Mauro Vecchio

Di pubbliche relazioni e donazioni al gusto Mela

Il nuovo CEO di Apple Tim Cook apre alla filantropia aziendale. Tutti quei dipendenti statunitensi che vorranno fare beneficenza vedranno raddoppiare la loro donazione fino a 10mila dollari

Roma - Una decisione alla luce del sole, forse la prima mossa strategica pensata dai vertici di Apple in antitesi all'ingombrante Jobs-pensiero. Il nuovo CEO della Mela Tim Cook ha dunque aperto alla filantropia aziendale, in una breve missiva elettronica che ha fatto rapidamente il giro del web di settore.

A partire dal prossimo 15 settembre, tutti i dipendenti statunitensi di Apple potranno versare parte del proprio reddito per per scopi benefici, con la borsa del colosso di Cupertino pronta a raddoppiare il contributo fino a 10mila dollari.

E la mossa voluta da Cook ha sorpreso per due motivi. Innanzitutto perché prende le distanze dalla filantropia esclusivamente personale dell'ex-CEO Steve Jobs, spesso anche accusato di non avere le stesse velleità umanitarie di Bill Gates e Warren Buffett. Ad intervenire in favore di Jobs era stato l'altro donatore Bonovox.
Da non sottovalutare motivazioni strettamente legate al marketing. Cook doveva per forza conoscere le rigide imposizioni legate alla segretezza di comunicazioni interne. Un messaggio di posta rivolto ai dipendenti ha ora fatto il giro del web. Materia per le public relations, per quando si parlerà degli anni dopo Steve Jobs.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • BusinessTutto cambia, tranne Appledi D. Galimberti - Chi è Tim Cook e quali sono le sfide che ha davanti. E in che modo Jobs influirà sulle scelte presenti e future della sua azienda: sempre meno produttrice di computer e sempre più altro
  • AttualitàL'ultima trovata di Steve Jobsdi L. Annunziata - Lasciare adesso, quando la situazione è tranquilla e le borse sono giù. Minimizzare l'impatto della sua partenza e magari far intendere che tutto filerà liscio. Cosa perde e cosa guadagna Apple
19 Commenti alla Notizia Di pubbliche relazioni e donazioni al gusto Mela
Ordina
  • Tutti sanno che apple non da dividendi per due motivi: primo per tenere alto il valore delle azioni che fa tanto figo, secondo perché buona parte del fatturato proviene da oltreoceano, quindi lo stacco del dividendo avrebbe un impatto fiscale enorme.

    Che il venditore di scarpe stia sentendo la pressione degli investitori e quindi spera di abbassare l'imponibile?A bocca aperta
    non+autenticato
  • Carta straccia. Il modo in cui è stravalutata questa azienda produttrice di gadget inutili la dice lunga su dove ci sta portando l'economia.

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • Sopravvalutata ? Con 46 miliardi di dollari in cassa ? Praticamente è immortale
    non+autenticato
  • - Scritto da: aphex twin
    > Con 46 miliardi di dollari in
    > cassa ?

    Appunto. Una montagna di carta straccia.

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • Se si pensa che sono andati giù interi sistemi bancari ...
    non+autenticato
  • Quoto e straquoto.
    non+autenticato
  • E' logico che la apple faccia beneficenza..tutti i soldi che incamera!!

    ma perche' invece non parliamo di tuttti quei programmatori linux che sono obbligati a fare donazioni forzate previa cancellazione del proprio progetto?

    E perche' mai una parola sulle societa' offshore che gestiscono gli affari sporchi così da triangolare i fondi che ricevono dagli utenti....

    E perche' non parliamo delle distro piu' famose tipo gentoo che qualche anno fa implose a causa complicazioni economico-legali ancora tutte da chiarire....
    non+autenticato
  • - Scritto da: c29ubyB1biB nZW5pbw
    > E' logico che la apple faccia beneficenza..tutti
    > i soldi che
    > incamera!!

    Annoiato Il tipo sopra dice che in realtà non ne fa, tu dici che è logico che la faccia, mettetevi d'accordo, per favore!


    > ma perche' invece non parliamo di tuttti quei
    > programmatori linux che sono obbligati a fare
    > donazioni forzate previa cancellazione del
    > proprio
    > progetto?

    Parliamone, mi interessa. Hai esempi concreti da portare? Vorrei conoscere almeno qualcuno di tutti questi programmatori che pagano per lavorare un progetto... seriamente, sono interessato.


    > E perche' mai una parola sulle societa' offshore
    > che gestiscono gli affari sporchi così da
    > triangolare i fondi che ricevono dagli
    > utenti....

    Interessante anche questo: degli esempi per chi, come me, non ne sa nulla?


    > E perche' non parliamo delle distro piu' famose
    > tipo gentoo che qualche anno fa implose a causa
    > complicazioni economico-legali ancora tutte da
    > chiarire....

    Parliamone: sapevo che la società non profit che gestisce la Gentoo aveva avuto un problema burocratico nel 2008. Non avevano consegnato della documentazione nei termini e gli era stato revocato lo status di non-profit. Mi risultava che tutto fosse rientrato quasi immediatamente. Volevo sapere, quando parli di implosione, a cosa ti riferisci e a quali altre distro hanno avuto "complicazioni economico-legali ancora tutte da chiarire...."
    Soprattutto volevo sapere che attinenza hanno queste storie antilinux con il tema dell'articolo...
    non+autenticato
  • > Parliamone, mi interessa. Hai esempi concreti da
    > portare? Vorrei conoscere almeno qualcuno di
    > tutti questi programmatori che pagano per
    > lavorare un progetto... seriamente, sono
    > interessato.

    http://wiki.centos.org/Donate

    > Interessante anche questo: degli esempi per chi,
    > come me, non ne sa
    > nulla?

    http://en.wikipedia.org/wiki/Mark_Shuttleworth

    bello fare opensouce macinando milioni e poi viverli esentasse sull'isola di man (paradiso fiscale)


    > Parliamone: sapevo che la società non profit che
    > gestisce la Gentoo aveva avuto un problema
    > burocratico nel 2008. Non avevano consegnato
    > della documentazione nei termini e gli era stato
    > revocato lo status di non-profit. Mi risultava
    > che tutto fosse rientrato quasi immediatamente.
    > Volevo sapere, quando parli di implosione, a cosa
    > ti riferisci e a quali altre distro hanno avuto
    > "complicazioni economico-legali ancora tutte da
    > chiarire...."

    programmatori che se na vanno perche' traditi da fondatore, una societa' tutt'altro che non profit...fai sul forum della distro...e se cerchi qualche anno fa, vedrai che le discussioni infuocate non mancavano
    non+autenticato
  • Sugli altri due non so, ma il primo link che hai messo è il modo in cui l'opensource vive...e allora?
    Vive con le donazioni di coloro che vogliono far sopravvivere il progetto, cosa c'è di male?
    Se il progetto non ha abbastanza donazioni, vuol dire che non è abbastanza buono, quindi o si migliora, o si chiude, o si paga in proprio...nulla di stranoSorride
    non+autenticato
  • Ovvero che non ha mai donato un centesimo a qualsiasi charity o altra associazione umanitaria...
    Persino i suoi appellli a donare organi ero ben mirati!
    Per fortuna che poi era Guglielmo Cancelli il cattivo, mentre Stefano Lavori è sempre stato il buono!

    Notare inoltre che se non fosse per i dipendenti, Apple non scucirebbe un centesimo di propria sponte!
    Ah, che umanità questa azienda!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: spielverder ber
    > Ovvero che non ha mai donato un centesimo a
    > qualsiasi charity o altra associazione
    > umanitaria...

    http://www.forbes.com/sites/deborahljacobs/2011/08.../

    > Persino i suoi appellli a donare organi ero ben
    > mirati!
    > Per fortuna che poi era Guglielmo Cancelli il
    > cattivo, mentre Stefano Lavori è sempre stato il
    > buono!

    http://technorati.com/technology/article/charity-s.../

    > Notare inoltre che se non fosse per i dipendenti,
    > Apple non scucirebbe un centesimo di propria
    > sponte!

    L'articolo che commentiamo dice sostanzialmente l'opposto: la dirigenza Apple fa "scucire" all'azienda la stessa somma che i suoi dipendenti, di "loro sponte" vogliono donare. Non vedo costrizioni o forzature tranne la tua.

    > Ah, che umanità questa azienda!!!

    Il secondo link che ti ho messo è un commento perfetto...
    non+autenticato
  • - Scritto da: logicamente non loggato
    > - Scritto da: spielverder ber
    > > Ovvero che non ha mai donato un centesimo a
    > > qualsiasi charity o altra associazione
    > > umanitaria...
    >
    > http://www.forbes.com/sites/deborahljacobs/2011/08
    >
    > > Persino i suoi appellli a donare organi ero
    > ben
    > > mirati!
    > > Per fortuna che poi era Guglielmo Cancelli il
    > > cattivo, mentre Stefano Lavori è sempre
    > stato
    > il
    > > buono!
    >
    > http://technorati.com/technology/article/charity-s
    >
    > > Notare inoltre che se non fosse per i
    > dipendenti,
    > > Apple non scucirebbe un centesimo di propria
    > > sponte!
    >
    > L'articolo che commentiamo dice sostanzialmente
    > l'opposto: la dirigenza Apple fa "scucire"
    > all'azienda la stessa somma che i suoi
    > dipendenti, di "loro sponte" vogliono donare. Non
    > vedo costrizioni o forzature tranne la
    > tua.
    >
    > > Ah, che umanità questa azienda!!!
    >
    > Il secondo link che ti ho messo è un commento
    > perfetto...

    Il secondo articolo che hai linkato a me sembra veramente infelice.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Deus Ex

    > > > Ah, che umanità questa azienda!!!
    > >
    > > Il secondo link che ti ho messo è un commento
    > > perfetto...
    >
    > Il secondo articolo che hai linkato a me sembra
    > veramente
    > infelice.

    Al di la della tirata anti Gates sostiene un concetto semplice quanto elementare: chi pubblicizza le proprie donazioni sta facendo marketing e non beneficienza. Chi dona in silenzio, invece, viene tacciato di avarizia da persone che nulla sanno delle sue (eventuali, ovviamente) attività benefiche. Non ci vedo nulla di troppo infelice.
  • - Scritto da: logicaMente
    > - Scritto da: Deus Ex
    >
    > > > > Ah, che umanità questa azienda!!!
    > > >
    > > > Il secondo link che ti ho messo è un
    > commento
    > > > perfetto...
    > >
    > > Il secondo articolo che hai linkato a me
    > sembra
    > > veramente
    > > infelice.
    >
    > Al di la della tirata anti Gates sostiene un
    > concetto semplice quanto elementare: chi
    > pubblicizza le proprie donazioni sta facendo
    > marketing e non beneficienza. Chi dona in
    > silenzio, invece, viene tacciato di avarizia da
    > persone che nulla sanno delle sue (eventuali,
    > ovviamente) attività benefiche. Non ci vedo nulla
    > di troppo
    > infelice.

    Bill Gates fa beneficienza per miliardi di dollari con la sua fondazione, se facendosi pubblicità riesce ad attirare ulteriori fondi dall'esterno (perchè è per questo che si fa pubblicità), non mi pare il caso di prenderlo per il culo da quell'articolo che sembra scritto da un undicenne. Si parla di beneficienza, non è un concorso di bellezza è nemmeno una guerra grassi contro magri.
    non+autenticato
  • Ma tu non hai potuto confutare con ALCUNA prova ciò che ho scritto.
    Gli articoli che hai riportato parlano di SUPPOSIZIONI e niente più.
    Vedi di produrre delle prove, poi ne riparliamo!
    non+autenticato
  • - Scritto da: spielverder ber
    > Ma tu non hai potuto confutare con ALCUNA prova
    > ciò che ho
    > scritto.

    Scusa, ma hai letto gli articoli almeno? Il punto è proprio quello: la mancata pubblicità non permette di formulare giudizi in merito...

    > Gli articoli che hai riportato parlano di
    > SUPPOSIZIONI e niente
    > più.
    > Vedi di produrre delle prove, poi ne riparliamo!

    Prove non ne ho, mi pare ovvio. D'altra parte anche le tue mi sembrano chiacchiere non supportate da alcuna fonte.

    Buona giornata.
    non+autenticato
  • Quindi, senza alcuna prova, la mia affermazione che Stefano Lavori non ha mai fatto alcuna donazione in beneficenza è ancora valida.
    Gli articoli che riporti non portano alcuna negazione delle mie affermazioni (avrei preferito che le avessero confutate, ma...).
    Il resto è solo fuffa o un patetico tentativo di arrampicarsi sugli specchi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: spielverder ber
    > Quindi, senza alcuna prova, la mia affermazione
    > che Stefano Lavori non ha mai fatto alcuna
    > donazione in beneficenza è ancora valida.

    Tanto quanto il suo opposto, in effetti.

    > Gli articoli che riporti non portano alcuna
    > negazione delle mie affermazioni (avrei preferito
    > che le avessero confutate,
    > ma...).

    Assolutamente. Non negano nulla. Riportano delle opinioni, valide quanto le mie e le tue. Opinioni.

    > Il resto è solo fuffa o un patetico tentativo di
    > arrampicarsi sugli
    > specchi.

    Tu, che fai affermazioni non provate, non hai bisogno di dimostrare nulla? Meglio per te. Resto della mia opinione. Nel dubbio meglio tacere.
    non+autenticato