Claudio Tamburrino

RIAA, appello contro Jammie Thomas

Non sono abbastanza i 54mila dollari di multa stabiliti dal ricorso: per dimostrare la concretezza delle conseguenze della pirateria l'industria chiede ancora una cifra irrealistica

Roma - Le case discografiche sembrano vedere rosso quando si tratta di mamma Jammie Thomas, la madre di famiglia responsabile della condivisione di 24 brani protetti da copyright: non contente della decisione che abbassa la sua condanna da una compensazione pari a 1,5 milioni di dollari a un pur salato conto da 54mila dollari, RIAA ha deciso di ricorrere in appello.

La signora non è naturalmente il peggiore dei pirati, ma l'insistenza con cui le etichette la stanno attaccando non nasconde la volontà di farne un caso esemplare in grado di dissuadere ulteriori piccoli condivisori.

A novembre una corte distrettuale del Minnesota aveva confermato la multa stratosferica inflitta in primo grado a Jammie Thomas-Rasset, la madre di famiglia si vedeva così condannare a pagare per 24 brani condivisi su Kazaa 1,5 milioni di dollari.
Il giudice federale Michael Davis aveva considerato assurda, spaventosa, spropositata e quindi incostituzionale questa sanzione, abbassandola a 2.250 dollari a brano scaricato, per un totale comunque di 54mila dollari.

RIAA, dunque, vuole che venga di nuovo resa effettiva quella prima decisione "assurda e spaventosa": da un lato afferma che il milione e mezzo chiesto a Jammie Thomas non sia affatto spropositato, dall'altro chiede che per la constatazione della violazione con distribuzione di contenuti protetti dal diritto d'autore non sia necessario che i detentori dimostrino la distribuzione attiva, ma solo la "massa a disposizione" dell'opera.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • Diritto & InternetJammie Thomas, eterni ritorniNuovo processo lampo e nuovo verdetto per la mamma del P2P, che si vede ancora una volta comminare una multa stratosferica per aver messo in condivisione 24 brani sulla rete di Kazaa. La storia ripete se stessa, e non sembra finire qui
  • AttualitàMamma Jammie, il fardello è meno pesanteRidotta la stratosferica multa ordinata a carico della mamma più famosa del P2P. Thomas-Rasset pagherà un totale di 54mila dollari per 24 brani scaricati su Kazaa. Incostituzionali gli iniziali 1,5 milioni
40 Commenti alla Notizia RIAA, appello contro Jammie Thomas
Ordina
  • Da qualche parte che la colletta iniziata per jammie fosse gia arrivata attorno ai 100000 dollari,qualcuno puo confermare?
    non+autenticato
  • - Scritto da: findus
    > Da qualche parte che la colletta iniziata per
    > jammie fosse gia arrivata attorno ai 100000
    > dollari,qualcuno puo
    > confermare?

    Io posso confermare di averci messo 2 dollari.
  • Grande gaudio quando leggo certe notizie...

    Vuol dire che in fondo a quella scorza imbrutita dal consumismo, e rincoglionita dai mass media, nel mondo c'è ancora un briciolo di umanità...

    Che bella parola "umanità"... E non "consumatori"...
    iRoby
    9289
  • - Scritto da: findus
    > Da qualche parte che la colletta iniziata per
    > jammie fosse gia arrivata attorno ai 100000
    > dollari,qualcuno puo
    > confermare?

    Mi fa piacere per la signora, ma mi fa meno piacere che quei soldi finiscano nelle casse delle major.
    Funz
    13000
  • https://www.torrentfreak.com/nobody-asked-for-a-re...

    Nobody Asked For A Refrigerator Fee
    Rick Falkvinge

    I live in Stockholm, Sweden. A hundred years ago, one of the largest employers in the city was a company named Stockholm Ice. Their business was as straightforward as it was necessary: help keep perishable food edible for longer by distributing cold in a portable format.

    They would cut up large blocks of ice from the frozen lakes in the winter, store them on sawdust in huge barns, cut the blocks into smaller chunks and sell it in the streets. People would buy the ice and keep it with food in special cupboards, so the food would be in cold storage.

    (This is why some senior citizens still refer to refrigerators as “ice boxes“.)

    When households in Stockholm were electrified in the first half of the last century, these distributors of cold were made obsolete. After all, what they distributed was the ability to keep food cold, and everybody could suddenly do that themselves.

    This was a fairly rapid process in the cities. With the availability of the refrigerator from circa 1920, most households had their own refrigerator by the end of the 1930s. One of the city’s largest employers — distributors of cold — had been made totally obsolete by technical development.

    There were many personal tragedies in this era as the icemen lost their breadwinning capacity and needed to retrain to get new jobs in a completely new field. The iceman profession had often been tough to begin with, and seeing your industry disintegrate in real-time didn’t make it any easier.

    But here are a few things that didn’t happen as the ice distribution industry became obsolete:

    No refrigerator owner was sued for making their own cold and ignoring the existing corporate cold distribution chains.

    No laws were proposed that would make electricity companies liable in court if the electricity they provided was used in a way that destroyed icemen’s jobs.

    Nobody demanded a monthly refrigerator fee from refrigerator owners that would go to the Icemen’s Union.

    No lavishly expensive expert panels were held in total consensus about how necessary icemen were for the entire economy.

    Rather, the distribution monopoly became obsolete, was ignored, and the economy as a whole benefited by the resulting decentralization.

    We’re now seeing a repeat of this scenario, but where the distribution industry — the copyright industry — has the audacity to stand up and demand special laws and say that the economy will collapse without their unnecessary services. But we learn from history, every time, that it is good when an industry becomes obsolete. That means we have learned something important — to do things in a more efficient way. New skills and trades always appear in its wake.

    The copyright industry tells us, again and again and again, that if they can’t have their obsolete distribution monopoly enshrined into law with ever-increasing penalties for ignoring it, that no culture will be produced at all. As we have seen, equally time and again, this is hogwash.

    What might be true is that the copyright industry can’t produce music to the tune of one million US dollars per track. But you can’t motivate monopoly legislation based on your costs, when others are doing the same thing for much less — practically zero. There has never been as much music available as now, just because all of us love to create. It’s not something we do because of money, it’s because of who we are. We have always created.

    What about movies, then? Hundred-million productions? There are examples of garage-produced movies (and one even has beat Casablanca to become the most-seen movie of all time in its native country). But it may be true that the argument is somewhat stronger with the blockbuster-type cinema productions.

    I’m going go out on a limb here and say, that even if it is true that movies can’t be made the same way with the Internet and our civil liberties both in existence, then maybe it’s just the natural progression of culture.

    I spend quite a bit of time with teenagers through my work with the Pirate Party. One thing that strikes me is that they don’t watch movies, at least nowhere near the quantity I did when I was a teenager. Just like I threw out my TV set 15 years ago, maybe this is just the natural progression of culture. Nobody would be surprised if we moved from monologue-style culture to dialogue- and conversation-type culture at this point in history.

    After all, we have previously had operettes, ballets, and concerts as the high points of culture in the past. Even radio theaters (and famous ones). Nobody is particularly concerned that those expressions have had their peak and that society has moved on to new expressions of culture. There is no inherent value in writing today’s forms of culture into law and preventing the changes we’ve always had.

    Everywhere I look, I see that the copyright monopolies need to be cut down to allow society to move on from today’s stranglehold on culture and knowledge. Teenagers today typically don’t even see the problem — they take sharing in the connected world so totally for granted, that they discard any signals to the contrary as “old-world nonsense”.

    And they certainly don’t ask for a refrigerator fee.

    Pirata
    non+autenticato
  • >
    > I live in Stockholm, Sweden. A hundred years ago,
    > one of the largest employers in the city was a
    > company named Stockholm Ice. Their business was
    > as straightforward as it was necessary: help keep
    > perishable food edible for longer by distributing
    > cold in a portable
    > format.


    Se io oggi faccio un film pagando attori, produzione, scene, vestiti, ecc ecc e poi non esistesse il copyright ecco che allora tutti potrebbero copiarselo ed io non solo non guadagnerei ma andrei anche pesantemente in perdita.
    Sono certamente contrario alla speculazione delle major e può anche darsi che un in un mondo senza copyright la gente al cinema ci vada lo stesso (che poi se non ci fosse il copyright chi guadagna andando dai proventi del cinema? chi il fil l'ha fatto o solo il proprietario del cinema? del rest o può averlo anche lui "a gratis"!).


    Secondo me deve esistere una qualche soluzione intermedia per difendere gli investimenti di chi produce qualcosa e i "consumatori", non facciamoci trarre in inganno dal fatto che la copia digitale non costa nulla, il problema non è il costo della copia ma quanto è costato produrre l'ORIGINALE ed in qualche modo si vuole rientrare dall'investimento.
    Per un cantante è più facile pensare al fatto che può guadagnare dai concerti, ma un regista o un attore come fanno a guadagnare? tornando al teatro?

    saluti
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lemon

    > Se io oggi faccio un film pagando attori,
    > produzione, scene, vestiti, ecc ecc e poi non
    > esistesse il copyright ecco che allora tutti
    > potrebbero copiarselo ed io non solo non
    > guadagnerei ma andrei anche pesantemente in
    > perdita.

    Perche' nessuno ti ha chiesto di fare quel film.
    Prova invece ad aprire una sottoscrizione in rete dicendo che vuoi fare quel film con quegli attori, e chi e' interessato puo' contribuire con un euro.

    Se raggiungi il budget fai il tuo film e poi tutti ne dispongono.
    Se non raggiungi il budget vuol dire che non c'e' abbastanza gente interessata, restituisci i soldi e ti sei risparmiato un bel flop.

    > Sono certamente contrario alla speculazione delle
    > major e può anche darsi che un in un mondo senza
    > copyright la gente al cinema ci vada lo stesso
    > (che poi se non ci fosse il copyright chi
    > guadagna andando dai proventi del cinema? chi il
    > fil l'ha fatto o solo il proprietario del cinema?
    > del rest o può averlo anche lui "a
    > gratis"!).

    No, il gestore del cinema si fa pagare gli ingressi: ci lucra.
    Quindi e' giusto che paghi la pellicola.
    Diverso sarebbe se il gestore del cinema facesse entrare la gente gratis.

    > Secondo me deve esistere una qualche soluzione
    > intermedia per difendere gli investimenti di chi
    > produce qualcosa e i "consumatori", non
    > facciamoci trarre in inganno dal fatto che la
    > copia digitale non costa nulla, il problema non è
    > il costo della copia ma quanto è costato produrre
    > l'ORIGINALE ed in qualche modo si vuole rientrare
    > dall'investimento.

    Il costo della produzione lo paga il committente.
    Cercati un committente che finanzia e poi produci.
    Niente committente, niente produzione.

    > Per un cantante è più facile pensare al fatto che
    > può guadagnare dai concerti, ma un regista o un
    > attore come fanno a guadagnare? tornando al
    > teatro?

    Perche' tornando? Il teatro non lo hanno mai chiuso!
  • >
    > Perche' nessuno ti ha chiesto di fare quel film.

    Infatti io mi prendo il rischio di impresa: se quel film piacerà la gente lo va a vedere ed io guadagno, se fa schifo la prossima volta ci penso due volte a farne un altro, magari cambio mestiere. Se a questo rischio ci metto il fatto che magari abolendo il copyright tutti se lo scaricano... diventa un pò difficile.

    > Prova invece ad aprire una sottoscrizione in rete
    > dicendo che vuoi fare quel film con quegli
    > attori, e chi e' interessato puo' contribuire con
    > un
    > euro.
    >
    > Se raggiungi il budget fai il tuo film e poi
    > tutti ne
    > dispongono.
    > Se non raggiungi il budget vuol dire che non c'e'
    > abbastanza gente interessata, restituisci i soldi
    > e ti sei risparmiato un bel
    > flop.
    >

    Apprezzo l'idea ma non la vedo percorribile dal punto di vista pratico. Perchè non facciamo così invece: al posto di scaricare a gratis versiamo un euro per ogni film che vogliamo vedere, il principio è uguale al tuo solo che paghi (se vuoi) a prodotto finito ed in più hai il vantaggio di avere già le opinioni di chi l'ha visto. Meglio di così?



    >
    > No, il gestore del cinema si fa pagare gli
    > ingressi: ci
    > lucra.
    > Quindi e' giusto che paghi la pellicola.
    > Diverso sarebbe se il gestore del cinema facesse
    > entrare la gente
    > gratis.
    >

    Appunto, ma se aboliamo il copyright il gestgore può trasmettere senza dare niente a nessuno e guadagnando solo lui, non sarebbe giusto lo stesso.


    >
    > Il costo della produzione lo paga il committente.
    > Cercati un committente che finanzia e poi produci.
    > Niente committente, niente produzione.
    >

    Ho capito ma il committente cos'è? un filantropo? sposti in avanti la filiera ma rimane sempre un soggetto iniziale che ci vuole guadagnare. Posso capire la produzione di un album musicale o canzone, ma un film? diventa un pò più difficile rientrarci dalle spese mi sembra

    >
    > Perche' tornando? Il teatro non lo hanno mai
    > chiuso!

    Intendevo che una volta c'era solo quello
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lemon

    >
    > Apprezzo l'idea ma non la vedo percorribile dal
    > punto di vista pratico.

    Perche' no?
    Avrai il tuo blog, avrai i tuoi followers, aggiungi il pulsante "donate" di paypal e sei a posto.

    > Perchè non facciamo così
    > invece: al posto di scaricare a gratis versiamo
    > un euro per ogni film che vogliamo vedere, il
    > principio è uguale al tuo solo che paghi (se
    > vuoi) a prodotto finito ed in più hai il
    > vantaggio di avere già le opinioni di chi l'ha
    > visto. Meglio di
    > così?

    Mi sta bene.
    Metti un pulsante per scaricare il film e uno per versare un euro, allora.

    Anzi, comincia pure a farlo con i film che hai gia' prodotto, per mettere a punto il sistema.
    Se la comodita' di scaricare il film dal tuo server e' superiore a quella di scaricarlo altrove, un euro lo pago.

    > Appunto, ma se aboliamo il copyright il gestgore
    > può trasmettere senza dare niente a nessuno e
    > guadagnando solo lui, non sarebbe giusto lo
    > stesso.

    Il copyright stabilisce i diritti di copia, che sono diversi dallo sfruttamento commerciale.

    Io voglio poter copiare e devo essere libero di poterlo fare.
    Ma lo sfruttamento commerciale e' diverso dal copyright.

    > > Il costo della produzione lo paga il
    > committente.
    > > Cercati un committente che finanzia e poi
    > produci.
    > > Niente committente, niente produzione.
    > >
    >
    > Ho capito ma il committente cos'è? un filantropo?

    Il committente e' colui che poi utilizzera' l'opera.

    > sposti in avanti la filiera ma rimane sempre un
    > soggetto iniziale che ci vuole guadagnare. Posso
    > capire la produzione di un album musicale o
    > canzone, ma un film? diventa un pò più difficile
    > rientrarci dalle spese mi sembra

    Te l'ho detto prima come fare.
    Ieri andavi da un produttore ad esporre il tuo progetto cinematografico per ottenere il finanziamento.
    Oggi vai in rete ad esporre il tuo progetto cinematografico e ottenere finanziamenti.

    Per esempio a me piacerebbe vedere altri film tratti dai romanzi di Douglas Adams.
    Tu mi proponi che sei disposto a girarne uno e io ti do' un euro.
    Se altri 2 milioni di persone sono interessate, arrivi a 2 milioni di euro.
    Ti basta come budget?
    Se ti basta fai il tuo film.
    Se non ti basta non lo fai.

    > >
    > > Perche' tornando? Il teatro non lo hanno mai
    > > chiuso!
    >
    > Intendevo che una volta c'era solo quello

    E oggi c'e' ancora, e i migliori attori e registi vengono tutti dal teatro e ci ritornano appena possibile.
  • > Oggi vai in rete ad esporre il tuo progetto
    > cinematografico e ottenere
    > finanziamenti.
    >
    > Per esempio a me piacerebbe vedere altri film
    > tratti dai romanzi di Douglas
    > Adams.
    > Tu mi proponi che sei disposto a girarne uno e io
    > ti do' un
    > euro.
    > Se altri 2 milioni di persone sono interessate,
    > arrivi a 2 milioni di
    > euro.
    > Ti basta come budget?

    Non basta per un film peró basta per trasferirmi alle Bahamas e vivere felice tutta la vita
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pietro
    > > Oggi vai in rete ad esporre il tuo progetto
    > > cinematografico e ottenere
    > > finanziamenti.
    > >
    > > Per esempio a me piacerebbe vedere altri film
    > > tratti dai romanzi di Douglas
    > > Adams.
    > > Tu mi proponi che sei disposto a girarne uno
    > e
    > io
    > > ti do' un
    > > euro.
    > > Se altri 2 milioni di persone sono
    > interessate,
    > > arrivi a 2 milioni di
    > > euro.
    > > Ti basta come budget?
    >
    > Non basta per un film peró basta per
    > trasferirmi alle Bahamas e vivere felice tutta la
    > vita

    Ok: allora, a te non daremo mai nulla, visto che sei uno che scappa con i soldi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > - Scritto da: Pietro
    > > > Oggi vai in rete ad esporre il tuo
    > progetto
    > > > cinematografico e ottenere
    > > > finanziamenti.
    > > >
    > > > Per esempio a me piacerebbe vedere
    > altri
    > film
    > > > tratti dai romanzi di Douglas
    > > > Adams.
    > > > Tu mi proponi che sei disposto a
    > girarne
    > uno
    > > e
    > > io
    > > > ti do' un
    > > > euro.
    > > > Se altri 2 milioni di persone sono
    > > interessate,
    > > > arrivi a 2 milioni di
    > > > euro.
    > > > Ti basta come budget?
    > >
    > > Non basta per un film peró basta per
    > > trasferirmi alle Bahamas e vivere felice
    > tutta
    > la
    > > vita
    >
    > Ok: allora, a te non daremo mai nulla, visto che
    > sei uno che scappa con i
    > soldi.
    Tutti scappano con i soldi se la cifra é grossa, anche Jammie Thomas potrebbe scappare con i soldi se la cifra raccolta invece di essere solo 100.000$ fosse di uno o due miloni
    non+autenticato
  • > Tutti scappano con i soldi se la cifra é grossa,
    > anche Jammie Thomas potrebbe scappare con i soldi
    > se la cifra raccolta invece di essere solo
    > 100.000$ fosse di uno o due
    > miloni

    E allora chi ha fatto il film, se si fa pagare il biglietto, scapperà con i soldi invece di usarli per fare un altro film. Quindi, meglio scaricare il film invece di comprarlo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lemon
    > >
    > > Perche' nessuno ti ha chiesto di fare quel
    > film.
    >
    > Infatti io mi prendo il rischio di impresa: se
    > quel film piacerà la gente lo va a vedere ed io
    > guadagno, se fa schifo la prossima volta ci penso
    > due volte a farne un altro, magari cambio
    > mestiere. Se a questo rischio ci metto il fatto
    > che magari abolendo il copyright tutti se lo
    > scaricano... diventa un pò
    > difficile.

    Fa sempre parte del rischio di impresa. Rischio hai scelto TU di correre. Nessuno ti ha obbligato. Non hai il diritto di pretendere che altri paghino perchè TU hai fatto una scelta rischiosa e ti è andata male.
    > Apprezzo l'idea ma non la vedo percorribile dal
    > punto di vista pratico. Perchè non facciamo così
    > invece: al posto di scaricare a gratis versiamo
    > un euro per ogni film che vogliamo vedere, il
    > principio è uguale al tuo solo che paghi (se
    > vuoi) a prodotto finito ed in più hai il
    > vantaggio di avere già le opinioni di chi l'ha
    > visto. Meglio di
    > così?

    Assolutamente no: se il film è già prodotto, cosa ti pago a fare?

    Per produrre un altro film, che magari non mi interessa?


    >
    >
    >
    > >
    > > No, il gestore del cinema si fa pagare gli
    > > ingressi: ci
    > > lucra.
    > > Quindi e' giusto che paghi la pellicola.
    > > Diverso sarebbe se il gestore del cinema
    > facesse
    > > entrare la gente
    > > gratis.
    > >
    >
    > Appunto, ma se aboliamo il copyright il gestgore
    > può trasmettere senza dare niente a nessuno e
    > guadagnando solo lui, non sarebbe giusto lo
    > stesso.

    Non guadagnerà molto se a fianco gli apri una sala uguale dove dai il film a meno.




    > Ho capito ma il committente cos'è? un filantropo?

    O magari è uno che è interessato al tuo film.

    > sposti in avanti la filiera ma rimane sempre un
    > soggetto iniziale che ci vuole guadagnare. Posso
    > capire la produzione di un album musicale o
    > canzone, ma un film? diventa un pò più difficile
    > rientrarci dalle spese mi sembra


    E allora vedi di ridurre le spese.
    non+autenticato
  • Si chiamano Creative CommonsOcchiolino
    non+autenticato
  • Qualche tempo fa, mi ricordo che su questo forum c'erano individui che dicevano pure che la RIAA aveva ragione. Ora non ci sono più. Che siano morti di fame nel frattempo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Qualche tempo fa, mi ricordo che su questo forum
    > c'erano individui che dicevano pure che la RIAA
    > aveva ragione. Ora non ci sono più. Che siano
    > morti di fame nel
    > frattempo?

    Magari di fame ancora no, ma avendo da pagare il mutuo della videoteca, avranno cominciato col tagliare le spese della adsl.
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Qualche tempo fa, mi ricordo che su questo forum
    > c'erano individui che dicevano pure che la RIAA
    > aveva ragione. Ora non ci sono più. Che siano
    > morti di fame nel
    > frattempo?

    Bhé, la RIAA HA ragione visto che la legge è dalla sua parte. Si sta solo cercando di capire a quanto ammonta il danno secondo loro.

    Che poi non gli si riconosca la ragione "morale" o quant'altro è un altro paio di maniche, noi come gli USA viviamo in uno stato di diritto non esiste la giustizia privata ma quella regolamentata da apposite leggi, decreti ecc ecc, se non ci stanno bene bisogna farle cambiare tramite referendum o votando chi vuole cambiare queste regole, tipo http://www.partito-pirata.it/

    A me fa ridere che la gente si lamenta sempre ma poi vota sempre chi glielo mette in c..o, ovviamente parlo dell'italia in questo caso.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lemon

    > Bhé, la RIAA HA ragione visto che la legge è
    > dalla sua parte.

    Anche i nazi avevano ragione ai loro tempi, visto che la legge era dalla loro parte.

    > se non ci stanno bene bisogna farle cambiare
    > tramite referendum o votando chi vuole cambiare
    > queste regole, tipo
    > http://www.partito-pirata.it/
    >

    Seee, certo, il nostro voto conta tanto contro il potere economico di quei figuri. Perchè cambi qualcosa occorreranno molte, molte morti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: MegaJock
    > - Scritto da: Lemon

    > > Bhé, la RIAA HA ragione visto che la legge è
    > > dalla sua parte.

    > Anche i nazi avevano ragione ai loro tempi, visto
    > che la legge era dalla loro parte.

    E non dimentichiamo gli schiavisti, anche loro avevano ragione ai loro tempi, quindi facevano benissimo.

    > > se non ci stanno bene bisogna farle cambiare
    > > tramite referendum o votando chi vuole
    > cambiare
    > > queste regole, tipo
    > > http://www.partito-pirata.it/
    > >
    >
    > Seee, certo, il nostro voto conta tanto contro il
    > potere economico di quei figuri. Perchè cambi
    > qualcosa occorreranno molte, molte
    > morti.
    krane
    22544
  • > Anche i nazi avevano ragione ai loro tempi, visto
    > che la legge era dalla loro
    > parte.
    >

    Non è vero, in Germania il pensiero nazista era predominante quindi le loro leggi se le sono fatte a misura di maggioranza, all'estero (a parte la solita italietta) non era così, non per niente c'è stato alla fine questo:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Processo_di_Norimberg...
    non+autenticato
  • era per dire che il tuo discorso scricchiolava su tale punto di vista.
    Sgabbio
    26177
  • Beh la legge è dalla sua perché se la sono fatta approvare a loro uso e consumo.

    Il meccanismo lobbistico è molto simile ma meno sfacciato di quello del nostro Decreto Urbani, e di tanti altri decreti molto simili,

    ossia un testo preparato dai lobbisti e che al ministro viene passato, il quale da bravo "cameriere" lo firma con assoluta non curanza, anzi spesso non lo legge neppure...
    iRoby
    9289
  • ...farne un caso esemplare in grado di dissuadere ulteriori piccoli condivisori...

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Poveri patetici dinosauri, invece di rendersi conto che ormai si sono già estinti, continuano con queste pagliacciate credendo di poter riportare il mondo nel passato... poveri illusi...

    ABOLIRE IL COPYRIGHT

    Pirata
    non+autenticato
  • - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT
    > ...farne un caso esemplare in grado di
    > dissuadere ulteriori piccoli condivisori...
    >

    >
    >
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Considerando che al di fuori di noi frequentatori di PI, NESSUNO conosce questa storia, credo che non mi sbagliero' di molto se affermo che il 100% di quelli che scaricavano prima continueranno a scaricare anche dopo, alla faccia della dissuasione.

    Mentre per quanto riguarda i frequentatori di PI che questa storia la conoscono, ritengo che il 100% di quelli che scaricavano prima, continueranno a farlo anche dopo.

    > Poveri patetici dinosauri, invece di rendersi
    > conto che ormai si sono già estinti, continuano
    > con queste pagliacciate credendo di poter
    > riportare il mondo nel passato... poveri
    > illusi...

    Sono morti, e gia' puzzano di putrefazione, e ancora non se ne sono resi conto.
    Tutta colpa di quelli che sono contrari all'eutanasia, e impongono la nutrizione e la ventilazione forzata a queste aziende in coma vegetativo e con encefalogramma piatto...
  • Più che un caso esamplera credo vogliano creare un precedente, da utilizzare in future cause, la stanno usando come cavia.
    non+autenticato
  • A furia di tirare cosi però, gli si ritorcerà contro.
    Sgabbio
    26177
  • Ma che gentaccia è questa della RIAA?
    L'imputata non è la sola ad aver condiviso quei brani, anche senza di lei altri utenti li avrebbero scaricati comunque, perchè accollarle tutto?
    non+autenticato
  • più di tutti, si stanno rovinando l'immagine.
    Sgabbio
    26177
  • > Considerando che al di fuori di noi frequentatori
    > di PI, NESSUNO conosce questa storia, credo che
    > non mi sbagliero' di molto se affermo che il 100%
    > di quelli che scaricavano prima continueranno a
    > scaricare anche dopo, alla faccia della
    > dissuasione.
    >
    giusta osservazione, questo almeno finché la RIAA non ha la meglio e i servi delle telecomunicazioni celebrano l'evento dando la notizia su tutti i TG, dopo il servizio sul caldo e su quello che gira con la bara in macchina. Uhm, qualcosa mi dice che nemmeno in quel caso la gente direbbe "OMG è meglio se smetto di scaricare e spendo quei 22 euro per i CD usciti 30/40 anni fa che non si sa come continuano ad aumentare di prezzo"
    non+autenticato
  • Un dollaro per ogni persona che abbia scaricato una canzone intera dall'imputata...e sarebbe anche troppo!
  • - Scritto da: Mela avvelenata
    > Un dollaro per ogni persona che abbia scaricato
    > una canzone intera dall'imputata...e sarebbe
    > anche
    > troppo!

    La multa giusta sarebbe 1.5 milioni che la RIAA dovrà pagare a lei per ingiusta persecuzione e per danni morali.

    Bye.
    Shu
    1232
  • - Scritto da: Shu
    > - Scritto da: Mela avvelenata
    > > Un dollaro per ogni persona che abbia
    > scaricato
    > > una canzone intera dall'imputata...e sarebbe
    > > anche
    > > troppo!
    >
    > La multa giusta sarebbe 1.5 milioni che la RIAA
    > dovrà pagare a lei per ingiusta persecuzione e
    > per danni
    > morali.
    >
    > Bye.

    Eh, più che giusto, in fondo le hanno rovinato la vita per una dozzina di canzoni...Che nessuno dica che se l'è cercata, perchè direbbe una stronzata!
  • Adesso arriveranno i pro multinazionali che diranno il contrario.

    Ruppolo, dove sei ?
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 23 agosto 2011 23.13
    -----------------------------------------------------------
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Adesso arriveranno i pro multinazionali che
    > diranno il
    > contrarrio.
    >
    > Ruppolo, dove sei ?
    forse gli e' finito l'iPad nella sabbia -orrore- e aspetta che l'applecenter apra per comprarne un altro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Adesso arriveranno i pro multinazionali che
    > diranno il
    > contrarrio.

    Credo che molti di loro siano morti di fame. Alcuni, del resto, se ne lamentavano da tempo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Shu

    > La multa giusta sarebbe 1.5 milioni che la RIAA
    > dovrà pagare a lei per ingiusta persecuzione e
    > per danni
    > morali.
    >

    La pena giusta sarebbe la morte lenta e dolorosa per cancro di ogni funzionario, dirigente o avvocato della MAFIAA e delle loro famiglie.
    non+autenticato
  • Ma daaaii!

    Guardiamo la cosa dal lato Zen, diciamo che quelle persone cattive e le loro azioni servono per mettere alla prova i buoni ed aiutarli a costruirsi un buon Karma e passare ad esistenze superiori nelle prossime vite.

    I cattivi rinasceranno puzzole o qualche verme viscido e schifoso in attesa di ripercorrere anche loro la scala karmica...Sorride

    Si spera che le generazioni future imparino da questi eventi punendo i cattivi futuri e impedendo con le loro preferenze politiche ed economiche di portare in tale condizione di potere, chi ne ha poi abusato.
    iRoby
    9289