Mauro Vecchio

Flickr, barriere per la privacy geografica

Annunciato Geofence, che darà agli utenti della piattaforma la possibilità di tracciare delle aree geografiche intorno alle proprie cartelle fotografiche. Per includere solo determinati iscritti

Roma - Maggiori tutele per la privacy di milioni di utenti legati alla nota piattaforma di photo sharing Flickr. Novità annunciate sul blog ufficiale del sito controllato da Yahoo!, che permetterà a tutti i suoi iscritti di tracciare delle specifiche aree geografiche per limitare l'accesso a profili non desiderati.

Gli utenti di Flickr potranno in sostanza tracciare delle barriere geografiche - la nuova feature si chiama appunto Geofence - in modo da includere (escludere) determinati iscritti nella specifica area di condivisione.

Ad esempio, si potrà tracciare un grande cerchio intorno alla propria casa o scuola, in modo da far vedere una cartella fotografica solo a persone selezionate. Come i propri familiari, i colleghi o gli amici del liceo.
"In questo modo avrai la certezza che l'indirizzo delle foto scattate in casa tua o in qualsiasi altro luogo appartenente a una sfera privata sarà visibile solo alle persone di tua fiducia - si legge sul blog di Flickr - mentre il luogo esatto in cui hai gustato quelle favolose patatine fritte sarà visibile a chiunque".

Novità certo succulente per gli utenti della piattaforma di photo sharing, spesso criticata a causa di una scarsa propensione all'innovazione. Stando ai numeri offerti dalla stessa Flickr, sarebbero attualmente 300 milioni le foto - ma anche i video - geolocalizzate.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàFlickr, censura per la creatività?Una serie di fotografie trafugate in Egitto è stata rimossa dalla piattaforma di sharing. Ad un blogger locale è stato sottolineato come si trattasse di contenuti non originali, in violazione delle linee guida del sito
  • AttualitàGoogle Plus, tra privacy e voglia d'identitàAnnunciate nuove feature per la piattaforma social di BigG. Un'opzione ignora permetterà di oscurare determinati utenti. Mentre il presidente Eric Schmidt parla di un servizio nato per raccogliere vere identità
  • AttualitàPrivacy, la Germania schiaffeggia le facce in bluUltimatum ai vertici di Facebook: il riconoscimento facciale dei volti dovrà essere disabilitato. Il rastrellamento dei dati biometrici potrebbe rappresentare un pericoloso abuso. Il sito rischia multe fino a 300mila euro