bocca aperta
    non+autenticato
  • >
    > il caso ha voluto che quella telecamere fossero
    > state disabilitate da un virus pochi minuti prima
    > dell'agguato
    >

    Seeee la solita balla per nascondere che: Abbiamo messo le telecamere, abbiamo speso una valgana di soldi, ma non sono mai entrate in funzione e
    CASUALMENTE il lavoro era stato appaltato al parente dell'assessore...
    non+autenticato
  • in effetti in molti hanno proprio questo dubbioA bocca aperta

    ovviamente i giornali strombazzavano la news del virus, che fa figo!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > due settimane fa ci fu una sparatoria dove vivo io
    >
    > ovviamente, essendo una zona sotto controllo,
    > c'erano telecamere piazzate in parecchi
    > punti
    >
    > il caso ha voluto che quella telecamere fossero
    > state disabilitate da un virus pochi minuti prima
    > dell'agguato
    >

    Suvvia, non farti prendere per il naso.
    Le telecamere erano spente da tanto, a meno che' non ci fosse un complice in sala controllo, e la scusa del virus e' la favoletta per cercare di pararsi il culo.

    > imho il tecnocontrollo serve solo ad aumentare il
    > potere di quei pochi che stanno in cima a danno
    > di tutti gli
    > altri

    +1
    non+autenticato
  • può darsi, fatto sta che le forze dell'ordine dicono di aver avviato indagini in merito

    considera che il sistema di videosorveglianza fa parte di un piano speciale voluto da Maroni per contrastare la criminalità

    se veramente fossero state spente già ( magari da molto tempo ) dovrebbero dare molte spiegazioni al ministero
    non+autenticato
  • Disabilitate da un virus? Deluso
    non+autenticato