Linux entra nelle scuole del Kosovo

Portare un pezzetto d'informatica in una regione disastrata. Questo l'obiettivo di un laboratorio che SuSE Linux Italia ha contribuito a mettere in piedi. Dentro c'è un Pinguino con alcuni amici suoi

Roma - Si è concluso un progetto pilota avviato da SuSE Linux Italia insieme a Ingegneria Senza Frontiere (ISF) per l'allestimento e la gestione di un laboratorio informatico per l'Istituto Tecnico Anton Cetta di Skenderaj in Kosovo.

ISF patrocina, con l'aiuto di alcune grandi aziende, istituti scolastici di ogni ordine e grado con l'obiettivo di colmare il divario culturale nell'ambito informatico tra i paesi industrializzati e quelli definiti in via di sviluppo. Attraverso il nuovo progetto, che si colloca all'interno di un'iniziativa internazionale promossa da SuSE nel settore della scuola, le due partner, con la collaborazione di PlanetNoProfit e di Gruppo Sprofondo, contano di offrire agli studenti del Kosovo "la possibilità di apprendere con facilità l'utilizzo delle maggiori tecnologie informatiche" utilizzando come piattaforma standard la distribuzione Linux di SuSE.

"Gli eventi storici del decennio scorso - si legge in un comunicato congiunto di SuSE Linux Italia e ISF - hanno lasciato nel Kosovo profonde ferite, nonché un'allarmante situazione di sottosviluppo industriale. La rinascita di questa nazione, poco più grande dell'Umbria ma con una popolazione che si attesta intorno ai due milioni di abitanti, valutata tra le più giovani del mondo (la media è di 20 anni), passa anche attraverso una cultura dell'innovazione che attualmente non è acquistabile".
Il laboratorio, costruito anche grazie all'interessamento di Trenitalia, che ha offerto 12 postazioni informatizzate, si avvale di un gruppo elettrogeno in grado di alimentare i computer anche in caso di discontinuità nella fornitura dell'alimentazione elettrica.

"Nel contesto internazionale di attività legate al volontariato - ha spiegato SuSE Italia - la scelta di un sistema Open Source dimostra la propria validità: la compatibilità estesa verso piattaforme hardware anche non eccessivamente perforanti e la disponibilità di una licenza aperta ad installazioni multiple rendono Linux la scelta unica ed irrinunciabile in realtà disagiate".

SuSE sostiene che il progetto Kosovo, non unico nel suo genere, evolverà nei prossimi mesi con altre numerose iniziative. Il distributore tedesco ha offerto la propria disponibilità nel continuare la collaborazione sul fronte umanitario con la promessa di coinvolgere il più possibile la propria rete di partner tecnologici e strategici.
36 Commenti alla Notizia Linux entra nelle scuole del Kosovo
Ordina
  • Sono uno dei tecnici che è andato ad installare la Suse in Kosovo.
    Riguardo alla bassa discussione su "dare ai poveri il sistema più povero" (che tristezza), un link per dimostrare la potenza:
    www.repubblica.it/online/scienza_e_tecnologia/sinbad/sinbad/sinbad.html
    Ecco il perché in brevissimo di Linux in Kosovo:
    -Economicità e praticità
    -Costi delle licenze proprietarie elevati per ISF ma anche per i futuri upgrade nelle scuole kosovare
    -Non legare il laboratorio ad una tecnologia proprietaria e non ?libera?
    -Possibilità di ?navigare? il codice per impararlo e/o migliorarlo
    -Accesso ad una comunità internazionale di utenti disposta all?aiuto nella risoluzione di problemi
    -Possibilità di sperimentazioni sulla rete
    -Caratteristiche di stabilità/sicurezza
    non+autenticato
  • ... ditemi se questa non è una forma di discriminazione... che cacchio se ne faranno di una debian?

    ...beh come dire... ai più poveri, il più povero sistema operativo del mondo...

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ... ditemi se questa non è una forma di
    > discriminazione... che cacchio se ne faranno
    > di una debian?
    >
    > ...beh come dire... ai più poveri, il più
    > povero sistema operativo del mondo...
    >

    ...beh come dire...ai piu ricchi, il più costoso sistema operativo del mondo

    Ma ti rendi conto delle cose che dici?il più povero sistema operativo?Ma lo hai visto almeno?Anzi,lo hai provato?ma non solo per usare Kazaa Venomzz Sciptzz ecc..

    Linux non ha bisogno di pc con 48484 gb di ram e 1457825mhz di processore..
    Quindi possono installarlo su pc donati da qualcuno(come Trenitalia ad esempio) che non saranno nuovissimi..
    La i soldi servono per altro...non per ingozzare ancora di più Magic Bill,come lo chiama il nano..
  • - Scritto da: zuglio

    > Linux non ha bisogno di pc con 48484 gb di
    > ram e 1457825mhz di processore..
    > Quindi possono installarlo su pc donati da
    > qualcuno(come Trenitalia ad esempio) che non
    > saranno nuovissimi..
    > La i soldi servono per altro...non per
    > ingozzare ancora di più Magic Bill,come lo
    > chiama il nano..

    Anche la mia azienda li ha donati. C'e' andato anche il mio client con cui ho lavorato per 4 anni, un Olivetti P90 con 64M di ram un lettore CD 8x e 2 HD da 860MB.
    E poi anche tutti gli altri della sede che la mia azienda ha chiuso a Verona. Quasi tutti Olivetti P100, 133, 150, 166Mhz.
    Sono andati tutti nell'est Europa e in particolare in Kosovo.

    Io li volevo prendere tutti per mandarli in Ghana il paese della mia fidanzata e farle fare la stessa cosa con associazioni no-profit locali. Comunque non importa, sono contento che non sono stati mandati al riciclo e possono servire per aiutare paesi poveri. Linux e' il massimo anche per questo, per la possibilita' che da a intere nazioni di elevare il loro livello culturale e non continuare solo a "sognare" uno sviluppo tecnologico nell'era dell'informazione, e senza dare un cents a Bill Gates.
    E poi con i sistemi Internet satellitari bidirezionali si riesce a dare una simil-adsl a 400mbit/s e oltre ad un'intera regione povera dell'est Europa senza bisogno di cablaggi e ISP. Non so se funzionano anche sui paesi africani perche' la collimazione da regioni come Ghana, Nigeria, Costa d'Avorio sarebbe con un angolo troppo ampio e mi sa che i paesi occidentali su quelle nazioni non hanno previsto nessuna copertura, come al solito... Internet e Pay-TV solo per chi ha i soldi per poterseli permettere. Eppure una piccola coalizione di paesi africani puo' permettersi (mettendo un tanto ciascuno) un satellite questo tipo di connessioni e un "passaggio" su un lancio Arianne.

    --
    Ciao.
    Mr. Mechano
    mechano@punto-informatico.it

  • > Io li volevo prendere tutti per mandarli in
    > Ghana il paese della mia fidanzata e farle
    > fare la stessa cosa con associazioni
    > no-profit locali. Comunque non importa, sono
    > contento che non sono stati mandati al
    > riciclo e possono servire per aiutare paesi
    > poveri.

    cosa bisogna fare per mandare il vecchio pc neo paesi poveri? c''e qualche associazione che si occupa specificamente di questo?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > cosa bisogna fare per mandare il vecchio pc
    > neo paesi poveri? c''e qualche associazione
    > che si occupa specificamente di questo?

    Non so cosa dirti, la mia fidanzata organizza spesso dei container che spedisce al suo paese con derrate alimentari ed altro, e c'era posto per queste macchine quindi ci organizzavamo da soli.
    Per quanto riguarda l'articolo di P.I. mi pare che faccia il nome di un'associazione.
    Prova a trovarli e contattarli...
    --
    Ciao.
    Mr. Mechano
  • Certo, io sono uno dei tecnici che è andato ad installare la Suse in Kosovo, e siamo sempre alla ricerca di pc obsoleti!!!
    L'associazione è Ingegneria Senza Frontiere, ha sedi in molte parti d'Italia: Roma, Torino, Trento, Genova... Scegli la sede più vicina a te, contattala (trovi in sito velocemente con google, non sto qui a darti tutti gli indirizzi), sarai molto utile!!
    Riguardo alla bassa discussione su "dare ai poveri il sistema più povero" (che tristezza), un link per dimostrare la potenza:
    http://www.repubblica.it/online/scienza_e_tecnolog...
    Ecco il perché in brevissimo di Linux in Kosovo:
    -Economicità e praticità
    -Costi delle licenze proprietarie elevati per ISF ma anche per i futuri upgrade nelle scuole kosovare
    -Non legare il laboratorio ad una tecnologia proprietaria e non ?libera?
    -Possibilità di ?navigare? il codice per impararlo e/o migliorarlo
    -Accesso ad una comunità internazionale di utenti disposta all?aiuto nella risoluzione di problemi
    -Possibilità di sperimentazioni sulla rete
    -Caratteristiche di stabilità/sicurezza
    non+autenticato

  • - Scritto da: zuglio
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > Linux non ha bisogno di pc con 48484 gb di
    > ram e 1457825mhz di processore..

    cheeee??? il linuzzo si accontenta di 64 MB solo per l'interfaccia a caratteri... se è per questo preferisco ritornare al buon vecchio dos 6.22, che tra l'altro si accontentava di 720 kb...

    il server grafico del pinguinaccio è un sanguisuga di risorse... antro che explorer...

    non+autenticato
  • > cheeee??? il linuzzo si accontenta di 64 MB
    > solo per l'interfaccia a caratteri...
    Questa la prendo come un'esagerazione ironica

    > se è per questo preferisco ritornare al buon
    > vecchio dos 6.22, che tra l'altro si
    > accontentava di 720 kb...
    Vorrai mica paragonare le shell di Linux alla CLI di dos, spero

    > il server grafico del pinguinaccio è un
    > sanguisuga di risorse... antro che
    > explorer...
    Che l'architettura client/server non sia l'ideale in un desktop non ci piove. Ma se provi a usare WM piu' leggeri, tipo FVWM, 64Mb sono piu' che sufficienti per la maggior parte dei lavori quotidiano
  • ...ecco perchè la debian è gratis
    non+autenticato
  • il solito dipendente M$ che rosica anche su queste cose ...
    veramente un atteggiamento degno di bill

    - Scritto da: Anonimo
    > ...ecco perchè la debian è gratis
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > il solito dipendente M$ che rosica anche su
    > queste cose ...
    > veramente un atteggiamento degno di bill
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > ...ecco perchè la debian è gratis

    Ma, sai, per loro - poverini - la qualità si misura unicamente
    attraverso la facilità d'uso dell'interfaccia grafica e gli automatismi.
    Saluti

    Prospero
    non+autenticato
  • perché non informatizzare pure l'Italia proponendo un sistema economico sia desktop che laptop con Suse preinstallato?
  • perche qua ci sta una forte resistenza da parte delle lobby microzozze
    non+autenticato

  • - Scritto da: kensan
    > perché non informatizzare pure l'Italia
    > proponendo un sistema economico sia desktop
    > che laptop con Suse preinstallato?

    No dai meglio Mandrake.. suse nn si può definire una distribuzione free
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: kensan
    > > perché non informatizzare pure l'Italia
    > > proponendo un sistema economico sia
    > desktop
    > > che laptop con Suse preinstallato?
    >
    > No dai meglio Mandrake.. suse nn si può
    > definire una distribuzione free

    Infatti quelli mica stanno la a fare le crocerossine, sfruttano i fissati con l'obiettivo ideologico/politico di debellare Microsoft per prenderne il posto. Altro che libertà o software libero
    non+autenticato
  • Sono un utente SuSE e ti dico da subito che uso la 8.2 professional e ho rpvoato la tua mdk 9 e non c'e' paragone di qualita' della distribuzione, suse e' molto superiore ... seconda cosa al centro di assistenza suse mi hanno detto che i CD sono tranquillamente copiabili a ridistribuibili a piacimento oltre al fatto che i sorgenti di yast ci sono tutti e sono disponibili anche sul sito ftp della suse ... quindi perche' non la smettiamo con sta leggenda che la SuSE e' closed ? io mi son gia' rotto di sentire fratelli linuxiani gettare merda sulla migliore distribuzione desktop in assoluto attualmente presente.
    non+autenticato
  • La migliore secondo me è Mandrake, se la Suse un giorno avrà un tool tipo urpmi, allora ne potremo riparlare.
    P.S. Mi posti per cortesia il link ai sorgenti di Yast?
    non+autenticato
  • Si certo la mandrake quando attacchi un disco usb ti fa comparire al volo l' icona pronta a essere cliccata sul desktop ? no ...
    se attacchi una macchina fotografica ti fa comparire l' icona sul desktop all' istante pronta a essere cliccata ? no ...
    se attacchi uno scanner te lo configura da sola facendoti comparire l' icona pronta all' uso ?
    stessa cosa per stampanti schete tv etc etc ... a me non sembra che mdk 9 lo facesse sul mio hardware .. nemmeno se metti un nuovo harddisk ide ti propone il partizionamento e la configurazione del punto di mount...
    poi il kde di suse non e' cosi' "cipollato" come quello di mdk con menu super mega stra annidati che ci metti 3 ore a trovare le cose...
    trovi tutto su: ftp://ftp.suse.com/pub/suse/i386/8.2/suse/src vedi tanti bei pakketti yast2-*.src.rpm .. tutti i moduli yast in sorgente
    non+autenticato
  • Ho comprato da un paio di giorni il box di Mandrake 9.1 per 74 euro in negozio. Ho fatto l'upgrade della 9.0 che avevo installato da iso scaricate da internet. L'upgrade è filato via liscio e senza il minimo intervento da parte mia.
    Inoltre ti confermo che:

    A)
    Mandrake ti piazza le icone sullo schermo quando trova schede TV, dischi, dispositivi USB (un lettore di smart card e compact flash ad esempio) e videocamere/webcam.

    B)
    scanner scsi : non mi appare l'icona dello scanner ma ci sarà anche un motivo (che me ne faccio?) Mi basta che mi crei il device e che installi SANE e quant'altro per fare acquisizione. E questo lo fa.

    C)
    Non è mia intenzione fare una guerra delle distribuzioni, secondo me è linux che è diventato maturo per il desktop. La scelta della distro poi ognuno la fa con criteri suoi.
    Io per esempio ho scelto mandrake perchè :

    A)
    La società fa un ottimo prodotto, semplice da usare e completo.

    B)
    Mandrake finora non ha fatto parti stronxe tipo RedHat che si avvia a diventare la M$ delle distro linux (ad esempio quando redhat chiede ai siti e alle riviste di non usare più il suo nome e il suo logo) oppure come SUSE che ti fa scaricare solo il livecd, come dire si guarda ma non si tocca.

    C)
    La mandrake è stata in cattive acque e ho sentito l'esigenza di dare il mio piccolo contributo economico.

    Saluti Fan Linux


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Non è mia intenzione fare una guerra delle
    > distribuzioni, secondo me è linux che è
    > diventato maturo per il desktop.

    linux non e' maturo per il desktop. non ancora.
    forse per certi desktop si', ma non per tutti i desktop e per tutte le utenze. Il problema ahime' e' questo.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ftp della suse ... quindi perche' non la
    > smettiamo con sta leggenda che la SuSE e'
    > closed ? io mi son gia' rotto di sentire

    il fatto che i sorgenti siano disponibili non significa che sia totalmente libera. la licenza di yast non e' accettata dalla FSF e, se non sbaglio, nemmeno dalla OSI.
    Sul sito del progetto GNU si legge infatti:

    "The YaST License
        This is not a free software license. The license prohibits distribution for a fee, and that makes it impossible for the software to be included in the many CD-ROM free software collections that are sold by companies and by organizations such as the FSF.

    There may be another problem in section 2a, but a word seems to be missing there, so it is hard to be sure what meaning is really intended"

    non+autenticato
  • Allora perche' se telefoni al centri di assistenza suse al numero 059/536973 (non censuratemi e' un unmero pubblico presente anche sull' elenco telefonico) ti dicono che i cd li puoi copiare e darli a chi ti pare ?
    non+autenticato