Mauro Vecchio

Social network, padroni del nostro tempo

Gli utenti statunitensi avrebbero passato 53 miliardi di minuti su Facebook. Piattaforme social e blog occupano quasi un quarto del tempo complessivo trascorso in Rete. E il sito in blu sembra più importante delle impellenze fisiologiche

Roma - Si intitola State of the Media: The Social Media Report ed è uno studio pubblicato dalla celebre società d'analisi Nielsen. Una dettagliata panoramica sull'uso attuale delle principali piattaforme social, in particolare sulle percentuali di consumo da parte di un campione di utenti statunitensi.

Il tempo passato online dagli stessi netizen a stelle e strisce sarebbe dunque dominato da siti social e blog, a cui si possono attribuire il 22,5 per cento delle ore complessive spese navigando in Rete. Praticamente più del doppio rispetto agli online game, secondi classificati con una percentuale di tempo pari a 9,8.

A rubare la scena è ovviamente Facebook: allo scorso maggio, gli utenti statunitensi avrebbero collezionato un totale di 53 miliardi di minuti trascorsi sulla piattaforma di Mark Zuckerberg. Gli utenti più attivi appartengono alla categoria delle donne tra i 18 e i 34 anni, in particolare di etnia asiatica.
Lo studio di Nielsen ha poi snocciolato percentuali relative agli accessi da dispositivi mobile. Il 40 per cento dei social media user avrebbe infatti accesso tramite smartphone, con una vera e propria esplosione tra gli utenti al di sopra dei 55 anni. Tra i social media, Blogger e Tumblr avrebbero ottenuto più attenzioni rispetto a Twitter.

All'analisi di Nielsen si è legata quella condotta dal Museo delle Scienze di Londra, che ha chiesto a 3mila intervistati di indicare gli elementi fondamentali nella vita attuale. Facebook ha guadagnato un sorprendente quinto posto, subito dopo l'acqua corrente e la luce del Sole. E ben quattro posizioni sopra il naturale espletamento dei più comuni bisogni da toilette.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • BusinessUSA, Facebook delude i consumatoriLo studio 2011 sulla soddisfazione dei consumatori relativamente a Internet ha eletto Facebook come piattaforma più deludente. Solamente il 66 per cento delle preferenze rispetto al 78 di Wikipedia. E il fantasma di Google Plus imperversa
  • Digital LifeContrappunti/ L'era del social network unicodi M. Mantellini - Pluralità di offerta, ma tutt'altro che diversificata. E se nella stagnazione qualcuno scegliesse di andarsene altrove? Google riuscirà dove altri hanno fallito?
  • Digital LifeSmartphone al bagnoL'"utilizzo in caso di bisogno" può assumere diverse connotazioni. Uno studio di costume sul mondo mobile commissionato da Google
12 Commenti alla Notizia Social network, padroni del nostro tempo
Ordina