Mauro Vecchio

Google Music, consigli per gli artisti

Il servizio in the cloud Music Beta lancia la feature Magnifier, che aiuterÓ gli utenti invitati a scoprire nuove proposte musicali. Mentre un'app li porterÓ tra gli ambienti mobile di iPhone e iPad

Roma - Sono passati circa quattro mesi dal primissimo lancio statunitense di Google Music, il tanto chiacchierato servizio musicale cloud-based del colosso di Mountain View. La versione beta della piattaforma in G ha ora ampliato la sua offerta con la feature Magnifier, che aiuterà gli ascoltatori a stelle e strisce nella continua scoperta di nuove proposte soniche.

"Ogni singolo giorno, la nostra squadra di esperti musicali evidenzierà nuova musica gratuita su Magnifier - si può leggere in un breve post pubblicato da BigG - A volte si tratterà di canzoni che non avete mai ascoltato, anche di artisti conosciuti. Altre volte ci saranno nuovi artisti che noi consideriamo degni d'attenzione".

Sempre secondo il post, ai consigli musicali del servizio di Mountain View verranno aggiunti filmati dal vivo e interviste video, probabilmente per fornire agli utenti una panoramica più completa su un determinato artista. Gli iscritti alla versione beta potranno quindi aggiungere liberamente i vari brani alle proprie library.
Nel frattempo, il gigante californiano ha lanciato una specifica applicazione per gli ambienti mobile di Apple, in modo da offrire Music Beta agli utenti iOS di iPhone e iPad. Un portavoce di BigG ha parlato della possibilità di sviluppare un'app nativa da sottoporre al vaglio della stessa Cupertino.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
1 Commenti alla Notizia Google Music, consigli per gli artisti
Ordina