Alfonso Maruccia

Street View, Google concede l'opt-out

Mountain View annuncia l'introduzione della possibilitÓ, per i gestori di hot-spot WiFi pubblici, di disabilitare la raccolta di informazioni per la geolocalizzazione. L'affaire Street View ancora echeggia

Roma - Dopo aver collezionato multe, critiche e denunce in tutto il mondo per la raccolta compulsiva di dati personali attraverso il suo programma Street View, Google prova ora a ricostruire la propria reputazione annunciando la possibilità di disabilitare la raccolta di informazioni di geolocalizzazione su reti WiFi pubbliche.

I possessori di hot-spot wireless aperti potranno dunque scegliere di disabilitare volontariamente la raccolta di dati che Google usa per la geolocalizzazione in giro per il mondo, dati che vengono incrociati con le coordinate GPS e quelli delle celle dell'operatore di rete per fornire la posizione precisa degli utenti dei servizi di Mountain View.

Google spiega che "anche se i segnali dell'access point wireless usati nei nostri servizi di localizzazione non identificano le persone, noi pensiamo di poter spingerci oltre nella protezione della privacy degli utenti".
Mountain View spiega di aver approntato la nuova politica di opt-out per gli hot-spot pubblici su richiesta di "svariate autorità di protezione dei dati europee", e che "una volta fatto l'opt-out, i nostri servizi non useranno più quell'access point per identificare la posizione degli utenti".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàStreet View, riacceso l'aspiradati?Secondo CNET, le googlecar non avrebbero mai smesso di succhiare informazioni a mezzo WiFi. Sarebbero stati raccolti gli indirizzi fisici e gli ID di milioni di laptop e dispositivi mobile connessi senza filo
  • AttualitàGoogle Street, multa belgaProposto un accordo da 150mila euro: se Google non accettasse si proseguirebbe per le vie legali
  • AttualitàStreet View, via libera in IsraeleAccesso condizionato alle Googlecar: eventuali controversie dovranno essere affrontate in loco e i cittadini dovranno avere gli strumenti per chiedere l'offuscamento di contenuti specifici prima della loro pubblicazione