Claudio Tamburrino

Match.com, caso chiuso con un accordo

Dopo aver ottenuto lo screening dei profili con il database dei predatori sessuali, raggiunge un accordo per chiudere definitivamente il caso

Roma - Carole Markin, la donna che aveva denunciato il sito di incontri Match.com per responsabilità oggettiva per la violenza subita da parte di un uomo conosciuto online attraverso di esso, ha raggiunto un accordo con il sito rinunciando alle sue accuse.

Match.com era stata denunciata dall'utente per presunte responsabilità dal momento che l'uomo le ha fatto violenza lo aveva conosciuto attraverso le sue pagine, scoprendo successivamente che aveva precedenti per reati penali.

La donna attraverso l'azione legale contro Match.com ha chiesto e ottenuto lo screening su tutti gli iscritti al sito per scovare i potenziali predatori: come richiesto, il sito ha accettato di procedere al confronto tra le carte di credito degli utenti e il database che negli Stati Uniti registra i casi di violenze sessuali.
"Se riesco a salvare una donna dall'essere attaccata, allora sarò felice", ha detto Markin. A dimostrazione delle sue intenzioni meritorie, una volta ottenuto quello che voleva da Match.com, cioè il controllo incrociato, ha accettato di sottoscrivere un accordo extra-giudiziale in base al quale rinuncia a qualsiasi nuova denuncia, accetta di pagarsi le sue spese legali e non chiede a Match.com alcuna ammissione di colpa.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàMatch.com, se la violenza è colpa del sitoUna utente di Match.com denuncia la piattaforma per aver subito un abuso sessuale da un uomo conosciuto online. Si chiede un controllo incrociato con le liste dei predatori sessuali. E il sito acconsente
  • AttualitàMatch.com, la rivolta dei cercatori d'animeUna class action ha investito il popolare sito di dating statunitense. Il 60 per cento dei suoi profili sarebbe o inattivo o gestito da scammer. La piattaforma non farebbe nulla per eliminarli, anzi li sfrutterebbe per le statistiche
2 Commenti alla Notizia Match.com, caso chiuso con un accordo
Ordina
  • negli stati uniti si finisce su quel registro anche per delle cavolate... ho letto che perfino dei bambini di 5 anni sono finiti sulla lista per aver fatto cose come abbracciare una maestra o alzare la gonna di una coetanea. sarei curioso di sapere qual'è la percentuale dei reali predatori sessuali a cui si andrà a rompere le uova nel paniere con questa decisione, e quanti invece sono i poveracci che dovranno subire l'ennesima onta...
    non+autenticato
  • - Scritto da: estraneo
    > negli stati uniti si finisce su quel registro
    > anche per delle cavolate... ho letto che perfino
    > dei bambini di 5 anni sono finiti sulla lista per
    > aver fatto cose come abbracciare una maestra o
    > alzare la gonna di una coetanea

    "Ho letto" non significa nulla. Hai letto DOVE e quale credibilità ha la fonte? Sinceramente non mi sembra proprio credibile in alcun modo che quella lista comprenda bambini di 5 anni.
    non+autenticato