ADSL, chieste modifiche nell'offerta

L'Autorità rinvia ancora una decisione finale perché è "in trattativa" con l'ex monopolista affinché cambi sia l'offerta commerciale ai provider che quella agli utenti finali. 329esima puntata

ADSL, chieste modifiche nell'offertaNapoli - La nuova puntata della soap opera che tiene mezza Italia col fiato sospeso ha visto ieri ancora una volta protagonista l'Autorità per le TLC. Pare infatti che l'organismo di controllo abbia chiesto a Telecom Italia di lavorare meglio e di più sull'offerta commerciale ADSL, sia quella che fornisce ai provider che quella offerta agli utenti finali tramite TIN.it. Stando a Silvio Traversa, commissario dell'Autorità che si occupa specificamente del problema ADSL "valutando le condizioni tecniche abbiamo prospettato a Telecom Italia altre e diverse soluzioni, in alternativa o in aggiunta a quelle proposte dall'ex monopolista".

Il tutto, hanno spiegato gli uomini dell'Autorità, si traduce in un ulteriore rinvio di ogni decisione finale rispetto all'offerta stessa originariamente prevista per il 14 febbraio. Come si ricorderà l'Authority aveva chiesto a Telecom di attendere una valutazione definitiva prima di partire, ma l'ex monopolista, oltre a lanciare l'offerta ai provider ha, pare, già sottoscritto numerosi contratti presso l'utenza finale.

Sebbene in una soap di questo genere sia incauto dire qualsiasi cosa che abbia il sapore della certezza, è probabile che i contratti di fornitura ADSL dovranno essere rivisti "in corso d'opera". Voci non confermate sostengono inoltre che Ridge, presto, dovrà sposarsi.
TAG: adsl