Alfonso Maruccia

La rivincita del WAP

Openwave contro Apple e RIM per presunta violazione di brevetto: le nostre IP sono le fondamenta della moderna connettività dei dispositivi mobile, sostiene

Roma - Scampoli di WAP tornano dal passato e provano ad azzannare le società che oggi fanno business con gli smartphone e la connettività mobile: Openwave, società di software che ha contribuito alla fondazione del vetusto standard di connessione cellulare Wireless Application Protocol, ha trascinato Apple e RIM in tribunale accusandole di violazione di proprietà intellettuale davanti alla Commissione per il Commercio Internazionale (ITC) statunitense.

Openwave sostiene che iPhone, iPad, iPod, Blackberry e compagnia violano i suoi brevetti sulle modalità di comunicazione tra pagine web e applicazioni con un server, condivisione di dati fra diversi dispositivi, accesso agli aggiornamenti delle applicazioni, accesso alle email in zone senza campo e via elencando.

La causa contro Apple e RIM cade nella strategia adottata da Openwave già da un paio d'anni a questa parte, vale a dire quella di sfruttare il portfolio di brevetti sulle comunicazioni wireless per strappare con la forza accordi di licenza con le aziende di maggior successo del settore.
"Nel mondo ci sono persone che vendono prodotti basati sulle nostre tecnologie brevettate" dice il CEO di Openwave Ken Denman, quindi è giusto che le aziende responsabili paghino per sfruttare invenzioni che sarebbero "alla base della Internet mobile".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
17 Commenti alla Notizia La rivincita del WAP
Ordina
  • Inutile, l'ho sempre detto.
    Come sono inutili questi individui che chiedono soldi.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Inutile, l'ho sempre detto.
    > Come sono inutili questi individui che chiedono
    > soldi.

    Attenzione!
    Sono penetrati nell'account di ruppolo.
    Questo non e' uno dei soliti imitatori, questo sta usando l'account del vero ruppolo, ma ha scritto qualcosa che il vero ruppolo non si sognerebbe mai di dire neppure sotto tortura: che la gente che chiede soldi e' gente inutile!

    Inviterei gli admin del sito di verificare l'ip di chi ha scritto il messaggio precedente, perche' se e' il solito ip di ruppolo, allora gli sono proprio entrati in casa (e fin qui...) ma la cosa peggiore e' che avranno preso a ditate il suo adorato ipad senza prima lavarsi le mani!
  • - Scritto da: pinco pallino
    > deve essere un brevetto magico!

    Più che altro mi pare un miracolo! Magari avranno scritto male il testo originale (spero...)
  • il cell riceve un email (logicamente in una zona con campo), successivamente mi sposto in una zona senza campo, ed in quel momento io utente mi accorgo che ho ricevuto la mail, a quel punto posso gestire la mail (con gestire intendo, cancellarla, rispondere o semplicemente marcarla come letta) senza che ci sia campo ... quando riprenderò il campo (e la connessione dati) le operazioni che ho fatto diventeranno effettive
    è qualcosa che fanno tutti i client di mail per smartphones, tablet e anche pc eccetera di questo mondo dall'invenzione del pop3, senza annunci eclatanti
    ma come al solito se il disposivo ha una mela sopra ... allora it's magic, e solo per questo vale il mezzo stipendio speso per comprarlo!
    non+autenticato
  • - Scritto da: hp sucks
    > il cell riceve un email (logicamente in una zona
    > con campo), successivamente mi sposto in una zona
    > senza campo, ed in quel momento io utente mi
    > accorgo che ho ricevuto la mail, a quel punto
    > posso gestire la mail (con gestire intendo,
    > cancellarla, rispondere o semplicemente marcarla
    > come letta) senza che ci sia campo ... quando
    > riprenderò il campo (e la connessione dati) le
    > operazioni che ho fatto diventeranno
    > effettive
    > è qualcosa che fanno tutti i client di mail per
    > smartphones, tablet e anche pc eccetera di questo
    > mondo dall'invenzione del pop3, senza annunci
    > eclatanti
    > ma come al solito se il disposivo ha una mela
    > sopra ... allora it's magic, e solo per questo
    > vale il mezzo stipendio speso per
    > comprarlo!

    Una trollata degna di nota... all'inizio sembrava pure una cosa intelligente...la inserisco tra le migliori 10 trollate della storia
    non+autenticato
  • Ehm... a dire il vero è così...
    non+autenticato
  • Mi sorge un dubbio a proposito di queste continue violazioni di brevetti. Se io creo un programma, come fanno a dire che ho violato dei brevetti anche se ho fatto tutto da 0 con codice scritto esclusivamente da me? Non basterebbe mostrare la porzione di codice incriminata?
  • - Scritto da: Metal_neo
    > Mi sorge un dubbio a proposito di queste continue
    > violazioni di brevetti. Se io creo un programma,
    > come fanno a dire che ho violato dei brevetti
    > anche se ho fatto tutto da 0 con codice scritto
    > esclusivamente da me? Non basterebbe mostrare la
    > porzione di codice
    > incriminata?

    Loro sono grossi, hanno tanti soldi e tanti avvocati.
    Quindi cominciano a denunciarti per violazione di brevetto.

    A quel punto sono tutti cavoli tuoi, che sai di non aver violato nessun brevetto, ma che sai anche che il giudice che dovra' stabilire se hai violato qualcosa ne sa di informatica tanto quanto ruppolo.

    Ecco come fanno.
  • Ehm...

    la proprietà intellettuale di un software è sacrosanta e viene tutelata dalle leggi di tutto il mondo (Italia in primis).
    Esempio emblematico di tutela della proprietà privata sono le licenze opensource

    Il brevetto sul software è una cosa completamente differente.
    Un'azienda brevetta il sistema di pagamento ad un clic, quindi le altre aziende devono accontentarsi di aggiungere dopo il primo clic una finestra che dice: "NON HAI ANCORA COMPRATO QUELLO CHE VUOI, sei sicuro di volerlo comprare?"

    Se da un lato questo incentiva, per forza di cose, una continua evoluzione nel modo di approcciare e risolvere i problemi software piu disparati, mi viene ad esempio in mente (probabilmente dirò inesattezze) che apple per evitare cause con mezzo mondo della telefonia dovette trovare un altro modo di iteragire con un terminale portatile, cito l'uso di sensori per rilevare la posizione orizzontale / verticale del telefono... dall'altra parte questo brevettare la minima caratteristica dei software porta a situazioni di stallo al limite del surreale...

    beh... diciamo che tutti i brevetti, in generale, portano a situazioni surreali... come quelli che hanno brevettato la ruota.

    diciamo che i brevetti sarebbero piu accettabili se avessero durata inferiore, esempio 5 anni...
    Ma si sa... quel che fa bene a tutti fa male al portafogli di pochi..
    non+autenticato
  • - Scritto da: Angel82
    > Ehm...
    >
    > la proprietà intellettuale di un software è
    > sacrosanta e viene tutelata dalle leggi di tutto
    > il mondo (Italia in
    > primis).
    > Esempio emblematico di tutela della proprietà
    > privata sono le licenze
    > opensource
    >
    > Il brevetto sul software è una cosa completamente
    > differente.
    > Un'azienda brevetta il sistema di pagamento ad un
    > clic, quindi le altre aziende devono
    (...)tutto giusto

    > diciamo che i brevetti sarebbero piu accettabili
    > se avessero durata inferiore, esempio 5 anni...
    anche, al limite. MA SOPRATUTTO i ritardati dell'USPTO dovrebbero _evitare_ di accettare le cacatine. Tipo l'one-click, gli angoli arrotondati, tutti quei brevetti ultragenerici specie se senza prove concrete (stile 'sistema per visualizzare comodamente le immagini' o 'sistema per il teletrasporto'), ecc.

    >
    > Ma si sa... quel che fa bene a tutti fa male al
    > portafogli di
    > pochi..
    rightCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • Ma per quanto riguarda progetti opensource di grosso calibro (Linux, Gimp, Libreoffice ecc) come fanno? Controllano riga per riga che non ci siano contrasti con codice brevettato? A parte SCOvsLinux non mi pare che ci siano continui attacchi a suon di brevetti verso questi progetti. Ogni tanto vedo qualche timida denuncia controversa verso il kernel di linux per esempio, ma niente di ecclatante come lo spettaccolo messo su da Apple, M$ & co.
  • - Scritto da: Metal_neo
    > Ma per quanto riguarda progetti opensource di
    > grosso calibro (Linux, Gimp, Libreoffice ecc)
    > come fanno? Controllano riga per riga che non ci
    > siano contrasti con codice brevettato?

    No. Chi scrive codice se ne frega bellamente.
    Semmai e' chi detiene il brevetto che spulcia e analizza e poi tira fuori il brevetto.
    Ma in tal caso, siccome non ci sono soldi da estorcere, non vanno mai per vie legali, e l'open source semplicemente riscrive o modifica.

    > A parte
    > SCOvsLinux non mi pare che ci siano continui
    > attacchi a suon di brevetti verso questi
    > progetti.

    Gia', perche' come ti ho detto non ci sono soldi che girano.
    Gli attacchi per mezzo di brevetto sono puramente a scopo di estorsione.
  • Il fatto è che è molto difficile, ma di solito non si brevetta il risultato, ma il procedimento per ottenerlo, che può essere totalmente diverso da quello già in uso, perché più efficiente o più comodo per altri motivi... può essere, magari, che, inavvertitamente, tu scriva la stessa riga di codice usata da qualcun'altro, messa in un brevetto come procedimento per arrivare al risultato che lo scopo o l'operazione che esegue il programma
    non+autenticato
  • no percHé posso denunciarti per violazione di brevetto anche se te scrivi un pezzo di codice DIVERSO ma che fa una funzione brevettata, ricorda che i brevetti sono generici

    ad esempio un ragazzo pubblicò una ricerca su come fare pattern matching usando gli hash parziali per riconoscere brani musicali, ovviamente SENZA reversare la famosa app per iphone, fu subito denunciato per violazione di brevetto perché il metodo era stato brevettato
    più o meno qualcosa tipo "un sistema che permette di identificare un brano musicale da un codice univoco", che può essere qualsiasi cosa

    il bello dei brevetti generici concessi negli usaSorride
    non+autenticato
  • Ah ecco, adesso è tutto decisamente più chiaro. Pensavo che i brevetti generici fossero una possibile minaccia ma se sono già in uso allora cambia tutto il discorso.