Alfonso Maruccia

Miramax, in streaming su Facebook

La societÓ cinematografica dei grandi film sbarca sul social network in blu offrendo contenuti interattivi e streaming un tanto al dollaro. Per raggiungere gli appassionati che passano il tempo a citare classici sul proprio profilo

Roma - Miramax e Facebook annunciano l'avvio di una partnership di larghe vedute, tesa a monetizzare l'interesse cinematografico perso tra i "post" e gli "update di stato" del social network più frequentato con lo streaming a pagamento e contenuti bonus. La partnership si è concretizzata in Miramax eXperience, una "app" ancora in stato di beta ma già utilizzabile per affittare film da visionare direttamente sulle pagine di Facebook.

Se nel caso di YouTube e Google si era parlato solo di indiscrezioni, l'intesa con Facebook ha i crismi dell'ufficialità: Miramax eXperience permette al momento di fruire di 20 titoli cinematografici negli USA e 10 in Regno Unito e in Turchia - con nuovi paesi europei in dirittura d'arrivo. Il parco titoli è ancora piccolo, ma Miramax ha a disposizione un catalogo che conta classici vecchi e nuovi del calibro di Pulp Fiction, Good Will Hunting e Non è un paese per vecchi.

Per quanto riguarda i costi e i limiti di utilizzo, il noleggio di un singolo film su Miramax eXperience "pesa" 30 crediti Facebook (3 dollari USA) e può essere consumato entro i 30 giorni successivi e 48 ore dopo l'avvio della prima visione. In futuro Miramax spera di offrire servizi aggiuntivi come l'acquisto vero e proprio e il trasferimento negli "armadietti digitali" personali di ogni singolo utente.
Nelle parole del CEO della "major" (ora di proprietà di Walt Disney Company) Mike Lang, Miramax eXperience può fare leva sugli "oltre 50 milioni di contatti su Facebook che citano un film Miramax nel loro profilo, interagiscono con la nostra pagina Miramax, o sono abbonati alle fanpage di noti titoli e e talenti Miramax".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessYouTube e i video molto pulpGoogle avrebbe avviato una trattativa per l'acquisizione dei diritti relativi ai circa 700 film prodotti da Miramax. Obiettivo: lanciare il grido di guerra a Netflix e Hulu (e magari anche a iTunes)