Alfonso Maruccia

RFID anti-sequestro, un salvagente inutile

I chip che dovrebbero garantire un pronto salvataggio alle vittime di sequestro non funzionano. Ma in Messico il business degli RFID traccianti che non tracciano è in pieno boom

Roma - Parimenti all'esplosione dei casi di sequestro dei cittadini più benestanti (+371% negli ultimi 5 anni), il Messico sta al momento sperimentando un altrettanto sostanzioso boom nella vendita di impianti RFID da installare sottopelle. Il business dei chip radio-traccianti è cresciuto del 317% nell'ultimo lustro, ma l'efficacia della soluzione (presunta) anti-sequestro viene da più parti criticata e messa alla berlina.

I chip RFID anti-sequestro non funzionano, dicono gli esperti, e il fatto che un numero crescente di messicani abbienti accetti volontariamente di sottoporsi all'impianto sottopelle dimostra chiaramente la scarsa consapevolezza che circonda questa tecnologia e le sue reali capacità.

"Non c'è nessuna possibilità che qualcosa di così piccolo possa comunicare con un satellite", denuncia l'esperto di RFID dell'Università dell'Arkansas Justin Patton, quando persino sistemi costosi dotati di batterie integrate non possono essere individuati a distanze maggiori di 200 metri e senza interferenze in linea d'aria.
I Messicani abbienti si chippano, sperando inutilmente che un raid di polizia li venga subito a salvare in caso di brutte avventure, ma il vero affare lo fanno le società specializzate che vendono il prodotto. Aziende come Xega, che guadagna 2mila dollari (USA) a ogni impianto più 2mila dollari di tassa annuale e che in soli due anni ha sperimentato una crescita del business pari al 40%.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
11 Commenti alla Notizia RFID anti-sequestro, un salvagente inutile
Ordina
  • La notizia è stata attinta da qui:

    http://www.washingtonpost.com/world/americas/scare...

    Non si tratta di un RFID passivo, ma di un segnalatore
    che comunica con un dispositivo esterno dotato di GPS.
    Se il dispositivo viene perso/sottratto quelli di Xega,
    affermano, sono in grado di tracciare il cliente
    inviando segnali radio.
    Mah!
    non+autenticato
  • Caro Alfonso,
    leggo il tuo articolo e sospetto subito che ci sia qualcosa di strano: come è possibile che una azienda riesca a piazzare glasstag (€ 0,70 cad) a € 2000 e come è possibile che non si capisca che la tecnologia RFID passiva non c'entra nulla con la tecnologia satellitare (senza consultare un super esperto). Allora sono andato a vedere il sito di Xega e NON TROVO NULLA IN MERITO A TAG SOTTOPELLE.
    Xega vende dispositivi (tracker) satellitari con modulo GPRS per comunicare le coordinate ad un server.
    Prima di riportare bufale su PI, perchè non vi documentate un po'?.
    Se non capisci lo spagnolo di Xega puoi sempre usare Google Translate.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vittorio Ricci
    > Caro Alfonso,
    > leggo il tuo articolo e sospetto subito che ci
    > sia qualcosa di strano: come è possibile che una
    > azienda riesca a piazzare glasstag (€ 0,70 cad) a
    > € 2000 e come è possibile che non si capisca che
    > la tecnologia RFID passiva non c'entra nulla con
    > la tecnologia satellitare (senza consultare un
    > super esperto). Allora sono andato a vedere il
    > sito di Xega e NON TROVO NULLA IN MERITO A TAG
    > SOTTOPELLE.
    > Xega vende dispositivi (tracker) satellitari con
    > modulo GPRS per comunicare le coordinate ad un
    > server.
    > Prima di riportare bufale su PI, perchè non vi
    > documentate un
    > po'?.
    > Se non capisci lo spagnolo di Xega puoi sempre
    > usare Google
    > Translate.

    mi pare una discreta, ma giustificata secchiata di me... me.... memorabili domande. vedremo le risposte.
    non+autenticato
  • http://www.fieldtechnologies.com/can-under-the-ski.../

    credo che il sistema sia così composto:
    1- un (normale) chip RFID impiantato sotto pelle che NON ha funzionalità GPS;
    2- un tracker GPS delle dimensioni di un telefono cellulare che comunica con il chip RFID e con i server di Xega tramite GPRS.
    Nel caso in cui il tracker GPS sia sottratto al rapito, il chip RFID può essere rintracciato ad una distanza di un centinaio di metri, ad esempio se la polizia passa vicino a dove hanno nascosto la persona rapita.
    Messa così mi sembra che abbia un senso...
    non+autenticato
  • p.s. credo che difficilmente un RFID passivo riesca ad essere localizzato a più di qualche decina di metri
    p.s.2 alcuni ricercatori che hanno commentato la notizia sembrano aver frainteso il fatto che il chip impiantato sottopelle sia anche un tracker GPS, cosa non vera, oppure ho capito male...
    non+autenticato
  • - Scritto da: quasi anonimo
    > p.s. credo che difficilmente un RFID passivo
    > riesca ad essere localizzato a più di qualche
    > decina di
    > metri
    > p.s.2 alcuni ricercatori che hanno commentato la
    > notizia sembrano aver frainteso il fatto che il
    > chip impiantato sottopelle sia anche un tracker
    > GPS, cosa non vera, oppure ho capito
    > male...
    Anche a me suona molto strana la faccenda dei 100mt.. ma a parte quello, il tuo ragionamento fila. E' un semplice "hei houston abbiamo un problema" warning, prodotto quando il gsm si allontana dal rfid, non potendo + comunicare la sua situazione. Il fatto che il rfid serva poi per rintracciare "il rapito" e' chiaramente una cazzata di marketing. Il giochino serve solo a dire che il tizio ha un problema, ma IL DOVE sia finito non viene risolto da questo simpatico giocattolo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: styx
    > - Scritto da: quasi anonimo
    > > p.s. credo che difficilmente un RFID passivo
    > > riesca ad essere localizzato a più di qualche
    > > decina di
    > > metri
    > > p.s.2 alcuni ricercatori che hanno
    > commentato
    > la
    > > notizia sembrano aver frainteso il fatto che
    > il
    > > chip impiantato sottopelle sia anche un
    > tracker
    > > GPS, cosa non vera, oppure ho capito
    > > male...
    > Anche a me suona molto strana la faccenda dei
    > 100mt.. ma a parte quello, il tuo ragionamento
    > fila. E' un semplice "hei houston abbiamo un
    > problema" warning, prodotto quando il gsm si
    > allontana dal rfid, non potendo + comunicare la
    > sua situazione. Il fatto che il rfid serva poi
    > per rintracciare "il rapito" e' chiaramente una
    > cazzata di marketing. Il giochino serve solo a
    > dire che il tizio ha un problema, ma IL DOVE sia
    > finito non viene risolto da questo simpatico
    > giocattolo.
    aggiungo che una cosa del genere, PIU ECONOMICA (ma piu "dispendiosa" dal pdv dello spazio occupato e delle durata/dimensionebatterie) si poteva gia fare da tanti anni, col bluetooth.
    non+autenticato
  • continuate tutti a dire incredibili baggianate.
    un localizzatore GPS (tracker) comunica le coordinate GPS attraverso una WWAN (GPRS, UMTS)atraverso quindi una SIM installata nel tracker. Non c'è alcun bisogno di tag RFID per identificare l'aggredito, basta il numero di cellulare abbinato alla SIM. Su XEGA non si fa alcun cenno su RFID.
    Arrampicarsi sugli specchi è inutile: bufala è e bufala rimane.
    non+autenticato
  • > continuate tutti a dire incredibili baggianate.

    no comment...

    > un localizzatore GPS (tracker) comunica le
    > coordinate GPS attraverso una WWAN (GPRS,
    > UMTS)atraverso quindi una SIM installata nel
    > tracker. Non c'è alcun bisogno di tag RFID per
    > identificare l'aggredito, basta il numero di
    > cellulare abbinato alla SIM. Su XEGA non si fa
    > alcun cenno su RFID.

    il tuo discorso non fa una piega, e se leggi il mio commento di prima anch'io ho detto questo, però, manca un tassello:
    questo sistema è un deterrente (o solo una genialata del marketing?) contro i rapimenti, per cui ti chiedo: come fa il tracker GPS a sapere che è in mano alla persona giusta invece di essere stato gettato dal finestrino di un'auto in corsa o lasciato sul sedile di un treno? una possibile soluzione è una comunicazione con il chip RFID sottopelle del soggetto con l'impianto e il tracker GPS.

    > Arrampicarsi sugli specchi è inutile: bufala è e bufala
    > rimane.

    forse sei stato un po' frettoloso leggendo l'articolo e i commenti, capita...
    non+autenticato
  • l'ignoranza/supersizione non va combattuta ma sfruttata: che si parli di RFID o promesse di vita etarna, il trucco e' lo stesso e le gerarchie ecclesiastiche di ogni latitudine e confessione lo sanno bene, eh eh eh
    non+autenticato