Mauro Vecchio

Asta frequenze, 2 miliardi per gli 800 Mhz

Sfondato il tetto dei 2,9 miliardi di euro. Interessati tutti e 6 i lotti relativi alle frequenze più succulente nelle reti radiomobili di nuova generazione. Da spartire tra H3G, Telecom Italia, Vodafone e Wind

Roma - Un'altra giornata di forti rilanci, che ha portato a poco più di 2,9 miliardi di euro il valore totale dell'asta per le frequenze dedicate alla rete radiomobile di nuova generazione. Circa 630 milioni di euro in più rispetto alle offerte iniziali da parte dei vari operatori di telecomunicazione, che hanno così messo sul piatto 2 miliardi complessivi per le sole frequenze a 800 Mhz.

Interessati tutti e 6 i lotti disponibili per quelle che sono le frequenze più ambite, da spartire tra H3G, Telecom Italia, Wind e Vodafone. Per legge, il 10 per cento della somma superiore al tetto previsto dei 2,4 miliardi di euro dovrà essere investito sullo sviluppo della banda larga. Alla quarta giornata d'asta hanno preso parte tutte le società partecipanti, con offerte su 20 porzioni di banda su un totale di 24 blocchi. (M.V.)
Notizie collegate
  • AttualitàAsta frequenze, comanda Telecom ItaliaSfondato il tetto dei 2,5 miliardi di euro previsto dalla legge di stabilità. Si punta ora più in alto. Al momento tutti i contendenti si aggiudicherebbero un blocco a 800MHz
  • AttualitàAgcom: LTE, le frequenze ci sonoA sottolinearlo è il presidente Corrado Calabrò: il Ministero avrebbe mostrato una tendenza alla disponibilità. Le frequenze verranno liberate. Lo conferma anche il ministro Romani
9 Commenti alla Notizia Asta frequenze, 2 miliardi per gli 800 Mhz
Ordina
  • certo che se li spendevano per l adsl quei 2 miliardi ora andavamo a razzo come la corea...ma si sa...preferiscono spendere per il sedere sculettante di belen che per gli utenti...telecom roba da terzo mondo...monopolista era e monopolista e' restato...in italia tutto e' permesso..l'europa? ma quale europa...c e' solo per quello che gli pare a loro..per le pratiche monopoliste,l'iva alla fai come ti pare e i prezzi non esiste.
    non+autenticato
  • E nemmeno fritta.

    Se questo è l'esempio dei nostri governanti, si meritano una massa di evasori fiscali.
    ruppolo
    33147
  • cioè tu gliel'avresti regalata?
    non+autenticato
  • - Scritto da: culiOS
    > cioè tu gliel'avresti regalata?

    Chi credi che la paghi alla fine la concessione alle telco ? ... noi utenti, che in più paghiamo anche la tassa di concessione governativa sul contratto di fornitura del servizio.
  • - Scritto da: James Kirk
    > - Scritto da: culiOS
    > > cioè tu gliel'avresti regalata?
    >
    > Chi credi che la paghi alla fine la concessione
    > alle telco ? ... noi utenti, che in più paghiamo
    > anche la tassa di concessione governativa sul
    > contratto di fornitura del
    > servizio.

    ah, quindi basterebbe regalare le frequenze alle telco per poi avere gratis o al minimo costo i servizi... quanto sono ingenuo alle volte!
    non+autenticato
  • - Scritto da: culiOS
    > - Scritto da: James Kirk
    > > - Scritto da: culiOS
    > > > cioè tu gliel'avresti regalata?
    > >
    > > Chi credi che la paghi alla fine la
    > concessione
    > > alle telco ? ... noi utenti, che in più
    > paghiamo
    > > anche la tassa di concessione governativa sul
    > > contratto di fornitura del
    > > servizio.
    >
    > ah, quindi basterebbe regalare le frequenze alle
    > telco per poi avere gratis o al minimo costo i
    > servizi... quanto sono ingenuo alle
    > volte!

    No, basterebbe concedere le concessioni solo a chi si impegna ad offrire un servizio minimo di connessione gratuito, e poi eventualmente si facciano pagare per i servizi aggiuntivi.
  • - Scritto da: ruppolo
    > Se questo è l'esempio dei nostri governanti, si
    > meritano una massa di evasori
    > fiscali.
    Mi sfugge la logica per cui, se ci sono governanti che danno un cattivo esempio, diventi lecito violare le leggi fiscali senza pagarne le conseguenze, addossando invece ai restanti i costi.

    Perché per quanto forse dopo mazzette, magna magna e sottrazioni rimangano le briciole, quelle briciole sono l'asfalto su cui vai in auto, sono il treno che prendi, sono l'ecografica che fai. Se non ci fossero le "deviazioni", servirebbero meno tasse, certo. Ma il problema è sradicare le "deviazioni", non autoeliminarsi le tasse.

    Per cui se stai cercando una "razionalizzazione" per buttarti anche tu nella pratica dell'evasione fiscale, fai pure. Ma sii cosciente che non la stai "mettendo in quel posto" ai governanti. La stai mettendo in quel posto a quelli che continuano a crede che solo facendo ognuno la propria parte si migliora il mondo, senza scorciatoie.
    non+autenticato
  • Completamente d'accordo con te (e completamente in disaccordo con Ruppolo, tanto per cambiare).
    non+autenticato